Il contraccettivo maschile è, quasi, realtà

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, dimostra che un contraccettivo maschile on-demand è possibile. Secondo i due autori dello studio, Jochen Buck e Lonny Levin, professori di farmacologia presso la Weill Cornell Medicine, la scoperta potrebbe “cambiare le carte in tavola” per la contraccezione. I dottori Buck e Levin hanno osservato che i preservativi, che esistono da circa 2000 anni, e la vasectomia, sono state le uniche opzioni contraccettive per gli uomini fino ad oggi. La ricerca sui contraccettivi orali maschili è in fase di stallo, in parte perché i potenziali contraccettivi per gli uomini devono superare un livello molto più alto di sicurezza e di effetti collaterali, ha detto il dottor Levin.

I dottori Buck e Levin non avevano inizialmente deciso di trovare un contraccettivo maschile. Erano amici e colleghi con competenze complementari. Ma quando il Dr. Levin ha sfidato il Dr. Buck a isolare un’importante proteina di segnalazione cellulare chiamata adenililciclasi solubile (sAC), che da tempo sfuggiva ai biochimici, il Dr. Buck non ha resistito. Gli ci sono voluti due anni. I dottori Buck e Levin hanno quindi spostato gran parte della loro ricerca sullo studio della sAC. Così facendo, il team ha scoperto che i topi geneticamente modificati per la mancanza di sAC sono sterili. Nel 2018, la dottoressa Melanie Balbach, collaboratrice del loro laboratorio, ha fatto una scoperta entusiasmante mentre lavorava sugli inibitori della sAC come possibile trattamento per una patologia oculare. Ha scoperto che i topi a cui è stato somministrato un farmaco che inattiva la sAC producono spermatozoi che non riescono a spingersi in avanti.

Il freezing degli spermatozoi grazie a TDI-1186

Il nuovo studio di Nature Communications dimostra che una singola dose di un inibitore sAC, chiamato TDI-1186, immobilizza gli spermatozoi dei topi fino a due ore e mezza e che gli effetti persistono nel tratto riproduttivo femminile dopo l’accoppiamento. Dopo tre ore, alcuni spermatozoi iniziano a riacquistare motilità; entro 24 ore, quasi tutti gli spermatozoi hanno recuperato un movimento normale. I topi maschi, trattati con TDI-11861, fatti accoppiare con topi femmina, hanno mostrato un comportamento normale nell’accoppiamento, ma non hanno ingravidato le femmine nonostante 52 diversi tentativi di accoppiamento. I topi maschi trattati con una sostanza di controllo inattiva, invece, hanno ingravidato quasi un terzo delle loro compagne. “Il nostro inibitore agisce nel giro di 30 minuti o un’ora”, ha detto il dottor Balbach. “Ogni altro contraccettivo maschile sperimentale, ormonale o non ormonale, impiega settimane per ridurre il numero di spermatozoi o renderli incapaci di fecondare gli ovuli”.

“Il team sta già lavorando per rendere gli inibitori della sAC più adatti all’uso nell’uomo”, ha dichiarato il dottor Levin. I dottori Buck e Levin hanno lanciato, nel frattempo, la Sacyl Pharmaceuticals insieme al collega Gregory Kopf, che ricopre il ruolo di Chief Scientific Officer dell’azienda. Il prossimo passo del team è ripetere gli esperimenti in diversi modelli preclinici. Questi esperimenti getteranno le basi per studi clinici sull’uomo che verificheranno l’effetto dell’inibizione della sAC sulla motilità degli spermatozoi in uomini sani, ha detto il Dr. Buck. Se lo sviluppo del farmaco e gli studi clinici avranno successo, i due affermano di poter entrare un giorno in una farmacia e sentire un uomo chiedere “la pillola maschile”.

 

Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Computer quantistici: Google lancia un concorso a premi con la fondazione XPrize
Computer quantistici: Google lancia un concorso a premi con la fondazione XPrize