Una molecola neuronale rende il cancro alla prostata più aggressivo

2 settimane fa

Il cancro alla prostata è il secondo tumore più comune e la seconda causa di morte per cancro tra gli uomini americani. Ora i ricercatori hanno scoperto i fattori molecolari chiave che portano il cancro alla prostata a progredire in una forma altamente aggressiva della malattia, chiamata carcinoma prostatico neuroendocrino, che attualmente non ha un trattamento efficace. Questa scoperta apre nuove strade da esplorare per la ricerca di terapie per questo tumore. “Abbiamo trovato nuovi percorsi che promuovono il tumore neuroendocrino della prostata”, afferma l’autrice senior Lucia R. Languino, professoressa presso il dipartimento di Farmacologia, Fisiologia e Biologia del Cancro della Thomas Jefferson University. Lei e il suo team hanno pubblicato la nuova ricerca sulla rivista Scientific Reports.

Molecole esclusive del carcinoma prostatico neuroendocrino

La maggior parte dei tumori alla prostata è un tipo di malattia chiamata adenocarcinoma prostatico. Altri tipi di cancro alla prostata, tra cui i tumori neuroendocrini, sono rari. Tuttavia, a differenza dell’adenocarcinoma prostatico, il tumore neuroendocrino della prostata è molto aggressivo e può diffondersi rapidamente ad altre parti del corpo. I tumori prostatici adenocarcinoma possono progredire in tumori prostatici neuroendocrini. Finora, il modo in cui avviene questa transizione è stato un mistero. Per capire meglio come si sviluppa il tumore neuroendocrino della prostata, la dottoressa Languino e i suoi colleghi hanno cercato dei biomarcatori della malattia. In un lavoro precedente, hanno scoperto che una molecola nota come integrina aVb3 è abbondante nei topi e negli esseri umani affetti da cancro alla prostata neuroendocrino, ma manca nell’adenocarcinoma prostatico. Per cercare molecole esclusive del carcinoma prostatico neuroendocrino, i ricercatori hanno scoperto che l’espressione dell’integrina aVb3 nelle cellule del carcinoma prostatico aumentava l’espressione di un noto marcatore del carcinoma prostatico neuroendocrino e incrementava significativamente l’espressione di una molecola chiamata recettore Nogo 2 (NgR2). Si è trattato di una grande scoperta”, affermano i ricercatori, questo perché NgR2 è una proteina presente nelle cellule nervose, dove contribuisce alle funzioni neuronali. Prima d’ora non era mai stata studiata nel cancro, di nessun tipo.

Cosa ci fa questa molecola, una proteina neuronale, nel cancro?

Un primo esperimento ha rivelato che NgR2 lega l’integrina aVb3. Gli scienziati hanno anche visto che nei topi con tumori neuroendocrini della prostata, l’integrina aVb3 e NgR2 erano presenti sia nel tumore primario sia nelle lesioni cancerose che si erano formate nei polmoni degli animali. Un esperimento successivo ha chiarito che sia l’integrina aVb3 che l’NgR2 sono essenziali per i tumori neuroendocrini della prostata. Quando la dott.ssa Languino e il suo team hanno ridotto la quantità di NgR2 nelle cellule neuroendocrine del cancro alla prostata, anche i marcatori neuroendocrini sono diminuiti. I risultati suggeriscono che NgR2 svolge un ruolo nello sviluppo del tumore neuroendocrino della prostata. La riduzione della quantità di NgR2 ha anche ridotto la capacità delle cellule tumorali di crescere e muoversi, indicando che può avere un ruolo nella diffusione del cancro in altre parti del corpo, in un processo noto come metastasi. Le metastasi sono spesso l’elemento che rende i tumori fatali.

“Queste due molecole, l’integrina aVb3 e NgR2, sembrano creare una combinazione letale”, spiega la dottoressa Languino.

Lei e i suoi colleghi sono ora alla ricerca di una molecola o di un anticorpo che blocchi l’effetto di NgR2, o del complesso aVb3 integrina/NgR2, per inibire la loro capacità di promuovere la crescita e lo sviluppo del tumore prostatico neuroendocrino e rendere il tumore più suscettibile alla terapia.

 

Favole della buonanotte: perché fa bene leggerle ai bambini?
Favole della buonanotte: perché fa bene leggerle ai bambini?
Terra 2: scoperto un pianeta che potrebbe ospitare gli alieni
Terra 2: scoperto un pianeta che potrebbe ospitare gli alieni
Formazione stellare: il coinvolgimento delle protostelle
Formazione stellare: il coinvolgimento delle protostelle
Darren Edwards: l'uomo disabile dei record
Darren Edwards: l'uomo disabile dei record
Donazione di organi: serata informativa a Sfruz
Donazione di organi: serata informativa a Sfruz
Shock ipovolemico nel cane: cos’è e come si cura
Shock ipovolemico nel cane: cos’è e come si cura
Latte in polvere: studi rivelano violazioni e dati errati
Latte in polvere: studi rivelano violazioni e dati errati