La mummia di golden boy: tutti i dettagli grazie alla TAC

4 giorni fa

5 minuti

Gli scienziati hanno usato tomografia computerizzata (TAC) per “scartocciare digitalmente” la mummia di un adolescente di alto livello socioeconomico, risalente a circa 2.300 anni fa. Il corpo era dotato di 49 amuleti di 21 tipi diversi, molti dei quali in oro, che erano stati accuratamente collocati sul corpo o al suo interno. Tra questi, un amuleto a due dita accanto al pene non circonciso, uno scarabeo a cuore d’oro collocato nella cavità toracica e una lingua d’oro all’interno della bocca. Era vestita di sandali e guarnita di felci, con un significato rituale. Questa mummia è una testimonianza delle tradizioni egizie sulla morte, e sull’aldilà, durante il periodo tolemaico.

Gli antichi egizi credevano che, alla morte, il nostro corpo spirituale cercasse in un aldilà simile a questo mondo. Ma l’ingresso non era garantito: richiedeva prima un pericoloso viaggio attraverso gli inferi, seguito da un ultimo giudizio individuale. Per questo motivo, i parenti e gli imbalsamatori facevano di tutto per garantire che il loro caro potesse raggiungere una destinazione felice. In questo caso, è stato inviato sulla sua strada con non meno di 49 amuleti di 21 tipi per promuovere la sua resurrezione corporea. Indossava sandali ed era ghirlandato di felci, ricche di significati rituali. Questi risultati forniscono una visione unica delle procedure di mummificazione e delle credenze sull’importanza degli ornamenti funerari durante il periodo tolemaico. “Qui dimostriamo che il corpo di questa mummia era ampiamente decorato con 49 amuleti, splendidamente stilizzati in una disposizione unica di tre colonne tra le pieghe degli involucri e all’interno della cavità del corpo della mummia. Questi includono l’Occhio di Horus, lo scarabeo, l’amuleto akhet dell’orizzonte, la placenta, il Nodo di Iside e altri. Molti erano in oro, altri in pietre semipreziose, argilla cotta o maiolica. Il loro scopo era proteggere il corpo e dargli vitalità nell’aldilà”, ha dichiarato la dottoressa Sahar Saleem, prima autrice dello studio e docente presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo, in Egitto. La mummia del “ragazzo d’oro” era stata trovata nel 1916 in un cimitero utilizzato tra il 332 e il 30 a.C. circa a Nag el-Hassay, nell’Egitto meridionale. È stata conservata senza essere esaminata nei sotterranei del Museo Egizio del Cairo fino al presente studio.

'Golden boy' mummy'Golden boy' mummy   Amulets

Sandali per camminare nell’aldilà

La mummia era deposta all’interno di due bare, una esterna con un’iscrizione greca e un sarcofago interno in legno. All’interno indossava una maschera dorata per la testa, un cartonnage pettorale che copriva la parte anteriore del busto e un paio di sandali. A parte il cuore, i visceri erano stati rimossi attraverso un’incisione, mentre il cervello era stato rimosso attraverso il naso e sostituito con resina. Inoltre, il giovane indossava dei sandali, che per le antiche tradizioni egiziane avevano un significato specifico: “I sandali dovevano probabilmente consentire al ragazzo di uscire dalla bara. Secondo il rituale del Libro dei Morti degli antichi Egizi, il defunto doveva indossare sandali bianchi per essere puro e pulito prima di recitare i suoi versi”, ha detto Saleem.

Nessun dente del giudizio

La TAC ha mostrato che il ragazzo era alto 128 cm, non era circonciso e non aveva alcuna causa di morte nota se non quella naturale. Dal grado di fusione ossea e dai denti del giudizio non spuntati, gli autori stimano che il ragazzo avesse tra i 14 e i 15 anni. I suoi denti erano buoni, senza segni di carie, perdita di denti o malattia parodontale. Intorno alla superficie esterna della mummia erano state poste delle ghirlande di felci. “Gli antichi Egizi erano affascinati da piante e fiori e credevano che avessero effetti sacri e simbolici. Bouquet di piante e fiori venivano posti accanto al defunto al momento della sepoltura: ciò avveniva ad esempio con le mummie dei re del Nuovo Regno Ahmose, Amenhotep I e Ramesse il Grande. Al defunto venivano anche offerte piante in ogni visita ai morti durante le feste”, ha detto Saleem. Gli amuleti testimoniano un’ampia gamma di credenze egizie. Ad esempio, una foglia di lingua d’oro veniva posta all’interno della bocca per garantire che il ragazzo potesse parlare nell’aldilà, mentre un amuleto a due dita veniva posto accanto al pene per proteggere l’incisione dell’imbalsamazione. Un nodo di Iside serviva a proteggere il corpo, un amuleto ad angolo retto aveva lo scopo di portare equilibrio e livellamento, mentre i doppi pennacchi di falco e struzzo rappresentavano la dualità della vita spirituale e materiale. All’interno della cavità toracica è stato trovato uno scarabeo d’oro, di cui i ricercatori hanno stampato una copia in 3D.

'Golden boy' mummy

Scarabeo per mettere a tacere il cuore

“Lo scarabeo del cuore è citato nel capitolo 30 del Libro dei Morti: era importante nell’aldilà durante il giudizio del defunto e la pesatura del cuore con la piuma della dea Maat. Lo scarabeo del cuore serviva per mettere a tacere l’organo nel giorno del giudizio, in modo da non testimoniare contro il defunto. Veniva collocato nella cavità del busto durante la mummificazione per sostituire il cuore se il corpo fosse stato privato di questo organo”, ha spiegato Saleem. Sulla base di questi risultati entusiasmanti, la direzione del Museo Egizio ha deciso di spostare la mummia nella sala espositiva principale con il soprannome di “Golden boy”. Nella sua nuova collocazione, i visitatori possono ammirare la mummia accanto a immagini della TAC e a una versione stampata in 3D dell’amuleto scarabeo del cuore, per avvicinarsi il più possibile alle glorie dell’antica civiltà egizia.

 

Cane: perché mastica un po' tutto?
Cane: perché mastica un po' tutto?
Elefanti: hanno superpoteri per il clima
Elefanti: hanno superpoteri per il clima
Tursiopi: alzano la voce se gli umani fanno rumore
Tursiopi: alzano la voce se gli umani fanno rumore
Nasa: procedura sospesa per apertura pannello Lucy
Nasa: procedura sospesa per apertura pannello Lucy
Nuclei stellari: individuata la "pigrizia"
Nuclei stellari: individuata la "pigrizia"
Spazioporti: numero in aumento
Spazioporti: numero in aumento
Concentrazione: quando la perdi, migliori l'apprendimento
Concentrazione: quando la perdi, migliori l'apprendimento