Gli elefanti possono salvare il pianeta?

1 settimana fa

5 minuti

Nei dati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), i ricercatori della Saint Louis University e i loro colleghi riferiscono che gli elefanti svolgono un ruolo fondamentale nella creazione di foreste che immagazzinano più carbonio nell’atmosfera e nel mantenimento della biodiversità delle foreste in Africa. Se gli elefanti, già gravemente minacciati, si estinguessero, le foreste pluviali dell’Africa centrale e occidentale, la seconda più grande foresta pluviale del pianeta, perderebbero tra il sei e il nove per cento della loro capacità di catturare il carbonio atmosferico, amplificando il riscaldamento del pianeta. Il professore di biologia presso la Saint Louis University e autore del lavoro Stephen Blake, ha dedicato gran parte della sua carriera allo studio degli elefanti. Nel presente lavoro, Blake, l’autore principale Fabio Berzaghi del Laboratory of Climate and Environmental Sciences (LSCE), Francia, e i colleghi documentano esattamente come l’ecologia dei megaerbivori abbia una così forte influenza sulla ritenzione di carbonio nelle foreste pluviali africane.

Un disservizio globale

“Gli elefanti sono stati cacciati dall’uomo per millenni”, ha detto Blake. “Di conseguenza, quelli delle foreste africane sono gravemente minacciati. L’argomentazione secondo cui tutti amano gli elefanti non ha raccolto un sostegno sufficiente a fermare le uccisioni. Anche spostarla a favore della conservazione degli elefanti verso il ruolo che svolgono nel mantenimento della biodiversità delle foreste, non ha funzionato, poiché il numero di esemplari continua a diminuire. Ora possiamo aggiungere la solida conclusione che se perdiamo gli elefanti delle foreste, renderemo un disservizio globale alla mitigazione del cambiamento climatico. L’importanza degli elefanti delle foreste per la mitigazione dei cambiamenti climatici deve essere presa seriamente in considerazione dai responsabili politici per generare il sostegno necessario alla loro conservazione. Il loro ruolo nelle foreste è troppo importante per essere ignorato”.

All’interno della foresta, alcuni alberi hanno legno leggero (alberi a bassa densità di carbonio) mentre altri producono legno pesante (alberi ad alta densità di carbonio). Gli alberi a bassa densità di carbonio crescono rapidamente, elevandosi al di sopra di altre piante e alberi per raggiungere la luce del sole. Gli alberi ad alta densità di carbonio crescono invece lentamente, necessitano di meno luce solare e possono crescere all’ombra. Gli elefanti e altri megaerbivori influenzano l’abbondanza di questi alberi nutrendosi maggiormente di quelli a bassa densità di carbonio, che sono più appetibili e nutrienti rispetto alle specie ad alta densità di carbonio. In questo modo la foresta viene “diradata”, proprio come farebbe un forestale per favorire la crescita delle specie preferite. Il diradamento riduce la competizione tra gli alberi e fornisce più luce, spazio e nutrienti al suolo per aiutare gli alberi ad alta densità di carbonio a prosperare. “Gli elefanti mangiano molte foglie da molti alberi e fanno molti danni quando mangiano”, ha detto Blake. “Quando mangiano, strappano le foglie dagli alberi, strappano un intero ramo o sradicano un alberello, e i nostri dati mostrano che la maggior parte di questi danni si verifica sugli alberi a bassa densità di carbonio”.Grazie a queste preferenze, gli elefanti sono direttamente legati all’influenza dei livelli di carbonio nell’atmosfera. Gli alberi ad alta densità di carbonio immagazzinano più carbonio dall’atmosfera nel loro legno rispetto a quelli a bassa densità di carbonio, contribuendo a combattere il riscaldamento globale.

Eccellenti distributori di semi

Gli elefanti sono anche eccellenti distributori di semi di alberi ad alta densità di carbonio. Questi alberi spesso producono grandi frutti nutrienti che gli elefanti mangiano. Questi semi passano indenni attraverso l’intestino degli elefanti e, quando vengono rilasciati attraverso lo sterco, sono pronti a germogliare e a crescere fino a diventare alcuni degli alberi più grandi della foresta. “Gli elefanti sono i giardinieri della foresta”, ha detto Blake. “Piantano la foresta con alberi ad alta densità di carbonio e si sbarazzano delle ‘erbacce’, che sono gli alberi a bassa densità di carbonio. Fanno un lavoro enorme per mantenere la diversità della foresta”.  Con queste conoscenze, Berzaghi guarda ora al futuro per determinare in che modo gli altri animali delle foreste pluviali influenzano la biodiversità e se hanno lo stesso impatto degli elefanti. “Le implicazioni del nostro studio vanno oltre gli elefanti della foresta africana”, ha detto Berzaghi. “Poiché dimostriamo che le foglie degli alberi a bassa densità di carbonio sono meno appetibili per gli erbivori, questi risultati implicano che anche altri grandi erbivori, come i primati o l’elefante asiatico, potrebbero contribuire alla crescita di alberi ad alta densità di carbonio in altre foreste tropicali. Il nostro obiettivo è quello di approfondire l’argomento indagando su queste altre specie e regioni”. “L’uccisione illegale di elefanti e il commercio illegale rimangono attivi”, ha detto Blake. “Dieci milioni di elefanti si aggiravano un tempo per l’Africa, mentre ora ce ne sono meno di 500.000, con la maggior parte delle popolazioni che vivono in sacche isolate. Questi elefanti sono in pericolo di estinzione o in pericolo critico, e il loro numero è crollato di oltre l’80% negli ultimi 30 anni. Gli elefanti sono protetti dalle leggi nazionali e internazionali, eppure il bracconaggio continua. Queste uccisioni illegali devono cessare per evitare l’estinzione degli elefanti della foresta. Ora abbiamo una scelta. Come società globale, possiamo continuare a cacciare questi animali altamente sociali e intelligenti e vederli estinguersi, oppure possiamo trovare il modo di fermare questa attività illegale. Salvare gli elefanti e contribuire a salvare il pianeta, è davvero così semplice”.

 

Segnalato il primo gatto sul monte Everest
Segnalato il primo gatto sul monte Everest
Cosa ci dice il DNA dei coccodrilli sull'era glaciale?
Cosa ci dice il DNA dei coccodrilli sull'era glaciale?
Come i salmoni contribuiscono a rendere fiorenti gli ecosistemi
Come i salmoni contribuiscono a rendere fiorenti gli ecosistemi
Animali: come insegnare ai bambini ad amarli
Animali: come insegnare ai bambini ad amarli
La luce solare per produrre plastica biodegradabile
La luce solare per produrre plastica biodegradabile
I lupi cambiano dieta, dai cervi alle lontre
I lupi cambiano dieta, dai cervi alle lontre
Quand'è stato addomesticato il gatto la prima volta?
Quand'è stato addomesticato il gatto la prima volta?