Babylon: ecco i segreti che si celano dietro il make-up e le acconciature del film di Damien Chazelle

2 settimane fa

12 minuti

Il nuovo film del regista di La La Land è finalmente approdato nelle sale italiane. Dal 19 gennaio potete infatti trovare in programmazione Babylon, film diretto e scritto da Damien Chazelle. Dopo l’esordio americano di dicembre e le anteprime europee dei primi giorni di gennaio ecco che Babylon debutta anche nel paese nostrano. Il film negli Stati Uniti ha ricevuto un’accoglienza tiepida ed è stato pesantemente e aspramente criticato dalla critica d’oltre oceano. In Italia la situazione sembra decisamente più moderata. Tra gli eccessi degli anni ’20, il cast dai grandi nomi e i look eccentrici ecco che Babylon si distingue fin da subito per i look scelti per i suoi protagonisti. 

Scegliere di ambientare un film in un’epoca così iconica è un’arma a doppio taglio: da un lato attira fin dai primi momenti l’attenzione dello spettatore, gli anni ’20 del 900 sono da sempre molto apprezzati da cinefili come periodo di ambientazioni di lungometraggi dato che i look dei personaggi rappresentano una grande fonte di intrattenimento; dall’altro le aspettative che si generano nel pubblico, non appena sente parlare del periodo storico prescelto, devono essere rispettato altrimenti il disastro è dietro l’angolo. Damien Chazelle per il suo nuovo Babylon ha deciso di puntare tutto sull’eccesso. Non solo i costumi e la storia sono spinti al limite ma anche il reparto trucco e parrucco è stato costretto a reinventarsi e sperimentare come mai prima. Per fortuna del regista l’impresa è riuscita più che bene e fin dai primi trailer tutti gli appassionati hanno iniziato a parlare e a porsi domande in merito ai look dei protagonisti, in particolare del personaggio interpretato da Margot Robbie. Ecco quindi una guida dettagliata a tutti i segreti che si celano dietro le scelte di make-up e le varie acconciature di Babylon, prodotti utilizzati inclusi. 

Babylon: la consegna di Chazelle e le menti creative dietro il make-up e le acconciature del film

babylon

Damien Chazelle ha fin da subito avuto le idee molto chiare in merito ai look dei suoi personaggi. Nessun dubbio l’ha mai afflitto. Desiderava ricercare il ricordo degli anni ’20 e ’30 del 900 ma senza utilizzare trucchi e tecniche della tradizione. Voleva un look senza tempo: niente labbra di cupido o sopracciglia sottili. I look dovevano essere veri, concreti e credibili. Ribelli e liberi. 

Per raggiungere l’obiettivo Chazelle si è affidato a Heba Thorisdottir, responsabile del reparto trucco di “Babylon” ed a Jaime Leigh McIntosh a capo del reparto capelli del film. Le due artiste hanno una solida carriera alle spalle, che vi andrò a narrare in seguito. 

Entrambe hanno incontrato il regista di Babylon a seguito di un colloquio avvenuto su zoom poco dopo il lookdown. “Ho letto lo script e non vedo l’ora di lavorarci. Non sono riuscita a metterlo giù prima di 3 ore. Volevo lavorare al progetto di Damien a tutti i costi” ha dichiarato Jaime Leigh. Heba, invece, ha confessato di essere stata raccomandata per il l’aperto prrucco del film da un amico di Damien. “Ho pensato che ce la potessi fare. Non mi sono resa conto dell’impresa che sarebbe stata. Quando ho incontrato Damien (Chazelle) non mi ero resa conto di quale enorme impresa sarebbe stata questa che stavo per affrontare”, ammette Heba Thorisdottir, responsabile del reparto trucco di “Babylon”. “Non sapevo che volesse 750 diverse tipologie di per capelli e trucco da praticare sulle comparse in sottofondo. Gli ho detto fin da subito che non volevo affrontare l’imprerse se voleva che fosse tutto immacolato. Ma quando ci siamo seduti, la prima cosa che abbiamo detto è stata: “Non voglio che sia immacolato, che sia perfetto. Lo voglio tutto sporco e grintoso.” Penso che quello sia stato il momento del legame istantaneo tra me e Damien. È stata davvero una buona cosa, perché un giorno il film aveva 800 persone sullo sfondo e tutti dovevano truccarsi e acconciarsi. 

Babylon

Le consegne date da Damien alle due artiste erano chiare: ispirazione anni ’20 e ’30 ma rottura con la tradizione. No ai look scontati, visti e rivisti. Così entrambe hanno provato di tutto, dai micro bang ai bob super corti, come i bob lunghi fino agli zigomi, ai look lunghi e ondulati, per non parlare delle tantissime tinte labbra utilizzate su Margot Robbie. 

Abbiamo dovuto abbandonare tutto ciò che sapevamo o pensavamo di sapere sugli anni ’20, specialmente per quanto riguardava il trucco e l’acconciatura di Hollywood. Damien ha incoraggiato un’immersione profonda e intensa nella ricerca degli sguardi più oscuri e invisibili dell’epoca. Abbiamo lavorato a stretto contatto per fare del nostro meglio per trovare un equilibrio tra onorare l’epoca e la visione grande, audace, sfacciata e impenitente di Damien. Dopo aver letto la sceneggiatura sapevamo che non ci sarebbero state onde nitide, un caschetto, sopracciglia sottili e labbra ad arco di Cupido perfettamente disegnate come la storia richiedeva, tutto doveva essere cosparso di sporcizia, sabbia, sangue e sudore fino ed era necessario mantenere una divisione tra dietro e davanti a le telecamere di Hollywood. Se il trucco avrebbe voluto propendere per il periodo classico, allora i capelli sarebbero andati dall’altra parte e viceversa. Era una danza costante tra trucco, capelli e costumi. 

Le due artiste si sono così avvalse di collaboratori affidabili ed hanno costruito un solido team. 

Queste erano le indicazioni recevute ed impartite al nostro team e siamo così grate per gli incredibili artisti che hanno contribuito a realizzare i nostri progetti: Seana Chavez la regina dell’eyeliner, Ahou Mofid il domatore di parrucche rosso fuoco, Alex Storm il mago dell’aerografo, Meghan Heaney il sovrano di gli stili da uomo, Jeong-Hwa Fonkalsrud il maestro della posa delle ciglia, Renia Green-Edittorio il controllore del curling del bacio e i nostri supervisori del background Mandy Artusato, Emma Burton, Akiko Matsumoto, Aubrey Marie e Katherine Barber. Non è stato un compito facile e lo hanno distrutto ogni giorno! Grazie mille a tutti coloro che sono venuti in aiuto, non sapevi mai a cosa ti saresti trovato di fronte, tutto da scene di feste folli e opulente con quantità pazzesche di nudi, a elefanti che fanno la cacca, stelline che vomitano, giornate ventose e polverose, eserciti di soldati che corrono in battaglia , combattimenti in gabbia, topi che divorano fino alle riunioni dell’alta società… Senza di voi, non ce l’avremmo mai fatta e vi ringraziamo. Siamo stati anche onorati di avere a bordo con noi l’uomo elefante e il re del design delle protesi gemelle siamesi, Arjen Tuiten e, naturalmente, l’unica e unica Jean Black, truccatrice di Brad Pitt.

Nellie LaRoy, il look di Margot Robbie: ecco i segreti dietro il make-up e le acconciature dell’attrice

Per quanto riguarda i capelli e le acconciature scelte su Margot Robbie, dato che è stato scelto di annullare completamente il cliché dell’acconciatura anni ’20 e desiderando un look senza tempo, evitando così stili rigidi, strutturati, sciatti o poco lusinghieri ma prediligendo più movimento e libertà. L’hair stylist  di Margot si è concentrata subito sul colore di capelli della Robbie, che è quello che indossa ora, ha poi testato più lunghezze, diversi livelli di “selvaggio” e ala fine ha optato per lo stile più lungo. “Volevo che sembrasse non tagliato, senza stile e che avesse la versatilità per renderlo grande, selvaggio e folle. Ho lavorato con Rob Pickens per disegnare il colore, la lunghezza e la trama. Sapevo il tipo di effetto che volevo ottenere quando l’ho disegnato in modo selvaggio, quindi Rob ha utilizzato tecniche per creare un volume soffice e leggero, quindi è stato utilizzato il mohair fine.” Ha dichiarato Jaime Leigh, capo del reparto hairstyle del film. 

Sono state costruite su misura su misura due parrucche, una lunga e una corta. “Sapevo cio che era necessario affinché queste parrucche potessero funzionare in modo da poterle fissare e lasciare che Margot facesse le sue cose, specialmente liberandosi durante le scene di grandi feste. Le parrucche dovevano far parte di Nellie e Margot doveva sentirsi come se fossero i suoi stessi capelli, così poteva ballare e agitarli come Janis Joplin. Doveva muoversi come una vera chioma. L’unica volta in cui Nellie è approdata completamente allo stile del periodo cliché è stato con un bob agitato con le dita direttamente in studio, ben diverso dallo stile selvaggio della vera Nellie LaRoy.

I prodotti utilizzati sulle parrucche indossate da Margot sono: 

  • Ouai Wave Spray ($28) 
  • Tresemmé Extra Firm Control Unscented Tres Two Hair Spray ($8) 
  • René Furterer Style Shine Mist ($33)

Con riferimento al make-up utilizzato sulla Robbie, Damien non voleva sopracciglia sottili e una perfetta ragazza degli anni ’20. Anche se la storia è ambientata negli anni ’20, il regista si è sempre espresso a favore di un look più senza tempo e così Heba Thorisdottir, responsabile del reparto make-up del film, quando era in dubbio, ha immaginato come sarebbe stato se fossero stati gli anni ’70 e Fellini stesse girando un film degli anni ’20! “Ho guardato le foto di chiunque, dalla giovanissima Clara Bow agli anni ’20. Foto segnaletiche allo Studio 54 per l’ispirazione per Nellie. Il suo trucco va da una bambina selvaggia dalla faccia fresca a una star del cinema e oltre… Il suo beauty per il trucco conteneva di tutto, dai bei rossi ai rossetti di colore scuro intenso, sporcizia, sangue, sudore e molte lacrime!

Ecco i prodotti make-up utilizzati su Margot Robbie: per i look di tutti i giorni era il The Sunnies Face Matte Lipstick in Fluffmate mentre per la ormai iconica scena con il vestito rosso sono stati utilizzati due rossetti: Charlotte Tilbury Scarlet Spell e Smashbox Bawse le ciglia hanno scelto questa combo Chanel Le Volume de Chanel Mascara ($35) and Dark Swan of Denmark Silk Lashes ($30).

La carriera di Jaime Leigh e Heba Thorisdottir

Jaime Leigh McIntosh è nata a Cambridge, in Nuova Zelanda. Fin da piccola sapeva già che voleva diventare una parrucchiera. Ciò è stato confermato anni dopo, dopo aver visto il documentario dietro le quinte di Sarah Kelly Full Tilt Boogie, sulla realizzazione del film del 1998 Dal tramonto all’alba. Jaime Leigh si è subito innamorata del colorato mondo del cinema.

I suoi primi passi nel mondo del cinema sono stati dedicati ad acquisire le competenze necessarie. Dopo 4 anni di apprendistato da parrucchiera, si è iscritta al Design and Arts College di Christchurch, in Nuova Zelanda, per studiare Makeup Design & Production poiché l’industria cinematografica neozelandese richiede che gli stilisti siano esperti sia di capelli che di trucco.

Dopo aver terminato il college, a Jaime Leigh fu offerto il suo primo lavoro in una serie TV chiamata Insider’s Guide to Happiness. Da questa piccola produzione è stata assunta come parrucchiera e truccatrice per attori comprare nel film King Kong di Peter Jackson, dove ha ricevuto un prezioso addestramento per le parrucche sotto la guida di Peter Swords King. Jaime Leigh era una studentessa veloce e curiosa e le piaceva l’enorme varietà di lavoro, le continue sfide, le scadenze e le richieste del lavoro. Il decennio successivo è stato pieno di dedizione al mestiere e il set di abilità di Jaime Leigh è cresciuto notevolmente. I progetti degni di nota includevano The Hobbit Trilogy di Peter Jackson e Avatar di James Cameron, entrambi sotto la guida e l’insegnamento del supervisore/designer di capelli e trucco Rick Findlater.

Nel 2013 Jaime Leigh si è trasferita a Los Angeles, USA, e poco dopo ha lavorato a The Light Between Oceans come assistente capo dipartimento, Underworld: Blood Wars come parrucchiera personale di Kate Beckinsale, Ad Astra come capo dipartimento, Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile come capo dipartimento, a Captain Marvel e a Bombshell come assistente Capo Dipartimento.

Il 2022 è stato per Jaime Leigh un anno molto impegnativo ma anche ricco di tante soddisfazioni grazie ai seguenti film in uscita: Blonde/capo dipartimento, con Ana de Armas (regista: Andrew Dominik), Don’t Worry Darling con Florence Pugh, Harry Styles e Olivia Wilde (Direttore: Olivia Wilde), Babylon (capo dipartimento) con Brad Pitt, Margot Robbie e Diego Calva (Regista: Damien Chazelle). prissimamente la vedremo coinvolta in Next Goal Wins come dipartimento con Michael Fassbender e Elizabeth Moss (Direttore: Taika Waititi) e Oppenheimer/Capo Dipartimento con Cillian Murphy, Emily Blunt e Robert Downey Jr (Regista: Christopher Nolan). Attualmente si sta occupando del suo prossimo film: Ballerina in cui è la Personal Hair Stylist di Ana de Armas (Regista: Len Wiseman). 

Heba Thorisdottir, truccatrice islandese dora residente  a Los Angeles, ha lavorato con alcuni dei più grandi nomi di Hollywood nel corso della sua carriera. Dal tappeto rosso, al grande schermo, agli editoriali di alta moda, alla pubblicità commerciale, l’approccio di Heba è visionario e versatile e le sue capacità esecutive la rendono una risorsa per qualsiasi collaborazione creativa. Heba ha iniziato la sua carriera nei video musicali, lavorando con REM, Bruce Springsteen, Red Hot Chili Peppers e Sting. Ha rapidamente conquistato una posizione come truccatrice aggiuntiva nella serie TV Twin Peaks, dove è stata l’ispirazione del regista David Lynch per il personaggio di “Heba Thorsdottir” nella prima stagione dello spettacolo. Heba è stato un frequente collaboratrice di Quentin Tarantino e ha disegnato il trucco per C’era una volta a Hollywood, Django Unchained, Bastardi senza gloria e Kill Bill Vol. 1 & 2 oltre ad essere una truccatrice personale per le attrici Cate Blanchett, Scarlett Johansson, Brie Larson, Lucy Liu e Kristen Wiig. La presenza di Heba è molto ricercata anche in ambito editoriale e pubblicitario. Ha truccato le copertine de L’Uomo Vogue, Mademoiselle, Entertainment Weekly, Rolling Stone, Vibe e Shape, oltre a importanti campagne di marketing per Levi’s, Redken, J.Crew, Emporio Armani, Nike, The GAP e Ray Ban.

Babylon: ecco i segreti che si celano dietro il make-up e le acconciature dei protagonisti maschili del film
Babylon: ecco i segreti che si celano dietro il make-up e le acconciature dei protagonisti maschili del film
Babylon: da oggi al cinema il film di Damien Chazelle
Babylon: da oggi al cinema il film di Damien Chazelle
Babylon, la recensione: diventare pazzi per arrivare Dio
Babylon, la recensione: diventare pazzi per arrivare Dio
Film 2023: ecco tutte le uscite più attese
Film 2023: ecco tutte le uscite più attese
Babylon: dietro le quinte con il cast del film di Damien Chazelle
Babylon: dietro le quinte con il cast del film di Damien Chazelle
Babylon: doppio trailer speciale e una featurette sul personaggio di Margot Robbie
Babylon: doppio trailer speciale e una featurette sul personaggio di Margot Robbie
Babylon: il trailer ufficiale del film di Damien Chazelle
Babylon: il trailer ufficiale del film di Damien Chazelle