Vermi che decompongono la plastica a velocità record

2 mesi fa

L’introduzione in massa di prodotti e imballaggi di plastica ha portato alla produzione di trecento milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno, con conseguenze ambientali enormi e problemi di salute legati all’ingestione di microplastica, comune tra gli esseri umani. Poiché gli sforzi per riciclare e ridurre i rifiuti di plastica sono diventati un problema planetario, c’è bisogno di soluzioni più sostenibili, una su tutte: i vermi mangia-plastica, ovvero la tarma maggiore della cera o tignola degli alveari (Galleria mellonella). In realtà è comunemente conosciuta come camola del miele, il bruco della Piralide degli alveari.

Non è ancora chiaro se questi vermi abbiano subito un cambiamento evolutivo per adattarsi alla crescente disponibilità di materiale plastico nelle discariche e negli spazi naturali, ma ciò che sappiamo è che producono una sostanza, associabile alla nostra saliva, che è il componente chiave di questo processo. La capacità dei vermi di poter degradare la plastica è stata scoperta da uno scienziato mentre rimuoveva i vermi della cera dei suoi alveari, li ha messi in un sacchetto di plastica, ma i vermi hanno divorato il materiale.

Questo lo ha portato a scoprire che gli enzimi presenti nella “saliva” dei vermi della cera decompongono le lunghe catene di polietilene, il tipo di plastica più comune.

Nel 2016 è stato scoperto un batterio che mangia la plastica, mentre l’anno successivo è stato scoperto un fungo che decompone la plastica. “Per quanto ne sappiamo, questi enzimi sono i primi enzimi animali con questa capacità, aprendo la strada a potenziali soluzioni per la gestione dei rifiuti plastici attraverso il bio-riciclaggio/riciclo.”

Mentre gli esseri umani hanno cercato soluzioni per anni, la natura sta aprendo una strada verso un futuro più pulito senza plastica.

 

Plastica: il suo impatto sulla salute si tramanda per generazioni
Plastica: il suo impatto sulla salute si tramanda per generazioni
La luce solare per produrre plastica biodegradabile
La luce solare per produrre plastica biodegradabile
Alghe: gli allevamenti potrebbero ridurre l’inquinamento
Alghe: gli allevamenti potrebbero ridurre l’inquinamento
La singola fuoriuscita di petrolio che rischia di interrompere le forniture energetiche mondiali
La singola fuoriuscita di petrolio che rischia di interrompere le forniture energetiche mondiali
I batteri mangiano davvero la plastica
I batteri mangiano davvero la plastica
Inquinamento: le coltivazioni di alghe lo riducono
Inquinamento: le coltivazioni di alghe lo riducono
La nuova plastica ecocompatibile
La nuova plastica ecocompatibile