Willow, la recensione dei primi 2 episodi: il vero viaggio è tornare a casa

2 mesi fa

11 minuti

Willow, la recensione dei primi 3 episodi della serie su Disney Plus

All’appello sulla scacchiera delle serie fantasy come araldi delle piattaforme streaming scende in campo Disney Plus, iniziamo così la recensione di Willow. Un’epica serie fantasy d’epoca con una sensibilità moderna ambientata in una terra incantata di bellezza mozzafiato, Willow presenta un cast internazionale diversificato e con Jonathan Kasdan, Ron Howard, Wendy Mericle, Kathleen Kennedy e Michelle Rejwan come produttori esecutivi.

La storia, per chi non lo sapesse, è iniziata con un aspirante mago di un villaggio di Nelwyn e una bambina destinata a unire due regni, che insieme hanno contribuito a distruggere una regina malvagia e bandire le forze dell’oscurità. Ora, in un mondo magico in cui prosperano stregoni, troll e altre creature mistiche, l’avventura continua, mentre un improbabile gruppo di eroi parte per una pericolosa ricerca in luoghi ben oltre la loro casa, dove devono affrontare i loro demoni interiori e si uniscono per salvare il loro mondo.

Non possiamo rivelarvi tutto sull’imminente viaggio di Willow, ma possiamo dirvi che continuerà ad essere il gentile, incredibile stregone che era nel film. Il trailer inoltre suggerisce che il mago precedentemente inesperto ha affinato e migliorato in modo significativo il suo mestiere, presentandosi con uno stile genuino pur rimanendo modesto.

Willow sta attualmente aiutando Kit, una giovane donna, a localizzare il fratello rapito nella serie televisiva, che si svolge decenni prima degli eventi del film.

Con il loro piccolo gruppo di alleati, i due si imbarcano quindi in una nuova, epica missione. Davis, che in precedenza ha interpretato Willow Ufgood nella serie revival, tornerà. Joanne Whalley, una forte guerriera e parte dell’ensemble originale, interpreterà la regina Sorsha nella serie Disney+. È la figlia della regina Bavmorda.

Un nuovo gruppo di esploratori entra in scena nella nuova serie. La principessa Kit, interpretata da Ruby Cruz, Erin Kellyman, Jade e Dove, interpretata da Ellie Bamber, è lì e chiede aiuto a Willow per salvare il loro mondo. Val Kilmer, che ha recentemente recitato in Top Gun: Maverick, che ha interpretato Madmartigan, il protagonista del film cult, non sarà nello show, ma si dice che il suo personaggio avrà una “parte importante” in seguito…

Oltre ai suoi effetti e alla trama, Willow è stato rivoluzionario per l’epoca poiché ha scelto Davis come personaggio principale.

Sarebbe incredibile vedere il dramma continuare in quella direzione. La discussione sulla rappresentanza spesso esclude le persone con disabilità.

Pertanto questa sarebbe una grande opportunità per fornire un’interpretazione inclusiva e diversificata di ciò che può essere un fantasy. Raramente ci sono serie in cui vediamo il protagonista che è un personaggio disabile o qualcuno non all’altezza degli standard di bellezza al centro della storia. Quindi non potete perdervela se volete scoprire una nuova prospettiva. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Una nuova vita per Willow

Willow, la recensione dei primi 3 episodi della serie su Disney Plus

Continuiamo la recensione dei primi due episodi di Willow dicendo che c’è qualcosa di straordinariamente strano, nel bene e nel male, nel rivisitare il film d’avventura fantasy del 1988 Willow. È uno di quei film che ha un’aria di nostalgia intorno a sé per i suoi effetti e disegni.

Catturano un’era diversa che non si era ancora completamente tuffata nella tecnologia CGI. Tuttavia, anche se Willow viene reinventata come una nuova serie TV, non si fa ancora luce attorno ad alcuni degli elementi più deboli del film originale.

A parte una solida interpretazione di un Warwick Davis dalla faccia praticamente invariata (dove l’hanno conservato?) e gli effetti di cui sopra, è una serie che rimane in gran parte senza identità, senza lasciare un grande impatto proprio.

Il fascino che ha deriva principalmente da piccoli momenti sparsi, tuttavia, l’esperienza complessiva rimane ancora molto inferiore alla somma delle sue parti.

Tratto da una storia di George Lucas e diretto da Ron Howard, Willow originale vede Davis nei panni del protagonista Willow Ufgood. Vivendo in un mondo magico, è più che un po’ scontroso. Quando incontriamo per la prima volta Willow, è un normale contadino che aspira a diventare uno stregone. A sua insaputa, sta per essere catapultato in una profezia che lo trasporterà in una grande avventura. In sostanza, c’è una bambina che è predetta nascere con una runa speciale che le permetterà di sconfiggere la malvagia maga Bavmorda di Nockmaar (Jean Marsh) e il suo regno. Pertanto, ordina che tutte le donne incinte siano rinchiuse per evitare che ciò accada.

Nonostante ciò, la bambina nasce e viene fatta uscire clandestinamente per sfuggire all’ira della regina. Non lo indovinereste ma, Willow finisce per diventare il protettore più importante della bambina. Che cosa potrebbe andare storto? Come risulta parecchio. Willow dovrà respingere le forze della regina, inclusi alcuni segugi assassini, il tutto proteggendo questo minuscolo infante.

Willow, la recensione dei primi 3 episodi della serie su Disney Plus

Inizia così una ricerca e lungo la strada incontriamo vari altri personaggi. In particolare c’è il mercenario Madmartigan (Val Kilmer) che assiste i nostri intrepidi viaggiatori nella loro missione. Come Davis, anche Kilmer offre una performance impegnata ed eleva la storia in alcuni momenti chiave. Da quando lo incontriamo per la prima volta intrappolato in una gabbia, è chiaro che si sta divertendo un bel po’ a navigare in questo mondo fantastico. Sembra un elemento più sovversivo della storia che ci tiene impegnati e divertiti.

Sfortunatamente, lo stesso non si può dire del resto dell’esperienza. La storia di Willow è un viaggio stranamente noioso.

I film che durano più di due ore hanno bisogno di scintille nelle loro storie per non sembrare monotoni e perdere il coinvolgimento del pubblico.

Sebbene ci siano brevi sfarfallii in Willow che impediscono a uno di ignorarlo completamente, è difficile consigliare di guardare questo film più di una volta poiché si trascina sempre più a lungo.

C’è un altro dettaglio interessante da notare, il film originale Willow, viene per forza messo in relazione con altro film uscito un anno prima, La Storia Fantastica (il cui protagonista aveva mietuto cuori di fanciulle a go-go all’epoca). La Storia Fantastica rimane gioiosa e divertente in tutti i modi in cui Willow non lo fa. È interessante notare che entrambi i film sono stati girati dallo stesso direttore della fotografia, il compianto Adrian Biddle, e racchiudono un’estetica fantasy visiva simile.

Purtroppo, Willow finisce per essere più un’imitazione insufficiente piuttosto che un film che può reggersi sulle sue proprie gambe. Ci sono sicuramente sequenze divertenti, come quando Willow viene attaccato nel bosco da un esercito in miniatura o lo scontro finale, anche se la strada per arrivarci è lunga. La storia sembra senz’anima, come un recipiente pieno di elementi fantasy ma senza lo stesso senso del cuore dietro. Tuttavia, l'”artigianato sentito” in molti degli elementi tecnici della produzione è spesso notevole.

Anche quando non regge sempre e puoi vedere le crepe nel modo in cui viene portato in vita, Willow rimane un un “esperimento fantasy affascinante”. Anche la colonna sonora di James Horner fa del suo meglio per portare avanti la storia, riuscendo ad essere cupa in alcuni momenti ed epica in altri. Quando la musica si alza, potresti persino essere travolto dall’avventura.

Un monologo pronunciato da Kilmer, sebbene infinitamente sdolcinato, è ben accompagnato da questo accompagnamento musicale, specialmente quando poi inizia a correre e combattere prima di scivolare nella neve. Mentre poi fanno la loro straziante fuga su una slitta con un esercito di uomini che li inseguono a cavallo, è difficile non sorridere e ridacchiare insieme al storia del film.

Se il resto del film non fosse così poco brillante, allora potrebbe davvero essere piuttosto buono. Sfortunatamente, questi momenti isolati non riescono a portare il resto dell’esperienza oltre i suoi numerosi momenti difficili da ignorare completamente.

Tutto questo può sembrare piuttosto duro per un film fantasy spesso dolce. Resta il problema che si “castana” ripetutamente da solo appesantendo il lato fantasy e la meraviglia dell’esperienza con una storia troppo tortuosa. Il mestiere e i personaggi sono tutti lì, sebbene siano al servizio di una narrazione che non è all’altezza.

Guardarlo decenni dopo non fa altro che ribadire gli stessi limiti quanto di un risultato rimane come quello dell’originale Willow non riesca proprio a sfuggire alla lunga ombra che proietta. A lavorare ulteriormente contro di esso è che la serie di film de Il Signore degli Anelli ancora eccezionale che sarebbe uscita poco dopo e avrebbe stabilito un nuovo standard per ciò che era possibile nella narrazione fantasy cinematografica. Che entrambi abbiano ora ottenuto adattamenti televisivi che rivisitano il materiale originale è interessante. Semmai, rivisitare Willow potrebbe consentire alcuni miglioramenti. Tuttavia, così com’è, il film originale ha i suoi momenti, ma nel suo insieme offre una storia deludente come si vede dai numeri piuttosto che audace. Ma adesso passiamo alla serie di Willow…

Più di 30 anni dopo, Willow torna a casa

Willow, la recensione dei primi 3 episodi della serie su Disney Plus

Arriviamo alla recensione vera e propria dei primi due episodi di Willow… Nel 1988, come accennato, Ron Howard ha diretto un film fantasy scritto da George Lucas e Bob Dolman che seguiva un personaggio di nome Willow Ufgood (Warwick Davis), che diventa il custode di una bambina in pericolo.

Quella bambina si rivela essere una prescelta predetta per abbattere la malvagia regina Bavmorda. Alla fine, Bavmorda è stata bandita e, sebbene il film non abbia registrato record al botteghino quando è uscito, è ancora un film amato da una cerchia di appassionati. E ora, una serie sequel è arrivata su Disney+. Tuttavia, il 1988 e il 2022 sono due epoche cinematografiche completamente diverse,

Willow può essere all’altezza di coloro che vedono gli anni ’80 attraverso occhiali color rosa? Sorprendentemente, sì.

La nuova serie Disney+ segue ancora una volta Willow mentre viene reclutato da un gruppo per andare in missione di salvataggio e, molto rapidamente, scopriamo che c’è una connessione con il primo film che guida gran parte di questa storia e, naturalmente, le forze del male che si frappongono sulla strada di questi eroi. È un’avventura che dà davvero il via alle cose dai primi due episodi, quindi i dettagli di questo gruppo che viaggia, e chi sono, diventano tutti un po’ uno spoiler per la stagione nel suo insieme.

In un momento della storia televisiva pieno zeppo e continuamente riempito di contenuti di alta qualità lanciati settimanalmente attraverso varie piattaforme di streaming, TV via cavo e VOD, può essere difficile attirare l’attenzione su una storia in particolare. Se non è coinvolgente entro la fine dell’episodio 1, perché dovremmo continuare a vederla? Fortunatamente, Willow dà il via alle cose con un breve riepilogo del film originale.

Sono tutte le informazioni necessarie di cui chiunque avrebbe bisogno per immergersi subito perché Willow non ha tempo da perdere, e le cose che non sono spiegate troppo sono parte del divertimento e del mistero. Non siamo nei mondi de Il Signore degli Anelli, La Ruota del Tempo o Il Trono di Spade. Le cose non sono eccessivamente complicate qui. È una storia fantasy piuttosto semplice che è molto più radicata in alcuni aspetti della realtà rispetto ad altre serie del suo genere.

Il primo episodio ti fa sentire come se stessi tornando a casa. Willow ha trovato finalmente un’identità nel suo cast, anche se la tecnologia alla base della produzione è cambiata parecchio.

Ma anche così, sembra ancora Willow. La serie si basa molto di più sugli effetti pratici piuttosto che sulla CG. Sì, esistono effetti generati dal computer,

ma gran parte di questa serie richiama il cinema degli anni ’80 e precedenti. La serie sembra appoggiarsi maggiormente sui set che sono altrettanto importanti per raccontare questa storia. Ci sono inquadrature grandiose e ampie che ci mostrano una vasta terra attraverso cui questi personaggi stanno viaggiando.

Ci sono momenti in cui questo gruppo cammina attraverso fitte foreste o va in giro nei campi.

Willow, la recensione dei primi 3 episodi della serie su Disney Plus

Warwick Davis torna nel ruolo del personaggio titolare che vuole essere un grande stregone, e questa volta, l’anziano del gruppo di avventurieri risulta un po’ presuntuoso e un saputello, come è stato nelle avventure prima. È delizioso vedere un po’ più di un’evoluzione del personaggio, uno che sta ancora aspettando la sua prossima avventura. Ellie Bamber interpreta Dove nella serie e, per molti versi, ruba la scena come personaggio che cerca di trovare la propria strada e identità, senza perdersi nella confusione del gruppo.

Il cast, nel suo insieme, è eccezionalmente forte e non c’è un anello debole ma una chimica molto particolare.

Sebbene Willow sia una serie sorprendentemente divertente, c’è un aspetto della serie che potrebbe distogliere alcuni spettatori o deludere ed è parte della musica scelta per la serie. Willow ha un ottimo andamento narrativo, che si adatta perfettamente alla serie. Tuttavia,

ci sono momenti punteggiati dalla musica pop moderna che sembrano fuori posto. È stridente ascoltare questo tipo di musica per questa serie, ma potrebbe essere perché questo serie sta anche cercando di catturare l’attenzione di un pubblico più giovane, ma il risultato finale è pessimo, purtroppo.

 

72
Willow
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dei primi due episodi di Willow dicendo che mentre remake/rinnovamenti/continuazioni di contenuti precedenti potrebbero non essere molto inclusivi per i nuovi spettatori, Willow è una serie tv diretto che è eccezionalmente accogliente per coloro che conoscono bene Willow Ufgood e per coloro che non ne hanno mai sentito parlare.

ME GUSTA
  • Oltre ai suoi effetti e alla trama, Willow è stato rivoluzionario per l'epoca poiché ha scelto Davis come personaggio principale.
  • Il primo episodio ti fa sentire come se stessi tornando a casa. Willow ha trovato finalmente un'identità nel suo cast, anche se la tecnologia alla base della produzione è cambiata parecchio.
  • Gran parte di questa serie richiama il cinema degli anni '80 e precedenti. La serie sembra appoggiarsi maggiormente sui set che sono altrettanto importanti per raccontare questa storia. Ci sono inquadrature grandiose e ampie che ci mostrano una vasta terra attraverso cui questi personaggi stanno viaggiando.
  • Il cast, nel suo insieme, è eccezionalmente forte e non c'è un anello debole ma una chimica molto particolare.
FAIL
  • Ci sono momenti punteggiati dalla musica pop moderna che sembrano fuori posto. È stridente ascoltare questo tipo di musica per questa serie, ma potrebbe essere perché questo serie sta anche cercando di catturare l'attenzione di un pubblico più giovane, ma il risultato finale è pessimo, purtroppo.
The Bad Batch 2: tutto quello che c'è da sapere per vedere la seconda stagione
The Bad Batch 2: tutto quello che c'è da sapere per vedere la seconda stagione
Willow: Intervista allo sceneggiatore e produttore esecutivo Jon Kasdan
Willow: Intervista allo sceneggiatore e produttore esecutivo Jon Kasdan
Il Mistero dei Templari: curiosità sulla nuova serie Disney+ in arrivo
Il Mistero dei Templari: curiosità sulla nuova serie Disney+ in arrivo
Andor, la recensione degli episodi finali 11 e 12: una gloriosa battaglia spaziale
Andor, la recensione degli episodi finali 11 e 12: una gloriosa battaglia spaziale
The Walking Dead - stagione 11, la recensione completa: Fede e perdita
The Walking Dead - stagione 11, la recensione completa: Fede e perdita
Zootropolis+, la recensione: bentornati nella giungla urbana
Zootropolis+, la recensione: bentornati nella giungla urbana
Andor episodio 5, la recensione: ognuno ha la propria ribellione
Andor episodio 5, la recensione: ognuno ha la propria ribellione