Cornacchie: intelligenza più spiccata delle scimmie

2 mesi fa

cornacchia

Corvi e cornacchie sono animali molto intelligenti, che sanno usare oggetti e riescono a fare le imprese più esoteriche, ovvero capire il concetto 0. Uno studio recente afferma che le cornacchie siano più intelligenti delle scimmie e paragonabili a un bambino. Le cornacchie hanno la capacità di riconoscere le strutture ricorsive

Lo studio riguarda l’insegnamento ai soggetti del riconoscimento di simboli diversi. Dopo si insegna che per ottenere una ricompensa si devono toccare i simboli, solo quando si presentano in una determinata forma. Al terzo passaggio vengono presentati i simboli mescolati in nuovi modi. Capire la ricorsività significa capire se { ( ) } va bene, anche { [ ] } va bene, mentre { } ( ) no.

Lo stesso esperimento è stato proposto due anni fa a umani (adulti e bambini) e macachi. Gli adulti hanno risposto in modo giusto tra il 60 e il 90% delle volte, i bambini invece si sono fermati al 43%. Infine, i macachi il 26%. Le cornacchie hanno battuto tutti con il 40% delle risposte esatte. Un risultato che sfiora quello umano, ma le cornacchie non parlano. I risultati suggeriscono che la capacità di riconoscere la ricorsività non sia legata al linguaggio. Le cornacchie magari lo fanno per la loro comunicazione canora che regola le difficili strutture sociali.

 

 

Cani o gatti: quali sono più intelligenti?
Cani o gatti: quali sono più intelligenti?
Uccelli selvatici: l'utilizzo delle mangiatoie in inverno
Uccelli selvatici: l'utilizzo delle mangiatoie in inverno
Albatros: più attenti e premurosi con partner anziani
Albatros: più attenti e premurosi con partner anziani
Pettirossi di campagna: più aggressivi a causa del traffico
Pettirossi di campagna: più aggressivi a causa del traffico
Gli uccelli soffrono per i botti di Capodanno
Gli uccelli soffrono per i botti di Capodanno
Uccelli: come si difendono dal freddo
Uccelli: come si difendono dal freddo
Uccelli: il concorso a loro dedicato in Nuova Zelanda
Uccelli: il concorso a loro dedicato in Nuova Zelanda