Mercati valutari: ecco cosa verrà nel 2023

2 mesi fa

mercati valutari

Per tracciare i fattori dei mercati valutari del 2023 i fattori saranno l’aggressività sull’alzamento dei tassi, poi la guerra in Ucraina, l’Europa e crisi energetica. Senza dimenticare la Cina e il rischio del mercato globale. All’inizio del 2023 i tassi arriveranno al 5%, poi ci saranno i trimestri di recessione della Germania con l’aumento dei prezzi dell’energia. La Cina avrà una crescita debole e una situazione azionaria poco facile. Per chiudere l’anno in parità servirebbero livelli più bassi di euro-dollaro

 

Dopo essere salito di circa il 25% dall’estate del 2021, il dollaro a novembre ha subito un forte calo. Per il 2023 la domanda è se questo sia l’inizio di un nuovo trend ribassista o se i fattori che hanno spinto il dollaro a quei massimi abbiano ancora voce in capitolo. In generale, però, i mercati valutari vedranno meno tendenze e più volatilità nel 2023 perché non sembrano esserci le condizioni per un trend netto del dollaro, inoltre l’inasprimento delle condizioni finanziarie da parte delle banche centrali, attraverso l’aumento dei tassi e la riduzione dei bilanci, non farà altro che esacerbare i problemi di liquidità già presenti sui mercati finanziari: la volatilità rimarrà elevata.

Francesco Pesole, FX strategist della ING, banca olandese

 

 

ING considera che l’indebolimento dell’attività globale e la crescita del volume degli scambi commerciali sia in previsione sotto al 2%. Il cambio euro-dollaro darà ritmo alle valute dell’Europa in generale. Sul fronte delle commodity currencies, quelle più dipendenti dall’andamento delle materie prime, c’è la Cina che pone un interrogativo su dollaro australiano e neozelandese.

Più favorevole il dollaro canadese, mentre il rapporto fra dollaro e principali valute orientali, il dollaro/yuan farà fatica a sostenere un movimento sotto 7.00. La coppia dollaro/yen giapponese nel 2023 potrebbe arrivane a 130 o meno con una previsione sul rendimento del Treasury decennale al 2,75%. Vantaggioso il won sudcoreano che forse beneficerà dell’inclusione del debito nazionale nei benchmark dei titoli di Stato mondiali.

 

 

Il Modello Gravitazionale del Commercio
Il Modello Gravitazionale del Commercio
Il Modello Gravitazionale del Commercio
Il Modello Gravitazionale del Commercio