Gli Anelli del Potere: com’è nato il finale di stagione e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Gli Anelli del Potere: com'è è nato il finale e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Dopo cinque lunghi anni trascorsi a sviluppare, scrivere e girare la serie televisiva più costosa di tutti i tempi, gli showrunner de Gli Anelli del Potere, J.D. Payne e Patrick McKay hanno finalmente raggiunto la fine della strada, della prima stagione. L’esplosivo finale della prima stagione, pieno di suoni, furia e rivelazioni scioccanti, è stato un’impresa enorme, ma Payne e McKay sono solo all’inizio. Come ci direbbe lo stesso Tolkien, “la strada va sempre avanti e avanti”, infatti ci aspettano altre quattro stagioni, il che significa che per il prossimo decennio, Payne e McKay sanno dove appenderanno i loro cappelli.

Con il progredire della stagione, gli spettatori hanno intasato Internet con domande e teorie. Lo Straniero è in realtà Sauron, Gandalf, un altro degli Istari o un personaggio del tutto originale? La vera identità di Halbrand potrebbe essere il Re Stregone di Angmar, Il Re dei Morti o forse anche o Sauron stesso? Il finale rilascia due emozionanti rivelazioni: The Stranger è un mago, “l’altro” (molti di noi vorrebbero fosse Gandalf) e Halbrand è Sauron.

Ma se pensate di avere tutte le risposte ora, ripensateci: come dicono gli showrunner ci sono altre quattro stagioni di colpi di scena ed emozioni che devono ancora venire. Alcuni giorni prima della messa in onda del finale della prima stagione, Payne e McKay ci hanno portato all’interno della storia, illustrandoci come avevano pianificato la grande rivelazione di Sauron e cosa ci aspetta per Galadriel.

Di tutte le forme che avreste potuto dare a Sauron, perché Halbrand? Perché era l’inganno perfetto?

Per noi è un tornare sempre ai libri. C’era una frase allettante in “Lo specchio di Galadriel” quando Galadriel parla di Frodo e Sam. Dice: “Percepisco il Signore Oscuro e conosco la sua mente, o tutta la sua mente che riguarda gli elfi. E brancola sempre per vedere me e il mio pensiero. Ma comunque la porta è chiusa”. Ci è sembrata una dichiarazione davvero carica, che parlava di una sorta di relazione. Galadriel aggiunge anche quando le viene offerto l’anello: Invece di un Signore Oscuro, avresti una regina. Si sente come se avesse sperimentato o anticipato questa tentazione per molto tempo. Tutte queste cose hanno parlato di una lunga storia con l’oscurità, e più specificamente con Sauron. Quindi ci siamo chiesti: vorremmo trovare una sorta di relazione tra loro? Se potessimo farlo in un modo in cui lei lo incontrasse senza sapere chi è, il che sembra giusto dato che è un ingannatore e un mutaforma? Ci siamo quindi dati una risposta e detti che avevamo il modo che ci fosse questa opportunità. Da lì, abbiamo iniziato ad arricchire. Che tipo di persona dovrebbe essere? Come si sarebbero incontrati? Ci sono molti indizi nell’episodio che questi personaggi non sono quello che sembrano. Per me, il gioco era finito quando Halbrand dice: “Consideralo un regalo”. Signore dei doni: è Sauron! Ma uno spettatore che non ha letto i libri non avrebbe questa reazione. Abbiamo fatto un lavoro magistrale nel creare qualcosa che è pieno di regali e chicche per i lettori affezionati, ma comunque emozionante e sorprendente per i fan occasionali.

Questo è il vero trucco, no? Questo è qualcosa di cui parliamo all’infinito. Qui stiamo camminando su un terreno sacro, quello di una tradizione enormemente amata e ricca. Ci sono migliaia e migliaia di anni di storia [in questo universo]. Questo era il lavoro di una vita da uomo, e il canone è altamente labirintico. Lavorare allo show è stata una gioia, [ma il materiale è talmente vasto che] non c’è fine. Non c’è fondo. Ogni foglia ha una storia. È un po’ intimidatorio creare qualcosa all’interno degli spazi vuoti che ha lasciato. Ciò su cui ci siamo ritrovati a tornare più e più volte è stata questa domanda: come onoriamo lo spirito di ciò che provi quando leggi Tolkien? In altri adattamenti, dove sono riusciti a catturare quel mix unico di toni e temi che erano importanti per lui? La sfida e l’opportunità qui è stata quella di raccontare una nuova storia in quel mondo, negli spazi che ha lasciato vuoti, informato da tutto ciò che ha scritto, ma anche una storia che sarebbe stata un viaggio emotivamente coinvolgente, delizioso, eccitante ed emozionante come primo passo in questo enorme corpo di lavoro. Speriamo di superare entrambi i controlli con i fan e con i non fan. È un costante atto di equilibrio e qualcosa di cui non abbiamo mai smesso di parlare. Ci sono posti in cui probabilmente guarderemo indietro e penseremo: “Avremmo potuto fare di meglio qui per i fan, o meglio qui per i non fan”. È difficile, ma se fosse facile lo farebbero tutti.

Gli Anelli del Potere: com'è è nato il finale e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Prime Video ha già garantito altre cinque stagioni de Gli Anelli del Potere. La proprietà di J.R.R. Tolkien ha permesso a Prime di acquistare i diritti per adattare il prequel de Il Signore degli Anelli solo se si sono impegnati a fare cinque stagioni.

Ci sono cose nella prima stagione che non danno risultati fino alla quinta stagione. Sappiamo anche quale sarà la nostra ultima ripresa dell’ultimo episodio, ha detto il co-showrunner JD Payne. Quindi, detto questo, la seconda stagione è già garantita.

La seconda stagione de Gli Anelli del Potere

Gli Anelli del Potere: com'è è nato il finale e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Tutto quello che sappiamo sul secondo capitolo della serie tv più costosa mai realizzata, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Un nuovo personaggio, Círdan, si unirà all’ensemble. Nessun casting è stato ancora annunciato, ma Círdan è descritto come il più vecchio e il più saggio degli elfi. L’intero cast principale de Gli Anelli del Potere dovrebbe tornare.

La seconda stagione sarà principalmente girata nel Regno Unito. La prima stagione è stata girata in Nuova Zelanda durante la pandemia, ma la produzione della seconda stagione sarà incentrata sul Regno Unito, dove Prime Video “sta creando un hub multishow”, secondo l’Hollywood Reporter. La produzione è iniziata all’inizio di ottobre 2022.

La prima stagione si è concentrata sulla storia di Galadriel e ora la seconda sarà incentrata su Sauron.

Il finale della prima stagione ha rivelato che Halbrand era Sauron. A stagione conclusa l’augurio del team, a detta di Patrick McKay, è che il pubblico possa rivedere da capo la stagione, per rivivere l’intera esperienza con una consapevolezza diversa. Secondo i produttori, rivedere il tutto in vista della prossima stagione, preparerà lo spettatore ad una visione ed immersione tutta nuova. Emblematica in questo senso è la scena (una delle preferite del co-produttore) in cui Adar pronuncia parole quasi sibilline a Galadriel, dicendole che per cercare il “successore di Morgoth sarebbe dovuta finire nel suo stesso specchio”. Ora sappiamo che con la conclusione anche dell’ultima puntata quelle parole avevano un intento del tutto preciso. Galadriel si ritrova costretta ad affrontare il modo in cui la sua ossessione per la vendetta l’abbia cambiata, è costretta a vedere come il suo intento di portare la pace ed eradicare il male combaci con l’intento di Sauron, con la sola differenza che lui abbia una visione del tutto diametralmente opposta e distorta della Terra di Mezzo.

Quale sarà il prossimo passo per lei?

Penso che ci debba essere una resa dei conti. Anche sapendo che Sauron era parzialmente coinvolta nella scienza dietro la realizzazione degli anelli, la vediamo dare comunque il via libera per realizzare gli anelli. Deve anche assumersi alcune responsabilità; “Ho conferito potere al Signore Oscuro. Gli ho salvato la vita su una zattera. Ero parte di lui che veniva dall’oscurità per guidare un esercito. È molto con cui deve lottare ed essere responsabile. Penso che possiamo aspettarci di vederla dover raccogliere quei fili e vedere come quelle decisioni influiscono sulle sue varie relazioni.

La prima stagione è stata un vero viaggio emotivamente per Galadriel. Era così sicura di avere ragione, che questo era il suo destino, che questa era la lotta che doveva avere. Quando sta guardando la nuvola di cenere venire verso di lei nell’episodio sette, sente davvero quale terribile errore l’ha portata il suo orgoglio a fare e coinvolgere così tante persone. Adoro guardare lei e Theo in quell’episodio. La sento davvero riflettere sui propri errori e consigliare a Theo di non commettere gli stessi errori che ha commesso. Ma poi nell’ottavo episodio, finiamo con Elrond che trova le prove che lei gli ha mentito. Il suo affrontare le conseguenze di ciò non è ancora finito.

Gli Anelli del Potere: com'è è nato il finale e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Siamo rimasti tutti sotto shock quando Galadriel ha rivelato di essere stata sposata una volta. I lettori dei libri si chiedevano quando Celeborn sarebbe entrato in scena, ma penso che sia sicuro dire che nessuno se lo aspettava. Perché sembrava la rivelazione giusta?

Siamo sempre alla ricerca di modi per piantare semi che si spera possano diventare alberi più avanti lungo la strada. Abbiamo cercato di avvicinarci all’architettura dell’intera Seconda Era come un progetto creativo a lungo termine, quindi ci sono personaggi canonici in tutta la prima stagione. Ci sono altri personaggi canonici in cui dobbiamo ancora entrare nelle stagioni future. Ci piace anche l’idea che Galadriel sia già così saggia, anche come questa versione giovane e sfacciata di se stessa. Ha migliaia di anni. È stata sposata forse per qualche centinaio di anni, e questo è ancora solo un cenno per un elfo. Questa è solo un’altra esperienza, un’altra tragedia, un’altra perdita che la sta alimentando. Ci piaceva l’idea che a volte dici a un nuovo amico ora uno sconosciuto qualcosa che non diresti mai ai tuoi amici più cari. Forse le confessioni di Theo le stanno provocando confessioni.

Gli Anelli del Potere: com'è è nato il finale e come proseguirà la storia nella seconda stagione

Seguendo gli eventi della prima stagione, è impossibile non rimanere affascinati dal modo in cui si è lavorato intorno al contesto della Prima Era da Il Silmarillion. Quel materiale, ci è stato dato di capire, è off-limits. Mentre gli showrunners creavano questa storia, gli è sembrata una limitazione o una sfida?

Amazon ha concesso in licenza i diritti della trilogia de Il Signore degli Anelli, che include le appendici alla fine de Il Ritorno del Re, così come Lo Hobbit. Le storie della Prima Era sono contenute in quel materiale in forma abbreviata. Quindi quella storia e quel mito fanno parte del Signore degli Anelli, anche se non hai mai letto Il Silmarillion. Entrando nella Seconda Era, abbiamo sentito che era importante impostare il contesto per il pubblico nello stesso modo in cui la Seconda Era crea il contesto per la Terza Era.

Tolkien parla di “montagne lontane”—ogni posto in cui vai nella Terra di Mezzo, c’è qualcosa in lontananza, e se ci vai, c’è qualcos’altro in lontananza. Per i personaggi di questa era della Terra di Mezzo, la Prima Era è lontana. Ci piace l’idea di stuzzicare, prendere in giro e alludere a quella storia, ma alla fine è una storia a sé con le sue complessità e ricchezza, raccontata in un altro libro che forse qualcuno in futuro si adatterà. Ma gli aspetti di esso che sembravano pertinenti ai conflitti e alle lotte di ciascuno di questi personaggi, abbiamo ritenuto importante riempire. Ad esempio, il fatto che Sauron, in questo momento nel suo sviluppo, sta venendo fuori dall’essere il secondo- al comando. Non è ancora il Signore Oscuro. Lo vedrai diventare tale, presumibilmente, nel corso della Seconda Era e nel corso dello spettacolo. Anche il fatto che avesse un capo è un contesto importante. Il fatto che Galadriel abbia vissuto quelle guerre e perso persone a causa di quelle guerre sembrava un contesto estremamente importante.

Farò un’analogia musicale, perché la musica è molto importante in Tolkien. Pensa a quando suoni il jazz. È a strati. Hai un pianoforte che suona con la tromba, che suona con il basso, che suona con la batteria. Immagina se togliessi uno di quegli strumenti, ma ne hai ancora le altre parti. Quello che cerchiamo di fare è sempre raccontare storie che possano suonare jazz con cose di cui non abbiamo i diritti nella Prima Era. Se sei un fan, la tua mente riempirà il ritmo del tamburo sottostante, perché sai quali storie c’erano. Con le storie che ci sovrapponiamo, puoi dire: “Vedo come ciò aggiunga un altro tono o sapore oltre alle cose che sono lì al di fuori della concessione dei diritti”. È una danza costante nel voler assicurarsi che si armonizzi e non sia in contraddizione, ma anche che non usi cose di cui non abbiamo i diritti.

Sauron ora può essere solo Sauron, ha continuato McKay. Come Tony Soprano o Walter White. È malvagio, ma complessamente malvagio. Ci siamo sentiti come se lo avessimo fatto nella prima stagione, avrebbe oscurato tutto il resto. Quindi la prima stagione è come Batman Begins e Il cavaliere oscuro è il film successivo, con Sauron che si muove all’aperto. Siamo davvero eccitati. La seconda stagione ha una storia canonica. Potrebbero esserci spettatori che dicono, ‘Questa è la storia che speravamo di ottenere nella prima stagione!’ Nella seconda, gliela daremo.

Nessuna data per la prima è stata ancora fissata, ma, da quello che rivela Jennifer Salke, l’intento del team produttivo sarebbe riportare lo show il prima possibile sugli schermi. Il capo della programmazione degli Amazon Studios sostiene che lo staff stia già lavorando alla seconda stagione, perché fra ognuna delle seguenti possa intercorrere meno tempo possibile, ma ovviamente la sfida risiede nel mantenere alto il livello, pur con buoni ritmi di produzione. Il lavoro degli scrittori sembra sia stato particolarmente incalzante tanto da occupare anche quello che sarebbe stato il momento di stacco fra questa e la stagione a venire, di cui pare non tarderemo a vedere i frutti.

L'Accademia del Bene e del Male, la recensione: la magia è difficile da maneggiare

 

Mr. & Mrs. Smith, la recensione dei primi tre episodi della serie Prime Video
Mr. & Mrs. Smith, la recensione dei primi tre episodi della serie Prime Video
Good Omens: confermata la terza e ultima stagione su Prime Video
Good Omens: confermata la terza e ultima stagione su Prime Video
Reacher 2: il video anteprima annuncia la terza stagione
Reacher 2: il video anteprima annuncia la terza stagione
The Boys 4: il teaser trailer della quarta stagione
The Boys 4: il teaser trailer della quarta stagione
Fallout: primo teaser trailer per l'epica serie tv tratta dal videogioco
Fallout: primo teaser trailer per l'epica serie tv tratta dal videogioco
Fallout: dal celebre videogioco al serial di Prime Video
Fallout: dal celebre videogioco al serial di Prime Video
Monterossi - La serie: la stagione 2 su Prime Video dal 10 novembre
Monterossi - La serie: la stagione 2 su Prime Video dal 10 novembre