Nido di Vipere, la recensione: quando l’ambizione incontra la disperazione

2 mesi fa

7 minuti

Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione

Ci inoltriamo nella recensione di Nido di Vipere dicendo che qui, all’apparenza, tutto è pulito e ordinato nel thriller sudcoreano estremamente soddisfacente e pieno di suspense di Kim Yong-hoon – che fa parte del Museum of Fine Arts, la serie online dei Korean Film Days di Houston che inizierà il 4 dicembre – anche se abbiamo davanti un mix contorto di ambizione, avidità e disperazione.

Questi mondi iniziano a scontrarsi grazie ad un escamotage: un bagaglio a mano di Louis Vitton che è stato abbandonato in un armadietto della piccola sauna dell’hotel dove Joong-man (Bae Sung-woo) lavora dietro la scrivania e aiuta a riordinare. È mentre sta mettendo tutto in ordine che si imbatte nella borsa e scopre che contiene una quantità di denaro che cambierebbe la vita a chiunque.

E la sua vita ha bisogno di cambiare. Vive in una casetta tranquilla ma cupa nella città di Pyeongtaek, con una moglie che lavora come donna delle pulizie e una madre esigente e priva di senso dell’umorismo che pensa che la moglie stia cercando di ucciderla, iniziate a capire il perché del titolo no?

Quando il regista coreano Bong Joon-ho ha vinto l’Oscar per il miglior film per il suo acclamato Parasite, ha suggerito che forse ora è il momento per gli spettatori di superare la “barriera dei sottotitoli alta un pollice” e scoprire un mondo di piacere che li aspetta. Anche se c’è un catalogo senza fondo di grandi film coreani là fuori con cui mettersi al passo, coloro che hanno accettato la sfida di saltare quella piccola barriera potrebbero godersi questa nuova commedia nera di Kim Yong-hoon, che sta facendo il suo debutto alla regia.

Basato su un romanzo giapponese di Keisuke Sone, questo è un circo ad arco, multi-filo e multi-personaggio a tre anelli, che ruota attorno a una borsa di Louis Vuitton piena di soldi che Joong-man (Bae Seong-woo), lavoratore della sauna da lungo tempo sofferente trova in un armadietto abbandonato al lavoro.

Mentre Joong-man vede nella borsa una possibilità di sfuggire alla sua vita faticosa, alle prese con la madre prepotente e la moglie incazzata, un altro gruppo di personaggi non è meno di certo meno interessato nell’acquisizione di questa fortuna irrintracciabile. Lo squallido funzionario doganale (Jung Woo-sung) è impegnato con i gangster per un debito contratto dalla moglie scomparsa, mentre la hostess di un locale per soli uomini, stanca del marito e pronta per la vendetta (Shin Hyun-bin) viene regolarmente picchiata da esso e vede in un cliente infatuato la possibilità di mettere a segno una truffa.

E poi c’è l’imperiosa capa di questo locale, Yeon-hee (Jeon Do-yeon, una dea con il rossetto), che sa cosa si prova a essere feriti da uomini. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

L’antidoto alla disperazione

Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione

Alcune delle manovre della trama forse non sono così semplici da seguire, con una mescolanza temporale in due fasi che sembra uscire direttamente da Pulp Fiction (e decine di altri thriller). Ma le interpretazioni sono ricche e perfettamente intonate, dai protagonisti fino ai personaggi minori e le spalle comiche, come l’infimo compagno di Park Ji-hwan e Youn Yuh-jung – che quest’anno ha vinto un Oscar per Minari – nei panni di Joong-man.

L’intensa tavolozza di colori fonde insegne al neon e interni illuminati di verde con la grande quantità di sangue scarlatto che scorre come conseguenza della frequente violenza.

Ma ci sono anche altri per i quali la borsa potrebbe essere essenziale. C’è Yeon-hee (Jeon Do-yeon), una proprietaria di un bordello senza fronzoli che usciva con Tae-young (Jung Woo-sung), funzionario doganale apparentemente diretto ma corrotto. È scomparsa, lasciandolo con in mano una borsa metaforica che non è piena di soldi ma di debiti nei confronti del mafioso Park Doo-man (Jung Man-sik), che ha anche un impiegato assetato di sangue che non ama niente di meglio che trasformare gli umani in prosciutto. Il magro stipendio di Tae-young come impiegato del governo non sarà certamente abbastanza per coprire ciò che è dovuto.

C’è la hostess del locale per soli uomini al verde Mi-ran (Shin Hyun-been), che è sposata con un drone aziendale prototipico, stipendiato – che, a porte chiuse, capita anche di abusare incessantemente di lei emotivamente e fisicamente. Quindi, quando un’amante in fuga da alcuni affari in Cina, Jin-tae (Jung Ga-Ram), cova l’idea di uccidere il ragazzo e scappare con Mi-ran, non è contraria all’idea. Per tutto il tempo, c’è un detective che cerca di dare un senso a tutto.

Un veleno troppo potente

Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione

Continuiamo la recensione di Nido di Vipere dicendo che il modo in cui queste storie si intersecano all’inizio non è ovvio, ma Yong-hoon, lavorando sulla sua sceneggiatura basata sul romanzo dello scrittore giapponese Keisuke Sone, riesce a far girare abilmente tutte le trame fino a quando non lo fanno.

Animato da un senso dell’umorismo profondamente oscuro, è evidente nelle sue influenze: un po’ di fratelli Coen qui, un po’ di Tarantino là, il tutto condito con una spolverata di paranoia alla Hitchcock e la critica alla società coreana intravista in “Parasite” – ma Yong-hoon riesce a dare loro la sua svolta.

I personaggi sono tutti fortemente attratti, con Sung-woo che evoca la giusta dose di determinazione che era stata eliminata dal suo personaggio e Do-yeon che quasi ruba il film come una donna che non ha tempo da perdere con gli sciocchi.

È più facile dispiacersi per Joong-man, che odia il suo lavoro ma non può permettersi di lasciarlo, e la cui madre sta lentamente scivolando nella paranoia basata sulla demenza. La moglie di Joong-man sta rapidamente perdendo la pazienza, sua madre non riesce ad ascoltare la ragione e il suo capo lo tratta con assoluto disprezzo.

Il personaggio è un punto fermo di questo tipo di film: triste, patetico e disperato. Bae Seong-woo riesce a esibirsi in un taglio comprensivo che mantiene la simpatia del pubblico dalla sua parte, ma è chiaro quando trova la borsa piena di soldi che qualcuno, inevitabilmente, verrà a cercarla.

È meno facile simpatizzare con Mi-ran, che inizia il film vittima di un marito brutalmente violento ma la cui fuga dalle sue grinfie non si ferma a un solo omicidio. La forte vena comica che attraversa questa parte del film diventa particolarmente nera nella forma della stessa Yeon-hee (Jeon Do-yeon), che successivamente verrà in aiuto di Mi-ran. Jeon è un’attrice eccezionale, l’unica attrice coreana a vincere a Cannes (per Secret Sunshine di Lee Chang-dong) e una straordinaria risorsa per il film: è divertente, intrigante e sempre leggermente terrificante.

Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione

Jung Man-sik è altrettanto forte (e divertente e terrificante) come l’affascinante ma instabile boss della criminalità locale Mr Park, che riesce a farsi strada in tutte e tre le narrazioni.

Ci vuole tempo prima che la storia si unisca completamente – gli eventi non diventano nemmeno chiari fino a metà film – ma mentre la prima metà richiede un po’ di pazienza, la seconda è un pay-off narrativo soddisfacente.

Grazie alla forte direzione di Kim, sembra tutto un incrocio tra le tre culture. Tecnicamente il film è superbo, con fotografie notturne e molte luci al neon che conferiscono a ogni sequenza un’atmosfera piacevolmente squallida e poco raccomandabile.

Il direttore della fotografia Kim Tae-sung (War of the Arrows, The Admiral: Roaring Currents) fa un lavoro meraviglioso qui.

Nido di Vipere è disponibile per la visione in alcune sale selezionate.

82
Nido di Vipere
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Nido di Vipere dicendo che i critici sembrano pubblicizzare il film come il prossimo grande successo per il cinema coreano, e ad essere onesti probabilmente lo è, tuttavia, un altro grande film poliziesco di un paese che sembra aver trascorso gli ultimi 25 anni a produrre grandi uscite del genere.

ME GUSTA
  • Le interpretazioni sono ricche e perfettamente intonate, dai protagonisti fino ai personaggi minori dei rilievi comici, come l'infimo compagno di Park Ji-hwan e Youn Yuh-jung – che quest'anno ha vinto un Oscar per Minari – nei panni di Joong-man.
  • Animato da un senso dell'umorismo profondamente oscuro, è evidente nelle sue influenze: un po' di fratelli Coen qui, un po' di Tarantino là, il tutto condito con una spolverata di paranoia alla Hitchcock e la critica alla società coreana intravista in "Parasite” – ma Yong-hoon riesce a dare loro la sua svolta.
  • Il direttore della fotografia Kim Tae-sung (War of the Arrows, The Admiral: Roaring Currents) fa un lavoro meraviglioso qui.
FAIL
  • Ci vuole tempo prima che la storia si unisca completamente – gli eventi di impostazione precisi non diventano nemmeno chiari fino a metà – ma mentre la prima metà richiede un po' di pazienza, la seconda è un pay-off narrativo soddisfacente.
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata