Gli Anelli del Potere episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare

3 mesi fa

7 minuti

Gli Anelli del Potere - Episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare

Iniziamo la recensione dell’episodio 5 de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere parlando del fatto che troviamo Elrond di fronte a una scelta difficile, mentre Númenor si prepara ad andare in guerra. Oh, e Durin è una leggenda assoluta. Vedrete perché.

Questa settimana ci ritroviamo con i Pelopiedi. Nori e la sua famiglia stanno principalmente rimanendo indietro. Otteniamo anche un piccolo montaggio di mappe mentre trascinano i loro carri attraverso la distesa della Terra di Mezzo. Nori e lo Straniero hanno una conversazione la cui atmosfera è in qualche modo a cavallo del confine tra una filosofia antica e sulla natura del bene.

A un certo punto, la famiglia di Nori e il resto dei Pelopiedi (brutti e cattivi) che volevano lasciarli indietro (uno ha persino l’audacia di suggerire di rubargli le ruote e lasciarli morire) vengono inseguiti dai lupi. Lo Straniero viene in soccorso e colpisce a terra con il pugno così forte che crea un’onda d’urto e spaventa i lupi. Sfortunatamente, si ferisce il braccio.

Una grande attrazione del genere fantasy è il modo in cui così spesso presenta il mondo in termini binari: ci sono i buoni, ci sono i cattivi e non molto altro nel mezzo. Eppure è proprio questa zona intermedia di cui si occupa principalmente l’episodio 5 di Gli Anelli del Potere intitolato “Separazioni”, riprendendo da dove si era interrotto l’episodio 4, con i nostri eroi che continuano a fungere da peggiori nemici di se stessi.

L’episodio 5 porta questo tema un ulteriore passo avanti, con diversi personaggi ora costretti ad agognarsi per scelte non facilmente etichettabili come “buone” o “cattive”.

Il risultato di questo è un ulteriore livello di ambiguità morale al procedimento che si presenta come una gradita aggiunta – non solo all’episodio 5, ma anche alla visione più ampia della serie tv della Terra di Mezzo stessa.

L’oscurità sta arrivando…

Gli Anelli del Potere - Episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare

Se tutto questo suona un po’ troppo astratto per una serie tv che prende spunto dal lavoro di J.R.R. Tolkien, state certi che l’oscurità dell’episodio 5 si manifesta anche in altri modi più tangibili, anche penetrando nella storia. Otteniamo risposte parziali a molti dei principali misteri in corso di Gli Anelli del Potere – come il motivo per cui gli orchi sembrano fissati su Theo (Tyroe Muhafidin) – ma ci rimangono anche molte domande senza risposta.

Come sono esattamente collegati Adar e Sauron? Qual è il problema con lo Straniero ed è amico o nemico? In che modo l’elsa della spada di Sauron “sblocca” il ritorno del Signore Oscuro?

L’episodio 5 non lo rivela ancora, e l’arrivo di alcuni accoliti Sauron opportunamente sinistri a metà dell’episodio confonde ulteriormente le acque.

Questa confusione è di progettazione; gli showrunner J.D. Payne e Patrick McKay, che prima di ottenere il loro lavoro da sogno hanno lavorato per il produttore J.J. Abrams, sanno che i giochi di indovinelli sono un modo infallibile per tenere gli spettatori agganciati.

Eppure, mentre speculare su cose come la vera identità di Sauron è innegabilmente divertente, ciò che è veramente interessante dell’episodio 5 de Gli Anelli del Potere, e ciò che alla fine lo fa funzionare così bene, è l’incertezza finora invisibile che circonda i suoi personaggi.

Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli presentavano uomini dubbi, elfi e nani – e l’Unico Anello creato per il perfetto protagonista che mette alla prova la moralità – ma la linea d’azione migliore e più morale è sempre chiara (al pubblico, se non sempre i personaggi stessi). Questo non si applica qui e in questo particolare episodio.

Da qui, abbiamo un altro assaggio della capacità dello Straniero di manipolare gli elementi. Immerge le braccia in un po’ d’acqua e inizia a trasformarla in ghiaccio, ma è così preso dal suo incantesimo che non si accorge che Nori gli ha toccato il braccio, e sta iniziando a congelarsi come un ghiacciolo…

Il male che volto avrà?

Gli Anelli del Potere - Episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare

Altrove, un trio di persone inquietanti tutte vestite di bianco (inclusa la persona con le sopracciglia sbiancate del trailer che tutti pensavano fosse sicuramente Sauron) indagano sul cratere in cui è atterrato lo Straniero.

È ora di cena in famiglia. Durin, Elrond, il Sommo Re Gil-galad e presumibilmente altre persone si riuniscono… Ma come molte cene in famiglia, è tutto un po’ teso. Gil-galad sta facendo domande di indagine sul diavolo su cui i nani stanno lavorando così duramente a Khazad-Dûm, e Durin lo informa che il tavolo di pietra su cui stanno mangiando è una pietra rara che i Nani usano solo nei monumenti e nelle tombe. Immagina di servire a qualcuno un tagliere di salumi sulla lapide di un parente…

Ecco l’accordo. Gil-galad fondamentalmente sa che i nani hanno trovato il mithril e sta costringendo Elrond a confermarlo. Elrond è incastrato tra due scelte. Gil-galad fa raccontare a Elrond la storia della creazione di mithril che coinvolge un guerriero elfo e un Balrog (un demone del fuoco) che combattono su un albero che presumibilmente conteneva uno dei Silmaril perduti.

Il motivo per cui tutto questo è importante è perché Lindon sta iniziando a decadere e la luce degli elfi sta svanendo. Ma se gli elfi potessero mettere le mani su molto di quel dolce, dolce mithril, che contiene la luce del Silmaril, potrebbero ritrovare quella luce.

Altrimenti, gli elfi dovranno lasciare la Terra di Mezzo e Sauron ballerà in giro incontrastato. E se ve lo state chiedendo, no, niente di tutto questo viene da Tolkien. Per tutto l’episodio, Wayne Che Yip e lo scrittore Justin Doble mettono in scena incontri drammatici che non possono essere facilmente ridotti a “schierarsi con il bene e sconfiggere il male”.

Che si tratti di Míriel (Cynthia Addai-Robinson) che valuta i meriti di una sanguinosa guerra in terra straniera, Elrond (Robert Aramayo) rimugina sul suo dovere verso il suo amico contro il suo obbligo verso il suo popolo, Bronwyn (Nazanin Boniadi) vacilla risoluta di fronte all’imminente genocidio e la continua fiducia di Nori (Markella Kavenagh) nell’instabile Straniero (Daniel Weyman), è difficile dire chi sarà dalla parte giusta della storia una volta che la polvere si sarà posata.

È un netto cambiamento rispetto ai romanzi di Tolkien e agli adattamenti per il grande schermo di Peter Jackson, che, semmai, avvicina Gli Anelli del Potere al Silmarillion in termini di caratterizzazione e tono complessivi.

Gli Anelli del Potere - Episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare

Invece arriviamo alla conclusione della recensione l’episodio 5 de Gli Anelli del Potere dicendo che propone una spiegazione più impegnativa del motivo per cui Waldreg e i suoi seguaci decidono di impegnarsi con Sauron: la mobilità sociale. Credono sinceramente che la loro qualità di vita migliorerà sotto il governo del Signore Oscuro.

Tolkien notoriamente detestava l’allegoria con una passione più calda dei fuochi del Monte Fato, ma riconosceva anche il potenziale dei suoi romanzi di essere “applicati” alla vita reale (e viceversa), e questo sembra certamente essere ciò per cui Yip e Doble sembrano lavorare.

Dopotutto, non ci vuole molto per fare paragoni tra il nostro clima sociopolitico e gli abitanti del Sud… Poi c’è il lato Númenóreano delle cose, e anche questo riflette la spinosa moralità in gioco nell’episodio 5 di Gli anelli del potere. A parte le strette di mano di Míriel sul futuro del regno dell’isola, abbiamo anche Galadriel (Morfydd Clark) e Halbrand (Charlie Vickers ) che si manipolano a vicenda per gran parte del tempo di esecuzione dell’episodio.

In effetti, l’unica persona a Númenor che non ha nulla a che fare con il bene è Pharazôn (Trystan Gravelle). Il consigliere della regina reggente espone finalmente il suo piano per accaparrarsi il potere in questo episodio, e se non è proprio quello che Tolkien ha descritto ne Il Silmarillion, lo spirito machiavellico è ancora più o meno nello stesso campo di gioco.

Eppure, alla fine, la cosa migliore dell’ambiguità morale nell’episodio 5 non è che porta a caratterizzazioni più ricche o anche che si espanda alla tradizione della Terra di Mezzo. È il modo in cui le ombre proiettate da questa ambiguità fanno brillare ancora di più i pochi barlumi di speranza presenti nell’episodio.

80
Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dell'episodio 5 de Gli Anelli del Potere dicendo che con ogni nuovo episodio, la serie rende sempre più chiaro che questo mondo ha ancora una possibilità, a patto che Galadriel, Elrond, Nori e il resto continuino a lavorare per essere migliori e fare bene a coloro che li circondano. Questo sentimento è puro Tolkien, e la sua presenza continua fa ben sperare per gli episodi rimanenti, non importa quanto le cose diventino oscure.

ME GUSTA
  • L'episodio 5 porta questo tema un ulteriore passo avanti, con diversi personaggi ora costretti ad agognarsi per scelte non facilmente etichettabili come "buone" o "cattive".
  • Ciò che è veramente interessante dell'episodio 5 de Gli Anelli del Potere, e ciò che alla fine lo fa funzionare così bene, è l'incertezza finora invisibile che circonda i suoi personaggi.
  • È un netto cambiamento rispetto ai romanzi di Tolkien e agli adattamenti per il grande schermo di Peter Jackson, che, semmai, avvicina Gli Anelli del Potere al Silmarillion in termini di caratterizzazione e tono complessivi.
FAIL
  • L'arrivo di alcuni accoliti Sauron opportunamente sinistri a metà dell'episodio confonde ulteriormente le acque.
Gli Anelli del Potere: cosa aspettarci dalla seconda stagione?
Gli Anelli del Potere: cosa aspettarci dalla seconda stagione?
Gli Anelli del Potere episodio 8, la recensione: La mano sinistra dell'oscurità
Gli Anelli del Potere episodio 8, la recensione: La mano sinistra dell'oscurità
Gli Anelli del Potere episodio 7, la recensione: l'occhio del male si sta aprendo
Gli Anelli del Potere episodio 7, la recensione: l'occhio del male si sta aprendo
Gli Anelli del Potere episodio 6, la recensione: una battaglia epica
Gli Anelli del Potere episodio 6, la recensione: una battaglia epica
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
Gli Anelli del Potere episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua
Gli Anelli del Potere episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua
The Boys 3, intervista a Tomer Capone e Karen Fukuhara
The Boys 3, intervista a Tomer Capone e Karen Fukuhara