Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia

6 giorni fa

7 minuti

Le Buone Stelle, la recensione:

Iniziamo la recensione di Le Buone Stelle dicendo che il regista giapponese Hirokazu Kore-eda, vincitore della Palma d’Oro del 2018, ha fatto un tour mondiale non ufficiale del cinema, dapprima girando The Truth con le leggende del cinema francese e poi trasferendosi in Corea del Sud per il suo ultimo film. Con un cast di attori reali coreani e una superstar del K-pop, Le Buone Stelle è stato uno dei titoli più attesi al Festival di Cannes di quest’anno.

Ormai un indiscutibile maestro moderno del dramma familiare, continua la sua esplorazione della formazione e della fluidità della famiglia in Le Buone Stelle. Ispirandosi al fenomeno della “baby box” che Kore-eda ha visto al telegiornale, Le Buone Stelle racconta la storia di una nuova madre So-young (Lee Ji-eun) che lascia suo figlio Woo-sung fuori dalla baby box di una chiesa.

Woo-sung viene “intercettato” da Sang-hyeon (Song Kang-ho) e Dong-soo (Gang Dong-won), che vendono bambini a potenziali genitori che ritengono idonei e premurosi, aggirando le burocrazie e le lacune dei processi ufficiali di adozione. So-young torna per il suo bambino e il trio intraprende un viaggio per trovare adottanti adatti, mentre un detective (Bae Doona) li segue per arrestarli per traffico di esseri umani.

Le molteplici trame si traducono nella sua sceneggiatura più tentacolare e disordinata fino ad oggi. Ma il disordine è anche fertile per riflettere: Broker solleva alcune delle domande moralmente più grigie e complesse nella sua filmografia.

La produzione tutta coreana perde parte dell’eufemismo tipico di Kore-eda, specialmente nei reparti cinematografici e musicali, ma viene salvata dalla recitazione stellare.

Il riassunto della trama sopra non inizia nemmeno a incapsulare i vari piccoli fili e digressioni nella storia di Le Buone Stelle. Non solo il detective e il suo subordinato sono già separati dal gruppo principale di personaggi, ci sono in qualche modo coinvolti gangster, un debito vinto da 50 milioni, una figlia separata e un caso di omicidio.

Kore-eda non è nemmeno vicino a una versione pulita della storia, trascorrendo del tempo su personaggi che sono appena sviluppati a causa del tempo limitato sullo schermo. Ogni volta che il film passa il testimone alla polizia, perde slancio, perché quei personaggi sono chiaramente cifrari che sono lì solo per affermare il tema.

Non solo ci sono troppi personaggi e filoni della trama, ma anche la sequenza degli eventi è debole. La configurazione iniziale del meccanismo della baby box – cosa è legale, cosa non lo è, chi è chi, perché So-young torna per il suo bambino – viene fornita in modo oscuro attraverso frammenti di dialogo usa e getta o immagini sottovalutate. Anche se i personaggi hanno l’obiettivo di base di cercare acquirenti, le loro destinazioni sono spesso poco chiare o poco convincenti.

Ad esempio, c’è una deviazione di 20 minuti in un orfanotrofio che esiste non per portare avanti la storia, ma solo per mostrare al pubblico le difficoltà di operare o vivere in un orfanotrofio coreano. Questi problemi di narrazione non sono caratteristici di un regista che è ormai un veterano con quindici film alle spalle. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Deliberazioni non binarie

Le Buone Stelle, la recensione:

Continuiamo la recensione de le Buone Stelle dicendo che ciò che compensa questi difetti è l’esplorazione tematica del film.

Con il suo delicato argomento di abbandono dei bambini dopo la nascita, il film stava già innescando dibattiti esplosivi anche prima della revoca dei diritti all’aborto da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

Alcuni critici americani sono balzati dalla sedia per additare il film come “propaganda pro-vita”. Anche se è vero che un personaggio si riferisce all’aborto come “l’uccisione di un bambino prima che nasca”, ciò non significa necessariamente che il film approvi quel punto di vista.

La cosa più incriminante è che il film raggiunge il suo culmine emotivo quando diversi personaggi esprimono gratitudine per essere nati, cosa che il pubblico (soprattutto americano) può leggere come indicato sopra, anche se non è dichiarato.

Ma il film in realtà non sostiene, soprattutto non universalmente, che nascere sia meglio che essere abortiti. Il bambino Woo-sung è davvero meglio che sia nato? Sballottato da fazioni di adulti come una palla, Woo-sung si ritrova con un futuro incerto, frammentato e dannato.

Le Buone Stelle presenta un mondo senza vincitori e i bambini sono i più grandi perdenti di tutti.

È cinicamente consapevole che i suoi adulti vedono ogni bambino come un’opportunità di denaro, che si tratti di costi di adozione o di finanziamento dell’orfanotrofio.

Semmai risoluto, il film è contro l’abbandono infantile, che può essere anche letto come pro-aborto, come suggerisce più volte un personaggio. Aiuta che gli adulti siano decisamente moralmente riprovevoli. Sebbene i personaggi principali di Kore-eda siano stati ladri e altri tipi discutibili prima, non sono mai stati orgogliosi trafficanti di esseri umani. Mentre i personaggi si rendono quasi delle brave persone per la loro ostinata ricerca di adottanti amorevoli, il film ci ricorda ripetutamente le loro malefatte e ci costringe a pensare: ci sono davvero dei bravi ragazzi qui?

Considerazioni Finali

Le Buone Stelle, la recensione:

Lavorare in Corea non ha fatto perdere a Kore-eda la sua sfumatura tematica, ma c’è qualcosa di strano nel suo tono e nella trasmissione visiva delle emozioni. Kore-eda si è immerso nell’industria cinematografica coreana in continua espansione, prendendo in prestito il direttore della fotografia Hong Kyung-pyo e il compositore Jung Jae-il da Parasite con effetti piuttosto strani.

Ha optato per la cinematografia digitale per la seconda volta nella sua carriera, e la raffinatezza sullo schermo annulla la crudezza visiva presente negli altri suoi film, anche se il film cerca di compensare con la luce naturale.

Jung preme un po’ troppo il pianoforte nella partitura, spesso dettando le emozioni del pubblico, una tendenza melodrammatica che si scontra con la sobrietà di Kore-eda. Per fortuna,

Kore-eda mantiene la sua abilità di regista, spesso usando blocchi molto intelligenti per raccontare la storia a riprese ininterrotte.

Per Le Buone Stelle, Song Kang-ho ha vinto il premio come miglior attore al Festival di Cannes, che è stato ampiamente considerato come un premio di recupero per tutta la sua carriera.

Mentre Song Kang-ho interpreta ancora una volta un patetico uomo qualunque con intrepida vulnerabilità, non si distingue in questo pezzo d’insieme.

Se c’è una pista, è il fenomeno K-pop IU, qui accreditata nel suo nome completo Lee Ji-eun. Il suo ruolo di prostituta assassina di classe inferiore sarebbe la classica erba gatta da Oscar a Hollywood, ma IU interpreta So-young senza alcun segno di sfarzosa esibizione o di autocoscienza da idolo. Compie l’erculeo compito di una celebrità – un fenomeno di conquista del mondo, nel suo caso – scomparendo in un personaggio.

Le Buone Stelle ha lasciato il Festival di Cannes con recensioni tiepide, se non negative, e molti si sono sentiti delusi dalle aspettative altissime. Sebbene sia senza dubbio dovuto a un errore nella narrazione di base – alcuni potrebbero persino considerarlo un fallimento, abbastanza comprensibilmente – la portata tematica mostra un eminente regista ancora disposto a innovare.

Con suo dispiacere, Kore-eda viene spesso paragonato a un altro maestro giapponese di drammi familiari, Yasujirō Ozu, e questi confronti possono essere superficiali. Ma ciò che colpisce dei due uomini è che, come Ozu, Kore-eda ha dedicato quasi tutta la sua carriera a un argomento e a un genere. Il fatto che continui a trovare nuove angolazioni e strade all’interno di questi parametri ristretti che si è imposto non è una testimonianza dei suoi limiti, ma del suo talento singolare.

 

79
Le Buone Stelle - Broker
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione de Le Buone Stelle dicendo che è un altro capitolo essenziale dello studio di Kore-eda come autore nel senso più tradizionale, con preoccupazioni e ossessioni tematiche ricorrenti. Il cinema giapponese non può essere rinchiuso nei parametri che usiamo per analizzare qualsiasi altro film, ogni sensibilità andrebbe analizzata nel suo unico modo.

ME GUSTA
  • La produzione tutta coreana perde parte dell'eufemismo tipico di Kore-eda, specialmente nei reparti cinematografici e musicali, ma viene salvata dalla recitazione stellare.
  • Kore-eda mantiene la sua abilità di regista, spesso usando blocchi molto intelligenti per raccontare la storia a riprese ininterrotte.
  • Il regista optato per la cinematografia digitale per la seconda volta nella sua carriera, e la raffinatezza sullo schermo annulla la crudezza visiva presente negli altri suoi film, anche se il film cerca di compensare con la luce naturale.
FAIL
  • Mentre Song Kang-ho interpreta ancora una volta un patetico uomo qualunque con intrepida vulnerabilità, non si distingue in questo pezzo d'insieme.
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata