Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi

2 settimane fa

7 minuti

Gli Anelli del Potere - episodio 4, la recensione: Visioni e presagi

Per iniziare al meglio la recensione dell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere dobbiamo partire dal fatto che c’è un tema che ritorna sul rischio e sul sentirsi al sicuro. Lo vediamo chiaramente nel sogno di Míriel durante l’apertura in cui vede una stanza piena di bambini prima che la Grande Onda del titolo arrivi e distrugga la città. Il sogno de “La Grande Onda” è un sogno ricorrente che lo stesso Tolkien aveva. Lo ha dato a suo tempo anche a Faramir ne Le due torri, quindi è molto appropriato che appaia prima qui.

È la paura di Míriel che questo sogno si avveri che la mette in conflitto con il padre malato e non vuole fidarsi di Galadriel. Nel frattempo, il principe Durin si sta assumendo dei rischi che portano sia ricompense che pericoli, e che suo padre non pensa ne valga la pena. Theo sta correndo dei rischi che quasi fanno uccidere lui e sua madre, e Isildur si lascia distrarre e delude coloro che lo circondano, incluso Elendil.

Tutte queste trame implicano il difficile equilibrio tra rischiare qualcosa o meno. Come dimostra il problema di Míriel, anche conoscere il (possibile) futuro non può sempre aiutare con il processo decisionale nel presente, ma c’è il suggerimento che ascoltare la saggezza dei tuoi antenati è di solito una buona idea.

I genitori, nel frattempo, sono motivati ​​quasi interamente dal desiderio di proteggere i propri figli e quelli degli altri, con la povera Míriel che vive entrambe le parti contemporaneamente, non vuole ascoltare il padre malato e cerca disperatamente di proteggere i bambini (e gli adulti) di Numenor.

Abbiamo anche riferimenti ai padri di Elrond e Galadriel. Galadriel viene chiamata “figlia di Finarfin” dai Númenoreani, mentre Elrond parla di suo padre Eärendil con Celebrimbor e con Durin. In questi casi, le grandi azioni dei genitori oscurano i loro figli, fornendo sia l’ispirazione che uno standard incredibilmente alto a cui essere all’altezza, cosa che ovviamente pesa in particolare su Elrond.

Palantír

Gli Anelli del Potere - episodio 4, la recensione: Visioni e presagi

Otteniamo un po’ più di movimento in alcuni dei principali fili della trama in questo episodio. Sembra che il misterioso oggetto che gli Orchi stanno cercando potrebbe essere un palantír. Questi sono stati leggermente modificati rispetto al materiale originale di Tolkien. Nei libri ci sono un certo numero di palantír in giro durante la Seconda Era, uno appartenente al padre di Elendil, ed è Elendil che ne porta sette nella Terra di Mezzo.

Sono usati per la telepatia e la comunicazione, sebbene Sauron li usi anche per mostrare solo verità selettive a Saruman e a Denethor per corromperli ne Il Signore degli Anelli.

Qui, il palantír sembra funzionare più come lo Specchio di Galadriel de La Compagnia dell’Anello, mostrando “molte visioni” che secondo Galadriel “potrebbero non avverarsi”.

Ci viene anche detto che ce n’erano solo sette e che gli altri sei sono già stati “persi o nascosti”. Stando così le cose, sembra probabile che sia un palantír quello che gli Orchi stanno cercando. Come negli episodi precedenti, quest’ora è incredibilmente bella da guardare, ma si muove a un ritmo abbastanza tranquillo.

La serie soffre ancora in alcuni punti: per fare un esempio quando incontriamo il misterioso Adar, che poi scompare di nuovo per la maggior parte dell’episodio.

Theo sta ancora giocando con il passaggio al Lato Oscuro. Il principe Durin andrà a Lindon ma non è ancora partito. I Númenoreani hanno deciso di accompagnare Galadriel ad aiutare le Terre del Sud, ma non sono ancora partiti. I Pelopiedi e lo Straniero non sono nemmeno apparsi in questo episodio.

Gli odiati Elfi

Gli Anelli del Potere - episodio 4, la recensione: Visioni e presagi

Continuiamo la recensione dell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere con una domanda lecita: a qualcuno piacciono gli elfi qui? Il sentimento anti-elfo sembra essere un elemento comune in tutta la Terra di Mezzo e in Numenor. I nani non si fidano di loro. Gli umani delle Terre del Sud li risentono per averli tenuti d’occhio per secoli dopo la sconfitta di Morgoth e Sauron, un conflitto che ha visto alcuni umani combattere dalla parte dell’oscurità.

Nel corso degli anni, i Numenoran sono diventati così isolazionisti e fobici da elfo che si sono ribellati contro il re Tar-Palantir (Ken Blackburn), ora malato, quando ha cercato di ristabilire i rapporti con gli elfi. Gli elfi sono potenti e di principio e, in generale, abbastanza facili da vedere. Perché tale sfiducia?

In un certo senso, tuttavia, tale diffidenza e disgusto è comprensibile, e per tutte le stesse ragioni. Sono potenti, il che deve sembrare minaccioso per i nani (che sono riservati e diffidenti per natura). E i loro principi a volte non sono d’accordo con l’istinto umano di fare le proprie cose. Gli elfi potrebbero andare d’accordo abbastanza facilmente con le altre razze uno contro uno – testimonia l’amicizia di Durin ed Elrond e qualunque cosa stia succedendo tra Arondir e Bronwyn – ma ciò non impedisce sempre uno scontro di culture.

A volte anche gli elfi odiano gli elfi. Questo episodio introduce Adar (Joseph Male), il capo degli orchi che hanno preso in ostaggio Arondir e (letteralmente) minato il villaggio di Bronwyn. E sebbene l’episodio precedente suggerisse che potrebbe essere Sauron, sembra invece essere un elfo canaglia, uno che può parlare con Arondir nella sua stessa lingua e condivide punti di riferimento comuni.

Ma non può sopportare la saggezza ricevuta dalla cultura degli elfi, dicendo ad Arondir: “Ti sono state dette molte bugie. Alcune corrono così in profondità che persino le rocce e le rovine ora credono loro. Per districare tutto sarebbe quasi necessaria la creazione di un nuovo mondo. Ed è qualcosa che solo gli dei possono fare. E io non sono un dio. Almeno non ancora.”

Tutto questo suona piuttosto preoccupante per Arondir, e comprensibilmente. Adar ha in qualche modo conquistato i cuori e le menti degli orchi, che lo considerano un dio (anche se sente di non soddisfare ancora quella definizione) e ricevono con gratitudine la sua uccisione per misericordia.

Il regista Wayne Che Yip accende anche la conversazione tra Arondir e Adar in un modo che ricorda il film di Francis Ford Coppola.

Gli Anelli del Potere - episodio 4, la recensione: Visioni e presagi

È un elfo che ha abbandonato qualsiasi missione gli fosse stata assegnata per creare un piccolo regno per se stesso costruito su un culto della personalità che gli permette di piegare gli altri alla sua volontà.

E quel regno potrebbe crescere. Lasciati andare, Arondir torna dal popolo di Bronwyn giusto in tempo per salvare Theo dall’essere ucciso dagli orchi dopo essersi intrufolato in città per recuperare cibo per gli abitanti del villaggio, che si sono rifugiati nella torre abbandonata degli elfi. Almeno per ora. Il messaggio di Arondir da Adar è che staranno bene fintanto che ritireranno la loro pretesa sulle loro terre e gli giureranno fedeltà. In caso contrario, ci saranno problemi.

C’è dell’altro con Theo, tuttavia. L’elsa della spada che stava portando si espande in una lama fiammeggiante quando si confronta con un orco (e recuperare l’elsa sembra essere una parte importante del motivo per cui si trovano nel villaggio).

È un’illustrazione chiara della differenza tra le due culture: gli elfi sanno cosa deve essere fatto e chiedono che sia fatto ora. Gli umani affrontano le cose in modo un po’ più subdolo.

Lo ha anche contrassegnato in un modo che è riconoscibile agli altri, inclusa una folaga segreta che lo abbottona con alcune informazioni di base sul suo nuovo possesso, dicendo: “Non è una spada. È un potere, modellato per i nostri antenati dalla mano del suo padrone». Inoltre: si aspetta il ritorno di Sauron, accoglie con favore quel ritorno e suggerisce a Theo di fare lo stesso. È tutto piuttosto inquietante.

L’inquietudine incombe su gran parte della terra in questo episodio, che si apre con Míriel che sogna la grande onda promesso del titolo. Questo aiuta a spiegare perché è di così cattivo umore anche prima che Galadriel la infastidisca davvero chiedendo udienza con il re. Come risultato della sua sedizione, Galadriel si ritrova imprigionata e, per quanto involontariamente, riceve consigli da Halbrand, che le consiglia di usare la rabbia e il disagio di Míriel per il suo riferimento al re a suo vantaggio.

87
Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dell'episodio 4 de Gli Anelli del Potere dicendo che le fila narrative di questo episodio si uniscono al canone di Tolkien; in particolare, il ricorrente espediente della trama di avere personaggi che interpretano erroneamente profezie e presagi (specialmente per quanto riguarda i palantír) mentre i loro nemici si avvicinano a loro. E questo è senza dubbio il caso dell'episodio 4, con il suo focus sulla malvagità sia esterna che interna. Eppure l'episodio alla fine si chiude con il tipo di nota di speranza che piaceva anche a Tolkien - segnalando che non tutto è ancora perduto per i popoli della Terra di Mezzo, anche con il male sempre in agguato.

ME GUSTA
  • Tutti i fili narrativi dell'episodio 4 implicano il difficile equilibrio tra rischiare qualcosa o meno. Come dimostra il problema di Míriel, anche conoscere il (possibile) futuro non può sempre aiutare con il processo decisionale nel presente.
  • Il palantír sembra funzionare più come lo Specchio di Galadriel de La Compagnia dell'Anello, mostrando "molte visioni" che secondo Galadriel "potrebbero non avverarsi".
  • Il regista Wayne Che Yip accende anche la conversazione tra Arondir e Adar in un modo che ricorda il film di Francis Ford Coppola.
  • È interessante l'illustrazione chiara della differenza tra le due culture: gli elfi sanno cosa deve essere fatto e chiedono che sia fatto ora. Gli umani affrontano le cose in modo un po' più subdolo.
FAIL
  • La serie soffre ancora in alcuni punti, per fare un esempio quando incontriamo il misterioso Adar che poi scompare di nuovo per la maggior parte dell'episodio.
The People We Hate at the Wedding: le foto ufficiali del film con Allison Janney e Kristen Bell
The People We Hate at the Wedding: le foto ufficiali del film con Allison Janney e Kristen Bell
James Bond: su Prime Video tutta la saga e due speciali musicali
James Bond: su Prime Video tutta la saga e due speciali musicali
Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere 2, al via la produzione in UK
Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere 2, al via la produzione in UK
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of the Dragon: il trailer dell’episodio 8 e il dietro le quinte del settimo episodio
House of the Dragon: il trailer dell’episodio 8 e il dietro le quinte del settimo episodio
Gli Anelli del Potere: l'analisi della sesta puntata
Gli Anelli del Potere: l'analisi della sesta puntata
The Boys 3: il divertente blooper reel ufficiale
The Boys 3: il divertente blooper reel ufficiale