Gli Anelli del Potere episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua

6 giorni fa

7 minuti

Gli Anelli del Potere - episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua

Iniziamo la recensione dell’episodio 3 de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere dicendo che la storia continua in gran parte nella stessa vena degli episodi 1 e 2. È straordinariamente bello (esclusi gli Orchi), ben recitato e continua a far sentire un senso di familiarità come parte del mondo che abbiamo visto nei film di Peter Jackson basati sulle opere di Tolkien. Ma è anche piuttosto lento e appesantito dalla necessità di una notevole quantità di esposizione.

L’episodio 3 ci introduce all’ultima delle principali culture che seguiremo attraverso questa storia: Númenor. Trascorriamo molto tempo a Númenor e con i Númenoreani all’inizio dell’episodio, il che ci aiuta a fare i conti con un altro nuovo posto e nuovi personaggi, anche se può lasciare gli spettatori a chiedersi cosa sta succedendo altrove nella storia. Come ogni altra cosa in questa serie, il regno dell’isola sembra fantastico.

Le gigantesche facce nelle rocce sono davvero un bel tocco, ovviamente ispirato in parte alla vita reale del Monte Rushmore, ma anche ai giganteschi monumenti che abbiamo visto ne Il Signore degli Anelli che furono costruiti dai loro discendenti, i Gondoriani. Gli stessi Númenoreani sono un gruppo interessante. Tutti loro, tranne la figlia di Elendil, Eärien, sono personaggi di Tolkien (non nuovi personaggi scritti per la serie), anche se la serie ha aggiunto un paio di titoli per chiarire la loro posizione: Míriel diventa ufficialmente “Reggente” mentre suo padre trascorre il suo tempo in una torre, e Pharazôn è chiamato “Cancelliere Pharazôn”.

Sebbene l’antipatia e la paura di Míriel per “l’Elfo” siano un po’ strane, dato che il padre di Míriel era un grande fan degli Elfi, per il resto questa storia sembra seguire lo schema di Tolkien più da vicino di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto nella serie (e, curiosamente, utilizza un po’ più di informazioni raccolte da Il Silmarillion, nonostante la complicata situazione legale lì).

Per i fan a cui piace vedere adattamenti sullo schermo che rimangono più vicini ai libri, questa sarà quasi sicuramente la loro trama preferita.

Di seguito il video The Inside the Episode pubblicato su YouTube:

Númenor

Gli Anelli del Potere - episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua

Buone notizie, gente: Galadriel è finalmente fuori dall’acqua. Si sveglia sotto il ponte di una nave. Halbrand le porta del cibo e scherzano. È un po’ sfacciato. Sul ponte, l’equipaggio la guarda con sospetto. Hanno tutti una specie di uniforme. Uno di loro le si avvicina e dice “uno degli Eldar a bordo della mia nave”. (Eldar è un altro nome per gli elfi.) È il capitano. Capitan Ovvio, a quanto pare. Cerca di ottenere più informazioni e quasi tutto ciò che lui offre è che stanno andando “a casa”, il che non è molto perspicace.

In ogni caso, salpano nel porto più bello che ci sia mai stato con statue alte costruite nelle scogliere e il tempo sembra perfetto. Dimenticate le Hawaii, non ne avete bisogno. Scendono dalla barca e quando Halbrand chiede da quando uomini come lui costruiscono cose del genere, Galadriel è molto indisposta. Mentre i suoi antenati erano impegnati a essere leali al primo signore oscuro Morgoth, gli uomini che erano fedeli agli elfi e ai Valar (ricordate che quelli sono esseri angelici) hanno fatto sorgere un’isola intera dal Mare Separato.

Mai sottovalutare il potere di una buona architettura. Gli dice che la loro gente era parente a un certo punto, ma alla fine Númenor ha interrotto i legami.

Otteniamo anche un po’ più di informazioni sul nuovo personaggio Halbrand, anche se c’è ancora molto di misterioso su di lui. L’area che la serie chiama “Terre del Sud” è il luogo che alla fine diventerà Mordor (e la rivelazione che il “sigillo” di Sauron è in realtà una mappa di Mordor è piuttosto accurata). Quindi, se Halbrand è un re in esilio da quel luogo, chi è?

Non sembra essere un Númenoreano. Persino le “Terre del Sud” sono forse un po’ troppo a nord per essere uno degli Haradrim, che furono colonizzati dai Númenoreani durante la Seconda Era e che vissero più a sud. Potrebbe essere un Easterling, il popolo che viveva a nord-est di Mordor. Molto più tardi, l’unico Spettro dell’Anello di cui conosciamo il nome umano, Khamûl, sarebbe venuto da lì, e forse è lì che Bronwyn e gli altri rifugiati stanno fuggendo. Sia gli Haradrim che gli Easterling avrebbero finito per combattere per Sauron nella Terza Era, sia come alleati che come popoli conquistati.

O forse questa è una nuova cultura umana inventata per la serie, per spiegare chi viveva a Mordor prima di essere spostato da Sauron. L’episodio richiede un po’ di tempo per fare il check-in con i Pelopiedi, ma quando lo fa, impariamo qualcosa in più sulla loro cultura – ed è tosto!

Apparentemente, i Pelopiedi sono estremamente abili e sebbene proclamino con orgoglio “nessuno cammina da solo”, chiunque non possa camminare viene abbandonato come uno dei “rimasti indietro”. Tutti i “lasciati indietro” che stanno commemorando sono stati uccisi in vari modi (lupi, una valanga, api), ma l’implicazione della scena finale con i Brandipiede e il loro puro panico per aver subito un infortunio alla gamba sembra suggerire abbastanza fortemente che qualsiasi ferita che impedisca di camminare porta all’esilio e, infine, alla morte, come lo sfortunato Pelopiede che è rimasto bloccato nella neve ed è stato abbandonato.

Lo Straniero

Gli Anelli del Potere - episodio 3, la recensione: la costruzione del mondo continua

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione dell’episodio 3 de Gli Anelli del Potere analizzando il discorso di Sadoc Burrows di Lenny Henry su coloro che sono rimasti indietro perché “nella vita non potevamo aspettarli”, parlare di portarli nei cuori e nei ricordi, suona molto come inviare pensieri e preghiere sulla scia di una tragedia senza effettivamente facendo qualsiasi cosa per evitare che accada di nuovo.

Hanno anche una legge molto severa secondo cui chiunque infranga una qualsiasi delle loro regole viene “spogliato”, a cui tutti reagiscono con orrore. Quando i Brandipiede vengono mandati sul retro, la mamma di Nori le dice: “Potresti anche aver stampigliato il nostro nome nel libro dei diseredati”, quindi non mettono nemmeno qualcuno più forte in fondo per essere sicuri che tutti stianno bene – sta al passo o muori. I Pelopiedi possono sembrare carini, ma mio Dio, sono un popolo brutale.

Fortunatamente la nostra eroina Nori ha un approccio più empatico, chiedendo “Senza amici per cosa sopravviviamo?” Ma non abbiamo molte più informazioni sul suo nuovo amico, lo Straniero. È troppo gentile per essere Sauron o Saruman, troppo solo per essere uno dei Maghi Blu e troppo “importante”, secondo Nori, per essere Radagast. Ma vediamo il suo rapporto sempre più profondo con Nori e la sua famiglia, e in effetti “amico” è la prima parola chiara che lo sentiamo pronunciare.

Il titolo dell’episodio, Adar, si riferisce al nome che gli Orchi danno al misterioso cattivo che Arrondir viene chiamato alla fine. Vedere gli Elfi ridotti in schiavitù è una nuova direzione per la serie, poiché siamo abituati a vederli apparire potenti, eterei, al comando di tutto ciò che osservano. Vederli soffrire in questo modo li porta sicuramente un po’ sulla Terra (di Mezzo) e li rende più facilmente riconoscibili, anche se ci viene ricordato che sono Elfi quando eseguono alcune mosse piuttosto interessanti usando le proprie catene come armi contro i loro nemici. Se gli Orchi sono Elfi “corrotti”, allora presumibilmente quello che stiamo vedendo è quel processo in azione.

Per quanto riguarda lo stesso Adar, il nome è Sindarin (Elfico) per “padre” e non è uno dei (molti) noti pseudonimi di Sauron, quindi questo potrebbe essere un nuovo personaggio creato per la serie. Anche un altro personaggio pensa che sia Sauron stesso, come “successore” di Morgoth, quindi anche questa è una possibilità distinta.

Uno degli strumenti che la serie sta usando con grande efficacia per tenerci radicati in questo mondo fantastico in continua espansione è la colonna sonora. L’uso di spunti musicali da parte di Bear McCreary per dirci qualcosa su dove siamo e cosa sta succedendo è un modo fantastico per ricordare a chiunque abbia visto i film di Jackson, e anche dare piccoli suggerimenti su ciò che potremmo aspettarci dalla trama.

 

Gli Anelli del Potere è disponibile per la visione su Prime Video.

 

85
Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dell'episodio tre degli Anelli del Potere dicendo che ci sono echi delle colonne sonore di Howard Shore per le sezioni incentrate sugli Orchi e su Mordor nella colonna sonora di McCreary per le scene con gli Orchi, ad esempio, e ambientate nella terra che diventerà Mordor. Ci sono accenni alla colonna sonora di Minas Tirith quando incontriamo per la prima volta i Númenoreani, indicando che questi sono gli antenati delle persone che sarebbero poi diventate i Gondoriani. Tutto ciò dimostra l'immensa cura che è stata messa in questa serie tv e che ci rende tutti partecipi di qualcosa di potente e meraviglioso.

ME GUSTA
  • Questa storia sembra seguire lo schema di Tolkien più da vicino di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto nella serie (e, curiosamente, utilizza un po' più di informazioni raccolte da Il Silmarillion.
  • Per i fan a cui piace vedere adattamenti sullo schermo che rimangono più vicini ai libri, questa sarà quasi sicuramente la loro trama preferita.
  • Vedere gli Elfi ridotti in schiavitù è una nuova direzione per la serie, poiché siamo abituati a vederli apparire potenti, eterei, al comando di tutto ciò che osservano.
FAIL
  • La serie tv in alcuni momenti risulta appesantita dalla necessità di una notevole quantità di esposizione.
The Boys 3: il divertente blooper reel ufficiale
The Boys 3: il divertente blooper reel ufficiale
Gli Anelli del Potere episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare
Gli Anelli del Potere episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare
The Devil’s Hour: il trailer della serie Prime Video con Peter Capaldi
The Devil’s Hour: il trailer della serie Prime Video con Peter Capaldi
Lupin III vs Cat's Eye: teaser trailer e poster del film d'animazione crossover
Lupin III vs Cat's Eye: teaser trailer e poster del film d'animazione crossover
Sono Lillo: la serie original di Prime Video con Lillo Petrolo
Sono Lillo: la serie original di Prime Video con Lillo Petrolo
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
Gli Anelli del Potere episodio 4, la recensione: Visioni e presagi
Blade Runner 2099: tutte le info ufficiali sulla serie sequel di Prime Video
Blade Runner 2099: tutte le info ufficiali sulla serie sequel di Prime Video