Teff: sequenziato il Dna del cereale senza glutine

2 mesi fa

teff

Gli studiosi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa hanno scoperto un modo per coltivare il teff anche in Italia. Sono stati capaci di sequenziare il Dna di centinaia di tipi di teff. Un cereale di origine etiope davvero piccolo ma alquanto prezioso. Un alimento adatto ad affrontare i cambiamenti climatici. Per la verità è un seme usato come cereale della cucina africana ed è diffuso in Etiopia ed Eritrea. Ideale per i celiaci, visto che non contiene glutine.

Pare che molto presto questo cereale verrà coltivato anche in Italia e in Europa. I genetisti italiani insieme a un gruppo di agricoltori e scienziati etiopi hanno sequenziato il Dna di tantissime varietà di Teff. Queste erano custodite in Etiopia, dove il cereale è apprezzatissimo per le sue sostanze nutrienti. Per queste sue caratteristiche infatti compare tra i migliori superfood del 2022. Gli studiosi, inoltre, hanno constatato la capacità di adattamento del teff, per questo potrebbe essere un grande alleato nei tempi di crisi climatica. In più potrebbe rappresentare un passo avanti per l’agricoltura più sostenibile.

Il genoma del teff nelle sue diverse proprietà è stata raffrontata con le scienze del clima. Ciò con lo scopo di identificare le aree, dove a causa del cambiamento climatico, in futuro sarà più difficile la coltivazione del teff.

 

Possiamo immaginare queste varietà di teff come libri custoditi in una grande biblioteca. La genomica ci permette di leggere la storia contenuta in ciascuno di questi libri. È imparando da queste storie che possiamo riscrivere il futuro di questo cereale.

Leonardo Caproni, uno dei ricercatori

 

 

Unendo la genetica, le scienze sociali ed economiche e quelle del clima è possibile portare sul palcoscenico della ricerca internazionale cereali come il teff, che hanno un enorme potenziale ma che sono stati poco studiati fino ad oggi. Comprendere come queste specie rispondono ai bisogni degli agricoltori locali ci permette di guardare al futuro e guidare l’innovazione verso un’agricoltura più equa e sostenibile.

Matteo Dell’Acqua, coordinatore del Centro di Scienze delle Piante della Scuola Superiore Sant’Anna

 

 

Monte Everest: una webcam per sensibilizzare sui cambiamenti climatici
Monte Everest: una webcam per sensibilizzare sui cambiamenti climatici
Gatti: nei peli è presente il DNA umano
Gatti: nei peli è presente il DNA umano
Nazioni Unite: il report per distinguere greenwashing e green marketing
Nazioni Unite: il report per distinguere greenwashing e green marketing
Riscaldamento globale: Genova e Napoli sono tra le dieci città più colpite
Riscaldamento globale: Genova e Napoli sono tra le dieci città più colpite
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Ondate di calore: in Europa causeranno 90mila morti
Ondate di calore: in Europa causeranno 90mila morti
Cambiamenti climatici: il ghiaccio marino risponde subito
Cambiamenti climatici: il ghiaccio marino risponde subito

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.