Questa spettacolare foto del telescopio James Webb è stata utilizzata per diffondere un malware

3 mesi fa

Una stupenda immagine scattata dal James Webb Telescope è stata utilizzata per diffondere un malware. Gli hacker hanno tentato – con successo – di capitalizzare la curiosità degli utenti del web diffondendo un pericoloso virus. Il malware era stato infatti nascosto all’interno del file che conteneva una presunta versione ad alta risoluzione della foto.

A lanciare l’allarme è l’azienda specializzata in sicurezza informatica Securonix. Gli hacker hanno diffuso l’immagine utilizzando alcune email di phishing. L’email raccontava della nuova strepitosa pietra miliare raggiunta dal telescopio. Peccato che allegato all’email non ci fosse soltanto l’immagine ma anche uno script progettato per scaricare un malware assieme alla foto scattata dal telescopio.

Un lavoro da manuale: lo script è stato progettato con minuzia, tant’è che nessuno degli antivirus più popolari in commercio sarebbe stato in grado di individuare la minaccia. Inoltre, il malware è stato progettato utilizzando un linguaggio di programmazione open-source di Google: Golang.

La NASA ha diffuso una versione ad alta risoluzione della foto, che ovviamente ha delle dimensioni molto considerevoli. Anche per questo motivo, la scelta di utilizzare questo scatto per diffondere un malware è tutto fuorché banale: non è un film o un videogioco piratato, nessuno sospetterebbe mai che dietro ad una foto di una galassia si possa nascondere una minaccia.

Leggi anche:

Un gruppo di hacker ha nascosto un malware all'interno del logo di Windows
Un gruppo di hacker ha nascosto un malware all'interno del logo di Windows
Google Play Store: rimosse delle app che contenevano il malwake SharkBot
Google Play Store: rimosse delle app che contenevano il malwake SharkBot
Malware su Android, scoperte 35 app sul Play Store scaricate da oltre 2 milioni di utenti
Malware su Android, scoperte 35 app sul Play Store scaricate da oltre 2 milioni di utenti
17 app presenti sul Play Store nascondevano un pericoloso malware per Android
17 app presenti sul Play Store nascondevano un pericoloso malware per Android
Malware su Android, scoperto un nuovo giro di app malevole: erano state scaricate da oltre 10 milioni di utenti
Malware su Android, scoperto un nuovo giro di app malevole: erano state scaricate da oltre 10 milioni di utenti
Malware su Android, ricercatori segnalano 50 applicazioni malevole sul Play Store di Google
Malware su Android, ricercatori segnalano 50 applicazioni malevole sul Play Store di Google
Google accusa un'azienda italiana: "distribuisce malware per Android e iOS"
Google accusa un'azienda italiana: "distribuisce malware per Android e iOS"

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.