Love Life, la recensione: la distanza, l’amore e la vita di coppia

3 mesi fa

7 minuti

Love Life, la recensione:

Se non siete emotivamente preparati alle tragedie in stile giapponese questo film vi colpirà forte, questo l’avvertimento per introdurvi la recensione di Love Life in cui le tensioni familiari sono esacerbate dalla tragedia nel melodramma emotivo di Koji Fukada, presentato in anteprima mondiale in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia (dal 31 agosto al 10 settembre).

Ispirato a una canzone dell’icona pop giapponese Akiko Yano, il dramma del triangolo amoroso con una svolta ruota attorno a una coppia la cui pacifica esistenza con il figlio piccolo viene sconvolta da un tragico evento, che porta nelle loro vite il padre biologico sordo e indigente del ragazzino.

La sua improvvisa ricomparsa suscita sentimenti dimenticati e tensioni ribollenti all’interno della coppia e della più ampia famiglia multigenerazionale, mentre fanno i conti con la tragedia che li ha colpiti.

A volte le famiglie più vicine possono trovarsi più distanti l’una dall’altra. Taeko (Fumino Kimura) e suo marito Jiro (Kento Nagayama) vivono con Keita, il figlio di sei anni nato dal suo primo matrimonio, in una città portuale nel sud del Giappone. I genitori di Jiro risiedono in un appartamento vicino. Ma quello che a prima vista sembra un assetto conviviale è teso da tacite tensioni.

E poi una tragedia colpisce, riportando nella sua vita l’ex marito sordo e vulnerabile di Taeko, Park (Atom Sunada), mettendo a dura prova il suo attuale matrimonio. L’ultima foto di Koji Fukada è

un melodramma imperturbabile che mette sia i suoi personaggi che il suo pubblico attraverso uno strizzatoio emotivo, ma a volte mette a dura prova la credibilità.

La relativa vicinanza e distanza tra i personaggi diventa un dettaglio ricorrente.
Questa è la prima volta a Venezia per Fukada, già vincitore del Premio della Giuria al Certain Regard di Cannes nel 2016 per Harmonium. Il suo film precedente, The Real Thing, è stato nominato come parte della selezione cancellata di Cannes 2020.

Love Life è ben montato e osservato percettibilmente, con Kimura in particolare che offre una performance persuasivamente complessa.

In quanto tale, dovrebbe rivelarsi un’aggiunta popolare ad altri festival. L’interesse d’autore non è fuori questione, tuttavia questa immagine manca dei lampi di umorismo che portano leggerezza ai ritratti domestici altrettanto sentimentali di Hirokazu Kore-eda. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Amore disperato

Love Life, la recensione:

Fukada prende una canzone come ispirazione per questa storia. La ballata di Akiko Yano dei primi anni ’90 Love Life, che viene riprodotta per intero alla fine del film, contiene la frase “Qualunque sia la distanza tra noi, niente può impedirmi di amarti”. La relativa vicinanza e distanza tra i personaggi diventa un dettaglio ricorrente in tutto il film. È un dispositivo efficace.

L’aria viene risucchiata da un’intima celebrazione familiare nell’appartamento compatto di Jiro e Taeko dal fatto che il padre di Jiro riesce a malapena a guardare Taeko, tale è la sua delusione per la scelta della moglie di suo figlio.

Più tardi, è solo quando Taeko ha attraversato il mare verso la Corea che può vedere più chiaramente i suoi rapporti con i mariti passati e presenti. E c’è una scena particolarmente toccante in cui Taeko e Jiro, riuniti dopo un periodo di separazione, decidono di fare una passeggiata insieme, elegantemente inquadrati in un’unica inquadratura non tagliata. Lo spazio tra loro, anche se non più di un paio di metri, sembra quasi insormontabile.

Love Life è più acuto nelle sue osservazioni sul modo in cui il dolore può dividere oltre che unire; il modo in cui due persone, sulla stessa lunghezza d’onda su tutto il resto, potrebbero essere colpite in modo molto diverso da un lutto.

Il cuneo tra Taeko e Jiro, provocato da uno strano incidente di cui Taeko, a torto o a ragione, si accolla la colpa, è ulteriormente spinto dall’arrivo di Park. L’ex marito di Taeko, che l’ha abbandonata quattro anni prima, sembra vivere in un bidone della spazzatura. Anche così, esercita un’attrazione sulla sua ex moglie, in parte a causa del fatto che condividono un mezzo di comunicazione – la lingua dei segni coreana – che esclude tutti gli altri intorno a loro.

L’attrice famosa Fumino Kimura interpreta la moglie Taeko, al fianco di Kento Nagayama nei panni di suo marito e Atom Sunada nei panni dell’ex partner senzatetto.

È una persona gentile che è disposta a lavorare sodo per gli altri e ad aiutare le persone bisognose. D’altra parte, la sua identità non è fissa. È una protettrice, una moglie, una madre e varie altre cose.

Fumino Kumira stessa a diventare il personaggio di fantasia, il personaggio di fantasia che è stato forgiato è una via di mezzo tra il Taeko che è scritto nella sceneggiatura e la persona reale dell’attrice.

Considerazioni finali

Love Life, la recensione:

Concludiamo la recensione di Love Life dicendo che gli istinti empatici di Taeko significano che è incline a dare la priorità ai bisogni dei più vulnerabili sopra ogni altra cosa. Ma tardivamente si rende conto che era arrogante presumere che, solo perché Park è sordo, doveva essere una vittima; solo perché è un senzatetto, deve aver bisogno di aiuto; solo perché è disabile, deve essere irreprensibile.

La riconciliazione con un ex marito e la gelosia sono i temi principali di questo dolce dramma sulle emozioni che stanno alla base di una famiglia in lutto per la morte di un figlio.

Nonostante una recitazione solida, sottotrame interessanti, riprese strane e vani tentativi di umorismo fuori luogo lasciano il film alla fine non del tutto soddisfacente.

Se non fosse già stato utilizzato dal regista americano Ira Sachs, Love Is Strange potrebbe essere un titolo appropriato per il nuovo dolce film di Koji Fukada, presentato in anteprima in concorso al Festival di Venezia di quest’anno. La fiaba giapponese si tinge di tragedia, ma inizia con una doppia celebrazione familiare.

Taeko (Fumino Kimura) e suo marito, Jiro (Kento Nagayama), si stanno preparando a congratularsi con Keita, il figlio di Taeko di sei anni dal suo primo matrimonio e prodigioso campione di Otello, per la sua ultima vittoria nel gioco da tavolo di strategia. È anche il 65° compleanno del padre di Jiro. Segue una discussione familiare, ma questa viene presto oscurata quando Keita, che sta giocando vicino alla vasca da bagno, scivola e annega.

Love Life, la recensione:

Fukada allena la telecamera sulla vasca a questo punto, lasciando il pubblico incerto se il ragazzo sia vivo o morto. Quando Taeko viene a cercarlo, le sue urla parlano per lei.

“Devi essere forte”, le dice più tardi sua suocera. Sebbene il dolore personale faccia parte di questa storia, prende una svolta inaspettata al funerale, poiché le persone in lutto depongono fiori nella bara aperta.

Vestito con una maglietta giallo brillante, il padre senzatetto di Keita, Park (Atom Sunada), entra e provoca una scenata, prendendo a schiaffi la sua ex moglie e urlando di dolore. È uno sfogo inaspettato, soprattutto perché è stato assente dalle vite di Keita e Taeko per quattro anni.

Metà giapponese e metà coreano, Park è sordo e l’unica persona in grado di comunicare con lui nella lingua dei segni è Taeko. All’inizio è arrabbiata per il fatto che sia tornato, ma gradualmente cede.

“È debole, devo proteggerlo”, dice. In cambio, Park la aiuta a elaborare l’insopportabile perdita di Keita, ma questo ispira gelosia in Jiro (che il pubblico scopre non è esattamente un angelo, poiché una storia d’amore passata sul posto di lavoro viene alla luce).

Segui la nostra copertura del Festival di Venezia dal 31 Agosto al 10 Settembre direttamente dal Lido sul nostro hub dedicato: leganerd.com/venezia79

78
Love Life
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Love Life dicendo che se è uno sguardo ai torrenti di emozioni che scorrono sotto la superficie – simboleggiati dal terremoto che rimbomba brevemente nel film – non raggiunge mai nulla di troppo sismico. Le interpretazioni sono sfumate, specialmente da Kimura, che fa gran parte del lavoro pesante nel film. Ma mentre volge al termine, sfoderando un umorismo fuori luogo che non si adatta al resto del film, vi sentirete leggermente insoddisfatti.

ME GUSTA
  • Un melodramma imperturbabile che mette sia i suoi personaggi che il suo pubblico attraverso uno strizzatoio emotivo, ma a volte mette a dura prova la credibilità.
  • La riconciliazione con un ex marito e la gelosia sono i temi principali di questo dolce dramma sulle emozioni che stanno alla base di una famiglia in lutto per la morte di un figlio.
  • Love Life è più acuto nelle sue osservazioni sul modo in cui il dolore può dividere oltre che unire; il modo in cui due persone, sulla stessa lunghezza d'onda su tutto il resto, potrebbero essere colpite in modo molto diverso da un lutto.
FAIL
  • Molti gli argomenti trattati ma si ha come la sensazione che nessuno sia andato troppo in profondità.
Eismayer, la recensione: la battaglia per diventare se stessi
Eismayer, la recensione: la battaglia per diventare se stessi
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Chiara, la recensione: il ritratto di una santa rivoluzionaria
Chiara, la recensione: il ritratto di una santa rivoluzionaria
Bentu, la recensione: per ogni cosa c'è il suo tempo
Bentu, la recensione: per ogni cosa c'è il suo tempo
Ti mangio il cuore, la recensione: un racconto di vendetta che si ripete
Ti mangio il cuore, la recensione: un racconto di vendetta che si ripete
Beyond the Wall, la recensione: la polemica di Vahid Jalilvand contro l'oppressione dello stato iraniano
Beyond the Wall, la recensione: la polemica di Vahid Jalilvand contro l'oppressione dello stato iraniano