The Kiev Trial, la recensione: un processo alla storia in Ucraina

5 mesi fa

7 minuti

The Kiev Trial, la recensione: un processo alla storia in Ucraina

Iniziamo la recensione di The Kiev Trial dicendo che dopo State Funeral, il regista ucraino  torna a Venezia con un nuovo, impressionante documentario di montaggio di materiali d’archivio che documentano il processo svoltosi nel suo paese nel gennaio 1946, ai gerarchi nazisti colpevoli del massacro degli ebrei ucraini raccontato da Loznitsa nel precedente Babi Yar.

The Kiev Trial è come uno spettacolo, completo di reazioni del pubblico, ambientato in una sala di marmo tetra con grandiosi lampadari e l’aria pesante.

Loznitsa inizialmente decise di creare una raccolta di filmati documentari sui processi farsa dell’era di Stalin. Stava già assemblando la collezione quando il suo assistente scoprì ore di filmati di un processo del 1930. Fu una scoperta straordinaria: una rara tecnica sovietica era stata utilizzata per registrare suoni e immagini in modo sincrono, direttamente su pellicola. Una singola telecamera era stata utilizzata per girare il processo, in riprese da quattro a cinque minuti, spesso dai giudici agli imputati fino al pubblico.

In origine, il filmato era stato utilizzato in un film di propaganda di quarantadue minuti, inteso a dimostrare che lo stato non aveva pietà per i nemici del popolo. Con questo filmato in mano, Loznitsa ha cambiato rotta e ha deciso di girare un film su un singolo processo;

il suo progetto di notevole durata, che utilizza solo filmati originali senza commenti, è una sorta di remake documentario.

Il film esamina il processo per crimini di guerra a Kiev, in Ucraina, nel gennaio 1946, in seguito al massacro descritto nel film precedente. È di nuovo prodotto da Atoms & Void di Loznitsa con la produttrice Maria Choustova. Il regista sta anche pianificando un terzo progetto relativo a Babi Yar che sarà un film drammatico basato sul massacro. Di seguito una clip pubblicata su YouTube:

Un processo dall’inizio alla fine

The Kiev Trial, la recensione: un processo alla storia in Ucraina

Babi Yar che ha debuttato a Cannes a luglio, racconta la storia dietro l’incidente a Kiev nel settembre 1941, quando i nazisti e i loro sostenitori massacrarono oltre 30.000 ebrei.

Il contesto è stato oggetto di controversia in Ucraina con alcuni importanti storici del posto e personaggi dei media che si sono espressi contro il film. Il regista ha suggerito di aver contestato il modo in cui il documentario mostra la polizia ausiliaria ucraina come pienamente complice del massacro degli ebrei.

Il direttore ha affermato che è un “fatto storico” che la polizia abbia partecipato non solo a questa ma ad altre atrocità durante l’Olocausto. Babi Yar è stato ampiamente proiettato in Ucraina. Il film è stato messo a disposizione gratuitamente nei cinema del paese ed è stato proiettato due volte in TV.

Loznitsa ha un altro nuovo documentario, Mr Landsbergis, che parla del leader politico lituano ispiratore che è stato uno dei fondatori del movimento indipendentista lituano. Ha aiutato a guidare il paese alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, quando stava cercando di staccarsi dall’Unione Sovietica.

Il regista ucraino sta portando avanti anche un altro nuovo progetto, The Natural History Of Destruction. Ispirato dall’omonimo libro dello storico culturale WG Sebald, il film esamina i bombardamenti a saturazione delle città tedesche durante la seconda guerra mondiale da parte degli Alleati. Questo è basato sull’archivio e sarà realizzato in gran parte senza voci, ma si ascolteranno le voci di protagonisti chiave come Winston Churchill, Bomber Harris e il generale Montgomery. Babi Yar è stato nominato per il miglior film documentario agli European Film Awards che si sono tenuti in una cerimonia in scala ridotta a Berlino.

La banalità del male

The Kiev Trial, la recensione: un processo alla storia in Ucraina

Continuiamo la recensione di The Kiev Trial dicendo che inizia con una campana che annuncia l’inizio. Le persone vengono introdotte nella Sala delle Colonne, uno spazio iconico di Mosca, che può ospitare più di mille posti. La telecamera cattura il pubblico e un folto gruppo di uomini di mezza età in giacca e cravatta, seduti a tavoli ricoperti di stoffa punteggiati di lampade da banca. È uno shock quando alcuni di questi uomini si avvicinano al microfono per identificarsi e dichiararsi colpevoli: fino a quel momento, gli uomini sembrano essere membri di un unico gruppo.

Questo è essenzialmente accurato: i giudici, il pubblico ministero, i cancellieri e gli imputati sono tutti membri del cast. Stanno svolgendo i ruoli assegnati. Il resto delle persone nella sala – uomini e donne di età diverse, alcuni vestiti con uniformi militari e altri con abiti civili, ma tutti vestiti al meglio – sono il pubblico e il loro compito è credere a tutto ciò che vedono.

Otto uomini sono sotto processo. Il più giovane ha trentanove anni e il più anziano sessantasei. Tutti sono professori o ingegneri di alto livello. Sono accusati di appartenere al Partito Industriale, un’organizzazione tentacolare il cui obiettivo era sabotare lo sviluppo industriale sovietico e, infine, con l’aiuto del governo francese e degli emigrati russi all’estero, prendere il potere.

Eppure tutti e otto gli uomini si sono dichiarati colpevoli. Sorprendentemente, non esiste una vera narrativa del crimine. Testimoni e imputati sono confusi su ciò che dovrebbero dire. A un certo punto, un imputato afferma di non essere un membro.

“Non eri un membro, dici?” chiede il giudice. “Non mi ero reso conto di essere un membro”, offre l’imputato. Cercando a tentoni ciò che avrebbe dovuto dire, afferma che stava lavorando con gli interventisti.

Un testimone divaga: “Le cose non sono andate come previsto. . . . La lotta di classe è continuata. . . . ”—finché non si convince a confessarsi e ammette di aver fatto parte di un complotto. Procede a chiedere pietà alla corte.

Infine, il pubblico ministero, fa un discorso senza dettagli. La telecamera mostra gli imputati che ascoltano attentamente: per le loro dichiarazioni finali, avranno bisogno di qualunque storia credibile.

Ma non c’è una storia, solo uno stato d’animo, la sensazione che nonostante quello che diranno la decisione è già stata presa, sanno cosa li aspetta.

Solo alla fine del suo discorso il p.m. entra in modalità oratoria. La sua voce improvvisamente rimbomba. I suoi gesti diventano ampi. Butta giù il libro che ha in mano. “Chiunque nell’URSS possa aiutare nel tentativo di distruggere lo stato deve essere spazzato via una volta per tutte”, dice. “L’accusa di stato chiede che la sessione speciale del tribunale condanni a morte ogni singolo accusato per fucilazione!” La sala esplode in applausi. La gente si alza e grida. Il pubblico si trasforma in una folla.

È sorprendente che il processo abbia avuto luogo appena tredici anni dopo la rivoluzione bolscevica. Tutti gli imputati sarebbero stati adulti, anche professionisti, prima del cambio di regime, non sarebbero stati modellati, a quanto pare, dal totalitarismo. Al momento del processo, il terrore di stato non era ancora stato avvertito nelle città con la stessa forza che nelle campagne. Era il periodo prima delle epurazioni, prima dei più noti processi farsa, durante l’anno in cui il Gulag stava appena nascendo. Eppure ognuno recita diligentemente il suo ruolo. Tutto ciò che fanno è chiedere pietà.

Tutti gli imputati vengono condannati a morte per impiccagione; e verrà effettuata a bordo di alcune jeep militari in modo molto crudo.

Un palpabile senso di casualità è il singolare risultato di Loznitsa. Come nel processo stesso, in The Kiev Trial non c’è una storia, solo lo spettacolo della trasformazione delle persone in quello che la storia li ha costretti a essere o così sembra…

Segui il nostro hub dedicato alla Mostra del Cinema di Venezia: leganerd.com/tag/venezia79

73
The Kiev Trial
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di The Kiev Trial dicendo che è un documentario potente che vi trasporta in degli anni che sembrano essere lontani ma non lo sono poi così tanto. Il processo è intenso ma allo stesso tempo surreale in qualche modo, sembra che non stia per finire come finirà. Scene molto crude sul finale che mostrano fino in fondo la giustizia.

ME GUSTA
  • The Kiev Trial è come uno spettacolo, completo di reazioni del pubblico, ambientato in una sala di marmo tetra con grandiosi lampadari e l'aria pesante.
  • Un palpabile senso di casualità è il singolare risultato di Loznitsa.
  • il suo progetto di notevole durata, che utilizza solo filmati originali senza commenti, è una sorta di remake documentario.
FAIL
  • Ma non c'è una storia, solo uno stato d'animo, la sensazione che nonostante quello che diranno la decisione è già stata presa, sanno cosa li aspetta.
Eismayer, la recensione: la battaglia per diventare se stessi
Eismayer, la recensione: la battaglia per diventare se stessi
Chiara, la recensione: il ritratto di una santa rivoluzionaria
Chiara, la recensione: il ritratto di una santa rivoluzionaria
Bentu, la recensione: per ogni cosa c'è il suo tempo
Bentu, la recensione: per ogni cosa c'è il suo tempo
Ti mangio il cuore, la recensione: un racconto di vendetta che si ripete
Ti mangio il cuore, la recensione: un racconto di vendetta che si ripete
When the Waves are Gone, la recensione: quando la corruzione dilaga
When the Waves are Gone, la recensione: quando la corruzione dilaga
A Man - Aru Otoko, la recensione: uno, nessuno e centomila
A Man - Aru Otoko, la recensione: uno, nessuno e centomila
Blonde, la recensione: non sempre i diamanti sono i migliori amici delle donne
Blonde, la recensione: non sempre i diamanti sono i migliori amici delle donne