Cervello e tessuto adiposo possono comunicare tra di loro

3 mesi fa

Un nuovo meccanismo che regola il consumo dei grassi corporei è stato scoperto. Non sono degli ormoni presenti nel flusso sanguigno a dare istruzione al cervello di utilizzare le scorte di grasso presenti nel tessuto adiposo per produrre energia, ma, a quanto pare, lo stesso tessuto contiene dei neuroni che inviano dei messaggi direttamente al cervello.

Lo studio in cui si parla di queste nuove cellule scoperte è stato pubblicato sulla rivista Nature da parte di un gruppo di ricerca dello Scripps Research Institute negli Stati Uniti. I risultati di questa ricerca potrebbero essere utilizzati per curare al meglio patologie come obesità e altre malattie del metabolismo.

Questa scoperta è stata possibile grazie a due nuove tecniche. La prima è una tecnica di imaging che ha permesso di rendere trasparenti i tessuti del topo presi in esame chiamata HYBRiD. Questa ha permesso di osservare meglio i percorsi dei neuroni nel tessuto adiposo. La seconda tecnica chiamata Root, invece, ha dato la possibilità ai ricercatori di capire quale fosse il ruolo di ciascuno di questi neuroni.

La scoperta di questi neuroni suggerisce per la prima volta che il nostro cervello esamini attivamente il nostro grasso, invece di ricevere solo passivamente messaggi al riguardo. I risultati indicano che non c’è un’unica istruzione valida per tutti che il cervello invia al tessuto adiposo. Ci sono due tipi di neuroni che agiscono come un pedale dell’acceleratore e del freno, spingendo il corpo a bruciare più grassi oppure ad accumularli

Li Ye, uno degli autori dello studio

 

Obesità, nei bambini influenza anche le attività cognitive
Obesità, nei bambini influenza anche le attività cognitive
Sabbia: può aiutare a dimagrire e contrastare l'obesità
Sabbia: può aiutare a dimagrire e contrastare l'obesità
Un ibrido è stato ottenuto inserendo neuroni umani nel cervello dei ratti
Un ibrido è stato ottenuto inserendo neuroni umani nel cervello dei ratti
Mangiare tardi: aumenta il rischio di obesità
Mangiare tardi: aumenta il rischio di obesità
Diabete e obesità: in aumento con l'ora legale permanente
Diabete e obesità: in aumento con l'ora legale permanente
Carbone attivo: potrebbe prevenire obesità e diabete
Carbone attivo: potrebbe prevenire obesità e diabete
Alzheimer: utilizzare la microgravità per studiarne le cause
Alzheimer: utilizzare la microgravità per studiarne le cause