Dota: Dragon’s Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

6 mesi fa

7 minuti

Dota: Dragon's Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

All’inizio Dota: Dragon’s Blood non sembrava aver ottenuto un’attenzione significativa al momento della sua uscita. Ancora un altro cartone animato Netflix adattato dai videogiochi che cavalca la scia dell’animazione fantasy per adulti lasciata dall’adattamento animato di Castlevania… Iniziamo la recensione di Dota: Dragon’s Blood 3 (creato da Ashley Edward Miller) dicendo che non duella bene contro l’agile canone contemporaneo dei prodotti animati come l’innovativo Arcane. Ma sebbene i suoi difetti siano stati cospicui, non è necessariamente una produzione immeritevole.

Indipendentemente dal fatto che voi siate esperti o meno del materiale originale, il videogioco MOBA Dota 2, Dota: Dragon’s Blood 3 può incuriosire un fan generico dell’animazione dark fantasy. Condivide anche un lignaggio con il franchise Avatar: The Last Airbender per gentile concessione dei suoi piacevoli design dello Studio Mir (Legend of Korra) con sede in Corea del Sud, un tocco di atmosfera umoristica e marchio di fabbrica espressioni sciocche di detto studio e un credito di storia televisiva di Bryan Konietzko. Il fatto che Netflix lo commercializzi come un “anime” nonostante non si adatti alla definizione rigorosa di un’animazione di fabbricazione giapponese è tutta un’altra storia.

Godersi il cartone animato è pieno di avvertimenti. Connettersi emotivamente alla costruzione del mondo magico in Dota: Dragon’s Blood 3 è come affondare i denti in boccone troppo duro, sia perché i suoi elementi di elfi e draghi sembrano troppo familiari e c’è un’intimità troppo fugace con le sue idiosincrasie culturali o vissute. Immerso in un mondo fantastico popolato da draghi, il Libro 1 è iniziato con il Cavaliere Drago Davion (Yuri Lowenthal) che affronta un misterioso possesso del suo corpo e della sua mente, la sua alleanza con la Principessa Mirana (Lara Pulver) in esilio, le macchinazioni per giocare a scacchi potente mago noto come l’Invocatore (Troy Baker) e una tonnellata di altri archi.

L’Invoker, ora raggiunto da Mirana, Davion e il resto, ha in programma di fare un assalto finale contro il demone Terrorblade.

Anche se la situazione sembra essere a loro favore, The Invoker rivela i suoi piani segreti, sconvolgendo il mondo intero. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Una storia avvincente

Dota: Dragon's Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

Ora, con i ricordi cancellati e il mondo creato secondo i gusti di The Invoker, gli eroi devono trovare un modo per correggere i torti. Nel processo, le relazioni vengono messe alla prova e vengono svelati enormi segreti che cambieranno tutto. Chi vincerà?

Dota: Dragon’s Blood 3 inizia in modo estremamente forte, immergendosi immediatamente nella lotta in corso tra The Invoker e Terrorblade. I primi due episodi, di conseguenza, sono frenetici ed esilaranti.

I combattimenti, sebbene a volte siano un mash di CGI 3D e animazione 2D, riescono ad essere coinvolgenti.

La narrazione prende una svolta piuttosto creativa con la ricreazione del mondo. Ciò consente l’esplorazione di numerosi scenari e la possibilità di rivisitare personaggi interessanti. L’esistenza è un tema prevalente per tutta la stagione ed è gestita bene dai creatori. Anche i dialoghi sono forti.

Per tutti gli eventi che si verificano nelle tre stagioni, il finale funziona bene e fornisce lo sviluppo di un certo numero di personaggi. Nonostante un inizio e una fine forti, il resto della stagione, soprattutto quando i personaggi stanno cercando di capire la verità sul loro mondo, si trascina considerevolmente.

L’animazione è un mix. A volte bello da vedere, altre volte un pugno nell’occhio. Questo è qualcosa che Netflix deve capire per molti dei suoi contenuti anime in generale.

Per chi non ha familiarità con il gioco, la serie rimane un po’ difficile da digerire con alcuni dettagli senza contesto.

Non è sufficiente guardare e capire ogni parte di esso, probabilmente dovrete familiarizzare con il materiale già esistente.

L’importanza dell’aspetto visivo

Dota: Dragon's Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

Come vi abbiamo anticipato è finalmente disponibile su Netflix Dota: Dragon’s Blood: 3, la nuova stagione della serie animata basata su Dota 2, un MOBA gratuito (Multiplayer Online Battle Arena) basato su una mappa speciale di Warcraft 3 pubblicata da Valve Corporation nel 2013. La serie Netflix è realizzato da Studio MIR, studio di animazione coreano che è anche il creatore del film d’animazione The Witcher: Nightmare of the Wolf.

Come le due stagioni precedenti, anche questa si compone in totale di 8 episodi della durata di circa 26-28 minuti ciascuno. Questa stagione è caratterizzata da un intreccio leggermente più complesso e da un design grafico molto accattivante. Tuttavia, il fatto che i topoi narrativi impiegati siano già stati visti molte più volte in iterazioni come questa può essere un problema per gli spettatori più esigenti. Ma procediamo con ordine.

Nel Libro 3 noterete come accanto al protagonista principale Davion anche altri personaggi ricopriranno un ruolo molto importante, come l’Invoker, doppiato in inglese da Troy Baker, nome noto nel mondo del doppiaggio e dei videogiochi.

Senza entrare nei dettagli della trama nella recensione di Dota: Dragon’s Blood: Book 3 per evitare spoiler, possiamo dire che la storia si fa più intricata e complessa, anche se non in maniera tale da rendere difficile la comprensione o inciampare il ritmo narrativo.

Al contrario, i nuovi sviluppi sono nel complesso interessanti e rendono dinamica la storia.

Tuttavia, come abbiamo già brevemente accennato in precedenza, sono stati impiegati alcuni espedienti narrativi che di per sé forniscono diversi spunti interessanti per alcuni nuovi sviluppi della storia, ma che abbiamo già potuto vedere in molte altre opere.

Certo, questo particolare non intacca la visione, né la qualità generale del Libro 3 ma è opportuno che se ne parli qui, poiché è un aspetto che potrebbe portare a certi sviluppi a volte prevedibili o, comunque , non sempre riuscito.

La crescita dei personaggi

 Dota: Dragon's Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

Gli scontri e le battaglie sono parte integrante del mondo crudele rappresentato nella serie, e la loro crudezza traspare grazie all’eccellente resa visiva finale. Lo scontro tra bene e male, tra bianco e nero, si tinge di nuovi colori in questo Libro 3 di Dota – Dragon’s Blood, scoprirete diverse nuove sfaccettature del personaggio di personaggi già noti agli spettatori della serie.

Vedrete, quindi, come i personaggi siano cresciuti, maturati e, in alcuni casi, anche cambiati, e spinti, a volte, a compiere azioni estreme per evitare danni maggiori o per il proprio tornaconto personale. In questo senso, quindi, possiamo dire che l’indagine psicologica dei personaggi è una caratteristica che viene ulteriormente indagata in questa stagione rispetto alle precedenti.

Uno dei punti a favore della serie in generale è la buona realizzazione generale, gestita, come abbiamo già detto, dallo Studio MIR.

Le scarse scene in cui viene utilizzata la computer grafica per creare un effetto tridimensionale non si sposano perfettamente con gli sfondi bidimensionali, ma si tratta di un piccolo neo in una creazione davvero ammirevole, sia dal punto di vista grafico che delle animazioni.

In questa ultima stagione di Dota – Dragon’s Blood 3 sono diversi gli scontri, alcuni dei quali vedono la partecipazione di interi eserciti. Rendere correttamente scene così dinamiche come le battaglie non è un compito facile, soprattutto se a queste battaglie prendono parte anche maghi, con le loro colorate esplosioni di magia, e giganteschi esseri mitologici come i draghi.

Dal punto di vista visivo, quindi, non solo le aspettative non sono state del tutto soddisfatte ma, anzi, siamo di fronte a un lavoro ancora migliore, rispetto alle precedenti stagioni della serie. E c’è anche un piccolo gioiellino, una sorta di Easter Egg, se volete: come potete vedere anche nel trailer che trovate in cima a questo articolo, possiamo vedere un esercito composto da creature soprannaturali quasi evanescenti, di colore verde a colori: la scena ricorda molto da vicino l’epica Battaglia del Fosso di Helm dal Signore degli Anelli (la scena è presente nel secondo film della trilogia di film diretta da Peter Jackson, ovvero Le due Torri).

Conclusioni

 Dota: Dragon's Blood 3, la recensione: una storia di creazione e distruzione

Al momento non ci sono ancora notizie ufficiali riguardanti una nuova stagione della serie; del resto, però, va anche aggiunto che Netflix non ne ha nemmeno annunciato la cancellazione. Nonostante l’attuale arco narrativo si concluda con Dota – Dragon’s Blood: Book 3, infatti, il mondo fantastico in cui è ambientata la serie può comunque offrire diversi altri spunti narrativi che potrebbero rivelarsi interessanti e che potrebbero farci conoscere ancora meglio il mondo e gli individui che lo abitano.

Tutti gli 8 episodi di DOTA – Dragon’s Blood: Book 3 sono disponibili per la visione dallo scorso 11 agosto esclusivamente su Netflix.

79
Dota: Dragon's Blood
Recensione di Laura Della Corte

Tecnicamente ben fatto e visivamente impressionante, Dota - Dragon's Blood 3 è una stagione che farà sicuramente divertire i fan in maniera piacevole. Grazie all'introduzione di alcuni elementi narrativi completamente nuovi il ritmo narrativo è ben assecondato, e le tante scene di combattimenti epici vi stupiranno in maniera molto piacevole.

ME GUSTA
  • Dota: Dragon's Blood 3 inizia in modo estremamente forte, immergendosi immediatamente nella lotta in corso tra The Invoker e Terrorblade.
  • Creazione davvero ammirevole, sia dal punto di vista grafico che delle animazioni.
  • Sono stati impiegati alcuni espedienti narrativi che di per sé forniscono diversi spunti interessanti per alcuni nuovi sviluppi della storia.
FAIL
  • Le scarse scene in cui viene utilizzata la computer grafica per creare un effetto tridimensionale non si sposano perfettamente con gli sfondi bidimensionali
You 4: tutto quello che c'è da sapere sulla nuova stagione
You 4: tutto quello che c'è da sapere sulla nuova stagione
Vikings: Valhalla, la recensione: storia e finzione si fondono su un nuovo scenario
Vikings: Valhalla, la recensione: storia e finzione si fondono su un nuovo scenario
Junji Ito Maniac: cosa c'è da sapere sull'antologia horror animata in arrivo su Netflix
Junji Ito Maniac: cosa c'è da sapere sull'antologia horror animata in arrivo su Netflix
The Witcher: Blood Origin, la recensione: il prequel parla solo di elfi che litigano
The Witcher: Blood Origin, la recensione: il prequel parla solo di elfi che litigano
Treason, la recensione della miniserie Netflix con Charlie Cox
Treason, la recensione della miniserie Netflix con Charlie Cox
Emily in Paris 3, la recensione
Emily in Paris 3, la recensione
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese