Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte

2 settimane fa

6 minuti

Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio

Un’altra settimana è già passata e un altro episodio di Obi-Wan Kenobi è arrivato. Iniziamo la recensione del quinto episodio di Obi-Wan Kenobi dicendo che la serie è stata un argomento di conversazione sui social media nelle ultime settimane. Le reazioni agli episodi sono state polarizzanti, per non dire altro. Molte persone difendono la serie “a spada tratta”, dicendo che è una delle migliori mai realizzate. Altri non hanno la stessa opinione.

La Parte V si apre con quello che dovrebbe essere un breve flashback di una sessione di allenamento tra Obi-Wan e Anakin Skywalker, entrambi ancora Jedi, anche se il tempo trascorso dall’ultima volta che li abbiamo visti in quella forma è rivelato da i volti invecchiati di entrambi gli attori, in particolare Hayden Christensen. La scena si sposta poi su Vader e su Reva, che gli dice che il localizzatore che ha piantato nel droide di Leia Lola li ha rintracciati fino a Jabiim. Reva viene promossa a Grande Inquisitore per le informazioni.

La verità si trova da qualche parte nel mezzo. È vero che ci sono alcune cose interessanti nella serie Obi-Wan Kenobi, specialmente nell’episodio 5. Ewan McGregor continua a essere il momento clou delle puntate, e questo episodio cerca di compensare la mancanza di azione negli episodi successivi. Tuttavia, questo episodio soffre esattamente dei problemi come gli ultimi quattro episodi; mancanza di grandi momenti insieme al personaggio e strano posizionamento musicale.

L’episodio 5 inizia esattamente nello stesso posto in cui l’episodio 4 è terminato. Lì abbiamo appreso che Lola, la compagna di Leia, era stata violata dall’Impero, e stava fungendo da bug. L’Impero è stato in grado di individuare le rotte dei rifugiati e seguirle, con Reva come leader di fatto dell’Inquisizione. Ciò che vediamo in questo episodio costituisce sostanzialmente le conseguenze di quell’evento, e il risultato è un episodio che funziona come un pezzo d’azione.

Questo è il primo episodio che in realtà dà un sacco di momenti a Hayden Christensen, sia a forma di Anakin Skywalker che Darth Vader.

Vedere l’attore tornare dopo così tanti anni è meraviglioso, e colpisce davvero le corde della nostalgia come nient’altro.

Una luce che non svanisce mai

Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio

Continuiamo la recensione del quinto episodio di Obi-Wan kenobi dicendo che Christensen è chiaramente più vecchio dell’ultima volta che lo abbiamo visto, quindi è abbastanza strano che il flashback scelto per questo episodio lo collochi ai suoi giorni di Padawan, invece dei suoi giorni successivi… Comprendiamo che la lezione insegnata al personaggio si adatta meglio se è un padawan, ma vederlo così vecchio, ti porta davvero fuori dall’episodio ogni volta che la telecamera si avvicina a lui.

Jabiim è pieno di rappresentanti del Sentiero, tra cui Roken, Tala e Haja, e una pletora di quelli che sono essenzialmente rifugiati sfollati. Tutti stanno operando in un lasso di tempo rigoroso che è stato rimandato per facilitare il salvataggio di Leia da parte di Obi-Wan. Ma Vader e Reva sono fuori praticamente all’istante, il che significa che Obi-Wan deve escogitare un piano per tenere a bada l’Impero abbastanza a lungo da permettere a tutti di scappare. È rischioso e disperato e richiede un livello di fiducia e lavoro di squadra ma è l’unica opzione.

Con l’Impero che fa esplodere la porta dell’hangar e tutti gli altri bloccati all’interno e Leia nelle prese d’aria per cercare di diagnosticare perché le porte del tetto non si aprono, Obi-Wan non ha altra scelta che cercare di guadagnare tempo negoziando con Reva. Qualcosa che ha rivelato nel loro precedente incontro, sul sapere che Vader era Anakin, gli dà un’idea.

Ha scoperto che era una ragazzina durante l’Ordine 66, ed era all’interno del Tempio Jedi su Coruscant quando Anakin, ha fatto a pezzi tutti i bambini.

Un flashback lo conferma. Lei era lì. Vide Anakin macellare i suoi amici e finse di essere morta tra i loro corpi finché non se ne andò. Obi-Wan deduce la verità: non sta servendo Vader, gli sta dando la caccia.

Il duello finale si avvicina

Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio

Ci avviamo alla conclusione della recensione del quinto episodio di Obi-Wan Kenobi dicendo che tutto ha inizio quando Reva si fa strada attraverso la porta. Nella frenetica ritirata, il robot caricatore viene sbattuto per difendere tutti e Tala prende un colpo di blaster allo stomaco. In un momento obbligato di eroico sacrificio di sé, sigilla Obi-Wan dietro la porta accanto e rilascia un detonatore termico per ritardare l’avanzata dell’Impero. Ma finisce per essere un po’ inutile. Vader può percepire che ha già Obi-Wan nelle sue mani poiché sa che Obi-Wan farà tutto il possibile per proteggere le persone. E proteggere queste persone significa arrendersi a Vader per fargli guadagnare tempo.

Lo sanno entrambi, quindi Obi-Wan fa come previsto, dando ad Haja le sue armi e presentandosi all’Impero disarmato e solo.

Ciò su cui Obi-Wan conta è l’aiuto di Reva. Le sta dando l’opportunità di provare ad attaccare Vader, e spera che l’ossessione di Vader per la vittoria – che ha contribuito alla sua caduta nel Lato Oscuro in primo luogo, e che vediamo nel microcosmo nei ripetuti flashback di quella sessione di sparring – lo farà mantenere la sua concentrazione su Obi-Wan a tal punto che Reva ha l’opportunità di colpire.

Quando Vader arriva di persona, Obi-Wan si è già liberato ed è tornato dai membri del Sentiero, dove Leia, che ha rimosso il dispositivo di localizzazione da Lola, è riuscita ad aprire le porte. Ma in un momento di estrema durezza, Vader strappa in aria la nave in ritirata con la Forza, la trascina di nuovo a terra e ne strappa dei pezzi. Un’altra nave più piccola decolla dall’interno, molto più veloce e agile. Il Sentiero è scappato, anche se un goffo Haja ha accidentalmente lasciato dietro di sé il comunicatore di Obi-Wan, che contiene un messaggio di Bail sui “bambini” e una menzione specifica di Tatooine e Ben.

Reva coglie l’occasione per attaccare Vader, ma è un completo fallimento. Non tira fuori nemmeno la sua spada laser. La colpisce semplicemente con la Forza, le toglie la spada a doppia lama e gliela passa rivelando che sapeva chi era fin dall’inizio – e così ha fatto il Grande Inquisitore originale, che arriva giusto in tempo per prendere il suo distintivo. È una perdita tremenda per Reva, che si contorce nella terra. C’è un arco di redenzione in arrivo? Rivelando che sapeva chi era Reva tutto il tempo, Vader gongola sul suo corpo morente con (sorpresa!) Il grande inquisitore originale, che dopo tutto non è morto.

La parte migliore della serie sono quelle quando Darth Vader è sullo schermo e, si spera, Disney otterrà il suggerimento per fare una serie in cui è il personaggio centrale. Le scene di flashback dell’allenamento Obi-Wan con Anakin sono state una bel richiamo alla trilogia dei prequel e avrebbe dovuto essere al centro dell’episodio. Speriamo che gli showrunner stiano salvando il meglio per l’ultimo episodio e i fan del franchise avranno una conclusione soddisfacente.

“La vendetta fa miracoli per la volontà di vivere”, non facendo nulla per spiegare come è sopravvissuto a una spada laser all’intestino nel primo episodio. È Reva che trova il comunicatore di Obi-Wan a terra. Sente le parole “ragazzo” e “Tatooine”. Obi-Wan percepisce la sua scoperta e “Parte V” si chiude con l’inquadratura di un ragazzino addormentato che penso tutti possiamo identificare…

 

Obi-Wan Kenobi episodio 5, Parte V,  è disponibile per la visione esclusivamente su Disney+.

 

82
Obi-Wan Kenobi
Recensione di Laura Della Corte

Per concludere la recensione del quinto episodio di Obi-Wan Kenobi il finale e il messaggio che sentiamo rendono le cose tese per il finale della prossima settimana. Sentendo "The Boy" e "Tatooine", sappiamo dove stiamo andando dopo. Obi-Wan Kenobi continua a muoversi a un ritmo incalzante attraverso il retroscena di Star Wars, ma ci sono sicuramente troppe estremità sciolte la serie riuscirà a rimetterle tutte insieme?

ME GUSTA
  • Da solo il ritorno di Hayden Christensen nei panni della trilogia originale è un colpo al cuore, in tutti i sensi.
  • L'episodio in termini di scene d'azione è molto coinvolgente ma...
  • Scoprire nuovi dettagli sul passato di Reva rende la storia molto interessante e inaspettata.
  • Il finale fa sperare bene per una chiusura in grande stile della serie.
FAIL
  • ...viene tralasciato l'aspetto di avvicinamento al personaggio centrale della serie.
  • C'è il timore che non tutte le fila narrative vengano degnamente rimesse insieme.
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino