For All Mankind 3, la recensione: verso una nuova frontiera planetaria

2 mesi fa

7 minuti

For All Mankind 3, la recensione

Non per fare sempre la voce fuori dal coro, ma è una verità dire che, per ora, i prodotti di Apple TV+ sono tra i meno conosciuti in Italia. La maggioranza delle persone vi diranno che Severance o Ted Lasso sono i migliori programmi “partoriti” da Apple TV Plus e, sebbene abbiano sicuramente ricevuto ottime ricezioni e vinto alcuni premi, non sono le uniche serie degne di nota su Apple TV Plus. Quest’onore spetta a anche a For All Mankind e nella recensione di For All Mankind 3 vi parleremo della storia di fantascienza del creatore di Battlestar Galactica, Ron D. Moore.

So che è controverso da dire, ma utti amano la miscela di ottimismo e umorismo di Ted Lasso e adorano ciò che Severance ha da dire sul nostro equilibrio tra lavoro e vita privata. Queste serie tv certamente affascinano sin dai primi istanti mentre i primi episodi di For All Mankind impallidiscono in confronto. Ma la seconda metà della prima stagione di For All Mankind e l’intera seconda stagione della serie erano ben strutturate, piene di mistero, umorismo e sequenze d’azione davvero interessanti.

La serie tv è iniziata come una storia alternativa, in cui l’URSS ha battuto gli Stati Uniti per la corsa alla Luna e, nel tentativo di vincere le PR durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno deciso di inviare una donna sulla luna in cerca di acqua.

Dopo quel momento, la serie abbraccia la fantascienza tanto quanto la storia alternativa. La prima stagione ha seguito Space Program dalla fine degli anni ’60 alla metà degli anni ’70. La seconda stagione si è concentrata sulla metà degli anni ’80. A giudicare dall’uso di Soundgarden nel trailer, la terza stagione è ambientata negli anni ’90. Ma il programma spaziale di questi anni ’90 alternativi sembra assomigliare molto di più al programma spaziale del 2022, completo del coinvolgimento di grandi miliardari.

Una corsa a tre verso Marte è destinata a decollare con il ritorno di For All Mankind su Apple TV Plus, di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Il Pianeta Rosso

For All Mankind 3, la recensione

Continuiamo la recensione di For All Mankind 3 dicendo che la scorsa stagione è stata in cima a più liste come il miglior show dell’anno. La terza stagione vede ancora una volta la serie fare un salto in avanti di quasi 10 anni, questa volta riprendendo nei primi anni ’90 con tutti gli occhi puntati a raggiungere prima il Pianeta Rosso.

“Non arriveremo di nuovo al secondo posto per nessuno”, afferma Margo Madison (Wrenn Schmidt), che l’ultima volta che era stata vista nella seconda stagione era passata dall’essere la prima donna ingegnere in Mission Control a direttrice del Johnson Space Center della NASA a Houston. Sottolineando le sue parole e suonando per tutto il trailer c’è la canzone del 1994 Black Hole Sun dei Soundgarden.

La terza stagione di dieci episodi debutterà a livello globale con il primo episodio venerdì 10 giugno, seguito da un nuovo episodio settimanale, ogni venerdì, su Apple TV+.

La nuova stagione propulsiva della serie di realtà alternativa porta gli spettatori in un nuovo decennio, spostandosi nei primi anni ’90 con una corsa ad alto numero di ottani verso una nuova frontiera planetaria: Marte.

Il Pianeta Rosso diventa il nuovo obiettivo della Corsa allo Spazio non solo per gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, ma anche un nuovo arrivato inaspettato con molto da dimostrare e ancora di più in gioco. I nostri personaggi si trovano a confrontarsi mentre le loro ambizioni per Marte entrano in conflitto e la loro lealtà viene messa alla prova, creando una pentola a pressione che arriva a una conclusione culminante.

Il cast dell’ensemble che tornerà per la terza stagione include Joel Kinnaman, Shantel VanSanten, Jodi Balfour, Sonya Walger, Krys Marshall, Cynthy Wu, Casey Johnson, Coral Peña e Wrenn Schmidt, insieme a Edi Gathegi che interpreterà Dev Ayesa. For All Mankind 3 è stato creato dal vincitore dell’Emmy Award Ronald D. Moore e dai candidati agli Emmy Award Ben Nedivi e Matt Wolpert.

Un Crocevia Sci-Fi

For All Mankind 3, la recensione

A volte, mentre sarete alla visione della terza stagione di For All Mankind, dimenticherete che state guardando una serie di fantascienza. Questo perché mentre la maggior parte della fantascienza è una sorta di allegoria del nostro mondo, For All Mankind in realtà riguarda solo la storia che sta raccontando e si scopre che il modo migliore per rendere la fantascienza grintosa e avvincente è solo renderla il più realistica possibile.

Sebbene la serie abbia già fatto salti temporali, la terza stagione è il momento in cui hai la sensazione di essere solo a metà di questa enorme storia. Alla fine della seconda stagione, il creatore di For All Mankind, il leggendario Ronald D. Moore, ha detto che ha in programma un arco di sette anni per la serie.

La prima stagione è iniziata nel 1969, presentando una linea temporale alternativa in cui la Russia ha battuto gli Stati Uniti sulla luna nella corsa allo spazio. Alla fine di quella stagione, era il 1973 e la NASA aveva stabilito una base lunare. Nella seconda stagione, siamo andati avanti fino al 1983 e la serie ha esplorato la Terra e la Luna trasformate, in cui le armi, sia nucleari che convenzionali, hanno quasi capovolto la Luna.

Ma ora, la Luna è appena menzionata. La terza stagione di For All Mankind inizia nell’anno 1992 e l destinazione è Marte.

Per la prima volta, la serie è meno interessata a fare una riflessione fantascientifica su una guerra fredda prolungata. Invece, sembra che stia piantando i semi per qualcosa di molto più grande.

Come anticipato nel finale della seconda stagione, l’obiettivo principale della terza stagione di For All Mankind è la corsa verso Marte. Una volta che le persone iniziano ad atterrare su Marte, la serie la rende il più realistico possibile. Spesso dolorosamente. For All Mankind 3 è così forte che fa sembrare una favola della buonanotte la storia di sopravvivenza di The Martian.

Mentre le storie di fantascienza su Marte sono state di ogni genere, For All Mankind 3 si distingue perché è una storia umana avvincente sopra ogni altra cosa.

Considerazioni finali

For All Mankind 3, la recensione

Arriviamo alla conclusione di For All Mankind 3 dicendo che la serie riesce a fare un giusto compromesso tra il racconto vero e proprio di fantascienza e il lavoro sui personaggi. Invece, i due aspetti sono perfettamente integrati. Se c’è qualcosa che richiede una leggera sospensione dell’incredulità è semplicemente che in questa linea temporale, le persone più importanti del mondo, sono tutte, in qualche modo, legate al mondo del volo spaziale.

Ma poiché For All Mankind ha gettato basi così convincenti con le due stagioni precedenti, l’idea che un programma spaziale più robusto avrebbe trasformato completamente la politica e l’economia non è una pillola così difficile da ingoiare.

Se vogliamo trovare un difetto For All Mankind 3 ha un punto debole: la sua continuità crescente e complessa. A questo punto, siamo ben oltre la novità dell’effetto farfalla iniziata nella stagione 1. In effetti, i riferimenti a questa stagione che si svolge negli anni ’90 sono minimi. A parte l’assenza di Internet e smartphone, questa stagione potrebbe, svolgersi ai giorni nostri. Presenta anche una specie di falso SpaceX chiamato Helios, completo di una versione degli anni ’90 di Elon Musk…

E così, per la prima volta, gli anacronismi intenzionali di For All Mankind non sembrano così stridenti. Il mondo degli anni ’90 è sia esteticamente che politicamente più vicino al mondo in cui viviamo oggi rispetto agli anni ’60, ’70 o ’80.

Anche se la serie è ancora un dramma storico ambientato in un passato alternativo, puoi sentire la narrazione mettersi al passo con il nostro attuale presente.

Quanto lontano andrà questa storia? Bene, se ogni stagione continua a fare un salto in avanti di circa dieci anni, entro la quinta stagione la serie avrà quasi raggiunto i giorni nostri e negli ultimi due anni si estenderà al futuro. Ma, negli anni ’90 alternativi della terza stagione, lo show è già riuscito a convincerti della tecnologia spaziale esistente in passato che solo ora sta decollando nel presente. La sfida per la serie sarà quella di continuare.

 

For All Mankind debutta venerdì 10 giugno su Apple Tv+.

 

 

79
For All Mankind 3
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di For All Mankind 3 con una domanda: si continuerà ad andare più lontano nello spazio? La maggior parte della fantascienza prende questa domanda per scontata. Il potere di For All Mankind 3 è che rende lo spazio irraggiungibile e raggiungibile contemporaneamente. È una serie tv seria e cruda, ma attraverso tutta quell'oscurità e il dramma del mondo reale, c'è una vera eccitazione. Forse possiamo fare qualsiasi cosa ma questo non significa che sarà facile...

ME GUSTA
  • Un dramma storico ambientato in un passato alternativo, che fa sentire la narrazione al passo con il nostro attuale presente.
  • For All Mankind 3 si distingue perché è una storia umana avvincente sopra ogni altra cosa.
  • For All Mankind 3 è così forte che fa sembrare una favola della buonanotte la storia di sopravvivenza di The Martian.
FAIL
  • For All Mankind 3 ha un punto debole: la sua continuità crescente e complessa.
Il Pianeta Preistorico, la nuova rivoluzionaria serie di John Favreu per Apple TV+
Il Pianeta Preistorico, la nuova rivoluzionaria serie di John Favreu per Apple TV+
Scissione, la recensione: aggiungi un posto a tavola
Scissione, la recensione: aggiungi un posto a tavola
Pachinko, la recensione: una storia sublime e commuovente
Pachinko, la recensione: una storia sublime e commuovente
Dr. Brain, la recensione: un viaggio oltre la mente e la morte
Dr. Brain, la recensione: un viaggio oltre la mente e la morte
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà