Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita

4 settimane fa

7 minuti

Ms. Marvel, la recensione:

E’ vero, di prodotti televisivi che parlano di supereroi ce ne sono davvero molti… ma in questa recensione di Ms. Marvel vogliamo spezzare una lancia a favore di questo modo di raccontare storie. La seconda serie Disney+ Marvel ad essere presentata in anteprima quest’anno e la settima in assoluto, Ms. Marvel sta arrivando sulla scia dell’estate per iniziare la stagione nel modo giusto.

Iman Vellani guiderà la serie di otto episodi nei panni di Kamala Khan, una giovane ragazza musulmana che vive a Jersey City che si ritrova improvvisamente con superpoteri di punto in bianco e deve imparare a combatterli ed evitare il disastro che potrebbero causare. Kamala è stata presentata per la prima volta al pubblico in Captain Marvel n. 14 nel 2014 e ha continuato a ricevere la sua serie di fumetti da solista lo stesso anno, ideata da Sana Amanat, Stephen Wacker, G. Willow Wilson, Adrian Alphona e Jamie McKelvie.

È la prima supereroina musulmana nel roster della Marvel e la prossima serie Disney+ vede la giovane eroina bilanciare non solo i suoi superpoteri appena acquisiti, ma anche la sua vita scolastica, i suoi amici, i suoi doveri religiosi e la sua famiglia prepotente, che a volte può provare a reprimere il suo spirito luminoso ed energico, nonostante i loro migliori sforzi.

La premessa della serie è stata accolta con una certa apprensione, poiché sembra che il potere di Kamala impostato nella serie sarà diverso dai fumetti, ma i trailer della serie tv vi annunciano un’avventura luminosa, colorata e ricca di azione per la giovane Kamala, che deve entrare in scena dopo anni di idolatria dei supereroi e dei poteri che cambiano la vita che possiedono.

La serie è uno dei tanti spettacoli Disney+ a introdurre nuovi eroi più giovani nel MCU, con Kamala che si unisce a artisti del calibro di Kate Bishop e Yelena Belova mentre la Marvel espande il loro universo cinematografico in continua crescita. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

C’è una nuova eroina in città

ms. marvel la recensione

Continuiamo la recensione di Ms. Marvel dicendo che la serie in sei parti è basata sul personaggio dei fumetti originale di Kamala Khan, alias Ms Marvel, che è apparsa per la prima volta in un fumetto di Captain Marvel nel 2013, prima di apparire nella sua serie solista.

Creata da Bisha K. Ali e interpretata anche da Matt Lintz, Yasmeen Fletcher, Zenobia Shroff, Mohan Kapur e Saagar Shaikh. Khan è la prima supereroina musulmana della Marvel ad avere il proprio fumetto, e l’adolescente pachistana-americana di Jersey City è stata elogiata per aver rappresentato le difficoltà di essere “rinchiusa” dalle etichette imposte dagli altri.

La scrittrice principale Bisha K. Ali ha creato un’identità sicura di sé con dinamiche familiari complicate, creando un chiaro arco narrativo per Kamala per scoprire il suo vero sé.

La serie sembra un spensierato allontanamento dalla precedente serie ed è piena di montaggio intelligente, dialoghi frizzanti e Iman Vellani è fantastica.

Ispirata visivamente a Spider-Man: Into the Spider-Verse e Scott Pilgrim vs. The World, gli stili di animazione combinati e la colonna sonora remixata fanno da sfondo al colorato e frenetico universo di Kamala, dando un tono più leggero rispetto alla maggior parte delle altre serie Marvel.

Come per il film Marvel Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli, la famiglia, la comunità e un passato nascosto sono pozzi di storie familiari che abbondano in Ms. Marvel. Tuttavia, questa nuova serie distorce un po’ tutti questi aspetti un’impresa narrativa completamente nuova. Ma molto prima che i poteri di Kamala si manifestino, incontriamo suo padre, sua madre e suo fratello devoto e i suoi migliori amici Bruno (Matt Lintz) e Nakia (Yasmeen Fletcher). Ciò consente al pubblico di ambientarsi nella vita di un’adolescente figlia di seconda generazione di una famiglia di immigrati prima che tutto diventi super.

Considerazioni finali

Ms. Marvel la recensione

Anche se parte del mondo di Kamala potrebbe essere nuovo per il pubblico occidentale, la sua interpretazione è familiare. Socialmente goffa cammina costantemente sul filo del rasoio per rendere felici i suoi genitori, cercando di essere accettata a scuola e mantenendo i suoi voti.

Ali intreccia abilmente anche la storia familiare immaginaria di Kamala nel dialogo, punteggiando i retroscena con eventi del mondo reale come la partizione britannica dell’India e la successiva violenza e trauma che i discendenti degli sfollati portano ancora con sé.

Una vera patita dei supereroi, Kamala non vede l’ora di partecipare all’immaginario Avengers Con, in costume come il suo eroe preferito. Ma, naturalmente, i suoi genitori non la lasceranno andare a meno che suo padre non la accompagni travestendosi da Hulk per convincerla.

Quello che Kamala vuole davvero è fare il cosplay di Captain Marvel con un vestito costruito da Bruno. Oltre ad essere un mago della tecnologia, un apparente fabbricante di cosplay e un fanatico di ingegneria, Bruno parla correntemente l’urdu ed è l’unico ragazzo con cui i Khan lasciano uscire la figlia. I genitori di Kamala vogliono il meglio per lei, ma sono un po’ iperprotettivi, quindi quando i poteri di Kamala entrano in gioco, non ha idea di come dirglielo.

La serie, che si svolge dopo gli eventi di Avengers: Endgame, sembra utilizzare le origini dei fumetti di Kamala come punto di partenza, portando un nuovo aspetto alla serie tv. Il nuovo set di poteri di Kamala è costituito da cristalli indurenti che si estendono da varie appendici mimando occasionalmente i suoi poteri elastici originali dei fumetti. La serie presenta anche una miscela di stop motion, animazione 2D e 3D, che sono tutti compositi in modo creativo all’interno del live-action.

È normale che i poteri dei supereroi cambino in qualche modo poiché sono adattati per progetti live-action. Ms. Marvel va un po’ oltre, però, e essenzialmente offre a Kamala una serie completamente nuova di abilità che sono solo in grado di approssimare gli aspetti appariscenti di quella che originariamente era una metafora sfumata nei fumetti. Ms. Marvel si prende ancora del tempo per affrontare i problemi di autostima di Kamala e alcuni dei motivi più profondi per cui ammira Captain Marvel. Ma la serie non va così lontano in termini di usare la sua presunzione per esplorare idee come il razzismo interiorizzato o le pressioni che gli standard di bellezza occidentali esercitano sulle persone di altre culture.

Quelle idee sono presenti in Ms. Marvel e la serie rallenta nei momenti in cui le affronta come parti della sua storia relativa alle persone intorno a Kamala. Ms. Marvel, tuttavia, si muove attraverso la sua serie con uno slancio che svela quanto presto decollerà per affrontare affari più grandi e più pesanti di effetti visivi nello spazio sul grande schermo. Ciò che fa funzionare Ms. Marvel, tuttavia, è quanto bene la serie sia in grado di situarsi esattamente all’interno dei confini disordinati del MCU lasciando che gli elementi fondamentali dell’origine dell’eroe di Kamala siano la storia principale.

Guardando Ms. Marvel, hai la sensazione che sia proprio il tipo di progetto con cui Kevin Feige e il resto dei vertici della Marvel hanno sempre inteso popolare Disney Plus. È raro che uno dei grandi studi che pubblicano film di fumetti riesca a mettere in fila i loro nuovi progetti proprio così, ma tutto quel tempo, la cura e l’attenzione si manifestano in Ms. Marvel.

 

Ms. Marvel debutta su Disney Plus l’8 giugno.

 

78
Ms. Marvel
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Ms. Marvel dicendo che è una storia di formazione raccontata attraverso l'obiettivo di un'adolescente americana del sud-est asiatico. Sebbene due episodi su sei non siano sufficienti per fare una valutazione completa della serie, la narrazione visiva creativa e la performance da star di Villani bastano a dire che Ms. Marvel ha avuto un inizio fantastico.

ME GUSTA
  • Ali intreccia abilmente anche la storia familiare immaginaria di Kamala nel dialogo, punteggiando i retroscena con eventi del mondo reale.
  • Gli stili di animazione combinati e la colonna sonora remixata fanno da sfondo al colorato e frenetico universo di Kamala, dando un tono più leggero rispetto alla maggior parte delle altre serie Marvel.
  • Viene fornito un chiaro arco narrativo per Kamala per scoprire il suo vero sé.
FAIL
  • Alcuni background culturali rimangono un po' superficiali ma è un buon lavoro per iniziare.
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino