Move to Heaven, la recensione: un ritratto commuovente della vita

1 mese fa

7 minuti

move to heaven la recensione

Ci sono stati molti film e serie tv che hanno provato a dare il loro ritratto personale del ciclo vita-morte. La morte non è estranea alle trame nei programmi TV, ma c’è un aspetto chiave che raramente viene mostrato sullo schermo – o considerato nella nostra vita quotidiana. Iniziamo così la recensione di Move to Heaven, vi siete mai chiesti chi mette a posto le nostre case e cose una volta che ce ne siamo andati? Nella maggior parte dei casi, è la famiglia del defunto, ma, se non riescono a affrontarlo o non ci sono parenti che si prendano cura delle cose, allora intervengono gli esperti del trauma.

Han Geu-Ru (interpretato da Tang Jun-Sang) e suo padre Jeong-U (Ji Jin-hee) offrono un tale servizio con la loro compagnia Move in Heaven e si avvicinano a ogni stanza con cui puliscono rispetto e cura.

Jeong-u crede che i morti possano ancora raccontare le loro storie attraverso le cose che lasciano alle spalle, e la coppia padre-figlio usa gli oggetti che setacciano per costruire un quadro di chi sono i loro clienti e talvolta risolvono problemi che circondano la loro morte o che influenzano quelli che hanno lasciato alle spalle.

Fanno un duo tenero ma formidabile, ma presto Geu-Ru deve affrontare il suo dolore quando suo padre muore improvvisamente. Come se ciò non bastasse da affrontare, il ventenne viene anche introdotto a uno zio che non sapeva esistesse. Sang-Gu (Lee Je-Hoon) è appena uscito di prigione e non è contento di essere il tutore del figlio di un fratello estraneo, che lotta per capire grazie alla sindrome di Asperger di Geu-Ru.

Ciò che segue è un’esplorazione divertente, dolce e piena di sorrisi dell’umanità stessa. Nel corso dei suoi 10 episodi, Move to Heaven svela lentamente le lezioni intorno alla vita, alla morte, alla famiglia e all’amicizia.

Ti costringe a pensare più a fondo all’idea del bene e del male, mostrando nei suoi personaggi multidimensionali che la realtà non è così in bianco e nero come si vede in tv.

Ci sono molte trame che toccano argomenti molto delicati, ma ognuna è gestita con cura. I disturbi neurologici come Asperger non sono sempre trattati attentamente dai cineasti ma la rappresentazione di Geu-Ru la mostra rispettosamente e delicatamente. Mentre vediamo le sue lotte, vediamo anche il suo splendore: il suo impegno incrollabile a fare bene, la sua infinita capacità di prendersi cura delle storie delle persone quando anche quelli più vicini a loro hanno perso interesse, il suo cervello acuto che lo tiene tre passi avanti rispetto a tutti gli altri. È un personaggio che si sente come se fosse stato scritto con amore e, successivamente, è impossibile non innamorarsene. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Sonata al chiaro di luna

move to heaven la recensione

Continuiamo la recensione di Move to Heaven dicendo che la serie tratta anche alcuni argomenti che sono ancora tabù in Corea. In un episodio su una relazione LGBTQ+, invece di dimorare troppo su come la società potrebbe reagire alla relazione, gli scrittori si concentrano sulla storia d’amore al centro e condividono sottilmente un messaggio di forza e coraggio.

Mentre Move to Heaven progredisce, inizia a far luce sulla famiglia di Geu-Ru e Sang-Gu, i due si avvicinano gradualmente quando vengono rivelati più dettagli. La dinamica della coppia è uno dei momenti salienti della serie: la dispersione contundente di Geu-Ru e la propensione per l’ordine vola di fronte al suo “sporco” e cattivo atteggiamento e cattive abitudini dello zio grezzo.

Lee e Tang sono il cuore pulsante della serie, che si “rimbalzano” brillantemente mentre creano un mondo in cui fai il tifo per entrambi.

Inoltre, abbiamo anche uno sviluppo significativo di carattere e relazioni per i nostri personaggi chiave nel corso della serie, e questo lega tutto insieme in un modo molto significativo. Il cast è eccellente, ma spicca tra tutti Tang Joon, che fa un lavoro fantastico nel interpretare Geu Ru, un personaggio che è sullo spettro di Asperger.

La serie non sembra aver pubblicato un OST, ma la playlist di Geu Ru, cha aggiunto così tanto all’esperienza di visione portandoci nel suo mondo, mentre la ascoltava durante ogni intervento che faceva.

C’è qualcosa di così premuroso e misurato al riguardo, e anche in alcuni dei suoi accordi più dissonanti, c’è un’armonia e bellezza. Questo fa pensare a come la serie faccia emergere la bellezza del personaggio di Geu Ru, anche se non è considerato “normale” dalla società.

L’ultimo viaggio

move to heaven la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Move to Heaven dicendo che a seconda della vostra sensibilità, a volte, la serie potrebbe essere un po’ travolgente. Mostra storie di un mondo drammatico e ha aggiunto del senso che questo mondo della storia è un riflesso della vita reale, in cui non tutto è risolto in modo altrettanto soddisfacente.

I nostri episodi in genere durano circa 45 minuti ciascuno, che è più corto della media per i k-drama, eppure, la nostra storia non sembra mai più povera, per questo. Anche prima della fine del nostro primo episodio, vi sentirete il cuore in gola dall’emozione: impressionante.

La cinematografia è eccellente, con alcuni tocchi ben creativi. Ad esempio, nell’episodio 1, c’è un colpo introduttivo, di mante che volano attraverso il cielo, quindi si trasformano nuotando in acqua. Troverete questo molto poetico e interessante, e un modo perfetto per mostrarci come le cose appaiono dalla prospettiva di Geu Ru (Tang Joon). C’è un buon equilibrio tra i singoli casi e lo sviluppo del personaggio.

move to heaven la recensione

La serie è chiaramente anche molto interessata alle traiettorie dei nostri personaggi chiave e fonda davvero bene nella nostra storia. Nel complesso, la serie fa davvero un bel lavoro nel gestire la storia e le sensazioni che ne derivano.

I sentimenti diventano decisamente più intensi via via, ed è bello come la serie gestisce questo come una progressione graduale, in modo tale che l’intensificazione si senta in maniera completamente organica.

Move to Heaven riesce ad avere contemporaneamente parti toccanti, commoventi, agrodolci e persino educative.

Diretto da Kim Sung-ho e scritto da Yoon Ji-ryeon, Move To Heaven parla allo stesso modo di come Gen-ru affronta la morte di suo padre e del fatto che suo zio, Sang-gu (Lee Je-hoon), prende il sopravvento con il suo business. Move to Heaven è la storia di un addetto alle pulizie traumatologiche e di suo figlio con la sindrome di Asperger.

La serie tv è decisamente più spirituale ed emotiva del classico K-drama, e nella costruzione sembra più una serie Netflix realizzata per la Corea che una serie coreana concessa in licenza a Netflix (nessun spunto musicale drammatico, nessun montaggio di immagini fisse che rivedono l’episodio, quel genere di cose). Ha solo quel ritmo e quei battiti. Ed è meglio per questo; il ritmo è deliberato ma non si perde tempo nel primo episodio, e la storia è sorprendentemente commovente, sia dal punto di vista del rapporto di Gen-ru con suo padre che del caso che affrontano insieme.

Eravamo particolarmente tristi quando ci siamo resi conto che la relazione tra Gen-ru e suo padre sarebbe stata interrotta nel primo episodio. L’abbiamo visto arrivare, ovviamente; quando Jeong-u ha lasciato Gen-ru in ospedale per vedere l’avvocato, sapevamo che non sarebbe tornato. Ma quella relazione sembrava un buon passaggio per collegare i diversi casi su cui lavorano insieme.

Ma, a giudicare dal poco che abbiamo visto di Sang-gu, anche quella dinamica sarà interessante. Al Gen-ru piacciono le cose ordinate e organizzate, e sembra che Sang-gu sia tutt’altro che questo.

Mentre Gen-ru insegna a Sang-gu gli affari, Sang-gu insegnerà a Gen-ru ad aprirsi un po’ alla vita?

Tang Jun-sang non è autistico (infatti ha guardato l’originale Good Doctor per prepararlo a questo ruolo); lo abbiamo visto nel famosissimo Crash Landing On You. Il fatto che non sia autistico può irritare alcune persone, ma anche quelle persone possono vedere che la sua interpretazione di Gen-ru è autentica. È difficile trasmettere l’incapacità di mostrare le emozioni anche mentre le provi, e Tang fa un ottimo lavoro con un compito così difficile. La speranza è che i restanti 9 episodi di questa prima stagione mostrino la dura relazione tra Gen-ru e suo zio e come ciò si traduca in un business così unico…

 

Move to Heaven è disponibile per la visione su Netflix.

 

 

81
Move to Heaven
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Move to Heaven dicendo che prende il tema pesante della morte e gli dà un tipo di trattamento caldo, tenero e pieno di speranza. È vero che alcuni dei casi sono dolorosi da guardare, ma la serie trova sempre un modo per portare un tocco sentito e curativo in ogni caso, il che rende il viaggio molto interessante.

ME GUSTA
  • Lee e Tang sono il cuore pulsante della serie, che si "rimbalzano" brillantemente mentre creano un mondo in cui fai il tifo per entrambi.
  • La serie costringe a pensare più a fondo all'idea del bene e del male, mostrando nei suoi personaggi multidimensionali che la realtà non è così in bianco e nero come si vede in tv.
  • Questo fa pensare a come la serie faccia emergere la bellezza del personaggio di Geu Ru.
FAIL
  • Un nuovo modo di mostrare un personaggio con la sindrome di Asperger che magari non sarà apprezzato da tutti ma che è, invece, molto originale.
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV