Beauty Water, la recensione: quando la bellezza può essere letale

2 settimane fa

7 minuti

Beauty Water la recensione

Gli esseri umani sono costantemente alla ricerca della bellezza o almeno così sembra…  Iniziamo così la recensione di Beauty Water. Si battono non solo per la bellezza esteriore, ma anche per la bellezza che crea l’essere umano perfetto, per essere più intelligente, più atletico e persino più gentile. Quando possiamo alterare i nostri corpi così facilmente con procedure mediche, impianti tecnologici e miglioramenti digitali, siamo forse entrati a far parte dell’era del postumano e questa è la premessa dell’ultimo film d’animazione horror sudcoreano del creatore di webtoon Oh Seong-dae, Beauty Water.

Solo un autore come lui poteva inventare un concetto di un’acqua miracolosa che aiuta letteralmente a liberarti delle tue imperfezioni per diventare bella, anche se solo in superficie. Questo film d’animazione è basato su una storia dell’antologia thriller di Oh, Tales of the Unusual, ma ci sono alcune differenze. Il personaggio di Yaeji (Moon Nam-sook) riceve un retroscena più profondo e vengono introdotti nuovi personaggi come la celebrità Miri (Kim Bo-young) e il talent manager (Choi Seung-hoon). Anche i ruoli di alcuni personaggi sono cambiati, come lo studente d’arte che ha aiutato a scolpire il viso di Yaeji, sostituito dal chirurgo ufficiale di Beauty Water (Jo Hyeon-jeong).

Beauty Water inoltre è un horror-thriller animato che ha fatto scalpore nella scena dei festival animati internazionali.

Adattato dal popolarissimo Webtoon Naver “Tales of the Unusual” di Oh Sung-dae, Beauty Water è una critica sociale oscura e inquietante sullo stato moderno di standard di bellezza quasi irraggiungibili e sul ruolo distruttivo che assume su coloro che vengono coinvolti in una ricerca senza fine per perfezionare il loro aspetto.

Beauty Water riesce a esplorare questo aspetto oscuro della società in un modo che non solo risulta a tratti molto divertente attraverso il suo grande uso di elementi horror classici, ma il suo stile di animazione unico aiuta a creare una discesa all’inferno inquietante ma visivamente stimolante che ci spinge verso confini inaspettati.

Una truccatrice obesa di nome Yae-ji viene presa in giro senza pietà online dopo che è apparsa come ospite su un segmento di un canale di shopping che vende pillole dimagranti e decide di rispondere a un annuncio che ha ricevuto sul suo telefono che gli offre una nuova vita. Bisogna stare attenti a questo tipo di messaggi come ci insegna Squid Game…

beauty water recensione

Viene a conoscenza di un prodotto incredibile chiamato beauty water, che una volta applicato permetterà al corpo di essere tagliato e modellato facilmente per modellare un viso completamente nuovo o addirittura un corpo perfetto. Dopo aver messo su l’enorme somma di denaro, modella il suo corpo per conformarsi allo standard di bellezza ideale: un viso piccolo e carino, grandi occhi rotondi, un corpo snello e un seno grande.

Prendendo il nuovo nome di Seol-hae, la sua bellezza sbalorditiva le apre istantaneamente nuove opportunità sotto forma degli uomini che è in grado di incontrare e delle possibilità di avanzamento di carriera che prima erano irraggiungibili. Ma la sua accelerazione verso la bellezza ha un costo elevato che inizia a mettere la sicurezza di lei e della sua famiglia a correre rischi inimmaginabili, e il nuovo mondo in cui è entrata minaccia di essere molto peggiore di quello che ha lasciato. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

“Ti senti amata adesso?”

Beauty Water la recensione

Continuiamo la recensione di Beauty Water constatando il fatto che il film è molto bravo a trasmettere la sua ampia critica sociale alla cultura ossessionata dall’immagine della Corea del Sud (ma non solo…) concentrando acutamente l’obiettivo sul suo tragico personaggio principale. Con una durata di soli 85 minuti, la storia non sembra mai noiosa e si muove a un ritmo eccezionale.

Come un grande webtoon che ti fa scorrere i fotogrammi, Beauty Water è un lento intriso di momenti di alta intensità e immagini da incubo che integrano perfettamente la sua storia horror in stile retrò.

Beauty Water ritrae il mondo che si apre a Seol-hae dopo che è diventata una bomba attraente e gli incontri realistici che ha costruito su un letto di superficialità. Essendo stata in precedenza quasi scartata dalla società come stilista obesa che era, Seol-hae è ora l’oggetto dei desideri di ogni uomo. Ma le relazioni che Sol-hae persegue non corrispondono mai alle sue aspettative, e il film fa un ottimo lavoro nel mostrare quanto semplicemente fare affidamento sul cambiamento delle apparenze come toccasana sia una follia perché raramente affronta i problemi più radicati all’interno dell’individuo.

Presenta anche efficacemente la natura di dipendenza della chirurgia plastica in questo modo come una sorta di farmaco che fornisce un livello di soddisfazione rapido ma a breve termine. E nel suo ultimo colpo, Beauty Water ci mostra che il mondo vissuto nei panni di chi viene considerato bello non è necessariamente un mondo più facile. Piuttosto, è pieno di una propria serie di mostri grotteschi e super mostri.

L’attraente stile di animazione di Beauty Water presenta una miscela unica di animazione 2D e 3D per oggetti e ambienti che ospita i suoi personaggi animati che appaiono in 3D. Sebbene ci siano occasionali ambientazioni esterne illuminate, il film si svolge in interni per lo più minacciosi e scuri con colori riccamente saturi che fanno brillare e scoppiare il rosso sangue mentre le sfumature arancioni dei raggi del sole si irradiano per illuminare i soggetti.

Questo stile di animazione ha anche creato alcune opportunità di illuminazione molto interessanti, amerete particolarmente i panorami notturni di Seoul.

Vale la pena notare che anche se Beauty Water è un film d’animazione, rimane un film per adulti imperturbabile ricco di violenza, temi maturi, scene orribili di modificazioni del corpo e nudità.

Perdere se stessi

beauty water recensione

Sappiamo che avete già curiosità di vedere questo film ma non sarà facile trovarlo, purtroppo non è presente su nessuna delle piattaforme conosciute ma se vi impegnate lo troverete. Quindi siamo giunti alla conclusione di Beauty Water e volgiamo puntualizzare gli ultimi aspetti. La superba recitazione vocale del suo talentuoso team, e il fatto che a volte i personaggi si muovono in modo rigido e i dialoghi in molti casi non sono completamente sincronizzati con il movimento delle labbra e della bocca e sembra essere un limite tecnico piuttosto che una scelta stilistica, ma è qualcosa che potrebbe essere fastidioso per chi è sensibile alla questione.

Beauty Water essendo animato lascia aperto a molte opportunità anche per il doppiaggio locale, quindi questo problema è prevedibile ed è stato molto probabilmente previsto. La musica però è molto forte e la colonna sonora prevede grandi momenti di suspense e sorpresa.

La Corea del Sud è un paese con una ruggente industria dell’intrattenimento alimentata dai successi del K-Pop, del cinema e della cultura delle celebrità sia a livello nazionale che internazionale. Questo, in tandem con l’emergere dei social media online, ha consentito un certo livello di sfogo ed espressione intensi che non è tipicamente tollerato nell’interazione quotidiana faccia a faccia.

Il risultato ha solo esacerbato una condizione preesistente di una società che pone enorme enfasi sulle apparenze esteriori e gli effetti sono stati sbalorditivi.

Nuove forme di bullismo attraverso il ridicolo o la vergogna, l’idolatria e il confronto di se stessi con gli altri sono tutti fattori forti che portano molti a una profonda depressione.

A livello globale, la Corea del Sud è la più bassa in termini di autostima e ha uno dei tassi più alti sia di chirurgia plastica che di suicidio. La correlazione non è ovviamente una causalità, ma il collegamento tra le statistiche sembra abbastanza chiaro. Quindi, mentre un film come Beauty Water mantiene un alto valore di intrattenimento quando si tratta dei brividi che offre, rimane anche un toccante promemoria dei giganteschi problemi di salute sociale e mentale alimentati dalla dipendenza del paese dalla bellezza.

Poiché i webtoon continuano a crescere in popolarità sia in Corea del Sud che all’estero, molto probabilmente vedremo sempre più produzioni cinematografiche e televisive adattate da loro in un modo che potrebbe avvicinarsi a quello delle produzioni giapponesi. Sembra che ci sia un tesoro di voci e storie uniche in attesa di essere sviluppate, con un tono maturo ideale per lanciare il cinema coreano in una nuova era di esperienze cinematografiche uniche.

 

77
Beauty Water
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Beauty Water, dicendo che ci troviamo davanti a una vera e propria lacerazione della carne attorno ai personaggi e alle strutture sociali che richiedono la perfezione. Il film tenta di sollevare la questione di come, mentre il numero di inseguitori di bellezza prolifera nella nostra società, siamo costretti a ripensare a ciò che definisce la bellezza e ciò che davvero comporta per essere un essere umano perfetto.

ME GUSTA
  • Beauty Water affronta giganteschi problemi di salute sociale e mentale in una storia davvero semplice.
  • Lo stile di animazione misto è molto interessante anche se può essere perfezionato.
  • I personaggi sono molto più approfonditi rispetto a quelli del webtoon.
FAIL
  • In alcuni punti la sincronizzazione tra animazione e doppiaggio non è perfetta e questo può essere un elemento di disturbo.
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Scream 5, la recensione: il ritorno di Ghostface senza Wes Craven
Scream 5, la recensione: il ritorno di Ghostface senza Wes Craven
The Rental, la recensione: Dave Franco indaga nell'anima dei protagonisti
The Rental, la recensione: Dave Franco indaga nell'anima dei protagonisti
The Rental, la recensione: Dave Franco indaga nell'anima dei protagonisti
The Rental, la recensione: Dave Franco indaga nell'anima dei protagonisti