Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere

2 settimane fa

10 minuti

Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere

Ci sono storie che ancora oggi hanno bisogno di trovare il giusto modo e tempo per essere raccontate e Heartstopper è una di queste. Probabilmente avevamo bisogno di storie come queste già in passato, ma forse non avrebbe avuto la stessa risonanza di oggi. Entriamo quindi nel merito del perché Heartstopper è una storia che meritava da sempre di essere conosciuta…

L’amore è nell’aria ed è giusto in tempo per la primavera con la nuova serie Netflix Heartstopper. Basato sull’omonima serie di fumetti web e graphic novel di Alice Oseman, Heartstopper è una serie LGTBQ+ per giovani adulti su un adolescente di nome Charlie (Joe Locke) e la sua relazione con il suo compagno di classe, Nick (Kit Connor).

È una storia commovente sul giovane amore, sull’essere se stessi, sulla scoperta della propria identità e sul trovare il proprio posto in questo grande mondo.

La sua storia, se non lo sapete già, è piuttosto semplice: un ragazzo gay incontra un ragazzo etero, il ragazzo etero si rende conto di essere bisessuale, l’amore sboccia, a volte letteralmente, tutto intorno a loro. Ma è scritto così seriamente, recitato così abilmente e diretto in modo così elettrizzante che il suo impatto è profondo. C’è una gioia in questi otto episodi, per la loro gentilezza e tensione, che irradia troppo brillantemente per essere respinta. Quattro ore di felicità e speranza.

Heartstopper era esattamente ciò di cui avevamo bisogno dopo anni trascorsi ad assorbire colpo dopo colpo, sconvolgimenti derivati dalla pandemia fino ad arrivare alla politica. Gli episodi passeranno velocissimi per molti di voi e questa serie significherà molto per un sacco di ragazzi.

In un momento in cui abbiamo a che fare con cose come “Don’t Say Gay” che danno l’impressione che essere tutt’altro che etero sia sbagliato, qualcosa di vergognoso che deve essere nascosto, ecco che arriva Heartstopper, con la sua sensibilità e perspicacia, per rassicurarli sul fatto che no, “diverso” non è sbagliato, è solo diverso.

Non riesco a immaginare quante adolescenze intere sarebbero cambiate in meglio, se ci fosse stato una serie come Heartstopper in giro decenni fa. Crescere è confusionario, così com’è, e crescere senza la minima idea che “quello che sei” è qualcosa che è spaventoso da morire. Ma è il caso di dire meglio tardi che mai. Di seguito il trailer della serie pubblicato su YouTube:

Di cosa parla Heartstopper?

Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere

La storia presente in Heartstopper, come abbiamo accennato, è qualcosa di cui tutti avevamo bisogno e ora vi diremo perché… I fan del fumetto hanno atteso con impazienza l’uscita di questa serie da quando è stata annunciata a gennaio 2021. Che tu sia un fan di lunga data del materiale originale o non abbia familiarità con la serie Heartstopper, ecco tutto ciò che devi sapere su questa storia d’amore di un ragazzo che  incontra un altro ragazzo.

La storia di Heartstopper è incentrata su Charlie Spring, un adolescente apertamente gay che frequenta un liceo per soli maschi. Charlie è ansioso e nervoso, ma inizia a lasciar andare alcune delle sue inibizioni una volta che sviluppa un’amicizia con il giocatore di rugby della scuola, Nick Nelson. Nick è gentile, alla mano e etero. O almeno così pensa Charlie. Mentre i sentimenti di Charlie per Nick iniziano a crescere oltre la semplice amicizia platonica, diventa sempre più convinto che la loro relazione non sarà mai nient’altro che “essere solo amici”.

Nick potrebbe solo covare una sua cotta segreta, ma insieme scopriranno che l’amore può spesso essere trovato nei posti più improbabili.

Heartstopper è un racconto di formazione che affronta la sessualità, l’identità, la salute mentale, l’amore e l’amicizia. Con un cast di personaggi ampio e diversificato, cerca di rappresentare una vasta gamma di lotte che gli adolescenti moderni affrontano in un modo che rimane spensierato e confortante da guardare.

I personaggi di Nick e Charlie sono apparsi originariamente nel romanzo d’esordio di Oseman, Solitaire, incentrato sulla sorella maggiore di Charlie, Tori (Jenny Walser). I fumetti di Heartstopper espandono la loro storia e Tori è ancora presente, spesso offrendo alcuni saggi consigli a Charlie. I fan di Solitaire potranno vedere Tori prendere vita sullo schermo nell’adattamento di Heartstopper.

Chi fa parte del mondo di Heartstopper?

Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere

All’inizio del 2021, è stato lanciato un casting aperto per trovare gli attori che avrebbero interpretato sette dei personaggi principali e ricorrenti della serie. Ad aprile 2021 è stato annunciato che il nuovo arrivato Joe Locke avrebbe guidato la serie nei panni di Charlie Spring. L’annuncio ha anche rivelato che Kit Connor, che ha interpretato un giovane Elton John in Rocketman e ha doppiato Pantalaimon in His Dark Materials, avrebbe interpretato Nick Nelson.

Questa serie sarà il debutto sullo schermo per molti altri giovani attori tra cui William Gao nei panni di Tao, Yasmin Finney nei panni di Elle e Kizzy Edgell nei panni di Darcy. Al cast si uniscono anche Corinna Brown nei panni di Tara e Jenny Walser nei panni di Tori Spring. Sebastian Croft, che è apparso in serie famose come Il Trono di Spade e Doom Patrol, interpreterà Ben Hope.

Alice Oseman ha adattato la propria storia per la TV ed è stata la scrittrice dello show. La serie è diretta da Euros Lyn, che ha diretto episodi di altri show britannici di successo tra cui Doctor Who, Sherlock e Black Mirror. Più recentemente Lyn ha diretto l’affascinante film drammatico Dream Horse con Toni Collette e Damian Lewis.

Le graphic novel di Heartstopper sono state scritte e illustrate da Alice Oseman. Oseman è un’autrice con sede nel Regno Unito che ha scritto diversi romanzi per giovani adulti tra cui Radio Silence e I Was Born For This. Per la prima volta si è assicurata un contratto editoriale a soli 17 anni e ha continuato a pubblicare il suo primo romanzo, Solitaire, solo pochi anni dopo. Avevano già pubblicato i loro primi due romanzi e due romanzi e-book quando si è laureato in Letteratura inglese alla Durham University.

Il lavoro di Oseman si concentra spesso sull’identità, sul raggiungimento della maggiore età e sulla vita quotidiana degli adolescenti e dei giovani adulti moderni. Il suo ultimo libro, Loveless, si basa sull’esperienza di Oseman di aver frequentato l’università come persona asessuale e aromatica.

Se volete leggere il materiale originale e ve lo consigliamo vivamente avete diverse opzioni per leggere la storia di Nick e Charlie. La serie è iniziata come un webcomic e continua ad aggiornarsi digitalmente tre volte al mese. Potete accedere al fumetto completo e ricevere nuovi aggiornamenti gratuitamente su Heartstopper tramite i siti Webtoon o Tapas.

Se preferite avere una copia fisica della graphic novel, i volumi 1-4 sono disponibili per l’acquisto su Amazon o tramite il vostro libraio di fiducia. Oseman ha anche lanciato un libro da colorare Heartstopper che è disponibile per l’acquisto insieme alle edizioni tascabili del fumetto.

In generale, al liceo, è davvero difficile, essere diverso in ogni modo. E se non ti adatti alla norma del fumo di sigaretta, è probabile che tu venga tirato su questo e che sia visto come diverso. Pensiamo che la cosa bella di Heartstopper sia celebrare queste differenze. Potreste pensare di essere “quello strano”, ma in realtà tutti tranne quelle poche piccole persone “a norma” sono quelli strani.

Anche i social media hanno un ruolo da svolgere, ovviamente: in Heartstopper, molte delle conversazioni imbarazzanti o delicate tra i personaggi si svolgono online.
Sebbene possa essere un luogo di supporto, avere un alto profilo sui social media può anche aprirti ad abusi ingiustificati.

Heartstopper: perché è una storia che avevamo bisogno di vedere

Inoltre un’altra parte importante della serie tv è la visibilità che viene data a una persona trans. Finney è particolarmente felice di vedere se stessa – una giovane donna trans nera – riflessa in un nuovo importante dramma televisivo. Un recente rapporto ha rilevato che la rappresentazione LGBT sulla TV statunitense, comprese le piattaforme di streaming disponibili nel Regno Unito, è ai massimi livelli, con quasi il 12% di personaggi normali LGBT, in aumento del 2,8% rispetto allo scorso anno. I numeri provengono da uno studio del gruppo di difesa dei media LGBT, GLAAD. Ma lo studio ha anche scoperto che c’erano carenze e opportunità mancate per raccontare una gamma più ampia di storie sui personaggi LGBT.

A differenza dell’estrema dissolutezza adolescenziale di Euphoria, Heartstopper offre un ritratto non minaccioso dell’adolescenza, in cui i suoi personaggi non si trovano a bere birra, fumare sigarette, sballarsi o farsi tutto ciò che si muove o dilettarsi con narcotici. Invece, questi ragazzi vanno a giocare a bowling, partecipano alle attività scolastiche, fanno festa senza alcol e, cosa più scioccante di tutte, si confidano con i loro genitori.

Oseman è stata coinvolta a un livello quasi essenziale con l’adattamento dallo sviluppo alla scrittura di tutte le sceneggiature. La sua creazione è stata uno sforzo congiunto con il produttore esecutivo Patrick Walters che ha letto il fumetto nel 2018 e si è innamorato.

Mentre Heartstopper tocca il coming out, non è solo un altro dramma adolescenziale queer su persone che lottano con la loro sessualità. Invece, Walters voleva fornire un pezzo di rappresentazione queer che fosse gioioso, giovane e completamente privo di vergogna. È proprio questo approccio che ha trasformato la creazione di Oseman in un fenomeno globale. È nata come una serie di fumetti sulla piattaforma di blog Tumblr nel 2016 e da allora ha accumulato oltre 52,1 milioni di visualizzazioni. La prima graphic novel, pubblicata nel 2019, ha venduto oltre un milione di copie.

Nina, una fan brasiliana di 18 anni, è co-proprietaria di @nickncharlie, una delle più grandi pagine di fan di Heartstopper su Instagram. Attraverso la serie, ha trovato una comunità di persone che hanno trovato la rappresentazione tanto necessaria nel lavoro di Oseman.

Sebbene una rappresentazione positiva della vita da adolescente LGBTQ+ sia al centro, Heartstopper affronta ancora argomenti maturi: problemi legati all’alimentazione, salute mentale e consenso. Non deve essere una brutta cosa avvicinarsi a questi temi, anche se scrivi per i giovani. Quando si scrive dei problemi di salute mentale in Heartstopper, si cerca di concentrarsi sulla guarigione, sul recupero e sul supporto nelle relazioni. Riguarda solo l’angolazione che prendi e l’obiettivo che stai usando.

Non evita nemmeno il bullismo anti-LGBTQ+. In cima allo show di Netflix, Elle ha dovuto cambiare scuola a causa del bullismo transfobico, mentre Charlie è stato dichiarato gay ed è spesso preso di mira a causa della sua sessualità. Alcuni potrebbero vedere con incredulità tale omofobiai: sicuramente i bambini nel 2022 non sono così intolleranti?

Ma secondo Stonewall, il 42% degli alunni LGBTQ+ ha subito atti di bullismo nell’ultimo anno. Il clima in cui viene lanciato Heartstopper è quello in cui le storie LGBTQ+ per i giovani sono minacciate. In Florida, il disegno di legge “Don’t Say Gay” di recente istituzione vieta di insegnare ai bambini le identità LGBTQ+ a scuola, con più di una dozzina di stati che propongono anche progetti di legge simili.

Negli Stati Uniti, i politici hanno proposto politiche per vietare i libri LGBTQ+ dai distretti scolastici e a una biblioteca nel Mississippi è stato negato il finanziamento a causa della sua collezione di libri LGBTQ+.

Le cose nel Regno Unito sono in una situazione simile: di recente, al pluripremiato autore di YA Simon James Green è stato vietato di visitare una scuola cattolica a causa del contenuto LGBTQ+ nei suoi romanzi, mentre il governo ha escluso le persone trans e di genere non conformi dal divieto della cosiddetta “terapia di conversione”, così come i recenti commenti del segretario all’Istruzione Nadhim Zahawi secondo cui gli insegnanti dovrebbero lasciare gli studenti trans e non binari ai loro genitori, crea un ambiente sempre più ostile per i giovani LGBTQ+.

Il giovane pubblico di Heartstopper lo rende un obiettivo primario per tale sentimento anti-LGBTQ+. Ma Oseman ha detto che questo rende solo più importante l’uscita dello show su una piattaforma come Netflix. Di conseguenza, le vite queer nei fumetti di Oseman – ora raffigurate sullo schermo – sembrano così autentiche. A differenza delle critiche mosse allo spin-off Disney’s Love, Simon, Love, Victor (i detrattori hanno sostenuto che la serie fosse una storia queer progettata e temperata per un pubblico etero), Heartstopper è realizzato da e per adolescenti LGBTQ+ e i loro alleati.

 

Stranger Things 4: Claudia Gerini è di nuovo Jessica in un bizzarro spot
Stranger Things 4: Claudia Gerini è di nuovo Jessica in un bizzarro spot
Horizon Zero Dawn e Gran Turismo diverranno delle serie TV
Horizon Zero Dawn e Gran Turismo diverranno delle serie TV
Geeked Week 2022: tutte le info sull'evento Netflix che si terrà dal 6 al 10 giugno
Geeked Week 2022: tutte le info sull'evento Netflix che si terrà dal 6 al 10 giugno
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Stranger Things 4: dove eravamo rimasti?
Stranger Things 4: dove eravamo rimasti?
Man vs Bee: il trailer della serie Netflix con Rowan Atkinson
Man vs Bee: il trailer della serie Netflix con Rowan Atkinson
Better Call Saul 6 - Prima parte, la recensione: in dirittura d'arrivo
Better Call Saul 6 - Prima parte, la recensione: in dirittura d'arrivo