Sword Art Online: Progressive – Aria of a Starless Night, la recensione

5 mesi fa

8 minuti

la recensione di Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night

Iniziamo la recensione di Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night, dicendo che il reboot cinematografico del famoso arco narrativo di Aincrad dell’anime, dà nuova vita alla storia originale.

Ma nella trama di questo film c’è un difetto: dimentica il fatto che se anche un solo giocatore coreano fosse in SAO, l’intero gioco finirebbe in meno di 6 ore. Non mi credete? Vi consiglio fidare

Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night – certamente un bel titolone ma che ci crediate o no, in realtà breve per i titoli degli anime – si svolge in un futuro non così lontano in cui una sorta di Valve Index enormemente potenziato chiamato NerveGear si è diffuso, permettendo alle persone di immergere la propria coscienza in un mondo virtuale. Uno di questi mondi è un gioco appena rilasciato chiamato “Sword Art Online”, un MMORPG.

Tuttavia, si rivela essere una trappola crudele progettata dallo sviluppatore, Kayaba Akihiko (Yamadera Koichi), che rivela che nessuno può disconnettersi dal gioco e che se dovessero morire nel gioco, moriranno anche nella vita reale. E fin qui tutto bene, per modo di dire.

Ora, è probabile che voi sappiate cos’è Sword Art Online e su cosa si basa questo film ma sarebbe interessante confrontare il materiale originale e confrontare i due, dal momento che questo film offre una nuova prospettiva. Tuttavia, ciò renderebbe questa recensione più lunga di un “papello” universitario, e nessuno vuole che questo accada.

recensione sword art online progressive

La trama del film è incentrata su una giocatrice chiamata Yuuki Asuna (Tomatsu Haruka), che è, per dirla in termini di giocatori, una completa noob. Non dedica nemmeno cinque minuti alla personalizzazione del personaggio e mette il suo vero nome come nome utente; chiunque abbia trascorso più di un giorno nel grande Internet saprebbe che questa è una buona strada per ottenere diecimila stalker attaccati alle calcagna.

Ma soprattutto, non sa nulla di questo gioco mortale in cui è stata gettata. Come si combatte? Dove dovrebbe andare? Quali armi può usare? Questo la rende abbastanza adatta come protagonista: dopotutto, se avete mai giocato a qualsiasi MMO, o anche a qualsiasi gioco in generale, non è difficile relazionarsi con quella sensazione di smarrimento.

Per fortuna, ha una guida utile insieme a lei chiamata Mito (Minase Inori), che è anche la sua amica di IRL. A differenza di Asuna, non solo Mito è una giocatrice abile, ma è stata anche una beta tester per Sword Art Online, che le ha permesso di ottenere e condividere molti trucchi e suggerimenti con Asuna. Anche se inizialmente non si è vista troppo, la sua amicizia con Asuna è piuttosto credibile e ha una motivazione perfettamente comprensibile: non vuole che la sua amica muoia. È anche lì per la costruzione di mondi, una specie di giocatore che guida la sua amica attraverso il suo primo gioco. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Aria of a Starless Night

recensione di Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night

Continuiamo la recensione di Sword Art Online: Progressive dicendo che il film riesce ancora a mantenere la propria identità grazie al suo mondo. Dopotutto, la premessa di un mondo online trasformato in realtà è un concetto intrinsecamente attraente. Chi non avrebbe voluto un giorno mettersi nei panni del suo avatar preferito ed esplorare il gioco?

Il mondo fantastico viene filtrato attraverso le meccaniche dei videogiochi come i debuff o le finestre dei menu, cose facilmente riconoscibili. Se ci pensate, riesce a dare una svolta al tipico mondo fantasy usando la familiarità e il fascino coinvolgente forniti dai videogiochi.

E vivere in questo mondo non lascia mai del tutto scomparire il confine oscuro dietro la premessa: che la morte in questo nuovo mondo è una minaccia legittima.

Il punto è che, sebbene i personaggi non siano scritti in modo eccelso, sono facilmente riconoscibili e comprensivi, sia Asuna, che non ha idea di cosa stia facendo e vuole solo sopravvivere, sia Mito, che vuole che la sua amica rimanga viva qualunque cosa accada. Probabilmente se il film si fosse concentrato solo su questi due personaggi che cercavano di chiarire il gioco sarebbe stato tutto molto più semplice.

sword art online progressive recensione

Ma poi, a metà strada, compare un nuovo personaggio. Il suo nome è Kirito (Matsuoka Yoshitsugu) ed è apparentemente uno dei migliori giocatori del gioco, e inizia ad avere un significato nella trama. Ed è qui che devo infrangere un po’ la promessa iniziale e menzionare il materiale originale. Questo film si tratta di un adattamento di una serie di light novel chiamata Sword Art Online Progressive. Tuttavia, nella versione originale, i personaggi principali erano Asuna e Kirito, ed è stata la loro dinamica a spingere la trama. Mito invece è un personaggio completamente originale, realizzato esclusivamente per il film.

Così arriva il problema più grande con il film, perché le giunture in cui hanno collegato la storia di Asuna e Mito alla storia di Asuna e Kirito sono piuttosto ovvie. Separatamente, sono buoni: Kirito ha un rapporto leggermente diverso ma comunque coinvolgente con Asuna durante il secondo tempo che contribuisce a forgiare il carattere di Asuna. Tuttavia, di conseguenza, la presenza di Mito diminuisce e, alla fine, la sua storia con Asuna sembra confusa.

In pratica Kirito e Mito non interagiscono mai legittimamente tra loro una volta nella storia e questo penalizza molto la coerenza della tram.

Sopravvivere da soli

recensione sword art online progressive

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Sword Art Online: Progressive – Aria of a Starless Night dicendo che verso la fine si riesce effettivamente a vedere un maggiore sviluppo del personaggio di Kirito. Ora, questo non sarebbe un problema se non fosse il doppio protagonista insieme ad Asuna; tuttavia, a causa di Mito, Kirito appare un’ora dopo l’inizio del film, il che significa che la sua improvvisa importanza e il significato della trama sembrano molto più incongrui. E fa male ad Asuna come protagonista, dato che ora deve condividere il centro della scena con non uno ma due protagonisti.

Anche dal punto di vista di uno spettatore completamente nuovo, il problema persiste perché la mancanza di messa a fuoco rimane indipendentemente dal fatto che tu conosca il materiale di partenza.

Questo film va quindi a rovinare il franchise? Non direi così. Ha un valore di produzione stellare, con animazioni dinamiche e scene d’azione che danno davvero vita al mondo di Sword Art Online. Ma in un certo senso, è ancora più frustrante, perché possiamo vedere che il pacchetto generale è legittimamente buono se risolvessero tutti i bug della storia.

Ancora una volta, sarebbe stato un “colpaccio” se i creatori fossero andati in una direzione completamente nuova con questo adattamento e si fossero concentrati solo su Asuna e Mito. Ma hanno deciso sia di fare qualcosa di nuovo sia di rimanere fedeli all’originale, e il risultato finale è come provare a mangiare due piatti diversi nello stesso momento: gustosi da soli, ma non quando si mangiano contemporaneamente.

Guardare Asuna migliorare costantemente è una parte divertente di Aria of a Starless Night. Quando sconfigge il suo primo nemico da sola, non solo è una scena interessante, ma la sua eccitazione è facile da capire. Consente inoltre al pubblico di tirare un sospiro di sollievo per vedere il loro personaggio principale finalmente migliorare al punto in cui il pericolo non è immediato contro qualsiasi nemico di basso livello che incontra. Vedere questo barlume di speranza in uno scenario relativamente cupo è una gradita forma di rassicurazione.

sword art online progressive recensione

Sfortunatamente, i sentimenti di speranza possono sembrare pochi e rari in questo film. Diventa subito evidente che Asuna non ha le carte in regola per sopravvivere da sola nel mondo duro e spietato di Sword Art Online. Non aiuta quando sente le persone parlare di come sono stati tutti intrappolati nel gioco per settimane, quasi 2.000 sono già morti e nessuno ha nemmeno ripulito il primo piano del gioco, e ce ne sono 100 in totale che devono concludere per uscire dal gioco. Tutti questi pensieri negativi, combinati con la sua mancanza di direzione nella vita, portano Asuna alle tendenze e ai pensieri borderline-suicidi a cui alludeva nei primi anime.

Questi momenti di disperazione, tuttavia, sono ciò che rende quelli positivi più piacevoli e in un certo senso potenti. A volte, sono piccoli piaceri come mangiare un panino ben fatto o fare un bagno caldo. Poi ci sono trionfi più grandi come sconfiggere un potente nemico o, come accennato in precedenza, imparare a combattere grazie all’aiuto di un caro amico.

Aria of a Starless Night fa un buon lavoro nel far sembrare senza speranza la situazione generale in modo che questi momenti possano brillare più intensamente nell’oscurità.

Naturalmente, alcuni dei momenti più felici di Asuna provengono dalle sue interazioni con Kirito, che la assiste in più occasioni e fornisce un importante supporto morale quando ne ha un disperato bisogno. Avere Kirito in questo mondo virtuale incredibilmente pericoloso riempie Asuna di speranza e le fa credere che finire il gioco sia di nuovo possibile, e pone gradualmente i punti iniziali per la fioritura di una potenziale storia d’amore.

È anche divertente per i fan di lunga data cercare i cameo nel film. Ci sono cammei ovvi, non proprio nascosti come i genitori di Asuna e Silica, ma ci sono anche alcuni personaggi leggermente più complicati da trovare…

 

 

75
Sword Art Online: Progressive - Aria of a Starless Night
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Sword Art Online Progressive dicendo che il fascino nostalgico di Aria of a Starless Night diventa infine gratificante. Vedere alcune scene dell'anime ricreate fedelmente da zero è un'impresa impressionante, soprattutto per gli standard degli anime. Alcuni di queste sono persino mostrate con riprese diverse o semplicemente migliorate in generale. Ci sono alcune inquadrature, ad esempio, che sono ancora fotogrammi nell'anime ma vengono completamente animate per il film. Piccoli tocchi come questi faranno girare la testa a qualsiasi fan sfegatato di SAO mentre entusiasmano anche i nuovi fan.

ME GUSTA
  • Alcune scene dell'anime ricreate fedelmente da zero sono un'impresa impressionante.
  • L'idea e il suo sviluppo sono interessanti ma si poteva avere maggior coraggio.
  • Il personaggio di Asuna viene risaltato in un modo nuovo rimanendo fedele all'originale.
FAIL
  • A livello narrativo e di scrittura ci sono alcuni difetti che i fan di lunga data non apprezzeranno.