Intervista a Lee Kyu-man: “il cinema riuscirà a far conoscere la cultura coreana al resto del mondo”

2 mesi fa

10 minuti

Intervista Lee Kyu-man

In occasione del 20° Florence Korea Film Festival abbiamo incontrato il regista sudcoreano Lee Kyu-man e l’attore Cho Jin-woong. Il regista è conosciuto nell’industria cinematografica sudcoreana per aver scritto e diretto il thriller-horror Wide Awake (2007) e il poliziesco Children nel 2011.

In questa occasione Lee Kyu-man ha presentato il suo ultimo film, The Policeman’s Lineage e ha partecipato a una Masterclass insieme all’attore protagonista Cho Jin-woong per parlare del film e della produzione cinematografica in Corea del Sud.

Il regista e l’attore si sono dimostrati da subito molto affiatati anche in questa cornice non solo sul set e dopo aver risposto alle domande del pubblico e dello staff abbiamo avuto modo di avere anche un incontro a tu per tu molto interessante. Ma prima di raccontarvelo un po’ di inquadratura sul film e sul regista. Di seguito il trailer del film pubblicato su YouTube:

Chi è Lee Kyu-man

Intervista Lee Kyu-man

Lee Kyu-man, classe 1972, ha studiato regia alla Kyunsung University. Ha esordito con il cortometraggio Ms. Ave (1999) e in seguito ha dimostrato la sua abilità di regista con il suo primo lungometraggio, il thriller misterioso Wide Awake (2007). Lo ha seguito con il suo più grande successo fino ad oggi, Children (2010), un thriller basato su uno dei casi più famosi in Corea.

Dopo una partecipazione al film antologico Short! del 2010, Lee è tornato come produttore per Eclipse (2016). Tornato alla sedia da regista, all’inizio del 2022 ha pubblicato un altro film drammatico, The Policeman’s Lineage (2021), questa volta basato su un romanzo di Sasaki Joh con lo stesso nome, con la star di Parasite, Choi Wooshik nel ruolo di un poliziotto sotto copertura.

L’attore Cho Jin-woong è un vero veterano del cinema sudcoreano infatti ha oltre 50 film alle spalle mentre il regista Lee Kyu-man si può considerare una giovane promessa del cinema sudcoreano.

Protagonista il giovane agente di polizia Choi Min-jae, che viene incaricato di eseguire un’indagine interna sull’operato di Park Gang-yoon, capo di una squadra investigativa: la quantità di arresti effettuati con metodi poco ortodossi ha insospettito i superiori. Mentre indaga ulteriormente sull’ufficiale, si avvicina a lui e inizia a chiedersi cosa credere.

Kyu-Man Lee ha diretto The Policeman’s Lineage, con Choi Woo-Shik, Cho Jin-Woong, Park Hee Soon, Kwon Yul e altri. Questo film sarebbe stato molto meno interessante se Cho Jin-Woong non avesse dato una buona interpretazione come leader di una squadra di investigatori. Il film si presenta con due personaggi principali, il primo interpretato da Choi Woo-Shik, e l’altro da Jin-Woong, che d’altra parte, è stato coerente e solido per tutto il tempo.

Ogni volta che era sullo schermo, la scena migliorava immediatamente. I suoi sforzi si sono riflessi anche nella sceneggiatura.

Mentre altri personaggi erano solo agenti di polizia generici, hanno creato il suo personaggio in modo brillante e lo hanno appoggiato per andare avanti con la sua interpretazione.

The Policeman’s lineage

Intervista Lee Kyu-man

Non deve essere facile trovare una nuova premessa per un film su poliziotti, criminali, corruzione o qualsiasi altro argomento relativo alle forze dell’ordine. Tuttavia, gli sceneggiatori di questo film sono riusciti a trovarne uno.

Concentrarsi sulle donazioni e sui fondi che gli agenti di polizia sudcoreani ricevono dalla sponsorizzazione e su come sono stati utilizzati non ai fini delle indagini è stato piuttosto singolare.

Il titolo originale sudcoreano è 경관의 피, lett. “Il sangue dell’ufficiale” è un film adattato da un romanzo giapponese Keikan no Chi (警官 の血, lett. “Il sangue del poliziotto”) scritto da Joh Sasaki. C’è anche un adattamento Jdrama del romanzo con lo stesso titolo per chi fosse curioso di recuperarlo.

Come abbiamo già accennato, la storia del film si concentra su un agente di polizia, Choi Min-jae (Choi Woo-shik), che svolge i suoi doveri nonostante la sua giovane età. Attira l’attenzione di un ufficiale degli affari interni, il capo della sezione Hwang In-ho (Park Hee-soon) e viene reclutato per un’indagine segreta sulla morte di un agente di polizia legato a Park Kang-yoon (Jo Jin-woong), capo dell’unità investigativa metropolitana.

Sebbene Min-jae all’inizio non accetti l'”offerta”, l’accordo include anche l’accesso a un rapporto segreto relativo a suo padre, anche lui un agente di polizia, morto in servizio. Per questo motivo, Min-jae inizia il suo nuovo incarico lavorando nell’unità di Kang-yoon, ma gli viene chiesto di seguire Kang-yoon proprio nel suo primo giorno, nel suo primo di molti viaggi per incontrare gli informatori di Kang-yoon. Ma poi, Kang-yoon dice qualcosa per cui Min-jae non è preparato: che conosceva il padre di Min-jae.

La loro prima uscita insieme non finisce bene, con Min-jae che evade dalla sua copertura per arrestare l’informatore, solo per essere fermato da Kang-yoon. È chiaramente a disagio a causa della sua natura di attenersi alle regole, ma Min-jae è lentamente incuriosito da Kang-yoon; tuttavia, ciò non gli impedisce di curiosare in giro e fare le sue indagini segrete sul suo stesso superiore, che conduce uno stile di vita sontuoso nonostante viva con la paga minima di un poliziotto. Mentre Min-jae continua a scortare Kang-yoon come suo autista, inizia a vedere che Kang-yoon è probabilmente più di un semplice poliziotto corrotto.

L’obiettivo di Kang-yoon è Na Young-bin (Kwon Yul), un criminale che riesce a sfuggire più volte a lunghe pene detentive a causa dei suoi legami, con grande ira di Kang-yoon. Sebbene a quanto pare sia finanziato dalle stesse persone ai vertici dell’organizzazione di polizia, Min-jae vede che Kang-yoon deve esternalizzare quando si tratta della carenza di fondi per le sue indagini prendendo prestiti da strozzini.

Intervista Lee Kyu-man

Intervista Lee Kyu-man

Sorprendentemente, Kang-yoon usa strani mezzi per ripagare i prestiti fino all’ultimo centesimo, senza prendersi nemmeno un centesimo per sé. Min-jae scopre anche che Kang-yoon era presente anche quando suo padre morì e, a differenza di lui, che era orgoglioso del lavoro di suo padre nonostante i sentimenti contrastanti che nutriva nei suoi confronti, Kang-yoon si vergognava di suo padre, un tossicodipendente ed ex detenuto.

Min-jae conclude nel suo rapporto finale che non ci sono attività sospette o prove di appropriazione indebita compiute da Kang-yoon, ma l’improvvisa imboscata del capo sezione Hwang fa saltare la copertura di Min-jae e lo mette in contrasto con i membri della sua squadra. Tuttavia, Kang-yoon lo tratta ancora come al solito, nonostante abbia scoperto che è solo una talpa piantata dagli Affari Interni per spiarlo.

Min-jae vuole ritirarsi dalla missione e lascia la squadra di Kang-yoon, ma il capo della sezione Hwang finalmente rivela la vera parte carnosa dell’organizzazione segreta che sostiene Kang-yoon, e il padre di Min-jae si è rivelato essere un membro precedente di detta organizzazione all’interno delle forze di polizia e mentore di Kang-yoon. A Min-jae viene dato un assaggio di com’è provare a fermare Kang-yoon nella sua indagine, che porta Kang-yoon alla sua memorabile battuta nel film:

Qual è esattamente la chiamata della polizia di cui parli? Ascolta, noi poliziotti siamo sempre in piedi oltre il confine. Non dovremmo essere completamente buoni o cattivi. […] Quindi, finché i cittadini sostengono il nostro lavoro, possiamo sempre stare al di sopra della zona grigia. Certo, ci sono momenti in cui ci spingeranno verso il nero. Questo è esattamente ciò che è essere un poliziotto. Se non puoi farlo, esci.

Jo Jin-woong ha interpretato così tanti personaggi della polizia nella sua lunga lista di film, con quelli memorabili come l’ufficiale corrotto nel film A Hard Day e, naturalmente, il sempre adorabile detective Lee Jae-han nel dramma Signal . Park Kang-yoon è un altro agente di polizia, ma Jo riesce a portare un nuovo lato di lui nel personaggio: giusto con una forte volontà di catturare i cattivi, ma i suoi metodi potrebbero non essere puliti. Kang-yoon oltrepasserà il limite quando sarà necessario farlo, purché lo porti al suo obiettivo, ma è anche orgoglioso di essere lui stesso un poliziotto.

D’altra parte, c’è Choi Woo-shik che interpreta Choi Min-jae, che sembra verde all’esterno ma in realtà è qualcuno con un forte senso di giustizia in lui. Forse è a causa del sangue della polizia che scorre nelle sue vene, o forse è solo la sua natura. Tuttavia, Choi mette in mostra il verde e l’inesperienza di Min-jae, che è in perfetto contrasto con il sé esperto e sicuro di sé di Kang-yoon.

I loro sé opposti lo rendono un viaggio divertente per testimoniare come se la cavano l’uno contro l’altro e il loro viaggio verso la ricerca di un terreno comune l’uno con l’altro. Il luccichio di soggezione negli occhi di Min-jae, la sua decisione risoluta di trovare anche un granello di polvere nei dischi di Kang-yoon, il modo in cui Kang-yoon tratta le persone al di sotto di lui con calore e la sua pazienza nell’affrontare l’avventatezza di Min-jae… come guardare due persone completamente opposte che trovano fiducia l’una nell’altra e costruiscono un forte legame tra un mentore e il suo allievo.

Una delle prime scene del film mostra il brano “Nessun dorma” della Turandot, questa scelta aveva un significato particolare? Lei è appassionato di Opera?

In effetti sì, è un collegamento con il personaggio di Kang-yoon e per rendere suspence sul suo comportamento. Non si capisce bene da che parte sta e fa di tutto per creare una rapporto di fiducia con il suo sottoposto. Quello su cui gioca il film però è proprio la suspence sul suo ruolo nella polizia.

In un’altra scena del film c’è una sorta di rituale di iniziazione con dei drink molto particolari, funziona così anche nella vita vera?

(Ride) In alcuni casi può succedere, si tratta di una cosa tipica in Corea del Sud, è un drink che è formato da tre ciotole messe una sopra l’altra grazie alle bacchette e vanno bevute tutte e tre. Nel film chiaramente interviene Kang-yoon che se le beve tutte in una volta per dimostrare di essere il capo.

Il titolo del film è molto particolare e parla proprio di una famiglia di poliziotti che si è tramandata il mestiere di padre in figlio per tre generazioni, può essere questa passione per il mestiere una sorta di forma d’amore?

Non è una domanda proprio facile, in realtà dipende molto anche da come uno intende l’amore. Sicuramente il figlio vuole portare avanti le orme del padre ma c’è una scena del film in cui lui da bambino si prova il cappello del padre e lui lo punisce e gli dice di non diventare mai poliziotto. In questo caso vuole proteggerlo in qualche modo ma allo stesso tempo lo ha cresciuto con i suoi valori di poliziotto.

C’è una sorta di parallelismo con cui il film gioca: il rapporto padre/figlio e quello di mentore/allievo era voluta questa cosa?

Sì, diciamo che il rapporto con il suo mentore rimane molto oscuro per la maggior parte del film perché non sembra proprio un poliziotto che aderisce al suo codice. E’ interessante vedere il loro rapporto e come riescono a creare una sorta di fiducia tra loro.

Domanda difficile: ha mai subito dei pregiudizi a causa della sua cultura in Occidente?

Quando non si conosce la cultura di un Paese questo può essere un ostacolo. Fortunatamente grazie alle persone che hanno creato questo interesse per la cultura sudcoreana adesso non c’è solo timore ma la voglia di far conoscere di più la nostra cultura attraverso il cinema.

Lightyear – La vera storia di Buzz, intervista ai doppiatori: "La bellezza di Buzz sta nella sua ricerca di una casa"
Lightyear – La vera storia di Buzz, intervista ai doppiatori: "La bellezza di Buzz sta nella sua ricerca di una casa"
I doppiatori italiani presentano Lightyear - La vera storia di Buzz: "Un racconto che parla della fallibilità dell'essere umano."
I doppiatori italiani presentano Lightyear - La vera storia di Buzz: "Un racconto che parla della fallibilità dell'essere umano."
10 dei migliori film cinesi in arrivo e già presenti su Mubi
10 dei migliori film cinesi in arrivo e già presenti su Mubi
Intervista a Beatrice Baldacci: "Nel mio film volevo che dal contrasto nascesse il significato."
Intervista a Beatrice Baldacci: "Nel mio film volevo che dal contrasto nascesse il significato."
For All Mankind 3, intervista a Shantel Vansanten: "volevo essere tra chi aveva il coraggio di viaggiare"
For All Mankind 3, intervista a Shantel Vansanten: "volevo essere tra chi aveva il coraggio di viaggiare"
Shining Girls, intervista alla regista Michelle MacLaren e showrunner Silka Luisa
Shining Girls, intervista alla regista Michelle MacLaren e showrunner Silka Luisa
The Boys 3, intervista a Claudia Doumit e Nathan Mitchell
The Boys 3, intervista a Claudia Doumit e Nathan Mitchell