Kaiju no. 8, la recensione: non solo la redenzione di un kaiju

6 mesi fa

8 minuti

Kaiju no. 8 la recensione

Scrivere la recensione di Kaiju No. 8 sarà facile come ripulire gli intestini di un kaiju dopo che è stato ucciso… Ovviamente è ironico. Se dovessi usare solo una frase, direi che questo manga, di cui volenti o nolenti sentirete parlare ancora per un po’, soddisferà allo stesso modo sia i fan di storie d’azione e di Kaiju, ma non solo, infatti gli aspetti di slice of life sono certamente scritti meglio delle battaglie dei mostri.

Utilizzando una storia frenetica, veri e propri temi shonen e un’intensa arte visiva dei mostri, Kaiju No. 8 ha le carte in regola per diventare il prossimo “tesoro shonen“, ma solo se risolve prima alcuni “nodi”.

Kaiju No. 8 è ambientato in un mondo alternativo in cui periodicamente compaiono mostri giganti conosciuti come Kaiju che attaccano la popolazione umana radendo al suolo tutto quello che trovano. Considerando la lunga tradizione del Giappone di mostri giganti che attaccano le città, non sorprende che il Giappone abbia i tassi più alti di attacchi Kaiju rispetto a qualsiasi altro paese. La forza di difesa giapponese viene regolarmente chiamata per contrastare questi attacchi Kaiju.

I protagonisti principali della storia sono Kafka Hibino e Mina Ashiro, amici d’infanzia che giurano di distruggere tutti i Kaiju dopo che la loro città natale è stata distrutta da un attacco di uno di questi ultimi. Kaiju No. 8 è una storia di cacciatori di mostri. Combattono e sconfiggono questi mostri usando una vasta gamma di potenti armi e tute che possono amplificare le loro capacità.

Il nostro eroe Kafka Hibino fa parte delle forze di difesa giapponesi, ma non esattamente nel lato che si occupa della “difesa”. Invece, fa parte della squadra di pulizia, relegato a ripulire le viscere dei mostri all’indomani delle battaglie dopo essere stato bocciato molto tempo fa nelle prove, mentre la sua amica d’infanzia Mina Ashiro è diventata una combattente di prima categoria.

Tuttavia, la sua vita cambia quando un piccolo kaiju vola nella sua bocca aperta e acquisisce l’abilità segreta di trasformarsi lui stesso in un kaiju. Ora che le forze di difesa giapponesi stanno nuovamente aprendo le prove per la squadra di combattimento, Kafka ha un’altra possibilità per realizzare il suo sogno di una vita.

“Vediamo chi dei due diventerà il più fico”

Kaiju no. 8 la recensione

Per chi di voi fosse ancora incerto sull’iniziare a leggere questo manga voglio proseguire la recensione di Kaiju no. 8 così: il volume di apertura di Kaiju No. 8 fornisce una configurazione solida come una roccia. In molti modi fa rima con quello che ti aspetteresti da un titolo di Shonen Jump:

abbiamo il nostro protagonista con più potenziale che abilità provate, uno scenario di prova iniziale con giovani guerrieri che cercano di dimostrare il loro coraggio e un’amicizia d’infanzia messa a dura prova dalle circostanze.

Inoltre ci sono grandi mostri e grandi combattimenti, con una solida premessa iniziale e una rapida costruzione del mondo, tutti tratti distintivi di un titolo di azione e avventura. Ma Kaiju No. 8 ha alcuni colpi di scena divertenti che gli conferiscono un potenziale da grande promessa.

In primo luogo, l’età di Kafka è un grande vantaggio. A trentadue anni, Kafka Hibino non è affatto un vecchio, ma le storie shonen raramente presentano protagonisti in questa fascia d’età. Avere un personaggio principale sulla trentina che sta ancora cercando di far funzionare tutto è molto divertente in una storia come questa che sarebbe più tipicamente incentrata sulle circostanze, beh, di una persona molto più giovane.

C’è un ritmo emotivo particolarmente buono nel processo di apertura in questo volume, possibile solo grazie all’estensione del limite di età: Kafka ha perso la sua occasione, ma ora ha un’ultima possibilità per farcela di nuovo. Mentre lo scenario di allenamento ha funzionalmente lo stesso scopo che avrebbe se fosse molto più giovane,

la sua età e il fatto che il tempo non sia dalla sua parte danno a questa nuova possibilità di redenzione una risonanza emotiva molto più intensa.

“In quei momenti sarò sempre al tuo fianco”

Kaiju no. 8 la recensione

Ammettiamolo, quando stiamo per intraprendere una nuova collezione di manga ne deve valere veramente la pena. In generale, le caratteristiche che conquistano di più il pubblico sono la grafica, una storia accattivante e originale e perché no, anche un modo di raccontarla che colpisca.

In questa opera c’è anche un bel po’ di creatività nella premessa. Per esempio una cosa particolare è la skin tattica adatta ai membri dell’abbigliamento della Forza di difesa fornisce abilità sovrumane, ma chi la indossa con livelli di abilità diversi può produrre diverse percentuali di miglioramento delle prestazioni. Questo è un modo divertente per fornire una buona base di resilienza, forza, velocità, ecc., necessaria per il cast umano per affrontare regolarmente mostri giganti, lasciando anche aperte opportunità per la crescita del potere del personaggio. Il fatto che le tute aumentino l’impatto delle loro armi tecnologiche aggiunge un altro elemento interessante al mix e l’estetica tacticool super potente è un mix di X-Com e X-Men.

Oh, e ho già detto che Kaiju No. 8 è esilarante? Spesso si cerca di fare battute per conquistare i lettori ma qui ci si riesce veramente. Alcune gag garantiscono profonde risate di pancia grazie alle buffonate di Kafka. Le reazioni di Kafka e le facce che riesce a fare sono veramente divertenti (fanno già pensare a come potrebbe essere un potenziale anime).

Se siete fan di Gintama, troverete davvero bello avere di nuovo una nuova commedia d’azione con la sua stessa spensieratezza e leggerezza.

Considerazioni finali

Kaiju no. 8 la recensione

Ci avviamo alla conclusione della recensione di Kaiju no. 8 anche se avremmo voluto raccontarvi molto di più… ma gli spoiler non piacciono a nessuno. Un’altra punta di diamante di questo manga sono gli aspetti tecnici, che sono tutti eccezionali. Questo volume è per lo più impostato e in quella configurazione ci saranno molte tecniche familiari per far girare bene la storia, ovviamente.

Ma la trama e il ritmo di Naoya Matsumoto lo fanno sembrare decisamente facile da fare e la scrittura del personaggio è di prim’ordine.

Anche la parte artistica è superba, passando da dettagli tecnici a creature mostruose a volti comici esilaranti con completa facilità.

Onestamente, questo titolo sembra molto promettente e non vediamo l’ora di vedere cos’altro ci sarà in serbo in futuro.

I Kaiju sono fantastici. Anche le unità di difesa impegnate a proteggere l’umanità dal kaiju sono divertenti. Oh, e poi, naturalmente, ci sono le persone che puliscono le strade dopo l’eroismo; anche loro hanno bisogno di amore. E ad essere onesti, questi sono alcuni dei motivi per raccogliere Kaiju No. 8 dal mangaka Naoya Matsumoto.

Kaiju n. 8 parte con una premessa semplice ma efficace: il Giappone ha i tassi di emergenza kaiju più alti al mondo. La Japan Defense Force, un’organizzazione militare, incaricata di neutralizzare il kaiju, esiste per aiutare a mantenere gestita la minaccia del kaiju. Ma questa storia non riguarda le forze di difesa, non proprio. Riguarda Kafka Hibino, un uomo della pulizia dei cadaveri kaiju, il cui sogno d’infanzia di entrare a far parte della defence Force è stato messo in secondo piano dopo diversi esami di ammissione falliti.

Con i ricordi della sua amica d’infanzia Mina e del loro patto di unirsi alle forze di difesa giapponesi e combattere di nuovo al suo fianco quando un giovane si unisce alla squadra di pulizia, Kafka decide di provare ancora una volta. C’è però un problema, la gioia di sentire parlare di un aumento della fascia di età è rovinata da uno sviluppo: Kafka è diventato in parte kaiju.

In superficie, Kaiju No 8 è come la stragrande maggioranza delle serie shonen. Il protagonista maschile sviluppa un potere che deve imparare a fare suo mentre si adatta alla sua nuova vita e salva le persone.

Sebbene sia essenzialmente ciò che fa Kafka, c’è una differenza significativa, Kafka ha 32 anni. A causa della sua età, la sua vita è quasi scolpita nella pietra, e alla fine il raggiungimento del suo sogno è più amaro di un giovane protagonista con il mondo ai suoi piedi. In effetti, Kafka è solo un adulto che fa il suo lavoro che lo mette appena al di sotto del suo sogno, ed è riconoscibile. Mentre ricorda la promessa che ha fatto a Mina, sapendo che in realtà ci sta riuscendo, si chiede: “Come sono finito da questa parte delle cose?” È un momento che cattura un desiderio che arriva con l’età adulta che non vediamo spesso nei manga shonen. Dategli un’opportunità, lo dico soprattutto a voi, trentenni sognatori là fuori.

 

Kaiju No. 8 è disponibile in fumetteria e sul sito ufficiale di Edizioni Star Comics.

 

 

84
Kaiju No.8
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Kaiju No. 8 dicendo che per tutti i nostalgici amanti di Gintama e simili ritrovarsi in queste pagine sarà un toccasana, ma non solo. Uno dei punti di forza di questo tipo di manga infatti è raccontare per la prima volta la storia dal punto di vista di un over trenta. ce n'era davvero bisogno.

ME GUSTA
  • Kaiju No. 8 è interessante perché racconta un punto di vista che non vediamo spesso nei manga shonen.
  • Lo stile artistico di Naoya Matsumoto ti fa sentire parte della storia con naturalezza.
  • Narrativamente parlando la storia scorre senza intoppi e con picchi di ilarità mai forzati.
  • Con solo i primi due volumi a disposizione questa serie sembra molto promettente.
FAIL
  • Sarà interessante scoprire se i personaggi secondari avranno una caratterizzazione abbastanza forte.
Star Comics: Mondadori acquisisce il 51% della casa editrice di manga
Star Comics: Mondadori acquisisce il 51% della casa editrice di manga
One Piece 100 Celebration Edition: Star Comics prepara un'edizione da collezione
One Piece 100 Celebration Edition: Star Comics prepara un'edizione da collezione
Adou, la recensione del manga di Amano Jaku
Adou, la recensione del manga di Amano Jaku
Mashle, la recensione del manga edito da Star Comics
Mashle, la recensione del manga edito da Star Comics
On or Off, la recensione: il perfetto boy's love coreano a colori
On or Off, la recensione: il perfetto boy's love coreano a colori
One Room Angel, la recensione: pesante come un piuma
One Room Angel, la recensione: pesante come un piuma
Sweet Paprika: il nuovo fumetto di Mirka Andolfo arriverà il 19 maggio
Sweet Paprika: il nuovo fumetto di Mirka Andolfo arriverà il 19 maggio