Un’altra scatenata dozzina, la recensione: il remake Disney della commedia familiare

11 mesi fa

7 minuti

Un'altra scatenata dozzina la recensione

Avete presente quelle stupide frasi che i professori usano (ops, usavano) per descrivere gli alunni? “Ha del potenziale ma non si applica” oppure “potrebbe fare di più” ecco queste frasi possono essere usate per la recensione di Un’altra scatenata dozzina (così i prof. non si offendono troppo). Il film per famiglie è il remake di un remake (e già qui siamo in un territorio pericoloso): la versione del 2022 dà una nuova svolta al film del 2003 con lo stesso nome, che è stato a sua volta “l’aggiornamento” del film del 1950 basato sul romanzo semi-autobiografico dei fratelli Frank Butler Gilbreth Jr ed Ernestine Gilbreth Carey.

Inoltre è anche una potente esca nostalgica per i giovani genitori millennial; la versione del 2003, con Steve Martin e Bonnie Hunt nei panni dei genitori di 12 bambini turbolenti, era un punto fermo affidabile per le famiglie degli anni 2000 la cui nidiata conteneva uno stuolo di stelle amate dai millennial: Hilary Duff (colpevole, lo ammetto), Piper Perabo, Tom Welling, Alyson Stoner.

La versione del 2022, diretta dalla produttrice Gail Lerner da una sceneggiatura del creatore dello show, Kenya Barris, e dello scrittore/produttore Jenifer Rice-Genzuk, apporta diversi graditi aggiornamenti alla formula dei grandi dirottamenti familiari, ma condivide l’umorismo piatto del film del 2003.

Ci sono troppi spunti affinché il film trovi una strada coerente; il suo tono oscilla ancora più a casaccio, dal film per bambini al ritratto del matrimonio, alla commedia slapstick senza eccellere in nessun genere nonostante l’accattivante impegno dei suoi interpreti.

La versione Disney+ modernizza necessariamente quella che era sempre stata una famiglia uniformemente bianca. In un montaggio di apertura sdolcinato ma conciso, Paul (Zach Braff) e Zoey Baker (Gabrielle Union), la coppia sposata a Los Angeles, spiegano come è nata la loro famiglia mista. Paul era sposato con la ragazza yoga di Los Angeles Kate (Erika Christensen), dalla quale ha avuto tre figli (uno, un bambino di origini dell’Asia meridionale di nome Haresh, interpretato da Aryan Simhadri, è stato adottato da bambino). Zoey era sposata con il giocatore di bowling professionista della NFL Dom (Timon Kyle Durrett), con il quale ha avuto due figli.

Entrambi i matrimoni sono finiti allegramente – “abbiamo deciso di chiudere quel capitolo della nostra vita”, hanno detto – e Zoey e Paul si innamorano nella sua tavola calda. Dopo due coppie di gemelli, i Bakers hanno una bella collezione di bambini. La sorella di Paul, menzionata con attenta ma disinvolta sensibilità, va in riabilitazione, quindi i Baker accolgono il suo leggermente problematico figlio adolescente Seth (Luke Prael). Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Un allegro caos domestico

Un'altra scatenata dozzina la recensione

Ci addentriamo nel vivo della recensione di un’altra scatenata dozzina osservando che come nel film del 2003, l’essenza del remake di Disney Plus è un allegro caos domestico plasmato in una didattica leggera:

l’importanza della famiglia con i promemoria di non farsi accecare dal successo finanziario o dal “richiamo della crescita”.

Paul decide di commercializzare la sua salsa speciale al fine di aiutare a pagare per una casa più grande. I Baker si trasferiscono da Echo Park, un quartiere borghese di Los Angeles, a Calabasas, il “paese delle Kardashian”, come dice un bambino esperto di Instagram.

La nuova casa, il quartiere e la scuola privata mettono a dura prova la famiglia in modi ovvi e prevedibili: la figlia maggiore Deja (Journee Brown), una star del basket, viene messa in panchina. I genitori del country club non si prendono cura di Zoey, scambiandola per la tata.

Quest’ultimo è uno dei tanti momenti in cui il film sembra incerto su come vuole gestire l’elefante nella stanza (il razzismo). Come momento di insegnamento? Dom, un uomo scettico nei confronti di Paul, si lancia in un discorso su come Paul non sarà mai in grado di capire come ci si sente a essere fermato dalla polizia, per non parlare di preparare i suoi bambini per questo.

Tutte le intenzioni sono buone, tutta la politica e le opinioni fermamente progressiste, in senso Disney, pur essendo appetibili. C’è un’utilità per questo, specialmente per i giovani spettatori, ma il moralismo sembra più un marchio che si sforza di essere corretto piuttosto che una famiglia che cerca di capire le cose.

Tuttavia, parte del materiale è dolorosamente imbarazzante per uno spettatore adulto – la battaglia di ballo di Paul e Dom durante la partita di basket di Deja, Paul che raccoglie ciò che pensa sia alla moda per impressionare i potenziali investitori più giovani – probabilmente farà divertire i bambini, che amano i balli di TikTok e adulti che si prendono gioco di se stessi. Braff e Union hanno un’intesa accettabile, ma il carisma e la fiducia di Union sono magnetici in qualsiasi contesto, incluso questo.

Da un punto di vista adulto, sembra improbabile che Un’altra scatenata dozzina nel 2022 generi la stessa lealtà del suo predecessore, ma chi lo sa?

Potenziale sprecato

Un'altra scatenata dozzina la recensione

Ci siamo, la recensione di Un’altra scatenata dozzina è quasi giunta al termine ma permetteteci altre due considerazioni. Vi siete mai chiesti se un attore che ha interpretato per tanto tempo un personaggio poi in qualche modo rimanga influenzato dal suo carattere e dai suoi modi di fare? Ecco, qui mi verrebbe da dire che J.D. di Scrubs sarebbe deluso dal ruolo poco coraggioso del ruolo interpretato da Tom. Una delle sottotrame – quella in cui Tom lotta con sentimenti di inadeguatezza rispetto all’ex marito di Zoe, Dom (Timon Kyle Durrett), un atleta della Hall of Fame che è una celebrità di fama mondiale – è molto frustrante. All’inizio, tutto è giocato per ridere, con Dom che prende in giro Tom perché ha un numero di scarpe più piccolo e per non essere molto atletico.

Ma alla fine, Dom dà a Tom un triste “campanello d’allarme”: lui non può capire la loro lotta, e respinge le argomentazioni da bravo ragazzo di Tom secondo cui il suo amore per i bambini di Dom dovrebbe essere sufficiente. C’è un modo davvero interessante per esplorare questo argomento, e la performance di Durrett aiuta tanto quanto la sceneggiatura stessa… fino a quando la scena non si interrompe e la prossima scena in cui vediamo Dom, è con la famiglia Baker più grande e allargata, come se tutto fosse a posto.

Un’altra scatenata dozzina ha probabilmente il cuore nel posto giusto ma le intenzioni non sono abbastanza forti. E Braff e Union sono adeguatamente affascinanti insieme, per quanto si possa sperare in un remake che non molte persone non avevano richiesto.

Alla fine della fiera, come si suol dire, il film non ha nessun guizzo né comico né di altro tipo, rimane lì e potrebbe tranquillamente scorrere come sottofondo mentre fate qualcos’altro o addirittura potrebbe esservi utile per schiacciarci un pisolino pomeridiano, tanto non vi disturberà. Un vero peccato visto che la protagonista femminile un minimo di impegno ce lo mette per risollevare le sorti mentre il nostro caro Zach Braff fa proprio il minimo sindacabile (che sia l’età o il ruolo che gli hanno dato?).

Le buone intenzioni che il film ha, tuttavia, si scontrano con la realtà: il concetto di una famiglia mista che lotta per condurre una vita con una dozzina di persone coinvolte, soprattutto se quella famiglia è multirazziale a metà del 21° secolo. Eppure Un’altra scatenata dozzina, ogni volta che cerca di percorrere un sentiero più spinoso, sembra lasciarsi guidare dalla decisione esecutiva per garantire che nulla diventi troppo rischioso. C’era del potenziale qui, ma non viene realizzato.

 

Un’altra scatenata dozzina è ora disponibile su Disney+.

 

53
Un'altra scatenata dozzina
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Un'altra scatenata dozzina dicendo che addentrarsi in un "ginepraio" come un remake di un remake deve valere la pena e dispiace dirlo, ma non è questo il caso. Chiaramente c'era del potenziale che non è stato espresso probabilmente per il poco coraggio o per altri motivi. Ideale se non riuscite a prendere sonno.

ME GUSTA
  • Zach Braff gioca la carta nostalgia ma non è abbastanza.
FAIL
  • La storia non ha particolari guizzi e anche il lato comico lascia molto a desiderare.
  • Alla fine del film viene da chiedersi dove volesse andare a parare di preciso.
  • Piatto. Piatto. Piatto.
Darby Harper - consulenza fantasmi: perché dovreste vederlo
Darby Harper - consulenza fantasmi: perché dovreste vederlo
Topolino: La storia di un Topo, la recensione - Nascita di un'icona
Topolino: La storia di un Topo, la recensione - Nascita di un'icona
Come d'Incanto 2, la recensione: il lieto fine è sopravvalutato
Come d'Incanto 2, la recensione: il lieto fine è sopravvalutato
Rosaline, la recensione: essere o non essere... innamorati?
Rosaline, la recensione: essere o non essere... innamorati?
Licantropus - Werewolf By Night, la recensione: una storia di terrore senza tempo
Licantropus - Werewolf By Night, la recensione: una storia di terrore senza tempo
Hocus Pocus 2, la recensione: le streghe son tornate?
Hocus Pocus 2, la recensione: le streghe son tornate?
L'Era Glaciale: le Avventure di Buck, la recensione: un mondo perduto letteralmente
L'Era Glaciale: le Avventure di Buck, la recensione: un mondo perduto letteralmente