The Cuphead Show!, la recensione della serie Netflix: una lettera d’amore piena di creatività

7 mesi fa

7 minuti

The Cuphead show! la recensione

Iniziamo la recensione di The Cuphead Show!, la nuova serie animata Netflix, dicendo che è proprio come il gioco visivamente sbalorditivo e brutalmente difficile su cui è basata, è piena di tutto il fascino e la fantasia di un cartone animato degli anni ’30.

Benvenuti a The Cuphead Show! Il videogioco originale poteva non sembrare un candidato ovvio per trasformarsi in una serie a tutti gli effetti,

ma la nuova serie di Netflix è una lettera d’amore al gioco di Studio MDHR che è stracolma di un fascino vintage senza età.

The Cuphead Show! vede i fratelli Cuphead e Mugman viaggiare nel loro mondo da cartone animato di Inkwell Isles in una dozzina di avventure di 15 minuti, il duo si imbatte in un gruppo eterogeneo di amici colorati, nemici e il Diavolo in persona.

Laddove il gioco originale non riusciva a dare a Cuphead o Mugman una profondità caratteriale, i due, nella serie, hanno personalità divertenti e contagiose. Cuphead è quello impetuoso, dalla testa calda, veloce e pieno di brio; Mugman è un po’ più incerto e interpreta il fratello tutto d’un pezzo. I dirottamenti in stile vaudeville di Cuphead e Mugman sono usciti dall’era del cinema muto della classica Hollywood con errori di direzione e misfatti, che si sposano perfettamente con lo stile artistico creato con amore della serie.

Come i giochi, il regista Dave Wasson e il suo team hanno costruito il tutto con lo stile di Studio MDHR e ispirandosi alla tradizione di Walt Disney e Fleischer degli anni ’30 e ’40.

Ogni scena, completa di grana della pellicola specifica dell’epoca, si apre con un cinetismo con uno stile disegnato a mano che, purtroppo, non siamo più abituati a vedere.

Anche se c’è ancora molta trama principale del gioco che segue i fratelli mentre sono costretti a trovare modi per superare in astuzia il diavolo, The Cuphead Show cerca di passare un po’ di tempo a dare corpo ai suoi personaggi secondari come il malvagio King Dice (Wayne Brady) e la signora Chalice. È sempre fantastico quando le espansioni dei videogiochi – siano essi contenuti di gioco giocabili reali o “espansioni” in senso narrativo come è The Cuphead Show – puntano a questo tipo di ampliamento del personaggio e costruzione del mondo. Di seguito il trailer Netflix pubblicato su YouTube:

Incontro con il Diavolo

The Cuphead Show! la recensione

Il tono celebrativo della serie è impostato fin dalla sigla di apertura di The Cuphead Show!, una sequenza di crediti musicali meravigliosamente realizzata che precede ogni episodio. In effetti, ci sono diverse chicche musicali nel robusto schema di The Cuphead Show. Potrebbe non esserci un earworm in stile “Dona un soldo al tuo Witcher”, come nella serie di The Witcher di Netflix, ma la serie fa tutto il possibile quando scimmiotta (e, in alcuni casi, supera) le sue ispirazioni dell’età dell’oro.

Come ci si aspetta da un cartone animato moderno, c’è una parvenza di una storia a puntate, a cominciare da Cuphead che deve la sua anima al diavolo. Frustrante, è un piccolo intoppo all’inizio, con la maggior parte delle scappatelle di Cuphead e Mugman che sono voci autonome che fanno ben poco per guidare la narrativa generale fino al traguardo.

È un peccato perché la presenza del diavolo (Luke Millington-Drake, che incanala una meravigliosa miscela di Jafar, Mr. Burns e Robot Devil di Futurama) insieme all’intrattenitore cantilenante King Dice (Wayne Brady) aggiunge un vero slancio alla serie.

In mezzo a un profondo pool di talenti, la coppia di attori offre costantemente le interpretazioni più forti.

Senza di loro, la serie a volte può sembrare un po’ senza timone, con una manciata di voci che chiaramente operano nella funzione di sketch comici. Ma ci sono molti più successi che errori nella serie di 12 episodi e nella recensione di The Cuphead Show ci teniamo a sottolineare che l’apparizione di Cuphead nel gameshow “Roll The Dice” di King Dice è un momento clou particolare, che entusiasma con un’esilarante routine da sette minuti.

Dato che The Cuphead Show è un cartone animato moderno rivolto a un pubblico giovane, puoi capire perché il team creativo dello show non poteva esattamente fare affidamento su blocchi di dialoghi testuali impostati su musica d’altri tempi per portare avanti la sua storia. In alcune scene che sono chiaramente basate sulle battaglie con i boss più memorabili di Cuphead, l’energia frenetica dello show funziona come una sorta di specchio dello stress che può derivare mentre stai cercando di accumulare punteggi perfetti nel gioco.

La velocità con cui ciascuno degli episodi di The Cuphead Show si muove gioca anche un ruolo nel senso generale dello show di sentirsi proprio un tributo alla classica animazione dei Fleischer Studios che era il gioco. Non è che The Cuphead Show funzionerebbe meglio se ogni singolo fotogramma fosse illustrato a mano, ma piuttosto che sembra incerto su quanta energia mettere nella suo essere vintage rispetto a giocare con la sensibilità della narrativa moderna.

Eppure, a volte è difficile capire a chi è rivolto esattamente questa serie. I fan dei giochi si rallegreranno senza dubbio del mondo che prende vita in modo così fantasioso. I boss del run-and-gunner del 2017 – come Chauncey Chanetay, Ribby e Croaks, tra gli altri – sono tutti qui. Eppure, The Cuphead Show è ampiamente rivolto a un pubblico più giovane.

Fate il vostro gioco!

The Cuphead Show! la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di The Cuphead Show! con una piccola osservazione e preoccupazione, dato quanto siano oscure e francamente da incubo alcune sequenze è davvero una serie per tutta la famiglia? Una scena vede Cuphead e il tutore di Mugman, Elder Kettle (Nonno bricco, da non confondere con zio bricco di Masterchef…), trasformarsi in uno scheletro. Un altro vede i cittadini di Inkwell Isle risucchiati dalla loro forza vitale dopo aver perso una partita a Soul Ball.

Inoltre, non raggiunge costantemente sia gli adulti che i ragazzi in stile SpongeBob con una buona dose di “umorismo fisico” (per mantenere l’attenzione dei bambini) e un numero sufficiente di battute ammiccanti e spinte “per adulti”. A volte è un po’ troppo giovanile e potrebbe deludere coloro che sperano in risate leggermente più oscene.

Nonostante ciò, è quasi impossibile guardare The Cuphead Show! senza un grande sorriso sciocco sul viso quando fa sempre del suo meglio per intrattenere – e spesso ci riesce.

Cuphead e Mugman eludono continuamente le grinfie del Diavolo e i suoi schemi stravaganti è un piacere sia per gli appassionati di animazione che di giochi.

Quando The Cuphead Show inizia ad affinare un po’ la sua attenzione e ad approfondire la lotta di Cuphead e Mugman per l’anima di Cuphead, puoi vedere chiaramente quanto sia vicino a catturare lo stesso tipo di magia che ha reso “Hell Is Other Robots” di Futurama ” uno degli episodi più forti e memorabili di quella serie. La maggior parte degli elementi necessari ci sono, ed è lodevole quanti dettagli ciascuno degli episodi di The Cuphead Show riesca a mettere insieme dati i loro vincoli. La densità dei dettagli non è sempre un’ottima televisione, tuttavia, e nel caso di The Cuphead Show, optare per meno a favore di dare a tutti sullo schermo la possibilità di respirare potrebbe essere stata l’opzione migliore.

Se l’imminente scuderia di adattamenti di Netflix, tra cui Tomb Raider, Assassin’s Creed e Far Cry, ha anche solo un briciolo di maestria di quella vista qui, potremmo assistere a una rinascita per le storie di videogiochi raccontate nelle serie in streaming. Fino all’arrivo di quelle serie, però, alzate i calici per The Cuphead Show!

 

The Cuphead Show! è disponibile per lo streaming su Netflix dal 18 febbraio.

 

 

84
The Cuphead Show!
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di The Cuphead Show! dicendo che è difficile non desiderare che sia stato più elaborato per le sue gag visive o, in assenza di ciò, abbia dato un po' più di profondità al mondo delle Isole Inkwell, ma The Cuphead Show! finisce in una strana via di mezzo, intrappolato tra la sua commedia e il suo rispetto per l'animazione di 90 anni. La nostalgia vince comunque quindi è assolutamente da vedere!

ME GUSTA
  • The Cuphead Show ha personaggi memorabili, umorismo surreale e bellissime animazioni in un fantastico adattamento del videogioco.
  • The Cuphead Show cattura l'essenza del gioco popolare, offrendo ai fan vecchi e nuovi un cartone animato surreale, esilarante, caotico e divertente a tutto tondo.
  • La durata degli episodi è gradevole.
FAIL
  • Le battute e le gag a volte risultano poco sagaci.
  • Non sembra avere un pubblico ben definito.
Cyberpunk: Edgerunners, la recensione: la storia estatica che stavamo aspettando
Cyberpunk: Edgerunners, la recensione: la storia estatica che stavamo aspettando
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese
Skam Italia 5, la recensione: l'amore secondo Elia
Skam Italia 5, la recensione: l'amore secondo Elia
Echoes, la recensione: suspence dove sei?
Echoes, la recensione: suspence dove sei?
The Cuphead Show! 2, la recensione: una tazza mezza piena
The Cuphead Show! 2, la recensione: una tazza mezza piena
Lost Ollie, la recensione: la favola della buonanotte per il vostro bambino interiore
Lost Ollie, la recensione: la favola della buonanotte per il vostro bambino interiore
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale