Euphoria 2, la recensione: trovare chiuse le porte del paradiso

28
3 giorni fa

7 minuti

Euphoria 2, la recensione

Iniziamo la recensione di Euphoria 2 – di cui abbiamo visto in anteprima tutta la seconda stagione – dicendo che si tratta di una serie TV di estremi. Durante la sua stagione di debutto, l’angosciante dramma adolescenziale della HBO della mente di Sam Levinson ha affrontato alti e bassi, sia che si tratti dell’uso di droghe, di relazioni difficili o di qualsiasi altra cosa fra le miriadi di difficoltà che i giovani si trovano ad incontrare in questa era moderna, il tutto avvolto in una lucentezza dorata.

La forza di Euphoria è stata il modo in cui ha intenzionalmente spogliato l’impiallacciatura del suo cast per esporre un sottofondo avvincente. Se la prima stagione era tutta incentrata sul far scorrere i bei tempi, allora il tanto atteso sforzo del secondo anno riguarda decisamente il calo. Riprendendo alcune settimane dopo la ricaduta di Rue (Zendaya) e gli episodi speciali ambientati nel periodo natalizio, Euphoria 2 si apre con un’avventura di Capodanno, l’ultima volta, prima di una discesa nell’oscurità.

Durante i nuovi episodi, Levinson raddoppia l’introspezione, dedicando la sua attenzione a arricchire ulteriormente il suo vasto cast, con lo stesso melodramma e lo stesso glamour elegante con cui la serie si è fatta le ossa durante il suo debutto.

Nonostante la stridente familiarità della sequenza di apertura, Euphoria 2 non vive, come la sua stagione precedente, sull’orlo del disastro costante. Mentre Rue Bennett (incarnata dalla magnifica Zendaya vincitrice di un Emmy) è ancora spinta al limite ad ogni angolo, i suoi compagni di liceo si trovano nei guai più comunemente vissuti a quell’età: le relazioni che iniziano e finiscono e l’esplorazione della sessualità. La “recita scolastica” è al centro della scena. Per coloro che si sono sentiti sopraffatti dall’acuto pericolo che ogni personaggio deve affrontare in ogni momento della prima stagione, questa nuova dicotomia, che contrasta l’incubo di ogni genitore con la quotidianità di ogni studente, dovrebbe teoricamente avvicinare gli spettatori a questi adolescenti turbati.

La portata ampliata avvantaggia immediatamente due personaggi che necessitano di ulteriore affermazione: Fezco (Angus Cloud) e Lexi (Maude Apatow). La visione piena di sentimento di Cloud su Fezco continua a essere una delle armi segrete di Euphoria e coinvolgerlo maggiormente nel mix rende la serie ancora più ricca quando interagisce con personaggi che non sono solo Rue.

Lexi, precedentemente rassegnata a un ruolo di osservazione, riconosce la propria passività nella storia e inizia a prendere provvedimenti per lottare contro il controllo della sua narrativa. L’aumento del tempo sullo schermo significa che Apatow si afferma come interprete, diventando una delle più grandi sorprese della stagione. Chiunque abbia visto tutte e cinque le ore di This is 40 nel 2012 sapeva che aveva un dono, ma ci sono voluti circa un decennio per realizzarlo pienamente. Di seguito il Trailer YouTube:

Trying to Get to Heaven Before They Close the Door

Euphoria 2, la recensione

Continuiamo la recensione di Euphoria 2 osservando che Levinson offre intelligentemente anche a Cassie di Sydney Sweeney un altro arco narrativo “carnoso” per litigare con questo go-round. L’anno scorso, in The White Lotus e The Voyeurs, Sweeney ha raggiunto nuove profondità interpretative da poter sfruttare con Cassie. L’attrice infatti, trasformando una versione relativamente interna e cerebrale del personaggio in una potenza esplosiva con la sua performance, ha di nuovo sconvolto lo status quo.

Zendaya e Hunter Schafer sono sicuramente al centro della storia e le loro prestazioni eccezionali garantiscono sicuramente questo status, ma Sweeney si afferma come degna di essere inclusa insieme a loro mentre intensifica ancora una volta il suo gioco recitativo.

La maggiore attenzione sugli altri personaggi arriva con un compromesso, poiché le personalità di spicco della prima stagione devono passare in secondo piano. Anche con Levinson che bilancia tre o quattro archi di personaggi alla volta in un determinato episodio, c’è decisamente meno da fare per Barbie Ferreira e Algee Smith.

La McKay di Smith viene essenzialmente eliminata dalla serie dopo la premiere, mentre la Kat di Ferreria è gravata da una trama che le fa girare su una sorta di ruota panoramica emotiva per la maggior parte della stagione.

È una circostanza sfortunata e quello che viene da pensare è che qui Levinson abbia troppi talenti a disposizione per poterli sfruttare efficacemente tutti nella sua storia.

Per quanto deludente sia questa notizia, Euphoria trova nuovi modi per sorprendere. Il musicista Dominic Fike fa una bella impressione nei panni di Elliot. Che cosa esattamente stia combinando e con chi finirà per incrociare la strada è meglio lasciarlo alla vostra visione, poiché l’inclusione di Elliot costituisce una parte sostanziale della narrativa principale di Euphoria 2 quest’anno.

Fike, attore per la prima volta, si comporta meravigliosamente, poiché si adatta naturalmente all’insieme di talenti che lo circonda. Inoltre, scioccante è il modo in cui molte delle trame persistenti di Levinson sono concluse, una velocità che potrebbe causare qualche colpo di frusta. Anche se è bello avere una chiusura, la rapida velocità con cui Levinson gira intorno ad alcune trame può causare una certa incredulità.

Tanto importante quanto i personaggi di Zendaya o Hunter Schafer sono per la storia, così è la musica che compone la colonna sonora di ogni scena di questa serie davvero unica. Labrinth crea letteralmente un labirinto musicale in cui perdersi, creando una colonna sonora sensazionale che può essere goduta con tutto il cuore come progetto autonomo.

Il supervisore musicale Jen Malone seleziona meticolosamente e cura una serie di canzoni che le altre serie tv gli invidiano. Alcune scelte sembrano ovvie per una serie come Euphoria 2, ma il modo in cui sono integrate individualmente e collettivamente le rende un’esperienza così speciale.

Queste canzoni si incastrano in un modo così fluido e perfetto che non puoi davvero immaginarle in nessun altro modo.

Euphoria 2 è un’atmosfera. Quale atmosfera? Tutto dipende dalla scena e dal personaggio. Dalle scene oscure e lunatiche ai tanto attesi knockout e alla scoperta di sé, la serie diretta da Sam Levinson porta i suoi spettatori in un viaggio emozionante. Insieme a personaggi straordinari e una trama fuori dal mondo, Euphoria 2 ha una colonna sonora altrettanto tosta che aiuta a catturare qualsiasi umore una scena possa richiedere.

L’ultima stagione ha alzato la posta con classici rock, inni hip-hop e brani da festa usati per creare la giusta atmosfera. Il supervisore musicale dello spettacolo, Jen Malone, merita tutti i complimenti di scena per aver compilato una colonna sonora così intrigante.

Lust for Life

Euphoria 2, la recensione

Arriviamo alla conclusione della recensione di Euphoria 2 con una certezza: per quanto espansivo diventi in questa stagione, non commette errori, questa è ancora la storia di Rue, che sfoggia come in una meravigliosa vetrina tutti i suoi talenti. Levinson non esita a guidare proprio nella scivolata della ricaduta di Rue dal finale dell’anno scorso, risultando in una svolta complessivamente più oscura. Ad ancorare il tutto è l’affascinante attrice, che continua a comandare lo schermo mentre sfida gli spettatori a trovarla simpatica. La ricaduta e il comportamento risultante di Rue sono brutali e tragici da vedere; Gli avvertimenti pre-stagione di Zendaya sul fatto che la stagione 2 fosse “difficile” erano azzeccati mentre Rue si avvicina al desiderio di morte che ha espresso ad Ali (Colman Domingo) durante lo speciale delle vacanze della serie.

L’inevitabile spirale di Rue inizia silenziosamente prima di esplodere verso l’esterno, minacciando di inghiottire tutto ciò che la circonda come un buco nero.

Il suo lavoro è al suo meglio in un episodio di metà stagione straziante che probabilmente le farà guadagnare un altro Emmy come migliore attrice.

La natura estrema di Euphoria 2 rende facile confrontare la serie con un giro sulle montagne russe. Siamo dall’altra parte della discesa ora, e c’è un certo livello di immobilità che deriva dal rendersi conto che si sta cadendo. È in questo spazio tranquillo che la seconda stagione della serie si consolida come la migliore vetrina di giovani talenti della recitazione in onda in questo momento.

Queste esibizioni crepitano con una vividezza senza precedenti, rendendo la serie essenziale per la visione, anche quando la storia vacilla.

Euphoria 2 dà il meglio di sé quando scava in profondità per trovare nuove dimensioni in questi personaggi stratificati, e che esperienza avvincente è vedere ciò che Levinson e i suoi abili interpreti scoprono nel corso di questa stagione.

 

 

88
Euphoria 2
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Euphoria 2 con una consapevolezza: non si può dire che in una serie per adolescenti ci sono troppe scene di nudo, suvvia! Vi siete già scordati a cosa pensavate da adolescenti? E' una serie estrema? Certo, e allora? Ce ne fossero di più di serie che scelgono volutamente di non rimanere in una zona grigia per "far contenti tutti". Travolgente come sempre e con dialoghi dalla profondità spiazzante.

ME GUSTA
  • La regia di Sam Levinson si conferma spiazzante e coinvolgente.
  • La colonna sonora è un capolavoro assoluto per tutti gli amanti della musica, chi dice il contrario mente.
  • Le scene volutamente estreme sono in linea con le intenzioni narrative.
  • Le interpretazioni recitative vengono riconfermate anche se alcuni personaggi hanno meno spazio sullo schermo.
FAIL
  • L'aver dovuto aspettare così tanto per avere la seconda stagione.
Succession 3, la recensione: i am better than you
Succession 3, la recensione: i am better than you
The White Lotus, la recensione della serie HBO
The White Lotus, la recensione della serie HBO
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house