La Ruota del Tempo, la spiegazione del finale di stagione

75
3 settimane fa

15 minuti

La ruota del tempo spiegazione episodio 8

Dopo anni di attesa siamo finalmente arrivati all’episodio finale della prima stagione de La Ruota del Tempo. Di seguito trovate una nostra spiegazione del finale di stagione della Ruota del Tempo, ovvero l’episodio otto: The Eye of the World, diretto da Ciaran Donnelly e scritto da Rafe Lee Judkins.

In questa spiegazione ci saranno degli spoiler veri e propri, non solo sulla serie televisiva ma anche sull’intera saga di libri, poiché discuteremo dei cambiamenti dai libri e delle potenziali ramificazioni per il futuro. Se non volete che punti della trama dei libri che potrebbero apparire nelle stagioni future vi siano rivelati, scorrete verso il basso fino alla fine, dove troverete solo una valutazione finale dell’ottavo episodio più completa di quella della recensione.

L’ottavo episodio si apre 3000 anni prima. Lews Therin Telamon (Alexander Karim) sta discutendo con Latra Posae Decume (Katie Brayben). Lews ha un piano per portare canalizzatori maschi e femmine ad ingabbiare il Tenebroso, ma Latra dice che non può approvare il suo piano poiché il rischio di fallire è troppo grande. Il bambino di Lews inizia a piangere e lui lo calma dicendogli che renderà il mondo un posto più sicuro. Vediamo lo skyline di una città futuristica ed è chiaro che sono le rovine che avevamo visto nel primo episodio.

Tornando al presente, Rand e Moiraine si fanno strada attraverso la foresta paludosa e tempestata di cadaveri della Corruzione.

Si riposano brevemente dove possono vedere le Sette Torri del Malkier, il regno caduto dove è nato Lan.

Moiraine spiega che Malkier è stato abbandonato al massimo per quarant’anni, ma la Corruzione si è diffusa rapidamente.

Di ritorno a Fal Dara, Egwene fa i bagagli freneticamente per inseguire Rand. Perrin le dice che non c’è modo che possano seguirli e che morirebbero provandoci. Dopo l’imbarazzo causato dallo sfogo di Nynaeve nell’ultimo episodio, Perrin rassicura Egwene che staranno sempre bene. Nel frattempo, Nynaeve chiede a Lan se riesce a sentire qualcosa attraverso il legame, e lui dice che Moiraine non vuole essere trovata. Nynaeve spiega che Moiraine era in realtà quella che ha rintracciato dai Fiumi Gemelli e si offre di insegnare a Lan il suo “raccontare”. I due condividono un momento tenero e Lan saluta Nynaeve. Vi consiglio di recuperare alcuni contenuti speciali sul canale YouTube ufficiale:

L’occhio del Mondo

La ruota del tempo spiegazione episodio 8

Rand si sveglia per i viticci che crescono sulla sua mano. Moiraine viene improvvisamente pugnalata alla testa. L’uomo con gli occhi di fuoco, che Rand e gli altri hanno visto nei loro sogni, si avvicina. Rand gli spara una freccia nell’occhio ma l’uomo (Fares Fares) assorbe la freccia e rivela il suo volto – lo conosciamo come Ishamael. Ishamael sa che Rand è Lews Therin Telamon rinato. È anche sorpreso dalla lama con il marchio dell’airone di Rand e rivela di sapere che Tam non è il padre naturale di Rand.

Rand grida che questo è un sogno e si pugnala per svegliarsi. Si sveglia di soprassalto e Moiraine gli chiede cosa ha detto il Tenebroso nel suo sogno, ma Rand si rifiuta di rispondere, dicendo che non ci crede. Rand le chiede quale fosse il suo piano, e lei gli dà un sa’angreal, spiegando a Rand che aumenterà il suo potere di cento volte quando userà il suo potere. Rand le chiede di insegnargli come canalizzare, e lei dice che non può e che ogni volta che canalizza, si avvicina alla follia. Racconta una storia di quando era una novizia e aveva difficoltà a toccare la Sorgente, fino a quando un mentore Aes Sedai ha usato l’Unico Potere per batterla finché non è stata in grado di incanalare per fermarlo.

Nynaeve sta cercando di ascoltare il vento, ma rivela che dal giorno in cui ha canalizzato, non riesce più a sentire nulla. Egwene sente dei ruggiti, simili a quelli che ha sentito prima di Bel Tine ma molto, molto peggio. Nynaeve conduce quindi Egwene, Perrin e Loial ad affrontare Min su ciò che ha detto a Moiraine riguardo a Rand. Min si rifiuta di dirlo e spiega che lei davvero non sa se Rand starà bene, solo che tutto ciò che ha visto alla fine si è avverato.

Mentre parla, ha una visione di Nynaeve che cade in ginocchio, il viso in fiamme. Vede anche visioni di soldati vicini che muoiono in modi brutali. I campanelli d’allarme suonano in tutta la città quando viene individuato l’esercito invasore di Trolloc.

Rand e Moiraine possono vedere e sentire l’esercito di Trolloc che si avvicina a Tarwin’s Gap. Moiraine dice che l’unico modo per fermare l’esercito è fermare il Tenebroso.

Lord Yakota (Amar Chadha-Patel) informa Lord Agelmar (Thomas Chaanhing) e Lady Amalisa (Sandra Yi Sencindiver) della situazione. Ci sono migliaia di Trolloc. Le corde sono state tagliate anche sul ponte levatoio, Agelmar dice che devono inviare tutti i loro uomini per supportare il Gap, ma Amalisa avverte che il Gap non reggerà contro una forza così grande. Agelmar dice a Lord Yakota e Uno Nomesta (Guy Roberts) che “sanno cosa fare”.

La ruota del tempo spiegazione episodio 8

Continuiamo la nostra spiegazione del finale de La Ruota del Tempo fornendovi un quadro completo della puntata. Lan si dirige verso il Flagello dopo Moiraine e Rand, che ora hanno raggiunto un pozzo circolare: l’Occhio del Mondo. Rand chiede se Moiraine stesse includendo se stessa quando ha detto che chiunque si fosse messo tra il Drago e in Tenebroso sarebbe morto. Moiraine non dice nulla e cammina davanti a Rand nell’Occhio.

Nella parte inferiore dell’occhio, c’è un grande simbolo Aes Sedai su un disco circolare. Rand ha vaghi ricordi di aver combattuto qui come Lews Therin Telamon contro Ishamael. Improvvisamente, l’ambiente di Rand cambia. È tornato nella sua casa ai Fiumi Gemelli con Egwene e la loro figlia, Joiya. Nel mondo reale, Rand è svenuto. Appare Ishamael e Moiraine cerca di incanalarsi, ma lui la protegge con un gesto della mano. La schernisce dicendo che sa che l’Unico Potere è lì, appena oltre la sua portata.

Amalisa e Agelmar combattono con l’altissima possibilità che Tarwin’s Gap venga invaso, Fal Dara stesso cadrà e gli eserciti Trolloc si dirigono verso il resto del paese. Il loro piano è quello di inviare messaggi a tutti gli angoli del continente mentre trattengono l’esercito del Tenebroso abbastanza a lungo. Amalisa giura che non lascerà cadere la città.

Mentre l’esercito dei Trolloc cresce, Agelmar e i suoi soldati si dirigono verso l’avamposto nel varco. Cominciano a sparare con le loro balestre ai Trolloc. Amalisa indossa l’armatura di suo padre e assume il comando della città. Mentre gli stranieri (incluso Min) evacuano, ogni shienarese, compresi i bambini, dovrebbero rimanere e combattere, e Amalisa invia una richiesta per ogni donna che può incanalare. Lord Yakota rimuove il trono di Agelmar e iniziano a martellare la pedana di pietra sottostante. Amalisa, Nynaeve ed Egwene si riuniscono fuori città con altre due donne: una di loro è la moglie Malkieri di Zahir che abbiamo incontrato nell’episodio 7.

Rand, nel frattempo, si sente a disagio nella sua visione. Egwene gli chiede cosa c’è che non va. Rand inizia a interrogarla, chiedendole di dirgli cose che solo loro potrebbero sapere. Quando lo fa, Rand è sollevato dal fatto che sia davvero lei, ma all’improvviso lei e Joiya si bloccano a metà del movimento. Ishamael appare e dice a Rand che può usare il suo potere per plasmare il mondo nel modo che vuole. Rand chiede come può realizzare questo sogno.

All’Occhio, Moiraine mette un pugnale alla gola di Rand per ucciderlo se sceglie l’Oscurità.

La ruota del tempo spiegazione episodio 8

Perrin e Loial vengono portati nella sala del trono e si offrono di aiutare Yakota e Uno nel loro compito. Al divario, la battaglia è ancora in corso. I Trolloc si sono accumulati e iniziano a sfondare le fessure delle frecce. Uno lancia un giavellotto dritto nel petto di Agelmar. Tornati in città, due guardie rispondono a qualcuno che bussa. La porta si apre per rivelare Padan Fain e due Fades, che uccidono le guardie ed entrano nella fortezza.

Nella sala del trono, gli uomini hanno finalmente sfondato il pavimento della pedana per districare un baule finemente intagliato che contiene il Corno di Valere. Perrin li esorta a usarlo, ma Yakota e Uno gli dicono che è per il drago. Perrin poi vede Fain che passa davanti alla porta e lo insegue. Mentre lo fa, sente delle urla e si precipita nella sala del trono dove arriva appena in tempo per vedere che Fain è tornato indietro e Fades sta uccidendo i soldati shienaresi. Uno è a terra, ferito.

Yakota cade, apparentemente morto, e Fain pugnala Loial con il pugnale incrostato di rubini che Mat ha rubato a Shadar Logoth. Fain afferra il petto del Corno e rivela a Perrin che è venuto ai Fiumi Gemelli per tutti questi anni perché i cinque di loro – Rand, Perrin, Mat, Egwene e Nynaeve – sono tutti ta’veren, punti focali per la Ruota. Fain e il suo signore, il Tenebroso, inviarono i Trolloc a recuperare i cinque e tentare di trasformarli nell’Ombra. Perrin prende un’arma, ma non riesce a usarla e Fain se ne va con il Corno di Valere in mano.

La ruota del tempo spiegazione episodio 8

I Trolloc superano il varco e si avvicinano a Fal Dara. Amalisa si lega alle altre donne, trascinando l’Unico Potere attraverso di loro. Il potere combinato è esponenzialmente maggiore di qualsiasi cosa Amalisa abbia mai incanalato. Continua ad attingere più potere attraverso le altre donne, che stanno visibilmente lottando. Infine, Amalisa scaglia fulmini e raffiche di terra che decimano i Trolloc. La donna Malkieri cade in ginocchio, i suoi occhi bruciati dall’esercizio di troppo potere. Nynaeve grida ad Amalisa di fermarsi, ma Amalisa dice che non può lasciarsi andare. La seconda donna muore.

Mentre Egwene e Nynaeve iniziano a bruciare, Nynaeve striscia verso Egwene e in qualche modo reindirizza i flussi dell’Unico Potere fuori da Egwene e dentro di lei. Quando Amalisa attinge un’ultima esplosione di potere, sia lei che Nynaeve si esauriscono. Singhiozzando, Egwene tiene Nynaeve mentre tenta disperatamente di incanalare. Vediamo trame dell’Unico Potere fluire attraverso Nynaeve, riportandola indietro dall’orlo della morte e apparentemente invertendo il danno causato dall’incendio.

All’interno della visione di Rand, Ishamael sta insegnando a Rand come canalizzare. Rand dice che questa fantasia Egwene, che lo sceglierebbe invece di essere un’Aes Sedai, non è la donna che ama. Questo mondo non sarebbe stato quello che lei voleva. Rand canalizza attraverso il sa’angreal ed è tornato nel mondo reale; in un’ondata di luce bianca, Ishamael scompare. Il simbolo sotto i loro piedi si spezza con il potere della canalizzazione di Rand.

Continuiamo la spiegazione dell’episodio finale di stagione de La Ruota del Tempo con Rand che dice a Moiraine che ha sentito la follia sfiorare la sua mente e vuole tenere al sicuro coloro che ama andandosene lontano. Chiede a Moiraine di dire a tutti che è morto, sapendo che non può mentire ma troverà un modo per piegare la verità. Dopo che Rand se ne va, Lan trova Moiraine, che dice a Lan che se n’è andato. Lan le dice di smascherare il legame e Moiraine rivela in lacrime che non può toccare la Fonte. Quindi si rende conto che la pietra frantumata dal simbolo sotto di loro è cuendillar, un materiale che dovrebbe essere infrangibile. Lan chiede cosa significa, e Moiraine dice che teme che questo sia stato solo l’inizio.

Sull’estrema sponda occidentale del continente, una bambina gioca con la sabbia. Alza lo sguardo e vede una flotta di navi in ​​avvicinamento. È la flotta Seanchan e vediamo sul’dam che incanala un’enorme onda.

Continuiamo la spiegazione dell’episodio finale di stagione de La Ruota del Tempo parlando di alcuni dettagli tecnici molto importanti. Il design di produzione è stato ancora una volta eccellente. Dall’armatura di Amalisa all’abito della piccola Joiya, a Fal Dara, l’attenzione ai dettagli cresce sempre di più. D’altro canto, sebbene comprendiamo il desiderio di avere cliffhanger che lasciano il pubblico in sospeso, temiamo che alcuni di questi siano stati troppo “prefabbricati”. Una cosa è avere un personaggio che manca dopo una battaglia, ma è tutta un’altra cosa portare il pubblico a credere che un personaggio (o due) sia morto solo per poi rivelare che non lo è.

Le “damane” usano elaborati movimenti delle mani e delle braccia per incanalare. Sebbene sia precisato nei libri che le Aes Sedai usino movimenti delle mani non necessari nella loro canalizzazione, i canalizzatori dall’altra parte dell’oceano non dovrebbero avere lo stesso handicap, specialmente quando sono addestrati come armi. I Seanchan vorrebbero che le loro armi fossero il più efficienti possibile, e i movimenti lunghi e allungati del braccio sono tutt’altro.

Perché inserire una frase di Eaman Valda nell’episodio 5 sui movimenti delle mani che non sono effettivamente necessari per la canalizzazione se ogni canalizzatrice nel mondo si comporta come se lo fossero? E mentre discutiamo dei Seanchan, non aveva senso per loro mostrare una tale dimostrazione di forza per una bambina. Non sembrava esserci alcun motivo particolare per quella scena, e può finire per essere qualcosa di appariscente che non segue la logica del mondo come è stato costruito fino ad ora.

La CGI era traballante in alcuni punti, tra cui l’esercito Trolloc, la canalizzazione Seanchan, l’onda della marea, e la faccia sciolta di Ba’alzamon.

Alla fine, abbiamo sentito che il finale mancava di un po’ di tensione. Nei libri, erano già in guerra da dieci anni prima che Lews e i Cento Compagni lanciassero il loro sfortunato attacco contro il Tenebroso. Tuttavia, non c’era alcun accenno a ciò, quindi non c’è alcun senso di urgenza o disperazione che avrebbe potuto rendere più comprensibile la decisione rischiosa di Lews. Inoltre, mentre gli attori Alexander Karim e Katie Brayben hanno fatto un ottimo lavoro girando un’intera scena nella lingua antica, ci chiediamo se la scena sarebbe potuta andare diversamente se avessero girato in una lingua di cui entrambi comprendono appieno le sfumature.

Cosa cambia dal libro allo schermo

Abbiamo anticipato che l’adattamento della fine di The Eye of the World avrebbe avuto molti cambiamenti. Nella serie, Lews Therin Telamon si chiama “Dragon Reborn”. Abbiamo avuto indizi di questo cambiamento di tradizione per tutta la stagione, con personaggi che affermano che c’è un drago rinato in ogni epoca. Ciò solleva la domanda su chi fosse il drago originale e quando vissero per la prima volta, ma probabilmente non è qualcosa a cui verrà data risposta nella serie.

Invece di andare tutti all’Occhio del Mondo come nei libri, solo Rand e Moiraine ci vanno, con Lan che li segue dopo. Questo cambiamento ha senso nel contesto della conoscenza dei personaggi nella serie. Non sorprende che Aginor e Balthamel siano stati tagliati da quelle scene, con solo Rand che affronta Ba’alzamon/Ishamael.

Hanno anche rimosso le “corde” dal libro, prendendo invece ispirazione dall’iniziazione di Egwene, facendo in modo che Rand sia tentato da una visione simile di un possibile futuro. Riteniamo che il cambiamento abbia funzionato, ma sarà interessante vedere come questo influirà sulla futura prova di accettazione di Egwene, poiché potrebbe sembrare ridondante.

Abbiamo sentito di un paio di channeler che si uccidono notoriamente mentre attingono troppo dall’Unico Potere – Lews Therin Telamon e la Regina Eldrene di Manetheren – tuttavia, nei libri, “bruciarsi” non garantisce la morte.

È possibile che queste differenze vengano mantenute nella serie e che alcune lezioni nella Torre Bianca nella stagione 2 chiariranno cosa significa esaurirsi. In ogni caso, non siamo sicuri di come ci potremo sentire riguardo alle possibili implicazioni del burn out che significa morte. Certamente aumenterebbe la posta in gioco, ma la serie ha già stabilito quanto sia devastante essere tagliati fuori dall’Unico Potere, quindi aggiungere la morte sopra sembra superfluo.

Parlando di cose che necessitano di chiarimenti… è impossibile guarire qualcuno dalla morte nei libri, ma l’episodio ha decisamente ingannato le persone nel pensare che Nynaeve fosse morta. Avere Egwene – che non ha mai mostrato alcun talento particolare per la guarigione e che riesce a malapena a incanalare il fuoco a questo punto – riportare Nynaeve dall’orlo della morte mette davvero a dura prova i limiti della probabilità.

Rand che se ne va da solo dopo The Eye of the World è un grande cambiamento rispetto alla fine del primo libro, ma lo mette in un posto simile nel suo arco di personaggi come nel terzo libro, The Dragon Reborn. Sulla base delle informazioni passate su un possibile ritorno ai Fiumi Gemelli nella stagione 3, è stato teorizzato che la stagione 2 della serie potrebbe combinare le trame del secondo e del terzo libro, e questo cambiamento supporta tale teoria.

Secondo Padan Fain, tutti e cinque i membri del popolo dei Fiumi Gemelli sono ta’veren. Se questo è vero, questo è un allontanamento dai libri, dove solo i tre ragazzi erano ta’veren. Questo onestamente non ha molto impatto sulla trama, dal momento che Egwene e Nynaeve sono state in grado di realizzare cose apparentemente improbabili così tante volte nei libri così frequentemente che altri personaggi hanno persino chiesto loro se sono sicuri di non essere ta’veren. Francamente, preferiremmo che fossero tutti e cinque ta’veren invece di aggiungere Egwene ma non Nynaeve. Suggerisce anche che Siuan potrebbe non avere il talento per percepire ta’veren.

La morte di Amalisa non ha alcun impatto futuro sulla trama, ma Agelmar ha un ruolo chiave in A Memory of Light come uno dei Grandi Capitani. È un cambiamento che, pur fornendo tensione e dramma attraverso la morte di un personaggio, sembra che potrebbe essere più fastidioso di quanto valga la pena affrontare in futuro. In termini di Loial e Uno, è abbastanza chiaro per noi che questo è un falso, dal momento che entrambi gli attori sembrano essere tornati per la seconda stagione.

 

La Ruota Del Tempo: doppio dietro le quinte sulla realizzazione dei set della serie
La Ruota Del Tempo: doppio dietro le quinte sulla realizzazione dei set della serie
La Ruota Del Tempo: il backstage del LARP ufficiale della serie
La Ruota Del Tempo: il backstage del LARP ufficiale della serie
La Ruota Del Tempo: backstage del prop & weapon making nella nuova featurette
La Ruota Del Tempo: backstage del prop & weapon making nella nuova featurette
La Ruota Del Tempo: due making of sulla colonna sonora
La Ruota Del Tempo: due making of sulla colonna sonora
La Ruota del Tempo, la recensione dell'ottavo episodio: L'Occhio del Mondo
La Ruota del Tempo, la recensione dell'ottavo episodio: L'Occhio del Mondo
La Ruota Del Tempo: i video ufficiali dietro le quinte degli episodi sei e sette
La Ruota Del Tempo: i video ufficiali dietro le quinte degli episodi sei e sette
La Ruota del Tempo, la recensione del quinto episodio: sangue chiama sangue
La Ruota del Tempo, la recensione del quinto episodio: sangue chiama sangue