Tokyo Godfathers, la recensione: ridefinire il significato di famiglia

405
5 mesi fa

8 minuti

Tokyo Godfathers la recensione

Iniziamo la recensione di Tokyo Godfathers con una premessa: in Giappone l’animazione non è vista come il regno esclusivo dei film per bambini e per famiglie, ma è spesso usata per storie per adulti, fantascienza e d’azione, dove consente una sorta di libertà altrimenti impossibile nella vita reale. Alcuni film di Hollywood si sforzano così disperatamente contro i vincoli del possibile che vorreste che fossero semplicemente ricorsi all’animazione per superarli.

Tokyo Godfathers è un film d’animazione allo stesso tempo straziante e commovente, su una storia che non sarà mai e poi mai rifatta dalla Disney. Si tratta di tre senzatetto – un alcolizzato, una drag queen e una ragazza di circa 11 anni – che trovano un bambino abbandonato nella spazzatura in una fredda vigilia di Natale e provano per alcuni giorni a dargli una casa.

Il titolo fa un cenno a 3 Godfathers di John Ford (1948), dove tre desperados (guidati da John Wayne) salvano un bambino dalla madre morente alla vigilia di Natale e cercano di allevarlo, a un certo punto sostituendo il grasso per assali con l’olio per bambini.

I tre vagabondi vivono in una Tokyo di ghiaccio e neve, dove hanno modellato un riparo temporaneo di cartone e compensato, attrezzandolo con tutti i comfort di casa, come un fornello portatile. Qui hanno formato una specie di famiglia, ma ognuno ha una storia da raccontare, e durante il film, tutti la raccontano. Di seguito il trailer in inglese pubblicato su YouTube:

Un ritratto di tutti i lati della psiche umana

Tokyo Godfathers la recensione

Continuiamo la recensione di Tokyo Godfathers dandovi un’introduzione dei suoi personaggi principali. Gin, l’alcolista, sostiene di essere stato un ciclista che ha abbandonato la sua famiglia dopo aver perso tutto al gioco d’azzardo. Hana si sente un’estranea sin dalla nascita. Miyuki, la bambina, è scappata di casa dopo un litigio con suo padre. Gli altri le dicono che dovrebbe tornare, ma lei ha paura.

E poi le grida del bambino li avvertono, e il suo salvataggio è un catalizzatore che ispira ciascuno di loro a trovare ciò che è buono e resistente dentro di loro per trovare una nuova speranza.

Il film è stato co-scritto e diretto da Satoshi Kon, i cui Perfect Blue e Millennium Actress sono stati tra i titoli di anime più amati e più popolari. A differenza di Hayao Miyazaki (La città incantata, Il mio vicino Totoro), il suo stile non si avvicina all’animazione full-motion, ma utilizza l’approccio semplificato di molti anime, con sfondi semplici e personaggi che si muovono e parlano in modo stilizzato in un modo che non si avvicina al realismo. Se vedi questo stile per 30 secondi, è probabile che pensi che sia limitato, ma in un lungometraggio cresce con la tua visione e lo accetti, e la tua immaginazione lo fa espandere in una versione accettabile del mondo.

La storia del film è un melodramma attraversato da pathos, a volte sorprendente azione hard-boiled e un’enorme senso della coincidenza.

Le strade di Tokyo sembrano vuote e cupe mentre i tre personaggi proteggono il bambino e alla fine iniziano la ricerca dei suoi veri genitori. E la storia che coinvolge quei genitori è più complicata di quanto immaginiamo. Ci sono scene in una casa abbandonata, in un vicolo di case di senzatetto, in un drugstore, che sembrano abbandonate e senza speranza, e poi altre scene di sorprendente calore, che portano a un finale clamoroso e uno sviluppo abbastanza notevole in cui vengono salvate due vite in un modo possibile solo nell’animazione.

Tokyo Godfathers non è appropriato per gli spettatori molto molto giovani, e sappiamo che ce ne sono di più grandi che non si immaginano di assistere a lungometraggi di animazione per adulti dal Giappone. Ma c’è un mondo da scoprire. E a volte, come in questo film e come nel capolavoro de La tomba delle lucciole, i temi sono così strazianti che solo l’animazione li rende possibili.

Abbracciare l’oscurità

Tokyo Godfathers la recensione

Ci avviamo alla conclusione della recensione di Tokyo Godfathers con la seguente considerazione, Satoshi Kon ha avuto una vita incredibilmente breve e una carriera ancora più breve. È morto nel 2010 all’età di soli 46 anni dopo aver diretto solo quattro lungometraggi e una serie. Ma che titoli è riuscito a creare!

I suoi film danno uno sguardo inflessibile ad alcune delle parti più oscure e tristi della vita, ma alla fine tendevano sempre alla speranza.

Il suo primo lungometraggio del 1997 Perfect Blue è uno dei film più inquietanti sotto qualsiasi mezzo. Kon ha seguito con Millennium Attrice del 2001; entrambi i film guardano alla celebrità, in particolare alla celebrità delle giovani donne in Giappone, rispettivamente dal punto di vista della minaccia e dell’elegia.

Per il suo terzo lungometraggio, Tokyo Godfathers, si è mosso in una direzione più leggera mescolando commedia-avventura con un dramma personale straziante. Un libero adattamento del romanzo di Peter B. Kyne. Tokyo Godfathers, il film di Kon ci presenta tre senzatetto nel periodo natalizio e la loro ricerca autoimposta per trovare i genitori di un neonato, evidentemente abbandonato in un cassonetto. I tre personaggi formano una sorta di unità familiare surrogata e vivono ciascuno la propria bugia per nascondersi dalla vergogna. Mentre attraversano le strade innevate di Tokyo, il pubblico scopre come sono finiti nel posto in cui si trovano attualmente e nel frattempo imparano a conoscersi.

Per prima cosa abbiamo Gin, un ex campione di ciclismo burbero e brizzolato che afferma di aver perso tutto a causa dei debitori quando la sua giovane figlia è morta. Hana è una donna trans e un’artista di cabaret in pensione che è diventata senzatetto e scoraggiata dopo la morte del suo ragazzo. E la giovane Miyuki è un’adolescente scappata di casa a seguito di una violenta lite con suo padre.

Tutti e tre hanno scelto di nascondersi dal loro passato e sarebbero rimasti nascosti se non fosse stato per il ritrovamento di un bambino che chiamano Kiyoko in un cassonetto la vigilia di Natale.

Come con gli altri film di Kon, Tokyo Godfathers usa il mezzo dell’animazione e la sua intrinseca irrealtà per affrontare alcuni argomenti pesanti e a volte strazianti. Sebbene questo film sia certamente una commedia, a volte piuttosto ampia, parla comunque dell’abbandono della famiglia; depressione post-partum, abuso, omofobia, vendetta e persino violenza mafiosa.

Tuttavia, a merito di Kon, non lascia mai che la pesantezza dell’argomento interferisca con la commedia; al contrario, la follia delle situazioni non sminuisce mai la gravità degli argomenti. È una linea brillante e difficile da percorrere.

La storia funziona perché i personaggi sono così ben disegnati. Ognuno è incredibilmente a tutto tondo, imperfetto e tragico. Hana è la più esteriormente ottimista del trio, assumendosi la responsabilità non solo di agire come madre per il gruppo ma anche per il bambino. È Hana che dà il nome a Kiyoko. All’inizio del film, è anche la più esagerata e clownesca, ma impariamo mentre il film va avanti che non è delirante, è solo ferita e cerca di ottenere il meglio da ciò che ha ora.

Gin è un brontolone che sembra tollerare semplicemente Hana e Miyuki. Vuole portare rapidamente il bambino alle autorità e lavarsene le mani. Ma apprendiamo mentre Tokyo Godfathers va avanti che si risente per essere fuggito da sua moglie e sua figlia molti anni prima. In un modo strano, Hana e Miyuki ricoprono quei ruoli. Apprendiamo anche che la sua vera figlia si chiama Kiyoko, il che lo costringe a rivivere il suo passato. Durante una delle strane propaggini della storia, il trio finisce in una festa stravagante per la yakuza e Gin quasi uccide lo strozzino “responsabile” della sua perdita di tutto.

Miyuki per molti versi è la tipica ragazza adolescente, e quella che meno vuole tenere il bambino. Pensiamo che sia irragionevole, ma apprendiamo attraverso i suoi incontri che ha un trauma dai suoi stessi genitori. Gin e Hana le ricordano i suoi genitori, e questo la porta a scappare ancora una volta. Ma i flashback ci dicono che i suoi problemi con i suoi genitori, in particolare con suo padre, ci danno un’idea della sua stessa vergogna.

E credetemi, questa è solo la punta dell’iceberg in Tokyo Godfathers. Sono solo 92 minuti e vola. Tuttavia, non è mai a scapito di momenti profondi, e quando arriviamo alla fine, che prende una svolta verso il pericoloso, siamo davvero andati da qualche parte. I nostri personaggi sono cresciuti e cambiati, e le profonde rivelazioni arrivano fino ai momenti finali.

Tokyo Godfathers è un film bellissimo ed esilarante che ha cementato Satoshi Kon come un maestro visionario e narrativo. Il suo film finale, Paprika, sarebbe tornato a una fantascienza più aperta, immagini oniriche; la sua serie Paranoia Agent è arrivata al cuore della paura umana.

Ma con Tokyo Godfathers, ci ha messo davanti agli occhi la realtà sporca della vita e dell’amore e quanto sia difficile rappresentarli. E questa è forse la sua impresa più impressionante di tutte.

 

Tokyo Godfathers è ora disponibile per la visione su Netflix.

 

 

94
Tokyo Godfathers
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Tokyo Godfathers dicendo che è l'ennesimo capolavoro che rappresenta tutto il lavoro di Satoshi Kon. Forse non è adatto a tutti ma è impossibile non rimanere incantati dalla sua visione del mondo così profonda e senza paura.

ME GUSTA
  • Una storia che rappresenta le trame oscure della psiche umana con infinito calore e umanità.
  • Personaggi precisi e autentici nella loro perfezione.
  • Un film visionario per i temi affrontati e come li affronta.
FAIL
  • L'animazione può risultare datata ma ha un fascino tutto suo.