La Ruota del Tempo, la recensione del quinto episodio: sangue chiama sangue

2 mesi fa

7 minuti

La Ruota del Tempo la recensione del quinto episodio

Apriamo la recensione del quinto episodio de La Ruota del Tempo facendo il punto della situazione. Il quarto episodio iniziava con un flashback di una città in fiamme a Ghealdan, dove l’esercito di Logain Ablar (Alvaro Morte) aveva preso il controllo del castello. Logain aveva messo all’angolo e disarmato il re in fuga (Miguel Alvarez), che lo avverte che era stato mandato a chiamare l’Aes Sedai. Due volti spettrali appaiono nella mente di Logain, dicendogli di uccidere il re perché tradirà Logain proprio come hanno fatto sua sorella e i suoi genitori. Invece di uccidere il re, tuttavia, Logain gli offre un posto al suo fianco, perché ha intenzione di legare il mondo piuttosto che romperlo come l’ultimo drago.

Continuiamo a seguire i tre gruppi di personaggi principali per tutto l’episodio. Nonostante le riserve di Perrin sull’affidabilità dei Tinker, lui ed Egwene decidono di viaggiare a est con loro a Tar Valon. Perrin nota che i Tinker non hanno armi e chiede come si difendono. Ila (Maria Doyle Kennedy) spiega la Via della Foglia e chiede a Perrin se ha mai impugnato un’arma in battaglia, come un’ascia. Capisce la sua reazione alla parola ascia e gli chiede se la sua vita è stata migliore o peggiore da quando l’ha presa. Quella notte, Aram (Daryl McCormack) ed Egwene ballano e apprendiamo che Aram ha dei dubbi sulla Via della Foglia.

Spiega che i Tinkers se ne va quando compiono vent’anni per vedere il mondo; la maggior parte di loro ritorna, ma non tutti. Nel frattempo, Ila racconta a Perrin di sua figlia, morta anni prima per un casuale atto di violenza. Sostiene la pace, anche se sono solo poche persone alla volta, quindi quando l’anima di sua figlia rinascerà, il mondo sarà un posto migliore.

Rand e Mat stanno viaggiando con Thom (Alexandre Willaume). Discutono della menzione di Dana di “voi cinque” e si chiedono chi potrebbe essere quella quinta persona. Alla fine arrivano in una fattoria e, dopo un breve confronto con Master Grinwell (Pasha Bocarie) e Mistress Grinwell (Jennifer K Preston), possono dormire nella stalla se prima si rendono utili. Mat è sempre più stanco e irritabile e durante una pausa dal lavoro manuale vomita una sostanza nera.

Nel campo delle Aes Sedai, Moiraine è finalmente guarita dal veleno Trolloc grazie alla sorella Verde Kerene Nagashi (Clare Perkins). Kerene è esausta a causa del lavoro a turni per mantenere lo scudo su Logain, che è così potente che riesce a malapena a tenerlo. Nella grotta dove è tenuto Logain, Liandrin (Kate Fleetwood) spiega a Moiraine che lo hanno catturato intrufolandosi nel suo campo mentre dormiva.

Alla fine dell’episodio non appena abbiamo visto Lan ferito, l’urlo primordiale di rabbia, la commovente colonna sonora di Lorne Balfe, la luce accecante… quel momento è stato pura perfezione. Che episodio.

Intersecare la storia di Logain con Moiraine, Lan e Nynaeve è stato geniale. Introduce un’enorme quantità di materiale in un modo semplice e coinvolgente: la politica Aes Sedai, i dettagli sulla relazione Guardiano/Aes Sedai, la crescente connessione tra Nynaeve e Lan, l’Ajah verde scatenata in battaglia e, soprattutto, com’è essere un uomo che canalizza.

 

Sangue chiama sangue

La Ruota del Tempo la recensione del quinto episodio

Proseguiamo la recensione del quinto episodio de La Ruota del Tempo ricordandovi che uscirà il 3 dicembre 2021 su Amazon Prime Video. Inoltre, l’episodio si intitolerà Sangue chiama sangue. Questo episodio esplorerà il viaggio compiuto finora da Egwene e Perrin. Inoltre, potremmo vederli incontrare qualcuno di familiare. D’altra parte, Rand e Mat cercheranno di capire come sfuggire all’Oblio. Nel frattempo, Moiraine piangerà la morte del suo popolo insieme agli altri.

Con l’episodio 5, La Ruota del Tempo sarà più che a metà della sua prima stagione e gran parte della storia che è stata impostata nei primi quattro episodi sta iniziando a ampliarsi in risvolti molto interessanti.

Dopo il vortice di emozioni che è stato il quarto episodio, questo episodio permetterà al pubblico di fare un respiro profondo e avere alcuni momenti di intimità con i personaggi. In questo episodio vedremo Stepin, interpretato da Peter Franzen, attraversare le emozioni di un guardiano che perde la sua Aes Sedai.

Franzen riesce a fare un ottimo lavoro mettendo in mostra un dolore intenso e altre emozioni complesse. Le sue interazioni con Lan danno un’idea della sua storia passata e forniscono più profondità al concetto di legame di un guardiano.

Perrin ed Egwene intanto incontrano alcuni ostacoli nel loro viaggio e, attraverso questi sviluppi, godiamo di una performance straordinaria di Madeleine Madden. I lettori dei libri ritroveranno l’Egwene sicura, premurosa e ribelle che amano. Anche Marcus Rutherford ha davvero l’opportunità di scatenarsi e portare in primo piano il tumulto interiore di Perrin. Perrin finalmente farà un passo in avanti verso la cessazione dell’interiorizzazione di tutto il trauma che ha vissuto.

Kate Fleetwood continua a brillare nei panni di Liandrin, portando profondità al personaggio oltre ciò che si vede nei libri. È chiaro che Liandrin sta ancora cercando di manipolare gli eventi, ma non siamo ancora sicuri dei suoi obiettivi finali e delle sue alleanze.

Infine, ci viene presentato uno dei personaggi preferiti dai fan, Loial, con una grande interpretazione di Hammed Animashaun. E’ molto interessante il modo in cui ha dato vita a Loial. Ha inchiodato i manierismi, la voce e il modo di parlare che si potevano immaginare mentre si leggevano i libri.

Scrittura e trama del quinto episodio

La Ruota del Tempo la recensione del quinto episodio

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione del quinto episodio de La Ruota del Tempo, prendendo in considerazione come si evolve la narrazione dell’episodio.

Il quinto episodio ha una scrittura solida e rallenta un po’ la trama per dare più respiro a quei momenti di intimità per conoscere i personaggi, che abbiamo menzionato prima.

Il rallentamento della trama per più momenti è stato un buon compromesso in questo episodio. Ci permette di vedere più cose della politica e delle interazioni sociali delle Aes Sedai all’interno della Torre Bianca, la cui introduzione in anticipo rispetto ai libri è stata una buona scelta. E come accennato, possiamo vedere Perrin affrontare il suo dolore anche in questo episodio, grazie al focus sul lavoro del personaggio.

C’è una scena che risulterà particolare, anche se non si capisce se sia un problema di scrittura o di regia. Si può presumere che questa scena sia stata inclusa per dare corpo a un aspetto particolare del mondo, ma non credo che abbia davvero trasmesso al pubblico ciò che il team di produzione voleva ma non possiamo aggiungere altro.

Questo episodio ci ha portati per la prima volta nei set esterni di Tar Valon e negli interni della Torre Bianca. Set così impressionanti meritano una menzione in questa recensione. Il livello di dettaglio e l’abilità artistica del design sono davvero incredibili. Sembra che sia una vera strada cittadina da qualche parte nella storia. Anche l’interno della Torre è bellissimo, proprio come immaginavamo dai libri. L’unico problema con i set della città è che sembrano un po’ piccoli. Sebbene sia più pratico costruire un set esterno con strade strette e ventose, dal momento che puoi riprendere una varietà di angolazioni, può avere l’effetto collaterale di sembrare simile a un set. All’interno della Torre si ha la stessa sensazione; senza alcuni luoghi di collegamento come il grande atrio o anche il parco della Torre, sembra che stiamo saltando da un set all’altro piuttosto che in un luogo reale. Questo è un problema comune nei film fantasy e in televisione, quindi non è il caso di essere troppo pignoli.

Anche il design dei costumi è migliorato in questo episodio, poiché è la prima volta che si vede un’ampia varietà di culture in un unico luogo. Il dettaglio dei costumi per le comparse di Tar Valon è incredibile, anche se appaiono solo per un secondo o due sulla telecamera.

 

Il quinto episodio de La Ruota del Tempo sarà disponibile da venerdì 3 dicembre su Prime Video.

 

83
La Ruota del Tempo
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del quinto episodio de La Ruota del Tempo dicendo che è un episodio molto buono. Inoltre il pubblico lo apprezzerà di più dopo più re-watch. Questo episodio infatti compie un lavoro importante sui personaggi e inizia ad espandere ulteriormente il mondo con l'introduzione di Tar Valon. Si sta chiaramente adattando l'intera serie piuttosto che solo il primo libro e gettando le basi per grandi avvenimenti in futuro.

ME GUSTA
  • Narrazione e esplorazione dei personaggi vanno di pari passo.
  • Scrittura dell'episodio brillante e solida.
  • Il finale fa venire i brividi.
  • La chimica tra i personaggi ingrana una nuova marcia.
FAIL
  • Le ambientazioni sono molto curati ma a volte si ha l'impressione che siano dei set.
  • Con una sola visione si possono perdere alcuni dettagli.
La Ruota del Tempo, la recensione dell'ottavo episodio: L'Occhio del Mondo
La Ruota del Tempo, la recensione dell'ottavo episodio: L'Occhio del Mondo
La Ruota del Tempo, la recensione del settimo episodio: Rivelazioni e amore
La Ruota del Tempo, la recensione del settimo episodio: Rivelazioni e amore
La Ruota del Tempo, la recensione del sesto episodio: una narrazione impeccabile
La Ruota del Tempo, la recensione del sesto episodio: una narrazione impeccabile
Harlem, la recensione: Tutte le donne hanno un valore
Harlem, la recensione: Tutte le donne hanno un valore
La Ruota del Tempo, la recensione del quarto episodio: il potere di Logain Ablar
La Ruota del Tempo, la recensione del quarto episodio: il potere di Logain Ablar
La Ruota del Tempo, la recensione dei primi tre episodi: la Ruota brama molto di più
La Ruota del Tempo, la recensione dei primi tre episodi: la Ruota brama molto di più
LOL: chi ride è fuori, la recensione - 10 comici all'ultima risata
LOL: chi ride è fuori, la recensione - 10 comici all'ultima risata