Arcane, la recensione: l’esplosione di un’opera d’arte liberty

2 settimane fa

7 minuti

Iniziamo la recensione di Arcane dicendo che quando Riot Games annunciò per la prima volta la sua serie animata di debutto durante le celebrazioni del decimo anniversario nel 2019, entusiasmò non poco la community. Poi, la pandemia di COVID-19 colpì. L’uscita fu posticipata, gli sviluppi furono rallentati e non se ne parlava quasi più.

Due anni dopo invece, quasi dal nulla, Arcane è praticamente ovunque. Sull’edificio più alto del mondo a Dubai, sul palco dei Mondiali 2021 in Islanda, per le strade di Parigi, lungo la passerella del tappeto rosso di Hollywood, in ogni singolo titolo di Riot Games, in streaming su Netflix in tutto il mondo.

La cosa migliore di guardare Arcane attraverso l’obiettivo di un giocatore di League of Legends è la forte tensione che si prova durante la serie proprio perché conosciamo l’eventuale relazione di ogni personaggio.

In che modo Vi e Jinx si sono divise? Perché Jinx la odia così tanto? Quando vedremo Viktor nella sua forma potenziata? Quando Vi incontrerà Caitlyn? Dov’è il grande martello di Jayce? Dove sono i grandi guanti di Vi? Come farà Ekko a scoprire come tornare indietro nel tempo? Riusciremo a vedere tutti i campioni di Piltover e Zaun? Altre regioni entreranno in scena? Queste solo alcune delle domande che i giocatori si sono chiesti guardando la prima stagione via via che scorrevano gli episodi. Di seguito un video su come è stata realizzata la serie (YouTube).

Arcane ci porta in un viaggio che non sapevamo fosse possibile nell’universo di League of Legends.

Un’opera d’arte liberty

Continuiamo la recensione di Arcane con una piccola considerazione: molti di noi hanno guardato i fantastici filmati di Riot Games nel corso degli anni, ci siamo goduti i riflettori dei campioni, letto le loro biografie, ci siamo immersi negli eventi dei nuovi campioni, ci siamo dilettati nel mondo espanso di Legends of Runeterra.

Questo stile narrativo frammentato, tuttavia, non poteva far presagire come sarebbe stata una vera serie animata di nove episodi in cui Riot ha investito molto più tempo e denaro. I fan degli anime sanno che una serie di 12 o 13 episodi richiede più di un anno per essere prodotta. Lo sviluppo di Arcane ne ha impiegati sei, e si vede.

Ogni secondo, ogni fotogramma, ogni scena è giusta. Non c’è stato un solo momento in cui si potesse pensare che fosse troppo frettolosa o troppo trascinante. La sceneggiatura è compatta ma significativa, il tema di apertura di Imagine Dragons impossibile da saltare e ogni cliffhanger realizzato con tanta cura che ti lascia desiderare di averne sempre di più.

 

Arcane è arte, è un’opera d’arte liberty. Sono molti stili artistici diversi combinati in uno. Vi farà ridere, vi farà piangere, vi farà sentire profondamente coinvolti e distaccati allo stesso tempo.

Arcane la recensione

Da quando iniziate a vedere la prima puntata, non riuscite a intuire quanto diventerà imponente Arcane. Ogni giorno, occuperà la vostra mente, senza canone d’affitto. Si potrebbe scrivere così tanto su questa serie, eppure non riuscire ancora a esprimere a parole cosa significhi Arcane per i fan di League of Legends.

L’anime di League of Legends Arcane ha stupito i fan sia sotto l’aspetto visivo che uditivo.

A parte il suo magnifico stile di animazione e il commovente cast vocale, molti spettatori si sono innamorati delle canzoni e della colonna sonora di Arcane.

La colonna sonora di Arcane è un ottovolante completo di canzoni allegre e dolci, che completano le scene più intense della serie. Gli artisti per le canzoni di Arcane vanno dal chitarrista giapponese Miyavi, agli strepitosi Imagine Dragons, al leggendario cantante Sting.

Non solo sopravvivenza ma vita vera

Continuiamo la recensione di Arcane dicendo che vanta un mondo enorme con personaggi complessi che amerete o odierete. Una storia semplice ma coinvolgente e stratificata e un’animazione assolutamente meravigliosa e rivoluzionaria con uno stile visivo unico. Questo adattamento di League of Legends mette finalmente fine alla “maledizione dell’adattamento dei videogiochi” infrangendo i preconcetti su ciò di cui è capace il mezzo di animazione, offrendo un capolavoro unico nel suo genere che sicuramente ispirerà sia i fan che i narratori per gli anni a venire.

La serie fa tutto questo mentre offre una storia esilarante, sia che tu conosca l’intera storia di Runeterra o che tu la stia vedendo senza conoscere niente di tutto ciò. Basata su League of Legends ma fungendo da prequel di molti personaggi e elementi della storia dei giochi, Arcane è ambientata nella città di Piltover e nel suo distretto sotterraneo di Zaun.

Arcane è principalmente la storia di questi due distretti, incentrata sulle crescenti tensioni e sui disordini sociali a Zaun, dove le persone vivono in condizioni difficili e sotto la costante minaccia dei brutali esecutori di Piltover.

Arcane la recensione

Fin dall’inizio, Arcane fa un lavoro fantastico nell’introdurre il suo vasto mondo pieno di ricca storia e tradizioni facendo affidamento soprattutto sulla narrazione visiva.

L’architettura meccanica di Zaun, il modo in cui una taverna cambia il suo aspetto da un arco all’altro e le statue che si riferiscono a divinità o guerrieri del passato aiutano a raccontare quella storia più ampia senza la necessità di molte spiegazioni verbali, allo stesso modo in cui lo fece Star Wars.

La trama attuale si concentra su due trame parallele nelle due località. A Piltover, seguiamo Jayce e Viktor, due scienziati sul punto di riuscire a sfruttare la magia attraverso la tecnologia e il costo sociale del rapido progresso tecnologico.

Per le strade di Zaun, seguiamo le sorelle orfane Vi e Powder mentre vengono coinvolte in una rapina andata male e l’inizio di una guerra tra bande a Zaun con grandi conseguenze per entrambe le città. Nonostante molte parti in movimento e un’abbondanza di punti della trama e costruzione del mondo, Arcane riesce a portare aventi queste due trame parallele. La serie infatti esplora eventi importanti con grandi ramificazioni per il mondo di Runeterra e anche chi non ha mai giocato al videogioco non può che rimanere ipnotizzato dalla serie di eventi. Questo in netto contrasto con la serie animata DOTA di Netflix, che si è concentrata così tanto sulla sua tradizione e sui fan di vecchia data che ha finito per creare confusione per gli spettatori occasionali.

Dare voce alle anime dei personaggi

Arriviamo alla conclusione della recensione di Arcane dicendo che i personaggi ben scritti sono solo una parte, poiché Arcane vanta anche un cast di voci impressionante (parliamo della versione originale) che aiuta a portare uno strato di emozione ai personaggi, dalla pacata Caitlyn di Katie Leung al rimpianto Grayson di Shohreh Aghdashloo. Ella Purnell fonde in particolare gli scoppi di rabbia di Jinx con una vulnerabilità sufficiente per ispirare sia la paura che la pietà ogni volta che è sullo schermo.

Allo stesso tempo, Hailee Steinfeld ruba la scena con la sua fenomenale interpretazione dell’intero arco narrativo di Vi in tutti e nove gli episodi, portando un mondo di dolore e bagaglio emotivo coperto da uno spesso strato di durezza. Non commette errori, per quanto interessanti siano le scene di combattimento, Arcane è il più delle volte straziante, soprattutto se conosci i giochi e dove finiscono alcuni personaggi. Ma anche se non li conoscete, la serie è piena di sorprese e colpi di scena che migliorano i viaggi dei personaggi.

Arcane la recensione

C’è una visione chiara per rendere questo una sorta di trampolino di lancio in un mondo molto più grande, uno che cerca di unirsi a personaggi come il MCU in termini di ambiziosa narrazione connettiva (anche se con un approccio visivamente più inventivo). Tuttavia, anche come stagione a sé stante, Arcane termina con una nota potente ma ugualmente straziante.

 

Arcane è disponibile per la visione su Netflix.

 

97
Arcane
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Arcane dicendo che la serie finalmente pone fine all'idea che i videogiochi non possono essere adattati magistralmente in altri mezzi, con personaggi avvincenti, una storia accattivante e affascinanti tradizioni e costruzione di un mondo, oltre a immagini sorprendenti che aprono nuovi orizzonti per ciò che è possibile nell'animazione. Si parlerà di Arcane come un classico e un esempio per gli anni a venire.

ME GUSTA
  • L'animazione, l'animazione e l'animazione.
  • Il cast dei personaggi e la loro evoluzione.
  • La gestione della trama adatta a fan e non.
  • La colonna sonora potentissima.
  • Jinx in ogni suo momento.
FAIL
  • Abbiamo solo una stagione da vedere e rivedere.
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
Arcane, la recensione dei primi quattro episodi
Arcane, la recensione dei primi quattro episodi
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix