Arcane, la recensione dei primi quattro episodi

273
1 mese fa

8 minuti

Iniziamo la recensione dei primi quattro episodi di Arcane dicendo che League of Legends è uno dei giochi MOBA (multiplayer online battle arena) più popolari mai creati. Pubblicato da Riot Games nel 2009, il gioco ha attirato giocatori di tutto il mondo. League of Legends consente ai giocatori di scegliere tra più di 100 campioni giocabili con origini in tutto il mondo fantastico di Runeterra.

La tradizione e i personaggi di Runeterra hanno portato ad Arcane, un adattamento animato di League of Legends prodotto per Netflix. Arcane approfondirà questo mondo, concentrandosi sulla storia delle sorelle Vi e Jinx dopo essere state separate da bambine nella città sotterranea, Zaun.

Il mondo fantastico di Runeterra è enorme, suddiviso in 13 regioni. Queste regioni sono popolate da molte popolazioni e coprono diverse culture. Dalla lussureggiante e verdeggiante vegetazione di Ionia ai vasti deserti di Shurima, dall’impero militarizzato di Noxus alla regione isolata di Ixtal, Runeterra è ricca di storia e magia. Arcane invece è ambientato in due regioni: la scintillante Città del Progresso Piltover e il distretto sotterraneo di Zaun.

Piltover e Zaun sono profondamente interconnessi, stanno letteralmente uno sopra l’altro, con Piltover costruito in cima alle scogliere in cui è costruito Zaun. Nonostante siano così intrecciate, le due regioni sono spesso in disaccordo a causa delle differenze nelle condizioni di vita e delle culture.

Soprannominata la Città del Progresso, Piltover è un centro di commercio, scienza e apprendimento. Piltover è rinomata per l’Accademia che insegna alle menti più brillanti di Runeterra, dove imparano le tecniche all’avanguardia della scienza hextech e come svilupparla ulteriormente. I suoi moli sono anche un’enorme fonte di commercio, con mercanti che salpano per Piltover da tutta Runeterra. Questo ha reso Piltover una città molto benestante con un alto tenore di vita.

Al contrario, Zaun è un distretto molto più cupo e soffre di tassi di povertà e criminalità molto più alti. Gli incidenti industriali accadono spesso e lo Zaun Grey è uno dei pericoli più grandi. Lo Zaun Grey è un denso smog proveniente dalle fabbriche di Zaun e Piltover. La gente di queste regioni contrastanti nutre una profonda antipatia reciproca; i cittadini di Piltover guardano dall’alto in basso quelli di Zaun come una classe inferiore, e questi ultimi nutrono un odio latente nei confronti dei primi per aver creato le condizioni di povertà in cui vivono.

Arcane esplora queste tensioni, con rivolte e accenni che la tenue pace tra le regioni sta volgendo al termine. Naturalmente, qualsiasi mondo fantastico è buono solo quanto i personaggi che lo abitano, quindi le storie dei nostri protagonisti sono al centro della narrazione.

Di seguito il trailer finale pubblicato su YouTube:

Welcome to the playground

Arcane la recensione dei primi quattro episodi

Continuiamo la nostra recensione dei primi quattro episodi di Arcane facendo una carrellata sui personaggi presenti che guideranno le fila della narrazione. I primi episodi ripercorrono l’infanzia di Powder (Jinx) che è stata protetta da Vi fino a un triste episodio. Vi è uno dei personaggi principali di Arcane ed è doppiata nella versione inglese da Hailee Steinfield. Vi è cresciuta per le strade di Zaun e si è guadagnata rapidamente la reputazione di essere veloce ad arrabbiarsi e più veloce con i pugni. Nella sua giovinezza, ha guidato una banda per un breve periodo fino a quando un colpo fallito a messo a rischio persone innocenti. Poco dopo aver messo al loro posto la banda rivale con un pestaggio dei suoi iconici guanti hextech, Vi scompare da Zaun.

Il motivo esatto per cui Vi ha lasciato Zaun è stato in gran parte un mistero fino ad ora, ma Arcane darà finalmente una risposta.

Powder/Jinx ha tutte le carte in regola dopo un’infanzia travagliata per diventare una maniaca anarchica armata di un’incredibile potenza di fuoco, dal suo lanciamissili a forma di squalo Fishbones agli esplosivi tagliafuoco che tiene a portata di mano. Jinx compie molti dei suoi crimini con il pretesto che siano semplici scherzi, e vanno dallo scambio di tutti i segnali stradali della città alla distruzione e al furto dei depositi più sicuri di Piltover.

Gran parte del passato di Jinx è stato un mistero, inclusa un’ossessione per Vi che è rimasta senza risposta fino a quando Arcane ha rivelato che le due sono sorelle cresciute insieme a Zaun.

In questi episodi scoprirete anche che la mania di Jinx non è uno sviluppo naturale per lei, ma uno stato mentale impostole da un individuo misterioso. Jinx sarà doppiata da Ella Purnell.

Caitlyn, doppiata da Katie Leung, è cresciuta in una famiglia benestante, nata da genitori che erano entrambi brillanti ingegneri hextech. Tuttavia, Caitlyn si sentiva a casa nelle terre selvagge fuori Piltover tanto quanto nella città dorata in cui è cresciuta. Caitlyn ha imparato a inseguire le prede e si è rivelata una tiratrice incredibile mentre esplorava le terre selvagge – che le è servita per essere un’abilità preziosa quando ha è tornata a casa e ha trovato i suoi genitori rapiti.

Caitlyn ha rintracciato i criminali responsabili, ad eccezione della mente, C, e in seguito è diventata un rinomato investigatore privato. Alla fine, la sua abilità ha portato i Custodi a reclutarla come sceriffo, e Caitlyn ora rafforza la pace a Piltover con il fucile hextech avanzato che i suoi genitori hanno costruito per lei e la sua compagna, Vi, mentre cerca di trovare C.

Arcane la recensione dei primi quattro episodi

Cresciuto nella Città del Progresso, Jayce, interpretato da Kevin Alejandro, incarna molti dei suoi ideali di invenzione e scoperta. Un brillante creatore, Jayce ha una profonda conoscenza della tecnologia che gli consente di eclissare i suoi coetanei, anche quelli che studiano da più tempo di lui. La sua genialità ha anche portato gli altri a considerarlo distaccato e arrogante perché semplicemente non comprende che gli altri lottano con concetti che trova semplici. L’unico scienziato che poteva avvicinarsi alla genialità di Jayce era Viktor fino a quando le ambizioni di Viktor crebbero a livelli immorali che Jayce non poteva più ignorare e lo portarono a distruggere il suo unico amico.

Viktor è nato a Zaun e ha creato macchine autonome in grado di svolgere lavori di fabbrica e rimuovere il fattore umano. La genialità di Viktor ha attirato l’attenzione dell’Accademia di Piltover, dove eccelleva, lavorando al fianco di alcune delle menti più brillanti di Piltover, tra cui Jayce. Viktor e Jayce hanno lavorato insieme su diversi progetti, tra cui uno scafandro meccanico. Ha portato la ricerca di Viktor all’Accademia e lo ha fatto espellere, rimandando Viktor a Zaun per continuare la sua ricerca. Viktor è doppiato da Harry Lloyd.

Il professor Cecil B. Heimerdinger è uno yordle e vive a Bandle City, una regione che in realtà non è su Runeterra, ma esiste come una dimensione con molti ingressi a Runeterra. Heimerdinger è un individuo brillante, che trascorre gran parte del suo tempo a creare invenzioni ingegnose e ad armeggiare con esse per renderle ancora più efficienti. Con il tempo, Heimerdinger si rese conto che le sue abilità avevano superato Bandle City. Avventurandosi a Runeterra per trovare un luogo più adatto per le sue ricerche, trovò casa a Piltover e divenne famoso come uno dei più grandi inventori che la Città del Progresso abbia mai visto.

 

Buon giorno del progresso

Concludiamo la recensione dei primi quattro episodi di Arcane mettendo alcuni puntini sulle i. Anche chi non ha mai giocato a League of Legends può godersi la serie e avere una buona posizione per giudicare Arcane per i suoi meriti, invece che come prequel del gioco.

Sebbene Riot Games abbia prodotto la serie, ha affidato il lavoro a una lunga lista di scrittori esperti, registi ed esperti di animazione CGI per creare una serie con una storia che non è solo facile da seguire ma ha personaggi che sono ben concretizzati fin dall’inizio.

Arcane la recensione dei primi quattro episodi

Ash Brannon e gli altri registi della serie non solo hanno creato una nuova interpretazione della dinamica “sopra-sotto”, sono riusciti a creare una nuova storia accessibile a tutti, accontentando anche i fan del gioco che vogliono vedere personaggi come Vi e Jinx (Ella Purnell) — una versione precedente di Powder, per chi non lo sapesse.

La storia della guerra tra Zaun e Piltover è solo all’inizio, ma i giocatori sono abbastanza ben preparati, così come alcune delle invenzioni che renderanno la guerra molto più violenta e mortale.

L’animazione di Arcane è una rivelazione, soprattutto per una serie televisiva. I personaggi umani hanno espressioni umane realistiche e si muovono in modo così fluido, che sembra sia stato realizzato con la tecnologia di acquisizione del movimento. C’è uno scopo visivo nelle scene di combattimento e inseguimento, non solo un miscuglio di azione. Va di pari passo con i personaggi ben scritti per creare un’esperienza visiva molto soddisfacente.

 

Arcane sarà disponibile per la visone dal 7 novembre su Netflix.

 

 

87
Arcane
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dei primi quattro episodi di Arcane dicendo che anche se non siete giocatori o fan di League of Legends, Arcane catturerà il vostro interesse, con una storia interessante supportata da un'animazione straordinaria.

ME GUSTA
  • Animazione a livelli eccelsi.
  • Ottima caratterizzazione dei personaggi.
  • Struttura narrativa geniale.
FAIL
  • Quando arrivano i prossimi episodi?
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Arcane, la recensione: l'esplosione di un'opera d'arte liberty
Arcane, la recensione: l'esplosione di un'opera d'arte liberty
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix