The White Lotus, la recensione della serie HBO

15
2 mesi fa

8 minuti

the white lotus la recensione

La recensione di The White Lotus, la nuova serie HBO/Sky Atlantic che come un Big Little Lies all’ennesima potenza, una miniserie altrettanto sontuosa con una fatalità misteriosa a condire il tutto. Ma questa volta, il suo argomento principale è la mostruosità dell’opulenza piuttosto che il semplice snobismo.

La serie inizia con lo sposino Shane (Jake Lacy) che non è molto in vena di rispondere alle domande di una coppia amichevole in sala partenze dell’aeroporto, mentre osserva il carico etichettato “Resti umani” che viene caricato sul loro volo. Dopo questa scena torniamo indietro di una settimana fino al suo arrivo (con la moglie Rachel – Alexandra Daddario) all’esclusiva spa White Lotus alle Hawaii, come parte di un gruppo di ospiti.

Tra questi abbiamo la ben intenzionata ma bisognosa (e dichiarata folle alcolizzata) Tanya, interpretata in modo brillante e spaziale da Jennifer Coolidge e la famiglia Mossbacher. Quest’ultima comprende Nicole, CFO di un’azienda tecnologica (Connie Britton) e suo marito maschio-beta Mark (Steve Zahn), il figlio adolescente Quinn (Fred Hechinger) e la figlia molto meno goffa Olivia (Sydney Sweeney) che è piena dell’arroganza della giovinezza. Lei ha portato con sé la sua migliore amica Paula (Brittany O’Grady), che ha un carattere altrettanto poco amorevole.

Vengono accolti sulla battigia dal personale sorridente dell’hotel, guidato dal manager Armond (Murray Bartlett) che decide di fare un discorso d’incoraggiamento dell’ultimo minuto sulla necessità per i suoi lavoratori di diventare unità intercambiabili per soddisfare ogni capriccio degli ospiti. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube.

La storia che Mike White dipinge si concentra tanto sui non abbienti quanto sugli abbienti: lotta con la disuguaglianza e le forme di corruzione e sofferenza (maggiori e minori, insidiose e sfacciate) che provoca.

L’approdo dei barbari

the white lotus la recensione

La recensione di The White Lotus continua ed arriviamo a quando gli ospiti sbarcano e il lavoro inizia. Tanya vuole subito un massaggio ma non ha prenotato e la consulente per il benessere Belinda (Natasha Rothwell) deve risolvere questo problema. Così facendo, finisce per diventare la confidente riluttante di Tanya per il resto del suo soggiorno. Armond deve affrontare la lamentela di Shane per non essere stato messo nella suite per la luna di miele, una discussione che si intensifica angosciosamente durante l’intera serie. È il primo giorno di Lani (Jolene Purdy) in questo lavoro tanto necessario e lei fa del suo meglio per essere utile, fino a quando non le si rompono le acque (è incinta) rivelando la sua gravidanza segreta.

Le iniquità si accumulano sempre di più ad ogni episodio, così come le crudeltà casuali e sconsiderate, mentre i retroscena degli ospiti e del personale iniziano a svelarsi.

Le strutture di potere che modellano il nostro mondo in modo così profondo da essere quasi invisibili vengono rivelate sempre di più.

Lo squilibrio tra Tanya e Belinda, non solo come ospite e membro dello staff, ma anche per il fatto che una sia una ricca donna bianca e l’altra sia una donna di colore molto meno ricca, ad esempio, è un distillato di molteplici ingiustizie. L’ammirazione generosamente dichiarata di Tanya per le capacità di guarigione di Belinda evoca il tema del “potere di guarigione”, e la sua allettante promessa di avviare Belinda con la sua attività è una cosa che quest’ultima non può permettersi di ignorare. Probabilmente non è una mossa consapevolmente manipolativa di Tanya usare i suoi soldi per legare Belinda a lei e tuttavia – come si dice quando qualcuno è legato a un altro e non è libero di andare e venire come desidera?

Altrove, quasi ogni altro problema di grande interesse è tenuto alla luce attraverso il prisma della storia senza soluzione di continuità e la sua pletora di personaggi a tutto tondo. La preoccupazione di Nicole per suo figlio Quinn, “così alienato”, si preoccupa, perché non c’è mai stato un momento più difficile per essere un maschio bianco eterosessuale – racchiude atteggiamenti endemici e la sua patina di ragionevolezza materna simboleggia il modo in cui vengono cresciuti. Che si senta in grado di dire tutto questo davanti a Paula, un’adolescente non bianca, è anche una freccia che colpisce nel segno.

Nessuno degli ospiti è del tutto malvagio – White è troppo bravo per rendere la storia così banale: l’intero punto si concentra sulla loro non-curanza (chi conosce il Grande Gatsy sa di cosa sto parlando).

Come accettano senza pensarci i servizi resi. Il modo in cui presumono che il loro denaro compri tutto (e questi non sono che americani della classe media – neanche lontanamente quelli che potresti chiamare i veri ricchi). Come rendono i loro non-problemi in catastrofi, mentre altri si aggrappano a lavori disperatamente necessari dopo essere entrati in travaglio prematuro.

L’apoteosi dell’idiozia umana

the white lotus la recensione

Tutto questo è delicatamente anatomizzato nel corso di una storia forte, che è impossibile che non attiri la vostra attenzione ed qui che entriamo nel vivo della recensione di The White Lotus. E – niente spoiler – tutto rivela la verità sottostante ovvero che (perdonate il francesismo) la merda rotola inesorabilmente in discesa. Quelli in cima possono semplicemente godersi il panorama.

Sembra quasi l’inizio di una barzelletta no? Una barca che trasporta un gruppo di ricchi turisti americani si dirige verso un resort di lusso hawaiano. Sulla riva, il personale decisamente meno ricco e più etnicamente diversificato del resort attende di salutare gli ospiti. I gruppi si fronteggiano, come se fossero espressioni uguali su due lati di un’equazione matematica, ma l’equivalenza è solo un’illusione.

“Ci viene chiesto di scomparire dietro le nostre maschere”, dice all’inizio il responsabile del resort. “È Kabuki tropicale!”

La serie che prende il nome dal resort immaginario in cui si svolge l’azione, è una tragicommedia quasi perfetta. Per chi non conoscesse lo showrunner, White ha scritto prodotti hollywoodiani per il mercato di massa come School of Rock, ma è meglio conosciuto per il suo lavoro in commedie per il piccolo schermo come Freaks and Geek e, più recentemente, Enlightened, un cult di breve durata, su HBO. Proprio come quest’ultima serie, in cui Laura Dern interpreta un dirigente che cerca di tornare dopo aver subito un esaurimento nervoso pubblico, The White Lotus è un esame di ciò che accade quando la patina della socialità convenzionale si dissolve e le lotte di potere alimentate da razza, classe e genere eruttano da sotto la superficie della vita quotidiana.

Nel primo dei sei episodi, Armond dice a Lani di far sentire ogni ospite come il “bambino speciale dell’hotel“. Questi bambini piccoli includono la famiglia Mossbacher: Nicole, Mark, il loro figlio sedicenne, Quinn (Fred Hechinger); e la loro figlia, Olivia, una studentessa del secondo anno del college stronza che ha portato con sé un’amica, Paula. C’è la coppia di sposini: Shane, rampollo immobiliare con un berretto da baseball Cornell, e sua moglie, Rachel, una giornalista clickbait che, a poche ore dalla sua luna di miele, sta iniziando ad avere dei ripensamenti. C’è anche Tanya, un’alcolizzata solitaria che porta in giro le ceneri della madre morta in una scatola dorata decorata. I principali coccolatori sono Belinda (Natasha Rothwell), una rilassante e sofferente manager di spa e Armond, un dandy baffuto e leggermente tossicodipendente la cui sobrietà è messa alla prova dal suo lavoro stressante.

Benvenuti in America

the white lotus la recensione

Concludiamo la recensione di The White Lotus dicendo che la serie è un terreno fertile per il conflitto, non diversamente dall’Inferno mascherato da Paradiso in The Good Place. Nicole, che si lamenta del fatto che la sua suite non fornisce un bel feng-shui per la sua chiamata Zoom con la Cina, si sente attaccata dalla derisione di sua figlia e del suo femminismo in stile Hillary e insultata da Rachel, che una volta ha insinuato di averla vista capitalizzare il movimento #MeToo per scalare la scala aziendale.

Shane, che è sempre più consumato dalla sua convinzione che Armond lo stia ingannando a causa della suite per cui sua madre ha pagato, sente di essere essere ingiustamente perseguitato per il suo privilegio. Il comportamento orribile degli ospiti è un veicolo per la satira. “Mia madre mi ha detto che non sarei mai stata una ballerina, ed è stato allora che ero magra”, dice Tanya, mentre tenta di spargere le ceneri di sua madre nell’oceano. Ma White ha un affetto per i suoi personaggi, che non si sentono mai delle caricature.

La più grande simpatia di White va a coloro che hanno una connessione più tenue con il potere e il denaro. Un esempio è Belinda, che non solo si prende cura di Tanya nella spa, ma mette anche a letto la donna in lutto quando è ubriaca. Belinda spera che Tanya la paghi per aprire il suo centro benessere. Rachel, nel frattempo, si sta adattando all’idea che sposarsi con Shane significhi essere ricchi, una benedizione e una maledizione. Quando le viene offerto un incarico di reporter durante la luna di miele, lui le dice: “Qualunque cosa ti paghino, la raddoppierò”.

Paula, una dei pochi ospiti non bianchi del resort, ha un’avventura con un impiegato nativo-hawaiano ed è turbata mentre lo vede eseguire una danza tradizionale per gli ospiti.

“Ovviamente, l’imperialismo era cattivo”, le dice Mark. “Ma è umanità. Benvenuta nella storia. Benvenuta in America.”

Una cosa che White cattura, attraverso Paula, è com’è essere in vacanza con la famiglia della tua amica: un’esperienza faticosa che ti trascina in tensioni che non sono le tue e ci si aspetta ancora che provi gratitudine, che alla fine finisce con te che disprezzi tutti, compresa la tua amica e viceversa. Una speranza in tutto questo marasma c’è ma non ve la svelerò perché è la parte più bella della serie.

 

The White Lotus è disponibile per la visone su Sky o sulla piattaforma NOW.

83
The White Lotus
Recensione di Laura Della Corte

Chiudo la recensione di The White Lotus dicendovi di vederla come se foste voi stessi in vacanza lì con loro e di sentire fin nel midollo, il fastidio di questi adulti bambini psicolabili con cui probabilmente alcuni di voi hanno a che fare anche nella vita vera. Una serie che colpisce nel segno e anzi lo delinea in maniera ancora più marcata.

ME GUSTA
  • Le performance degli attori
  • La sigla d'apertura con quei fantastici disegni
  • Il modo sottile in cui viene presentata una società malata
FAIL
  • Poche scene fuori dal resort sono volutamente claustrofobiche
  • Di alcuni personaggi vorresti vedere di più
  • Di alcuni personaggi vorresti vedere decisamente di meno (le palle di Mark)
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house
Scene da un matrimonio, la recensione: slides from a modern dark house