L’industria del gaming cinese userà il riconoscimento facciale per riconoscere i minorenni

127
4 settimane fa

Dopo l’ennesima stangata voluta dal Governo, l’industria del gaming cinese ha deciso di assecondare le pressioni della politica avviando un processo di auto-regolamentazione, con lo scopo di combattere la dipendenza dei minorenni.

Sono oltre 200 le aziende cinesi che hanno aderito all’iniziativa della CGIGC, la più grande organizzazione del settore affiliata al National Press and Pubblication, l’ente che si occupa di regolamentare i media. Tra le aziende firmatarie troviamo ovviamente anche il colosso Tencent e NetEase.

Tra le proposte di auto-regolamentazione, le aziende citano anche soluzioni estremamente draconiane, come l’utilizzo di tecnologie di riconoscimento facciale volte a riconoscere i giocatori minorenni.

Negli ultimi mesi la Cina ha promosso un ulteriore stretta contro l’industria dei videogiochi e, ancora più in generale, contro alcuni modelli culturali della cultura web cinese. I minorenni cinesi potranno giocare per solamente tre ore a settimana, un’ora al giorno da venerdì a domenica.

La Cina ha anche espressamente vietato alcuni talent show, mentre i principali social come WeChat si sono impegnati a contrastare l’idolatria delle celebrity. La National Press and Pubblication anche chiesto ai media, alle televisioni e alle piattaforme tech di interrompere la promozione di canoni di bellezza ritenuti eccessivamente ‘effeminati’.

 

 

La Cina ha congelato l'approvazione di tutti i nuovi videogiochi in arrivo sul mercato
La Cina ha congelato l'approvazione di tutti i nuovi videogiochi in arrivo sul mercato
In Cina i minorenni potranno giocare ai videogiochi per massimo un'ora al giorno (e solo nei weekend)
In Cina i minorenni potranno giocare ai videogiochi per massimo un'ora al giorno (e solo nei weekend)
Cina: "i videogiochi sono droga elettronica", Tencent crolla in borsa
Cina: "i videogiochi sono droga elettronica", Tencent crolla in borsa
Steam: in Cina è arrivata la versione "cinese" ufficiale, ma per ora con solo 40 giochi
Steam: in Cina è arrivata la versione "cinese" ufficiale, ma per ora con solo 40 giochi
Tencent vuole ottenere il monopolio degli esport cinesi
Tencent vuole ottenere il monopolio degli esport cinesi
Il prezzo di PS5 potrebbe oscillare a causa degli instabili rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina
Il prezzo di PS5 potrebbe oscillare a causa degli instabili rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina
Il Diablo 3 cinese è un grosso ananas
Il Diablo 3 cinese è un grosso ananas