MONDOCANE: Intervista a Alessandro Celli (Regista) e Barbara Ronchi (Attrice)

2 settimane fa

 

MONDOCANE è un film italiano distopico ambientato in una irriconoscibile Taranto: sentiamo cosa ci raccontano il regista Alessandro Celli e l’attrice Barbara Ronchi

In un futuro non molto lontano, Taranto è una città fantasma cinta dal filo spinato in cui nessuno, nemmeno la Polizia, si azzarda a entrare. Sono rimasti i più poveri che lottano per la sopravvivenza, mentre una gang criminale, le Formiche, capeggiate dal carismatico Testacalda (Alessandro Borghi), si contende il territorio con un’altra gang. Due orfani tredicenni, cresciuti insieme, sognano di entrare in quella banda. Pietro, detto Mondocane per aver superato la prova d’accettazione nella gang, impone Christian al gruppo che lo deride chiamandolo Pisciasotto. Ma qualcosa si incrina nel loro equilibrio mettendo a rischio tutto quello in cui credono.

 

Valentyn Vasyanovych, intervista al regista di Reflection: "in Europa queste torture inumane stanno ancora accadendo"
Valentyn Vasyanovych, intervista al regista di Reflection: "in Europa queste torture inumane stanno ancora accadendo"
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Lovely Boy: trailer e poster del film Sky Original presentato a Venezia 78
Lovely Boy: trailer e poster del film Sky Original presentato a Venezia 78
Venezia78: RecapLive Day 11
Venezia78: RecapLive Day 11
Venezia 2021: tutti i film vincitori, da L'Événement a È stata la mano di Dio
Venezia 2021: tutti i film vincitori, da L'Événement a È stata la mano di Dio
Venezia 78: i vincitori della 36esima settimana internazionale della Critica
Venezia 78: i vincitori della 36esima settimana internazionale della Critica
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale