Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song, la recensione

26
2 settimane fa

8 minuti

Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song la recensione

Now I’ve heard there was a secret chord, That David played, and it pleased the Lord But you dont really care for music, do you? Se queste frasi risuonano nella vostra testa con la voce profonda di Leonard Cohen, questa recensione di Hallelujah: A Journey, A Song inizia nel modo giusto. Daniel Geller e Dayna Goldfine raccontano la storia dell’artista attraverso la sua canzone del 1984, che di volta in volta è stata sia una preghiera moderna, che un poema simbolista che un dono divino.

A metà degli anni ’80, Leonard Cohen incontrò Bob Dylan in un caffè di Parigi e nel corso della conversazione, Dylan gli chiese quanto tempo avesse impiegato per scrivere la canzone Hallelujah; Cohen, imbarazzato, disse che erano passati circa sette anni. Quando Cohen chiese a Dylan quanto tempo avesse dedicato a una delle sue composizioni, lui rispose: “quindici minuti”.

Probabilmente Bob Dylan ha mentito, desideroso di promuovere l’immagine di se stesso come genio, un uomo che realizza capolavori con la stessa naturalezza di fare una passeggiata. Ma nemmeno Cohen era del tutto onesto.

In effetti, aveva lavorato duramente ad Hallelujah per quasi un decennio, riempiendo i suoi quaderni con 180 versi diversi e circa 250 versioni di ogni riga. Anche quando è stata registrata, la canzone non era del tutto finita.

Il documentario di Daniel Geller e Dayna Goldfine usa la storia di come è nata Hallelujah come la stella polare, il principale punto di riferimento, mentre traccia la vita di Cohen. Passiamo dalla sua educazione a Montreal, alla poesia e alla scrittura di canzoni, all’alcol e alla depressione, ai suoi ultimi spettacoli di commiato, suonando a Glastonbury e Coachella. Le riprese d’archivio della cantante vengono arricchite con contributi di artisti del calibro di Judy Collins e Glen Hansard, oltre all’amante di lunga data di Cohen, Dominique Issermann. Il film racconta la storia dell’artista, ma ci mostra anche la vita propria della canzone.

Ispirato dalla musica gospel e dal discorso della sinagoga, Hallelujah – con la sua miscela inebriante di sacro e profano; il re sconcertato, l’amante ostacolato – è apparsa per la prima volta nell’album di Cohen del 1984. I dirigenti della Columbia hanno odiato così tanto il disco che si sono rifiutati di pubblicarlo negli Stati Uniti, e la traccia è passata quasi del tutto inosservata. Ma in seguito è stato ripresa da John Cale e da allora è stata riscoperta da tutti, da Jeff Buckley a Rufus Wainwright a Bono. È spuntata perfino in Shrek; è un punto fermo in programmi come American Idol e The Voice. Nelle sue numerose incarnazioni, è sopravvissuta al suo creatore. Di seguito una piccola clip del film da YouTube:

The Gypsy’s Wife

Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song la recensione

La nostra recensione di Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song si concentra su quello che rende questo film un viaggio intimo e ironico. La cupa mistica di Cohen si presterebbe probabilmente a un approccio più radicale rispetto al formato da documentario standard che ci viene presentato ma è comunque un buon modo per conoscere alcune sfumature della sua vita. Hallelujah è una canzone per i fan, completa e mistica, come una sequenza cinematografica, in gran parte contenta di meravigliarsi della maestosità del suo soggetto e della vibrante vita ultraterrena del suo lavoro.

Tuttavia, in alcuni momenti il film alla fine non vuole o non è in grado di far entrare la luce nella magia della sua creazione, probabilmente è stata però la scelta migliore. Regina Spektor descrive la canzone come una preghiera moderna. Issermann dice che è una poesia simbolista.

L’ex rabbino di Cohen va oltre, accreditando la sua creazione al “bat kol” – la voce di Dio, che ha usato il cantautore come suo veicolo.

Tutto ciò che è stato detto potrebbe essere vero; tutto ciò lascia intatti i suoi misteri inimitabili. Anche Cohen, come il re, fu sconcertato dalla nascita di questa canzone. Non voleva spiegarlo e sospettava che non avrebbe potuto se ci avesse provato.

Ha detto: “Se sapessi da dove vengono le canzoni, ci andrei più spesso”.

Hallelujah: Leonard Cohen, a Journey, a Song arriva sulla scia di altri documentari, Leonard Cohen: I’m Your Man di Lian Lunson e Marianne & Leonard: Words of Love di Nick Broomfield, che ha una migliore comprensione di il fascino ineffabile dell’artista rispetto alla maggior parte e un approccio più intelligente. Il documentario contiene elementi di un film biografico convenzionale, ma probabilmente non soddisferà il pubblico che cerca una panoramica più profonda. Invece, usa l’inno iconico di Cohen Hallelujah come fulcro per esplorare i conflitti al centro della storia e della carriera di Cohen, così come le vite e le carriere degli altri musicisti che gravitavano intorno a lui.

Si scopre che anche con questo grado di concentrazione, due ore di film sono insufficienti, anche se c’è molto da ammirare.

Who by Fire

Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song la recensione

L’approccio biografico probabilmente è necessario per vedere le contraddizioni e le evoluzioni di Hallelujah, una canzone che Cohen ha impiegato almeno sette anni per scrivere, ha generato quaderni dopo quaderni di versi scarabocchiati e poi diviso in versioni caratterizzate separatamente da spiritualismo e sessualità — due dei tanti interessi in competizione all’interno del lavoro di Cohen. E poi ci sono le versioni più popolari che sono, se siamo del tutto onesti, censurate e dal desiderio prosciugato di quei temi centrali. Viene da chiesi solo se Geller e Goldfine (The Galapagos Affair: Satan Came to Eden) avessero bisogno di trattare Hallelujah come una cosa biografica lineare che si ferma da qualche parte nel mezzo della vita di Cohen per una lunga digressione su John Cale, Jeff Buckley e Shrek.

Forse se la canzone stessa fosse messa in primo piano e la biografia fosse usata per rinforzare la canzone, la fonte biografica un po’ limitata di Geller e Goldfine non sarebbe così sottile. Ci sono interviste approfondite con coorti e collaboratori, tra cui Nancy Bacal, Judy Collins, Sharon Robinson e Dominique Issermann, e una vasta gamma di foto, filmati di concerti e taccuini.

Tuttavia, una delle cose che colpisce di più è ciò che racconta il giornalista Larry “Ratso” Sloman, i cui nastri di interviste sono forse la parte migliore del documentario, ed è riuscito a colmare il vuoto e quanto sia completamente superfluo l’intervento di figure apparentemente importanti come Clive Davis.

Perché si ha bisogno di Clive Davis nel mucchio se è solo per dire che non sa perché Walter Yetnikoff, all’epoca presidente della Columbia Records, si rifiutò di pubblicare Various Positions, l’album che diede vita a Hallelujah?

Il passaggio alla parte del documentario intitolata come la canzone è molto più istruttivo, che si tratti delle conversazioni con il produttore-musicista John Lissauer o dell’analisi per gentile concessione del rabbino di lunga data di Cohen, Mordecai Finley. Specialmente alla vigilia dei servizi di High Holy Days in cui il lavoro di Cohen è diventato una sorta di nuova tradizione all’interno della liturgia, sarebbe stato apprezzabile più dettagli regalati da Finley e l’interpretazione ebraica sia della canzone che del corpus di opere di Cohen. Ma questa è una preferenza personale e sarà un successo per un pubblico più ampio.

If It Be Your Will

Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song la recensione

Ci saranno sicuramente spettatori che vorranno sapere di più sulle versioni successive della canzone, ma ho pensato che i registi abbiano fatto un ottimo lavoro nel fornire le versioni di Cale e Buckley e, in modo esilarante, anche quella di Shrek. Non c’è modo di toccare tutti i suoi usi nella cultura pop, trascurando le sue tre diverse versioni in The O.C. sicuramente per alcuni sarà un ritratto negligente, ma c’è un meritato divertimento per una canzone che si basa su riferimenti biblici oscuri o su una furtiva sessualità, a seconda della versione, si sia dimostrata parte integrante dei talent show televisivi globali, fino a un film d’animazione per famiglie e dei più alti drammi allo stesso modo.

Gli artisti in primo piano che hanno amato la canzone o semplicemente vogliono far parte di un documentario in cui rivelano quanto la amano includono Glen Hansard, Brandi Carlile, Regina Spektor ed Eric Church, ed è toccante sentire i diversi livelli su cui risuona la canzone con loro, che siano o meno fan di Cohen. Sarebbe stato ancora più bello dare maggiore spazio per più rigore musicale, scomponendo le variazioni melodiche tra le versioni e separando le diverse variazioni dei testi e cercando di dare un senso a come ognuna dia una prospettiva diversa sui temi dell’essere feriti e della guarigione.

Ma ancora una volta, ciò dipende dalle preferenze e dall’interesse personale. Come qualcuno che guarda troppi film biografici musicali che raccontano la stessa storia allo stesso modo, è apprezzabile che Geller e Goldfine abbiano un punto di vista diverso. Se Hallelujah: Leonard Cohen, a Journey, a Song è nutriente solo fino a un certo punto, ci sono molti altri documentari di Leonard Cohen là fuori.

 

Dal 1 all’11 Settembre saremo alla 78esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.
Segui la nostra copertura su: leganerd.com/venezia78

 

Potrebbe anche interessarti:

 

85
Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song confermando non solo che è un vero viaggio nella sensibilità e nella mente di un poeta moderno ma che è anche, e soprattutto, la storia di come è nato un dono sottoforma di canzone che è entrato a fare parte dell'olimpo delle cultura pop e che ne farà per sempre parte.

ME GUSTA
  • Le interviste e gli interventi dei vari artisti
  • Jeff Buckley
  • Alcune registrazioni e dettagli inediti
  • La musica, la musica, la musica
FAIL
  • La durata
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Qui rido io, la recensione: cosa dura per sempre?
Qui rido io, la recensione: cosa dura per sempre?
Mona Lisa and the Blood Moon, la recensione del film di Ana Lily Amirpour
Mona Lisa and the Blood Moon, la recensione del film di Ana Lily Amirpour
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale
Freaks Out, la recensione: la rivincita dei freaks, tra neorealismo e pop culture
Freaks Out, la recensione: la rivincita dei freaks, tra neorealismo e pop culture
Reflection, la recensione: le torture mai finite in Europa
Reflection, la recensione: le torture mai finite in Europa
Les Promesses, la recensione del film con Isabelle Huppert
Les Promesses, la recensione del film con Isabelle Huppert