Sweet Girl: due featurette dal film Netflix con Jason Momoa e Isabela Merced

Sweet Girl

Dal 20 agosto è disponibile su Netflix Sweet Girl, nuovo film originale diretto da Brian Mendoza e che vede protagonisti Jason Momoa e Isabela Merced, che ora in due diverse featurette ci raccontano come Momoa abbia superato la sua fobia delle altezze per poter girare una scena importante nella pellicola, oltre che entrare nei dettagli della scena portante, contenente il plot twist.
Spoiler alert! I video contengono rivelazioni sul film, guardateli solo dopo averlo visto.

Questa la sinossi ufficiale di Sweet Girl:
Il devoto padre di famiglia, Ray Cooper, giura vendetta contro la società farmaceutica responsabile di aver ritirato dal mercato un potenziale farmaco salvavita poco prima che la moglie (Adria Arjona) morisse di cancro. Ma quando la ricerca della verità lo porta a un incontro letale che mette sia lui che la figlia Rachel (Isabela Merced) in grave pericolo, la missione di Ray diventa una ricerca di vendetta per proteggere quel che resta della sua famiglia.

Leggi anche:

SWEET GIRL

Rebel Moon - Parte 2: La Sfregiatrice - Ecco il teaser ufficiale
Rebel Moon - Parte 2: La Sfregiatrice - Ecco il teaser ufficiale
Aquaman e il regno perduto, la recensione: ci si può ribellare al destino?
Aquaman e il regno perduto, la recensione: ci si può ribellare al destino?
Rebel Moon, perché è lo Star Wars di Zack Snyder
Rebel Moon, perché è lo Star Wars di Zack Snyder
Rebel Moon - Parte 1: figlia del fuoco, la recensione: una nuova scommessa
Rebel Moon - Parte 1: figlia del fuoco, la recensione: una nuova scommessa
Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F, nuovo teaser trailer per il ritorno di Alex Foley
Un piedipiatti a Beverly Hills: Axel F, nuovo teaser trailer per il ritorno di Alex Foley
Rebel Moon: il trailer dalla Geeked Week, tutti i dettagli sull'universo narrativo di Zack Snyder
Rebel Moon: il trailer dalla Geeked Week, tutti i dettagli sull'universo narrativo di Zack Snyder
Reptile, la recensione: non si può sempre cambiare pelle
Reptile, la recensione: non si può sempre cambiare pelle