Aumenta il senso di solitudine tra gli adolescenti, potrebbe esserci correlazione con smartphone

245
2 mesi fa

Tra il 2012 e il 2018 il numero di adolescenti che dichiarano di soffrire un senso di solitudine è aumentato vertiginosamente. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Adolescence, potrebbe esserci una correlazione con la diffusione degli smartphone.

Il trend è stato notato in 36 paesi su un campione di 37 paesi presi in considerazione, i dati sono presi dal Programme for International Student Assessment — che si basa sulle risposte ad un questionario di oltre 1 milione di ragazzi trai 15 e 16 anni.

Prima del 2012 la curva era pressoché piatta: il numero di adolescenti che soffriva la solitudine era fondamentalmente costante nel corso degli anni. Ma dal 2012 al 2018 qualcosa inizia a cambiare, con un raddoppio della percentuale di adolescenti in difficoltà. Nel 2012, per la prima volta, l’adozione degli smartphone negli Stati Uniti d’America ha superato il 50% della popolazione. Sarebbe quella, spiegano i ricercatori, la cesura tra società pre-smartphone e società post-smartphone. Quando anche i giovanissimi hanno iniziato ad avere un telefono in tasca, spesso in età molto precoci.

Un senso di solitudine accentuato in adolescenza è un importante indicatore che può anticipare problemi di depressione e salute mentale. Bisogna poi specificare che lo studio, fermandosi al 2018, non considera minimamente gli anni della pandemia, che verosimilmente hanno accentuato i problemi di ansia e solitudine trai più giovani.

È sorprendente che questo trend si presenta con caratteristiche così simili in così tanti stati diversi. Ma del resto, se questo trend è causato dagli smartphone e dalle comunicazioni elettroniche, un aumento a livello mondiale è esattamente il fenomeno che ti aspetti di registare

ha detto Jean Twenge, professore di psicologia della San Diego State University a capo dek team di ricerca.

 

 

Intelligenza Artificiale e salute mentale: un sistema previene l'insorgenza di psicosi
Intelligenza Artificiale e salute mentale: un sistema previene l'insorgenza di psicosi
Facebook darà 52 milioni ai suoi moderatori con disturbi post-traumatici
Facebook darà 52 milioni ai suoi moderatori con disturbi post-traumatici
Pubblicità mirate, un'invasione della privacy che fa male alla psiche
Pubblicità mirate, un'invasione della privacy che fa male alla psiche
Itaspo, il cuscino animato che geme
Itaspo, il cuscino animato che geme
Itaspo, il cuscino animato che geme
Itaspo, il cuscino animato che geme