Atypical 4, la recensione: un viaggio per realizzare un sogno

97
3 mesi fa

6 minuti

Atypical 4 la recensione

Atypical è all’altezza del suo nome in più di un modo. La serie di Netflix ha l’aspetto e l’atmosfera di una banale sitcom americana, con episodi della durata di mezz’ora, e al centro della storia le tribolazioni di una famiglia particolare. Tuttavia, con il passare delle stagioni, ha acquisito una maturità emotiva e un nuovo livello di profondità e calore.

La serie racconta la storia di Sam Gardner (Keir Gilchrist), un adolescente con autismo che inizia a esplorare come diventare indipendente dalla sua famiglia, che sta affrontando tutti i suoi problemi e cerca di capire il mondo dalla sua prospettiva.

In questa recensione di Atypical 4, la sua quarta e ultima stagione, vi mostreremo come si sono evolute le varie relazioni, le storie di coming out e le conversazioni sui pinguini. Sam si è trasferito dalla casa di famiglia in una nuova casa con il suo migliore amico Zahid, un fumatore il cui approccio casalingo è in conflitto con alcune delle routine più rigide di Sam. Zahid è il tipo di coinquilino che si dimentica di pagare le bollette e gli piace comprare all’ingrosso qualsiasi cosa. Di seguito il trailer YouTube della serie Netflix:

I nuovi inizi fanno paura ma…

Atypical 4 la recensione

Una buona recensione deve essere sincera, e questa recensione di Atypical 4 lo sarà. Vivere con i coinquilini è una lezione di vita che molti giovani devono imparare, autistici o meno; alcuni di noi rabbrividiscono ancora al ricordo di uno spettacolo horror di padelle incrostate e scarichi della doccia intasati dai capelli. Ma torniamo al nostro Sam, che oltre a capire come convivere pacificamente con Zahid, che avrà problemi più seri più avanti, Sam sta cercando di tenere il passo con il suo lavoro al college, che è più difficile di quanto pensasse.

Queste preoccupazioni apparentemente banali portano a meditazioni intelligenti sull’ambizione e sulla realizzazione, su cosa significa scoprire quale sia il proprio scopo e quanto ci si può sacrificare per arrivarci.

A casa Gardner intanto, la sorella di Sam, Casey (Brigette Lundy-Paine) sta ora uscendo con la sua migliore amica Izzie, e sta cercando di capire come inserirsi nella scuola privata che frequenta con una borsa di studio sportiva. La sua ambizione è sempre stata quella di ottenere un’ulteriore borsa di studio in una buona università ma, il problema è che sta crollando sotto il peso delle aspettative di tutti. Mentre sua madre, Elsa (Jennifer Jason Leigh), è deliziata da questa nuova relazione, Doug (Michael Rappaport) non ne è affatto entusiasta, e porterà scompiglio nella vita di sua figlia.

Come protagonista, a Sam viene offerta una risoluzione più dettagliata, mentre altri come Zahid, Izzy e Paige hanno meno tempo per concludere le loro storie. È un peccato, perché l’interpretazione di Casey alle prese con il suo posto nella comunità queer avrebbe richiesto quasi una storia a parte.

“C’è qualcosa che non va in me perché non so esattamente chi sono?” interroga potentemente in un disfacimento emotivo. L’esplorazione della sessualità e della visibilità LGBTQ+ in Atypical è sempre stata fatta con onestà e la relazione di Casey e Izzy continua a esemplificare questo impegno.

Il cuore della serie

Atypical 4 la recensione

La recensione di Atypical 4 prosegue considerando mostrando in cosa eccelle la serie. Gli amici del college di Sam, per lo più interpretati da attori con disabilità, sono la parte più divertente della serie e la decisione di concentrarsi maggiormente su di loro è intelligente. Tuttavia, anche i personaggi di Doug né Elsa sono al centro della storia, poiché entrambi si stanno ancora riprendendo da tradimenti di un certo tipo, recenti o storici. Ed è qui che la serie eccelle davvero.

Vi ricordate la serie adolescenziale degli anni ’90 My So-Called Life? Jared Leto a parte, la trama che riguardava i genitori era per chi si rivedeva nei giovani personaggi, era una noiosa distrazione. Rivedendo la serie da adulta però rimango sbalordita da quanto fossero ricche e toccanti quelle storie dei genitori. E anche in Atypical c’è la stessa intensità nella vita e nei dilemmi dei genitori.

Doug sperimenta shock e dolore, ma non è in grado di parlarne, proprio come non era in grado di far fronte ai bisogni di Sam quando Sam era un bambino. La madre di Izzie è uno spirito libero che legge i tarocchi che adora Casey ma trascura i bisogni di sua figlia. Elsa è istintivamente arrabbiata, ma la serie fa risalire il tutto a sua madre, che, in età avanzata, è diventata una madre modello. Ci sono quasi sempre strati su strati, ed è ingannevolmente intelligente il modo in cui la serie ti trasporta in quelle dinamiche.

La serie affronta grandi temi, alcuni anche in modo un pò superficiale – il cancro, la morte, la delusione e la demenza – però li gestisce tutti con leggerezza e tenerezza.

Un viaggio verso un finale

Atypical 4 la recensione

Vogliamo concludere questa recensione di Atypical 4 con qualche nota dolente. La serie si concentra principalmente sul viaggio di Sam ma a volte si perde un pò troppo dietro le vicende della sorella che sembra diventare quasi la protagonista. Questo fatto porta inevitabilmente a ridurre la storia di Sam e Paige ai lati marginali della storia.

Questo forse è l’unico punto della storia in cui si sente una forzatura, come se avere una relazione sentimentale sia per Sam che per la sorella equivalga ad avere una zavorra che non li può far progredire.

Una sorpresa è invece il personaggio di Sid di Tal Anderson, che dà davvero il meglio di sé. Ogni episodio chiede ai suoi personaggi di imparare qualcosa su se stessi e sul mondo, cosa che inevitabilmente fanno, e la risoluzione è invariabilmente costruttiva. In quasi tutte le altre serie, troverei questo trucco narrativo insopportabile, ma in questa è piacevole e dolce, ma mai sdolcinato. La mancanza di cinismo della serie è rara e adorabile.

Come abbiamo appena menzionato però, non tutte le trame raggiungono note alte (perché Paige la avete ridotta a un misero stereotipo?), e c’è la netta sensazione, con il progredire della stagione, che Atypical stia per finire. La serie aveva davvero fatto il suo corso e detto ciò che doveva dire? La serie nella sua totalità è davvero inaspettata, e celebra la differenza, l’adattabilità e un approccio alla vita a cuore aperto sempre più rari da vedere. Nel mondo a volte stagnante delle sitcom di mezz’ora, è di per sé una boccata d’aria fresca.

 

Atypical 4 è disponibile per la visone su Netflix.

 

68
Atypical
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Atypical 4 dicendo che è raro che una serie mainstream includa una rappresentazione così profonda dell'autismo, il che rende la sua cancellazione ancora più deludente. Detto questo, la storia si attiene al tema della vita come un viaggio – e si aggrappa ancora di più alle stranezze della personalità di Sam, che si concentrano principalmente sull'amore per i pinguini. I costanti riferimenti a nuovi inizi si scontrano però con l'incombente fine della serie e il fatto che dobbiamo dire addio a questi personaggi per sempre. La serie aveva fatto un buon lavoro fino ad ora, era davvero necessario concluderla così?

ME GUSTA
  • Il rapporto tra Sam e suoi amici
  • La colonna sonora
  • Temi importanti affrontati con originalità
FAIL
  • Si sente troppo che si vuole arrivare a una conclusione
  • La storia di Sam finisce in secondo piano
  • Le relazioni amorose si avvicinano pericolosamente ad essere stereotipi
Strappare lungo i bordi, la recensione dei primi due episodi
Strappare lungo i bordi, la recensione dei primi due episodi
Ozark - Stagione 4: il trailer rivela l'uscita a gennaio 2022
Ozark - Stagione 4: il trailer rivela l'uscita a gennaio 2022
Cowboy Bebop: lo special The Lost Session ci mostra i personaggi in azione
Cowboy Bebop: lo special The Lost Session ci mostra i personaggi in azione
Sex Education: il fake trailer ufficiale della versione horror della serie Netflix
Sex Education: il fake trailer ufficiale della versione horror della serie Netflix
Netflix: tutti gli anime in arrivo ad ottobre in un video speciale
Netflix: tutti gli anime in arrivo ad ottobre in un video speciale
Colin in bianco e nero: prima clip  tratta dalla serie Netflix in arrivo il 29 ottobre
Colin in bianco e nero: prima clip tratta dalla serie Netflix in arrivo il 29 ottobre
Colin in bianco e nero: trailer e foto della serie Netflix in arrivo il 29 ottobre
Colin in bianco e nero: trailer e foto della serie Netflix in arrivo il 29 ottobre