realme GT 5G, recensione: il massimo al minimo

297
3 mesi fa

7 minuti

realme porta in Italia il suo “GT”, uno smartphone che inizialmente si pensava riservato ai mercati asiatici, e che invece è ora disponibile anche in Italia ufficialmente a 449€ per il modello 8/128 e 599€ per quello 12/256.

Con il suo Snapdragon 888 promette di essere un top di gamma, almeno per quanto riguarda le prestazioni, ma il prezzo di vendita è da medio gamma… ci piace!

Vediamo insieme nella recensione di questo realme GT 5G se è un best buy come sembra oppure no.

Dotazione

Nella confezione oltre allo smartphone troveremo una cover in silicone semi trasparente e c’è anche una pellicola già applicata sullo schermo. Presente poi un cavo USB-C per utilizzare l’alimentatore incluso, che è da ben 65W, quindi ricarica super veloce, per niente scontato a questo prezzo e in generale.

Design

Il design frontale è super classico: hole punch laterale per la camera frontale (come al solito con margini diversi, ma perché?!?) doppio tasto del volume a sinistra, tasto di accensione a destra, schermo edge to edge (con il solito margine inferiore più grande, ma questo è dovuto ai driver dello schermo che da qualche parte devono stare e solo Apple ripiega all’indietro)

Sinceramente non mi fa impazzire la striscia nera in vetro che si va ad unire al gruppo delle camere, capisco benissimo il riferimento “racing” in questo modello giallo, ma sinceramente, se non ci fosse stata e il retro l’avessero lasciato solo con quella finta pelle, avrei largamente preferito.

Al tatto è ottima, ma bisogna capire come invecchierà con il tempo… per ora mi piace molto. Peccato per quella striscia, che non mi piace proprio per niente.

Questo GT è relativamente sottile con i suoi 9,1 millimetri in questa versione “in pelle” (che pelle non è chiaramente) che si tiene davvero bene in mano (la “pelle” restituisce una bellissima sensazione devo dire) e anche abbastanza leggero: pesa meno di 200 grammi (io ne ho misurati 187, realme ne dichiara 185)

Anche se non l’ho provata, mi sento di consigliarvi la versione con retro in vetro, che è pure più sottile di questa in “pelle vegana”.

Hardware

Come detto nella presentazione, realme non si è risparmiata: questo GT monta il top di gamme di Qualcomm, il nuovissimo Snapdragon 888 octa core da 2,84GHz. Quindi inutile parlarne, ovviamente va tutto velocissimo e fluido, anche grazie alla memoria da 8 o 12 GB di RAM LPDDR5 e ai 128 o 256 GB di memoria interna UFS 3.1 (non espandibili).

Questo GT è un vero fulmine, sempre fluido e scattante grazie al nuovo Snapdragon 888.

C’è poi tutto quello che serve in fatto di connettività: il supporto fino al 5G, il Wi-Fi 6, il Bluetooth 5.2, e un lettore e scritto di chip NFC. Sotto allo schermo è presente anche un buon lettore di impronte digitali che fa il suo lavoro egregiamente.

C’è una cassa cassa inferiore che insieme a quella auricolare crea un’effetto stereo non male, con un buon volume e una buon audio generale. È presente poi il jack delle cuffie per chi ancora interessa, accompagnato nella parte inferiore alla solita porta USB-C.

La batteria interna è da 4.500 mAh: più che sufficiente per farvi una giornata piena, anche se usate lo schermo a 120Hz. Quindi bene: promosso in autonomia.

Schermo

Niente male lo schermo di questo realme GT: c’è un bel pannello da 6,43 pollici con risoluzione FullHD+ (1080 x 2400 pixel) e tecnologia SuperAMOLED. Non solo è abbastanza luminoso (non il massimo tra i tanti che ho visto, ma tra i migliori) ma supporta anche feature utili come l’always-on display (personalizzabile in diverse maniere) e il high refresh rate fino a 120 Hz.

Continuo a ritenere abbastanza inutili 120Hz su uno schermo così stretto, perché è quasi impossibile notare la differenza rispetto a 60 o 90Hz, ma in ogni caso la selezione di default è quella “automatica” che passa da una frequenza all’altra in base a cosa state guardando, senza essere inutilmente energivori. Molto bene.

Fotocamera

Tre le fotocamere presenti in questo realme GT, anzi, due. Mi rifiuto anche solo di parlare della “ultra macro” da 2 megapixel, totalmente inutile. Quindi sono due: la principale è una wide da 64 megapixel ƒ/1.8, accompagnata da una classica ultra wide, questa invece da 8 megapixel ƒ/2.3.

La qualità generale della camera principale diciamo che è buona. Nella media degli smartphone Android di questa fascia di prezzo, anche meglio in certi frangenti. Fa il suo lavoro, scatta e mette a fuoco istantaneamente, cosa fondamentale, e con una buona luce fa ottime foto.

Non c’è una camera zoom e lo smartphone cerca di simularla con dei crop della wide, ricreando un 2x e un 5x… inutile dire che la qualità è deludente.

Ecco ad esempio una sequenza di foto dello stesso soggetto, da ultra wide fino a 5x:

Ultrawide

Wide (main camera)

2x (crop della main camera)

5x (crop della main camera)

Direi benone anche i video in 4K a 60fps, sempre grazie al processore veloce che aiuta e non poco il sensore principale durante la registrazione dei video e non solo.

L’ultra wide è abbastanza una merda invece, sia quando la si usa per scattare foto, che quando si prova a girare video, che scendono a 1080p… stabilizzati, ma comunque non sufficienti per quanto mi riguarda.

Anche la camera frontale da 16 megapixel ƒ/2.5 è abbastanza una merda.

Vi metto sotto una selezione di foto che ho fatto negli scorsi giorni, ricordatevi che sono ri-compresse e ridimensionate dal nostro CMS, quindi vi danno solo una indicazione di massima della qualità che si può ottenere con questo smartphone.

Software

Allora, ovviamente non c’è Android “pulito”, purtroppo. Dobbiamo sorbirci la solita distribuzione personalizzata, questa volta si tratta della Realme UI 2.0, basata su Android 11.

Che vi devo dire… alla fine funziona anche bene, hanno personalizzato un po’ di icone (che mi ricordano le vecchie MiUI) e aggiunto un po’ di utility (ad esempio per trasferire dati da altri smartphone e roba simile)… ma soprattutto vi hanno preinstallato un sacco di app a caso, tanto per gradire.

Il tutto viene direttamente da ColorOS di OPPO, quindi funziona come ho detto benone e, con un po’ di sbattimento, potrete ripulirlo completamente ed avvicinarlo molto ad una installazione pulita di Android. Per quanto mi riguarda, mi pare fondamentale perdere quel paio di ore nell’impresa.

Vi lascio un po’ di screenshot, tanto per farvi un’idea.

Infine vi ricordo ancora il prezzo, davvero super aggressivo, di questo realme GT: si parte da soli 449€ per il modello 8/128 e si arriva a 599€ per quello 12/256.

Aggiornamenti: Corretto il peso misurato del dispositivo, nella prima versione di questa recensione era stato indicato erroneamente un peso misurato di 197 grammi, scusate. Aggiunto un selfie scattato con la camera frontale, mi ero scordato di metterlo nella prima pubblicazione.

 

SOC Qualcomm Snapdragon 888 5G
CPU octa-core, fino a 2,84 GHz
GPU Adreno 660
RAM 8 GB o 12 GB LPDDR5
ROM 128 GB, o 256 GB UFS3.1
Display Super AMOLED da 6,43″
Risoluzione: 2400×1080 FHD+
Frequenza di aggiornamento: fino a 120 Hz
Frequenza di campionamento del tocco: 360 Hz
Rapporto schermo-corpo: 91,7%
Carica e batteria Batteria da 4500 mAh
Ricarica SuperDart da 65 W
Include un caricatore 10 V/6,5 A
Porta USB Type-C
Fotocamere Fotocamera principale da 64 MP
Lunghezza focale: 26 mm
FOV: 78,6°
Apertura: F1.8
Sensore: Sony IMX682

Lente ultra grandangolare da 8 MP
Lunghezza focale: 15,7 mm
FOV: 119°
Apertura: F2.3

Obiettivo macro da 2 MP
Lunghezza focale: 21,88 mm
FOV: 88,8°
Apertura: F2.4

Fotocamera frontale da 16 MP
integrata nel display
FOV:78°
Apertura: F2.5

Reti e connettività Bande di frequenza: 5G NR, 4G LTE FDD: 3G WCDMA, 2G GSM
Supporta 2,4 Ghz/5 GHz
Supporta Wi-Fi 6 (IEEE802.11ax)
Supporta Bluetooth 5.2
Supporta A2DP, AVRCP, HFP, HSP, MAP, PABP, HID, PAN, OPP, GATT
NFC
GPS a doppia frequenza con supporto a GPS, GLONASS, BEIDOU, GALILEO, QZSS
Dimensioni e peso Versione in pelle vegana:
Lunghezza: 158,5 mm
Larghezza: 73,3 mm
Spessore ≈ 9,1 mm
Peso ≈ 186,5 g

Versione in vetro:
Lunghezza: 158,5 mm
Larghezza: 73,3 mm
Spessore ≈ 8,4 mm*
Peso ≈ 186 g*

Sistema operativo realme UI 2.0
Basata su Android 11
Colori disponibili Pelle vegana “Racing Yellow”
Vetro “Speed Blue”
Vetro “Sonic Silver”

 

 

85
realme GT
Recensione di Antonio Moro

Difficile trovare di meglio sulla carta a questo prezzo: il realme GT sembra offrire il massimo possibile per un prezzo che parte da soli 450€, davvero incredibile. Con un po' di sbattimento si può migliorare molto a livello software e sono convinto che anche la camera, almeno quella principale, ha del margine in futuro. Lo schermo è ottimo per il prezzo e anche l'autonomia. Insomma che volete di più per 450€? Certo il design non mi ha convinto per niente, ma se, come immagino, monterete una custodia... ha ben poca importanza alla fine, questi smartphone ormai sono tutti uguali davanti. Consigliato per chi vuole spendere il meno possibile senza rinunciare al massimo delle prestazioni.

ME GUSTA
  • Processore e prestazioni da top di gamma
  • Ottimo display da 120Hz
  • La camera principale fa il suo lavoro benone
  • C'è pure il jack audio... e anche le casse stereo
FAIL
  • Niente ricarica wireless
  • Le camere ultra wide e macro sono abbastanza inutili e non c'è un vero zoom
Realme conferma, in arrivo un telefono con ricarica da 125 W nel 2022
Realme conferma, in arrivo un telefono con ricarica da 125 W nel 2022
Android: il primo smartphone venne annunciato 13 anni fa
Android: il primo smartphone venne annunciato 13 anni fa
Realme Flash: le specifiche finiscono in rete
Realme Flash: le specifiche finiscono in rete
Realme: il caricatore magnetico MagDart si mostra in video
Realme: il caricatore magnetico MagDart si mostra in video
Google: aggiornate le emoji, ora sono più universali e autentiche
Google: aggiornate le emoji, ora sono più universali e autentiche
Google lancia la Beta 3 di Android 12 con molte novità
Google lancia la Beta 3 di Android 12 con molte novità
Android viene denunciato di tracciare illegalmente gli utenti
Android viene denunciato di tracciare illegalmente gli utenti