Fare il bucato nello spazio: un nuovo detersivo realizzato dal noto marchio Tide

1 anno fa

Fare il bucato

Il marchio Tide per detergenti per il bucato del gruppo Procter & Gamble (P&G) ha collaborato con la NASA per trovare una soluzione alla pulizia degli indumenti degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il prodotto sarà pronto per la consegna alla Stazione Spaziale nel 2022. Una soluzione che servirà in futuro anche per i viaggi sulla Luna e Marte.

Sappiamo che la vita a bordo della ISS non è proprio come quella sulla Terra e spesso gli astronauti si devono adattare anche quando si parla di vestiti.

Gli astronauti e cosmonauti che hanno vissuto e vivono sulla stazione spaziale non hanno la possibilità di lavare i loro vestiti e non possono nemmeno portarsi più cambi: all’anno vengono spediti sulla ISS un totale di circa 72,5 chilogrammi di vestiti per membro dell’equipaggio. L’equipaggio quindi utilizza vestiti con tessuti antimicrobici per poterli portare più giorni.

La capacità di carico già limitata lo sarà ancora di più in previsione di missioni nello spazio profondo come le missioni lunari Artemis e i futuri voli su Marte missioni che renderanno più impegnativo anche un approvvigionamento di vestiti dalla Terra.

Oltre ai vincoli logistici occorre tenere presente che i detergenti da utilizzare nello spazio devono essere compatibili con i sistemi di supporto vitale del veicolo spaziale, della limitata quantità di acqua disponibile per il lavaggio e che l’acqua di lavaggio venga purificata di nuovo in acqua potabile.

Tide ha sviluppato così un detergente completamente degradabile progettato per risolvere i problemi di cattivo odore, pulizia e rimozione delle macchie per gli indumenti lavabili utilizzati durante le missioni nello spazio profondo restando adatto all’uso in un sistema idrico a circuito chiuso.

La consegna dei nuovi prodotti è prevista nel 2022 con la missione Mission PGTide (P&G Telescience Investigation of Detergent Experiments) dove sarà possibile testare la la stabilità degli ingredienti per la pulizia di Tide in condizioni di microgravità e nei livelli di radiazione che gli astronauti e i loro vestiti sperimentano nell’orbita terrestre bassa.

Non solo per la pulizia degli indumenti ma saranno consegnati anche prodotti per la pulizia come le salviette e le penne Tide To Go da utilizzare durante gli esperimenti a bordo della stazione spaziale per testarne le prestazioni.

Questa partnership è stata creata per ripensare alle soluzioni di pulizia costringendoci a ripensare alle innovazioni per ambienti impegnativi e con risorse limitate come la ISS, lo spazio profondo e persino il futuro del nostro pianeta natale.

ha dichiarato Aga Orlik, vicepresidente senior di P&G North America Fabric Care.

I ricercatori di NASA e Tide potrebbero in futuro studiare un’unità combinata di lavaggio e asciugatura che utilizza il detergente appositamente formulato da Tide da poter essere integrata negli habitat planetari per l’uso in condizioni di bassa gravità, sulla superficie lunare e marziana.

  • Tide to develop first laundry detergent for astronauts’ clothing on space station (space.com)
  • Immagine Engin Akyurt 

 

Intelligenza artificiale: le previsioni meteo saranno 240 mila volte più veloci
Intelligenza artificiale: le previsioni meteo saranno 240 mila volte più veloci
Celle solari: in Olanda si supera l'efficienza del 30%
Celle solari: in Olanda si supera l'efficienza del 30%
Batteri: un biosensore in grado di rilevarli nell'acqua
Batteri: un biosensore in grado di rilevarli nell'acqua
Eolico: turbine più piccole per la produzione urbana
Eolico: turbine più piccole per la produzione urbana
Microchip a energia solare per alimentare i microrobot
Microchip a energia solare per alimentare i microrobot
Celle solari: possono funzionare anche di notte?
Celle solari: possono funzionare anche di notte?
Finestre fotovoltaiche: una soluzione ai problemi di spazio
Finestre fotovoltaiche: una soluzione ai problemi di spazio