Impronta microbica: una caratteristica univoca delle metropoli

2 anni fa

Impronta microbica

Sono state identificate le serie di microbi che sono presenti in 60 diverse città. Ogni serie è una caratteristica specifica e univoca di ogni città costituendo così una vera e propria impronta microbica. Gli scienziati affermano che grazie a questa mappa se si studiassero i microbi presenti nelle suole delle nostre scarpe sarebbe possibile determinare dove viviamo. Uno studio che in realtà potrebbe aiutare a scoprire nuovi modi per identificare le minacce per la salute.

I ricercatori hanno prelevato migliaia di campioni da sistemi di trasporto di massa in 60 città in tutto il mondo. Hanno raccolti campioni tamponando punti di contatto comuni come tornelli e ringhiere in trafficate metropolitane e stazioni degli autobus.

Ogni città è popolata da una schiera unica di organismi microbici e questa “impronta” microbica è così distintiva che il DNA sulla tua scarpa è abbastanza probabile per identificare dove vivi.

affermano gli scienziati.

Dallo studio è emerso che non esistono due città che hanno la stessa composizione di microbi. Inoltre l’analisi su tre anni ha rilevato migliaia di tipi di microrganismi precedentemente non identificati: quasi 11.000 virus e oltre 1.300 tipi di batteri che non corrispondevano a nessuna specie conosciuta.

Si sa che in generale le città hanno un impatto rilevante sulla salute umana anche se i meccanismi di questo impatto siano molto variabili e spesso poco comprensibili.

In effetti, la nostra comprensione delle dinamiche microbiche nell’ambiente urbano al di fuori delle pandemie è appena iniziata.

scrivono gli scienziati.

I ricercatori con questo studio oltre a differenziare le firme distinte di ciascun microbioma metropolitano sperano di scoprire nuovi modi per identificare le minacce per la salute nelle popolazioni microbiche: come i ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.

Bisogna ancora vedere se l’unicità microbica di ciascuna città è una questione di casualità o se c’è un significato più profondo dovuto alle variazioni geografiche che ancora non è stato possibile rilevare.

Questo infinito e variegato mondo dei microbi invisibili all’interno delle città potrebbe anche offrire promettenti opportunità per la medicina con l’identificazione di cluster genici biosintetici (BGC) utili per futuri antibiotici e altri farmaci.

Uno dei passi successivi è sintetizzare e convalidare alcune di queste molecole e predire BGC, e poi vedere cosa fanno dal punto di vista medico o terapeutico. Le persone spesso pensano che una foresta pluviale sia un dono di biodiversità e nuove molecole per le terapie, ma lo stesso vale per una ringhiera o una panchina della metropolitana.

ha detto il biologo Christopher Mason della Cornell University.

I risultati della ricerca sono riportati su Cell.

Modificare geneticamente una pianta di tabacco per produrre cocaina
Modificare geneticamente una pianta di tabacco per produrre cocaina
La lebbra può rigenerare il fegato
La lebbra può rigenerare il fegato
Metaverso per curare l’autismo
Metaverso per curare l’autismo
Pozze di acqua salata: scoperte nel Mar Rosso
Pozze di acqua salata: scoperte nel Mar Rosso
La prima operazione al cuore fatta da robot, anche con l'aiuto della realtà aumentata
La prima operazione al cuore fatta da robot, anche con l'aiuto della realtà aumentata
Artico: microbi mai visti prima aiutano la vita su Marte
Artico: microbi mai visti prima aiutano la vita su Marte
Coronavirus: tutti i dettagli della variante inglese
Coronavirus: tutti i dettagli della variante inglese