Ransomware: un altro attacco alle strutture sanitare, questa volta in Nuova Zelanda

2 anni fa

jigsaw-ransomware

Settimana scorsa, il sistema sanitario del distretto di Waikato, Nuova Zelanda, è stato colpito da un attacco hacker che sembra in tutto e per tutto rientrare nella categoria dei ransomware. Ora i dati dei pazienti sono stati parzialmente distribuiti alle testate locali e ad alcune agenzie di stampa, dettaglio che potrebbe essere considerato un sollecito al pagare un riscatto di cui le autorità competenti non hanno ancora fatto menzione.

Come per il caso della Colonial Pipeline Co., la struttura gestionale si è trovata improvvisamente bloccata e, a distanza di giorni, non è ancora riuscita in alcun modo a riprendere l’opportuna operatività di un servizio sanitario che è per sua stessa natura critico e vitale.

Gli ospedali coinvolti nella faccenda stanno cercando di restaurare manualmente i dati dei pazienti e, nel frattempo, stanno chiedendo ai malati e agli infortunati non gravi di far riferimento ad altre strutture sanitarie, così da non oberare di lavoro un’istituzione che è già evidentemente sull’orlo del collasso.

Siamo consapevoli che i criminali possano vedere ciò che viene detto su di loro sui media e che questo possa influenzare il loro atteggiamento. Su questa base, non possiamo rilasciare ulteriori commenti,

ha dichiarato seccamente l’uomo a capo dei servizi sanitari di Waikato, Kevin Snee.

L’attacco ransomware ai sistemi della Nuova Zelanda segue a distanza di poco tempo un omologo attentato digitale inferto al servizio sanitario irlandese. Non ci sono prove che i due casi siano collegati, ma una simile coincidenza sottolinea come le reti cliniche siano tra i bersagli prediletti dagli attacchi hacker.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
REvil: la Russia avrebbe distrutto il gruppo hacker
REvil: la Russia avrebbe distrutto il gruppo hacker
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
L'attacco hacker alla Regione Lazio
L'attacco hacker alla Regione Lazio
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
Colonial Pipeline: un oleodotto, un attacco ransomware e la fragilità del digitale
Colonial Pipeline: un oleodotto, un attacco ransomware e la fragilità del digitale

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.