Sciami di meteore: individuato quello di una cometa passata 4000 anni fa

12 mesi fa

Sciami di meteore

I ricercatori riferiscono di essere ora in grado di rilevare quali sciami di meteore appartengono a comete di lungo periodo, che sappiamo essere poco frequenti. Pur essendo difficile sapere cosa è passato 3967 anni fa, ma il nuovo studio ha scoperto che quel tipo di cometa di lungo periodo può ancora essere legato a una specifica pioggia di meteoriti.

Uno sciame meteorico si ha quando la Terra girando intorno al Sole attraversa l’orbita di una cometa che ha lasciato una scia di detriti. Entrando in contatto con l’atmosfera i piccoli frammenti di roccia si bruciano lasciando delle spettacolari scie luminose, le stelle cadenti.

Quello che è difficile per gli osservatori del cielo notare sciami meteorici causati da comete con orbite oltre i 250 anni circa. Quando un’orbita è più corta significa che una cometa ripercorre il suo percorso più regolarmente disperdendo più macerie che possono diventare più stelle cadenti.

Facendo ricorso al programma Cameras for Allsky Meteor Surveillance, o CAMS, un insieme di stazioni di osservazione che ricoprono tutta la superficie terrestre, e sono presenti negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda, Namibia e Cile e gli Emirati Arabi Uniti: una rete costituita da un di oltre 500 telecamere tutte in attesa di avvistare delle meteore.

L’aggiunta di nuove reti come quelle in Australia, Cile e Namibia ha aumentato significativamente il numero di meteore triangolate fornendo così un quadro migliore e più completo degli sciami meteorici nel cielo notturno.

Combinando le osservazioni con le analisi presenti bel database delle comete della NASA e le loro orbite gli scienziati sono riusciti a collegare alcune comete di lungo periodo a specifici sciami di meteoriti, ma non riescono a definire i loro periodi orbitali.

Tra gli sciami meteorici studiati, le visualizzazioni delle comete di lungo periodo tendono a durare diversi giorni e il radiante sembra muoversi come una macchia nel cielo. Come risultato della nuova ricerca gli scienziati pensano che l’effetto possa essere causato dallo spostamento dell’orbita di una cometa durante i vari giri che produce un disallineamento dei campi di detriti rilasciati nello spazio: non si allineano in modo pulito come fanno per le comete di breve periodo.

Questa è stata una sorpresa per me. Probabilmente significa che queste comete sono tornate nel sistema solare molte volte in passato, mentre le loro orbite sono cambiate gradualmente nel tempo.

ha detto Peter Jenniskens, astronomo meteorico presso l’Istituto SETI e autore principale della nuova ricerca.

Può interessarti anche:

Orionidi: per questa notte atteso il picco delle stelle cadenti di ottobre
Orionidi: per questa notte atteso il picco delle stelle cadenti di ottobre
Quante probabilità ci sono di morire colpiti da un meteorite?
Quante probabilità ci sono di morire colpiti da un meteorite?
Le Orionidi nel cielo notturno di ottobre
Le Orionidi nel cielo notturno di ottobre
Lo sciame delle perseidi nel cielo di agosto: tenete d'occhio la notte tra il 12 e il 13
Lo sciame delle perseidi nel cielo di agosto: tenete d'occhio la notte tra il 12 e il 13
Perché i meteoroidi bruciano?
Perché i meteoroidi bruciano?
Perché i meteoroidi bruciano?
Perché i meteoroidi bruciano?